05 - Totem

Embed Size (px)

DESCRIPTION

Gironale di Squinzano Ottobre 2012

Text of 05 - Totem

  • Organo UfficialeCooperativa Soc. Onlus Agor - Squinzano

    distribuzione gratuita

    Anno I - N. 5 - Ottobre 2012 Iscritto al Registro della Stampa del Tribunale di Lecce

    Direttore Responsabile: Vincenzo Paticchio Direttore Editoriale: eleanna Bello

    seguici su Totem Giornale

    Invia commenti e proposte a: totem2012@libero.it

    La collaborazione a TOTEM aperta a tutti,ed sempre da intendersi a titolo gratuito. I lavori pubblicati, alla pari delle foto, riflettono il pensiero dei singoli autori, i quali se ne assumono le respon-sabilit di fronte alla legge. E vietata la riproduzione anche parziale dei conte-nuti, se non autorizzata.

    LVORI TIAMOSquInzAnO

    noi siamo di pi

  • LA COPERTInA 2Anno I - N. 5 - Ottobre 2012

    PANE E P MODORO

    Via Roma, 7 - Campi Salentina (Le) - Cell. 348 5343962 - 338 22 92 1100832.792039

    Pizzeria - Rosticceria - Gastronomia Tipica Menu su Ordinazione - Servizio minicatering per feste e cerimonie - Frittura su ordinazione

    Venerd anche a pranzo

    nuova gestione consegna anche a domicilio

    / EDITORIALE /

    Sono passati un po di mesi. Abbiamo atteso invano il cambiamento. Registriamo lo stallo totale. Anzi no. Il tanfo di stantio e di obsoleto, quello s che si sente. A nulla sono valsi gli appelli della gente ad approfittare del momento storico nel quale tutti e dappertutto si affaticano per fermare il treno della politica e far scendere i passeggeri. Ovunque, tranne che a Squinzano.I timidi tentativi di rinnovamento sono naufragati quasi sul nascere, scoraggiati, probabilmente, dalle voci dietro le quinte che raccontano di corazzate pronte a scendere in campo. Ecco donde viene quel tanfo.No, no. Non ci leghiamo alla schiera dei formattatori, dei riformatori, dei rottamatori... Per carit. Dal primo giorno abbiamo solo parlato di necessario cambiamento. Di persone,

    Vincenzo Paticchio

    PERCH RIVOLTIAMONoi siamo di pi. Lo ha urlato una ragazza napoletana che s visto uccidere il fidanzato trentenne crivellato dalla mano della camorra perch scambiato per uno di loro. Lo urlano tanti uomini e donne che si mobilitano in diverse citt italiane per protestare contro le manovre del Governo. Lo dicono, ormai, tanti giovani che non si riconoscono pi nei politici corrotti e invocano rinnovamento e pulizia. Ora basta. Noi siamo di pi. E ci facciamo portavoce di molti, moltissimi. Dei giovani, delle donne, della gente comune, di tutti coloro che ci hanno fatto giungere il desiderio di cambiamento. Noi siamo di pi - ci hanno detto - e siamo anche pi capaci di farlo se ce ne date la possibilit. Dora in poi vogliamo essere noi a decidere per questa citt. Vogliamo essere noi stessi i protagonisti del nostro futuro.

    Il GrIllo ParlanteNOI SIAMO DI PI. NOI SIAMO PI

    un manipolo di giovanotti senza esperienza. Che cosa vuol dire Ri VOLTI amo Squinzano? Mettiamo in chiaro subito che non lappello alla rivolta violenta o alla rivoluzione armata. certamente, per, uniniziativa politica che parte da Totem per coinvolgere tutti i ragazzi di Squinzano tra i 20 e i 40 anni. Che siano professionisti, che siano operai, che siano impiegati, che siano disoccupati. Che siano innamorati alla follia della loro citt. Che siano nuovi, diversi, intraprendenti. Che vogliano rivoltare il calzino di una citt che sente ancora lontano lodore del nuovo. Che vogliano imparare ad apprezzare la libert del disinteresse e la scommessa del bene comune. Che vogliano rinunciare alle indennit previste per contribuire al risanamento delle casse comunali. Che vogliano rimettere mano ai progetti mai realizzati. Che vogliano intercettare le risorse comunitarie, statali e regionali per creare nuovi posti di lavoro. Che vogliano dialogare col mondo dellimpresa per offrire condizioni appetibili per gli investimenti. Che vogliano fornire nuove opportunit di sviluppo ad artigiani e commercianti. Che vogliano incentivare la rete di servizi per tutti i cittadini, specie per quelli svantaggiati. Che vogliano far diventare Casalabate la pi attraente delle Marine del Nord Salento. Che vogliano mettere ordine nel sistema degli appalti. Che vogliano, una volta eletti, incontrare la citt, almeno una volta al mese, nelle piazze, nei bar, nelle parrocchie, in tutti i luoghi di aggregazione per esercitare la virt dellascolto e fornire nuova linfa al proprio impegno civile.Alcuni li abbiamo gi trovati e ve li facciamo vedere. Ma ne cerchiamo tanti altri. Stiamo organizzando per loro un grande evento. Dove riunirli, farli incontrare, farli esprimere. Far progettare loro un domani pi bello, pi profumato, pi partecipato.Allo start, noi di Totem usciremo dalla porta di servizio. Li lasceremo soli e augureremo loro di individuare quanto prima un leader e di lavorare sodo per il futuro di tutti. unutopia? Intanto sgomberiamo il campo e prepariamo il terreno. Il resto verr da s.

