DANNO DA EMOTRASFUSIONE

  • View
    52

  • Download
    0

Embed Size (px)

DESCRIPTION

DANNO DA EMOTRASFUSIONE. DANNO DA EMOTRASFUSIONE. Oggi è sempre più frequente che il paziente candidato alla trasfusione si chieda: “Questa terapia sarà un vantaggio o un danno per la mia salute?”. DANNO DA EMOTRASFUSIONE. Infettivi Immunologici - PowerPoint PPT Presentation

Text of DANNO DA EMOTRASFUSIONE

  • DANNO DA EMOTRASFUSIONE

    Castello Angioino Copertino Dr. F. Valentino

  • DANNO DA EMOTRASFUSIONEOggi sempre pi frequente che il paziente candidato alla trasfusione si chieda:

    Questa terapia sar un vantaggio o un danno per la mia salute?

    Castello Angioino Copertino Dr. F. Valentino

  • DANNO DA EMOTRASFUSIONEInfettiviImmunologiciAltri (edema polmonare acuto, emocromatosi, reazioni febbrili non emolitiche etc.)QUALI I RISCHI?

    Castello Angioino Copertino Dr. F. Valentino

  • DANNO DA EMOTRASFUSIONEVirus - noti: HAV, HBV, HCV, HIV 1-2 - nuovi: HHV-8, HGV, TTV, SEN-V Parvovirus B19, HTLV I e II Batteri: batteriemia del donatore o contaminazione al momento del prelievo e durante la manipolazione per la preparazione degli emocomponenti Altri agenti: prioni, protozoi della malaria e della tripanosomiasi americana (malattia di Chagas), etc. RISCHI INFETTIVI

    Castello Angioino Copertino Dr. F. Valentino

  • DANNO DA EMOTRASFUSIONE RISCHI INFETTIVIincidenzaVirus : HBV (1/62.500 sacche) HCV (1/103.000 sacche) HIV (1/660.000 sacche)

    Castello Angioino Copertino Dr. F. Valentino

  • DANNO DA EMOTRASFUSIONEEffetti immunostimolanti:anti HLAcontro antigeni specifici (alloimmunizzazione)

    Effetti immunosoppressivi:beneficidannosi

    RISCHI IMMUNOLOGICI

    Castello Angioino Copertino Dr. F. Valentino

  • DANNO DA EMOTRASFUSIONERISCHI DA TRASFUSIONE(da Shot Annual Report 1996-97 U.K.)

    Castello Angioino Copertino Dr. F. Valentino

  • DANNO DA EMOTRASFUSIONELERRORE TRASFUSIONALE ABOReport su 104 casi di errori trasfusionali di New York, periodo di rilevazione : 22 mesi (Linden et al., modificato)

    Unit di globuli rossi trasfusi1.784.600N di errori trasfusionali92 (1/19.000)Trasfusioni ABO incompatibili54 (1/33.000)Di cui a esito fatale 3 (1/600.000)Trasfusioni errate compatibiliStimate:1/12.000Proiezione dei dati di NY sul territorio USA: n di errori ABO800 - 900Errore di identificazione del paziente e/o dellunit prima della trasfusione44%Errore del flebotomista12%Errore della Banca del Sangue26%Errori di altri servizi18%

    Castello Angioino Copertino Dr. F. Valentino

  • DANNO DA EMOTRASFUSIONEERRORI NEI VARI STADI DEL PROCESSO TRASFUSIONALE

    Nel Reparto Clinico(richiesta)Nel Servizio TrasfusionaleNel Reparto Clinico (trasfusione)Errore di identificazione del paziente o scambio di personaScambio di campioni o delle registrazioni o errore di assegnazioneSangue trasfuso alla persona sbagliata per errore di identificazione del paziente o delle unitErrore di trascrizione dellanagrafica o di etichettatura dei campioniErrore analitico-sierologico di laboratorio nella determinazione del gruppo o nellesecuzione della prova di compatibilit Trasfusione di sangue omologo a paziente con unit autologhe a disposizioneErrore di trascrizione dellanagrafica sulla richiestaErogazione di unit sbagliata

