of 287/287
DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI D.Lgs. 81/08 REV DATA DESCRIZIONE REDAZIONE VERIFICA APPROVAZIONE 01 Aprile 2008 Documento di Valutazione dei Rischi RSPP: Ing. Pierluca Dello Russo RSPP: Ing. Pierluca Dello Russo Datore di Lavoro Amministratore Unico Vannio Brozzi 02 Settembre 2008 Documento di Valutazione dei Rischi RSPP: Ing. Pierluca Dello Russo RSPP: Ing. Pierluca Dello Russo Datore di Lavoro Amministratore Unico Vannio Brozzi 03 Maggio 2009 Documento di Valutazione dei Rischi RSPP: Ing. Pierluca Dello Russo RSPP: Ing. Pierluca Dello Russo Datore di Lavoro Amministratore Unico Vannio Brozzi 04 In elaborazione da giugno 2014 Documento di Valutazione dei Rischi RSPP: Mauro Squarta RSPP: Mauro Squarta CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Con la collaborazione di ASPP: Ing. Pierluca Dello Russo Elaborato in collaborazione con il Medico Competente e Visto dal Rappresentante dei Lavoratori Dr. Giuseppe Bodo in attesa di comunicazione del nominativo dai sindacati

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI D.Lgs. …umbriamobilita.it/public/resources/bandi e gare/gara taglio... · 4 A) PREMESSA Il presente documento viene redatto come aggiornamento

  • View
    218

  • Download
    0

Embed Size (px)

Text of DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI D.Lgs. …umbriamobilita.it/public/resources/bandi e gare/gara...

  • DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI

    RISCHI

    D.Lgs. 81/08

    REV DATA DESCRIZIONE REDAZIONE VERIFICA APPROVAZIONE

    01 Aprile 2008

    Documento di

    Valutazione dei

    Rischi

    RSPP:

    Ing. Pierluca Dello Russo

    RSPP:

    Ing. Pierluca Dello Russo

    Datore di Lavoro

    Amministratore Unico

    Vannio Brozzi

    02 Settembre

    2008

    Documento di

    Valutazione dei

    Rischi

    RSPP:

    Ing. Pierluca Dello Russo

    RSPP:

    Ing. Pierluca Dello Russo

    Datore di Lavoro

    Amministratore Unico

    Vannio Brozzi

    03 Maggio 2009

    Documento di

    Valutazione dei

    Rischi

    RSPP:

    Ing. Pierluca Dello Russo

    RSPP:

    Ing. Pierluca Dello Russo

    Datore di Lavoro

    Amministratore Unico

    Vannio Brozzi

    04

    In

    elaborazione

    da giugno

    2014

    Documento di

    Valutazione dei

    Rischi

    RSPP:

    Mauro Squarta

    RSPP:

    Mauro Squarta

    CONSIGLIO DI

    AMMINISTRAZIONE Con la collaborazione di

    ASPP:

    Ing. Pierluca Dello Russo

    Elaborato in collaborazione

    con il Medico Competente e Visto dal Rappresentante dei Lavoratori

    Dr. Giuseppe Bodo in attesa di comunicazione del nominativo dai sindacati

  • 2

    INDICE

    A) PREMESSA .................................................................................................................................................... 4

    B) DEFINIZIONE DEL PROCESSO VALUTATIVO E DATI INERENTI LAZIENDA ............................ 7

    B1) STRUTTURA DEL SGSL ......................................................................................................... 8

    B2) POLITICA DELLA SICUREZZA ............................................................................................ 9

    B3) ITER PROCEDURALE SGSL ................................................................................................. 10

    B4) DATI IDENTIFICATIVI DELLIMPRESA ........................................................................... 11

    B4.1) DOCUMENTI CORRELATI ............................................................................................................................ 14

    B5) PIANIFICAZIONE DEGLI OBIETTIVI ............................................................................... 15

    B6) CRITERI UTILIZZATI PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI ......................................... 17