    certamente. Ma soprattutto di stile e di fatti. Perch ci che accaduto a Squinzano qualche mese fa ha solo lo sgradevole sapore del potere, dellarrivismo e dei personalismi. Non sa di politica. Non sa di bene comune. Non sa di interessi collettivi. Da una parte, dallaltra e dallaltra ancora.E oggi, passata lestate, nulla si mosso in senso contrario. Peccato. Si perso tanto tempo a contare ipotetici consensi, a studiare strategie, ad azzardare alleanze, ad ingraziarsi santi in paradiso. Nessuno sceso per strada ad ascoltare le persone, i padri e le madri di famiglia. Nessuno ha colto la voglia di scalare la marcia e ripartire. Nessuno ha voluto raccogliere il malcontento dei giovani di fronte ad uno spettacolo indecente. vero, bussare alle porte delle case sar il lavoro degli ultimi due mesi prima del voto. Ma noi ci proviamo lo stesso. Arrendersi mai. Per questo Ri VOLTI amo Squinzano e presentiamo le facce di quello che molti presto chiameranno

    Presentiamo le facce di quello che molti presto chiameranno un manipolo di giavanotti senza esperienza.

    VISITA PASTORALEdellarcivescovo di LecceMons. Domenico DAmbrosio SQUINZANO11 NOVEMBRE10 DICEMBRE

    201211 NOVEMBRE 2012Chiesa Matrice - Apertura Vicariale della Visita Pastorale

    15-16-17-18 NOVEMBRE 2012Visita Pastorale alle comunit parrocchiali S.Nicola e Mater Domini

    18 NOVEMBRE 2012Celebrazione del sacramento della Cresima

    25-26-27-28 NOVEMBRE 2012Visita Pastorale alla comunit parrocchiale Maria Regina

    25 NOVEMBRE 2012Celebrazione del sacramento della Cresima

    5-6-7 DICEMBRE 2012Visita Pastorale alla comunit parrocchiale S. Maria delle Grazie

    7 DICEMBRE 2012Celebrazione del sacramento della Cresima

    8 E 10 DICEMBRE 2012Visita Pastorale alla comunit parrocchiale Madonna di Fatima

  • pi pregevole mono-grafia, che puntu-almente scandisce i principali snodi dellaggrovigliato vissuto dellartista di Squinzano, scanda-gliandone, con piglio severo e rigoroso, ragioni e finalit di alcune sue importan-ti scelte. Il risultato? E presto detto. Un profilo biografico a tutto tondo, cui non fa velo neppure il sospetto, in un certo senso comprensibile, ammesso che ci fosse, vista la con-

    terraneit dellautore, di un campani-lismo strapaesano, del tutto assente, invece, da ogni passo della ricerca, perch condotta e orientata sempre

    PRIMO PIAnO 3Anno I - N. 5 - Ottobre 2012

    Valentina Polimeno

    Eccellenza, cosa significa essere un Nunzio Apo-stolico?Il Nunzio Apostolico il Rappresentante, lAm-basciatore del Papa e della Santa Sede presso il Governo del Pese cui viene inviato, nonch presso la Chiesa che presente ed ope-ra in quel determinato Paese. Il Nunzio Apostolico - cos com riconosciuto dal Diritto Interna-zionale - ha, pertanto, il rango di Ambasciatore. Il Papa, infatti, in-dipendentemente dal fatto di essere Capo dello Stato della Citt del Va-ticano, lunico Capo religioso ad essere riconosciuto - in quanto tale - dal Diritto Internazionale. Questo gli concede il diritto di inviare e ricevere agenti diplomatici.

    Con che frequenza un Nunzio ha

    I LAICI BALuARDO DEI VALORIINTERVISTA / A COLLOQUIO MONS. LUIGI PEZZUTO, NUNZIO APOSTOLICO IN EL SALVADOR

    In Sud America il cristianesimo molto radicato nonostante il forte dislivello socio-economico

    Angelo Cappello

    un intrigante iden-tikit della voice squinzanese, lindimenticato e inimitabile Nicola

    Arigliano, curato e scritto da un suo irriducibile fan, Giancarlo San, per i tipi delle Arti Grafiche Panico Galatina (Le), nei giorni scorsi stato presentato a Roma, nellaula magna dello storico Collegio Naza-reno, la gloriosa istituzione educa-tiva dei Padri Scolopi, nelle cui aule spesso sedettero alunni, oggi dive-nuti personaggi famosi nel mondo della politica, del cinema o dello spettacolo in genere. Allincontro hanno partecipato esponenti di spicco del panorama musicale jazz-istico e non, tra cui Gianfranco Fa-sano, Frank Antonucci, Giampaolo Ascolese, Elio Tatti ed Antonello

    LO SQUINZANESE NICOLA ARIGLIANO RACCONTATO DA GIANCARLO SANO / BUONA LETTURA /

    contatti con i governanti del Pae-se in cui risiede?Ci si incontra in base a diverse cir-costanze; nelle occasioni ufficiali sicuramente, ma se si vivono delle situazioni particolari, problemati-che, ci si incontra pi spesso.

    Lei stato principalmente in Afri-ca e in Sud America. Ci sono delle differenze, delle difficolt partico-lari che un Nunzio deve affrontare

    in questi Continenti?Le differenze, cos come le diffi-colt, sono tante. In Sud America il Cristianesimo ben radicato, c una religiosit molto forte, ma anche in Africa la Chiesa molto viva.

    Qual linfluenza che la Chiesa pu avere nella societ?La Chiesa fa e continuer a fare la

    sua parte portando la Parola di Dio in tutto il pianeta, ma sono i laici - cio i battezzati e i cresimati - che devono trasformare la societ at-tuale. Non facile, perch a volte capita di essere guardati male se si