    Castello Angioino Copertino Dr. F. Valentino

  • DANNO DA EMOTRASFUSIONE

    EFFETTI IMMUNOSOPPRESSIVIRapporto tra trasfusione di sangue e neoplasie colon-rettali (Triulzi et Al.)Studio (nome primo autore e anno)Numero pazienti studiatiSopravv. a 5 anni senza recidive nei trasfusiSopravv. a 5 anni senza recidine nei non trasfusiNathanson, 198536643%57%Ota, 198520772%77%Corman, 198628158%79%Parrott, 198651740%63%Burrows, 198729551%65%Wirsching, 198843559%78%Hermanek, 198959850%88%Mecklin, 198952066%81%Vente, 198921252%52%Beynon, 198951954%74%Wobbes, 198927058%78%

    Castello Angioino Copertino Dr. F. Valentino

  • DANNO DA EMOTRASFUSIONEPOSSIBILI MECCANISMI IMMUNOSOPPRESSIVI INDOTTI DALLE TRASFUSIONI diminuzione del numero dei T- helper Aumento dei T- suppressor Diminuita attivit dei N-K Sviluppo di anticorpi anti-idiotipo Riduzione della immunit cellulo-mediata e della citotossicit Diminuzione funzione dei monociti

    Castello Angioino Copertino Dr. F. Valentino

  • DANNO DA EMOTRASFUSIONESOTTOPOPOLAZIONI LINFOCITARIET- helper

    Castello Angioino Copertino Dr. F. Valentino

  • DANNO DA EMOTRASFUSIONEMINCHEFF E MERYMAN

    Castello Angioino Copertino Dr. F. Valentino

  • DANNO DA EMOTRASFUSIONERISCHI INFETTIVIQuali strategie? selezione dei donatori con criteri sempre pi severi test di screening pi sofisticati (limiti periodo finestra) introduzione di nuovi test (NAT) leucodeplezione riduzione dellutilizzo di sangue omologo trattamento del sangue e dei suoi prodotti per inattivare gli agenti infettivi che, per varie cause, sono sfuggiti allo screening oppure considerati clinicamente non rilevanti

    Castello Angioino Copertino Dr. F. Valentino

  • DANNO DA EMOTRASFUSIONERISCHI INFETTIVI

    Castello Angioino Copertino Dr. F. Valentino

  • DANNO DA EMOTRASFUSIONERISCHI IMMUNOLOGICIQuali strategie?Il rispetto sempre pi preciso e completo della compatibilit tra donatore e ricevente ha ridotto levenienza dellimmunizzazione verso gli alloantigeni ematici e tissutali e quindi dei relativi danni sotto forma di reazioni post-trasfusionali.Meno confortanti invece sono i risultati per quanto concerne lerrore trasfusionale (CLERICAL ERRORS)Quali i rimedi?

    Castello Angioino Copertino Dr. F. Valentino

  • DANNO DA EMOTRASFUSIONESTRATEGIE POSSIBILI E SISTEMI PER LA PREVENZIONE DELLERRORE TRASFUSIONALE Proposte di tipo organizzativo Proposte di ordine specificatamente immunoematologico Dispositivi semplici di sicurezza Metodologie, sistemi e strumenti informatici Utilizzo di sistemi a barriera

    Castello Angioino Copertino Dr. F. Valentino

  • DANNO DA EMOTRASFUSIONESistemi a barriera

    Castello Angioino Copertino Dr. F. Valentino

  • DANNO DA EMOTRASFUSIONESistemi a barriera

    Castello Angioino Copertino Dr. F. Valentino

  • CONCLUSIONIDANNO DA EMOTRASFUSIONELa riduzione del rischio trasfusionale continua ad essere una sfida per gli operatori della medicina trasfusionale.Oggi diventata pi pressante per due ragioni: da un lato si chiamati a rispondere alle richieste sempre pi esigenti del candidato alla trasfusione di ricevere una terapia priva di rischi; dallaltro c la necessit di ridurre i costi della sanit per le gravi e diffuse difficolt di ordine economico nella cura della salute pubblica.Il traguardo sembra ancora lontano.

    Castello Angioino Copertino Dr. F. Valentino