    B7) DESCRIZIONE DELLATTIVIT E DEI LUOGHI DI LAVORO ...................................... 20

    B8) INDIVIDUAZIONE DEI GRUPPI OMOGENEI ................................................................. 21

    C) RELAZIONE SULLA VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI E MISURE DI PREVENZIONE E

    PROTEZIONE ........................................................................................................................................................ 24

    C1) CRITERI ADOTTATI ............................................................................................................. 26

    C2) STRUMENTI DI VALUTAZIONE ........................................................................................ 28

    C3) FATTORI DI RISCHIO .......................................................................................................... 29

    C4) IGIENE DEL LAVORO .......................................................................................................... 30

    C4.1) RISCHIO BIOLOGICO ....................................................................................................................................... 31

    C4.2) RISCHIO DA AGENTI CHIMICI .................................................................................................................. 34

    C4.2.1) RISCHIO DA AGENTI CHIMICI CANCEROGENI E MUTAGENI ...................................................................... 47

    C4.2.2) RISCHIO DA ESPOSIZIONE AD AMIANTO ................................................................................................................ 52

    C4.2.3) RISCHIO DA ATMOSFERA ESPLOSIVA ........................................................................................................................ 54

    C4.3) RISCHIO DA AGENTI FISICI ........................................................................................................................ 69

    C4.3.1) RUMORE ..................................................................................................................................................................................... 70

    C4.3.2) VIBRAZIONI .............................................................................................................................................................................. 76

    C4.3.3) CAMPI ELETTROMAGNETICI .......................................................................................................................................... 82

    C4.3.4) RADIAZIONI OTTICHE ARTIFICIALI ........................................................................................................................... 91

    C4.3.5) RADIAZIONI IONIZZANTI ................................................................................................................................................ 94

    C4.3.6) RADIAZIONI NON IONIZZANTI .................................................................................................................................... 95

    C4.3.7) MICRO / MACROCLIMA ...................................................................................................................................................... 98

    C4.3.8) ILLUMINAZIONE ................................................................................................................................................................. 104

    C4.3.9) ELETTROCUZIONE ............................................................................................................................................................. 109

    C4.4) RISCHIO DA AGENTI ERGONOMICI ..................................................................................................... 112

    C4.4.1) LAVORO AL VIDEO TERMINALE ................................................................................................................................ 112

    C4.4.2) MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI PESANTI / SOVRACCARICO BIOMECCANICO

    ARTICOLARE .......................................................................................................................................................................... 115

  • 3

    C4.5) RISCHIO DOVUTO ALLORGANIZZAZIONE DEL LAVORO ...................................................... 120

    C5) SICUREZZA DEL LAVORO ................................................................................................ 122

    C5.1) LUOGHI DI LAVORO .................................................................................................................................... 123

    C5.2) IMPIANTI ........................................................................................................................................................... 147

    C5.3) MACCHINE ED ATTREZZATURE .......................................................................................................... 148

    C5.4) PROCEDURE DI LAVORO .......................................................................................................................... 197

    C5.4.1) SICUREZZA DEI TERZI ..................................................................................................................................................... 199

    C5.5) EMERGENZE ................................................................................................................................................... 201

    C5.6) SEGNALETICA DI SICUREZZA ............................................................................................................... 210

    C6) FORMAZIONE E INFORMAZIONE ................................................................................. 220

    C6.1) FORMAZIONE .................................................................................................................................................. 223

    C6.2) INFORMAZIONE ............................................................................................................................................. 224

    C7) DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE ............................................................. 273

    D) MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE, PRESCRIZIONI, PROGRAMMA INTERVENTI . 278

    D1) INTERVENTI DI PREVENZIONE E MISURE DI PROTEZIONE ................................ 279

    D2) PROGRAMMA INTERVENTI PER IL MIGLIORAMENTO NEL TEMPO DEI

    LIVELLI DI SICUREZZA ................................................................................................................................ 281

    D3) RIUNIONE PERIODICA ..................................................................................................... 285

    D4) CONSULTAZIONE E PARTECIPAZIONE DEI RLS ....................................................... 286

  • 4

    A) PREMESSA

    Il presente documento viene redatto come aggiornamento del documento di valutazione dei rischi della

    UMBRIA TPL E MOBILITA SPA (di seguito U.M.), a seguito delle modifiche societarie intercorse, in

    ottemperanza al Testo Unico sulla Sicurezza D.Lgs 81/08 versione di maggio 2014 (che ha recepito le

    modifiche e integraioni intervenute fino a maggio 2014).

    Gli obiettivi del documento sono:

    o riorganizzare tutta la documentazione presente in Azienda relativa alla Sicurezza e Salute dei

    Lavoratori;

    o aggiornare la Valutazione dei Rischi;

    o monitorare ed eventualmente integrare le misure di prevenzione e protezione;

    o adempiere agli obblighi previsti dal TU,

    o definire il sistema di organizzazione e gestione aziendale.

    In tal senso stato predisposto un cronoprogramma delle attivit necessarie, per la cui esecuzione sono

    state coinvolte anche strutture esterne formate da professionisti competenti del settore.

    Cronoprogramma delle attivit di valutazione dei rischi

    RISCHIO DA VALUTARE STATO DELLA VALUTAZIONE

    ULTIMAZIONE DELLA VALUTAZIONE

    RISCHIO BIOLOGICO completata

    RISCHIO DA AGENTI CHIMICI DA AGENTI CHIMICI CANCEROGENI E MUTAGENI DA ESPOSIZIONE AD AMIANTO DA ATMOSFERA ESPLOSIVA

    completata

    RISCHIO RUMORE completata

    RISCHIO VIBRAZIONI completata

    CAMPI ELETTROMAGNETICI completata

    RADIAZIONI OTTICHE ARTIFICIALI completata

    RADIAZIONI IONIZZANTI completata

    RADIAZIONI NON IONIZZANTI completata

    MICRO / MACROCLIMA completata

    ILLUMINAZIONE completata

    RISCHIO ELETTROCUZIONE (elettrificazione della linea)

    completata

    ERGONOMIA LAVORO AL VIDEO TERMINALE

    completata

  • 5

    MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI PESANTI

    completata

    ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO completata

    RISCHI LEGATI ALLE STRUTTURE ED AGLI IMPIANTI

    completata

    VERIFICA ELENCO MACCHINE / ATTREZZATURE

    completata

    PROCEDURE DI LAVORO completata

    INCENDIO ED EMERGENZE completato

    SEGNALETICA DI SICUREZZA completato

    RISCHI PER TERZI completato

    DPI In corso

    STRESS LAVORO - CORRELATO completato

    INF/FORMAZIONE

    DEFINITA

    RAPPORTI CON DITTE ESTERNE (DUVRI) DA AVVIARE AGGIORNAMENTO

    SORVEGLIANZA SANITARIA DEFINITA

    CADUTA DALLALTO (LAVORI IN QUOTA) CADUTA DEI MATERIALI DALLALTO

    DA AVVIARE AGGIORNAMENTO

    DEFINIZIONE MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE

    completato

    DEFINIZIONE MISURE MIGLIORATIVE completata

    Il presente documento di valutazione dei rischi viene redatto dal Datore di Lavoro (Consiglio di

    Amministrazione) in ottemperanza al D.Lgs 81/08 art. 17.

    Ai sensi dellart. 28 del D.Lgs 81/08 la valutazione riguarda tutti i rischi ed il presente documento

    contiene:

    relazione sulla valutazione di tutti i rischi con specifica dei criteri adottati;

    indicazione delle misure di prevenzione e protezione adottate e dei dispositivi di protezione

    individuali adottati;

    il programma delle misure per il miglioramento dei livelli di sicurezza;

    lindividuazione delle procedure, dei ruoli e delle competenze per lattuazione delle misure da

    realizzare;

    lindividuazione delle mansioni che espongono i lavoratori a rischi specifici.

    Ai sensi dellart. 29 del D.Lgs 81/08 la valutazione dei rischi ed il presente documento di valutazione

    dei rischi sono elaborati dal Datore di Lavoro (Consiglio di Amministrazione) in collaborazione con il

  • 6

    Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione (Mauro Squarta) ed il Medico Competente

    (Dott. Giuseppe Bodo) e previa consultazione dei Rappresentanti dei Lavoratori.

    Ai sensi dellart. 30 del D.Lgs 81/08 comma 5, per lelaborazione del presente documento di

    valutazione dei rischi viene adottato il modello di organizzazione e gestione definito dal British

    Standard OHSAS 18001:2007 e dalle Linee Guida UNI INAIL (SGSL).

  • 7

    B) DEFINIZIONE DEL PROCESSO VALUTATIVO E

    DATI INERENTI LAZIENDA

    struttura del SGSL

    politica della sicurezza

    iter procedurale SGSL

    dati identificativi dellimpresa

    pianificazione degli obiettivi

    criteri utilizzati per la valutazione dei rischi

    descrizione dellattivit e dei luoghi di lavoro

    individuazione dei gruppi omogenei

  • 8

    B1) STRUTTURA DEL SGSL

  • 9

    B2) POLITICA DELLA SICUREZZA

    OBIETTIVO

    La direzione aziendale si impegna, mettendo a disposizione risorse umane, strumentali ed economiche,

    a perseguire gli obiettivi di miglioramento della sicurezza e salute dei lavoratori, come parte integrante

    della propria attivit e come impegno strategico rispetto alle finalit pi generali dellAzienda.

    Rende noto questo documento e lo diffonde a tutti i soggetti dellazienda e si impegna affinch:

    1. fin dalla fase di definizione di nuove attivit, o nella revisione di quelle esistenti, gli aspetti della

    sicurezza siano considerati contenuti essenziali;

    2. tutti i lavoratori siano formati, informati e sensibilizzati per svolgere i loro compiti in sicurezza e per

    assumere le loro responsabilit in materia di SSL;

    3. tutta la struttura aziendale (dirigenti, preposti, progettisti, impiantisti, servizi acquisti e manutenzione,

    lavoratori, ecc..) partecipi, secondo le proprie attribuzioni e competenze, al raggiungimento degli

    obiettivi di sicurezza assegnati affinch:

    la progettazione delle macchine, impianti ed attrezzature, i luoghi di lavoro, i metodi operativi e

    gli aspetti organizzativi siano realizzati in modo da salvaguardare la salute dei lavoratori, i beni

    aziendali, i terzi e la comunit in cui lazienda opera;

    linformazione sui rischi aziendali sia diffusa a tutti i lavoratori; la formazione degli stessi sia

    effettuata ed aggiornata con specifico riferimento alla mansione svolta;

    si faccia fronte con rapidit, efficacia e diligenza a necessit emergenti nel corso delle attivit

    lavorative;

    siano promosse la cooperazione fra le varie risorse aziendali, la collaborazione con le

    organizzazioni imprenditoriali e con enti esterni preposti;

    siano rispettate tutte le leggi e regolamenti vigenti, formulate procedure e ci si attenga agli

    standard aziendali individuati;

    siano gestite le proprie attivit anche con lobiettivo di prevenire incidenti, infortuni e malattie

    professionali.

    siano indirizzate a tale scopo la progettazione, la conduzione e la manutenzione, ivi comprese le

    operazioni di pulizia dei luoghi di lavoro, macchine e impianti.

    4. Venga regolamentata attraverso lo strumento del DUVRI la presenza di lavoratori appartenenti

    a ditte esterne.

  • 10

    B3) ITER PROCEDURALE SGSL

  • 11

    B4) DATI IDENTIFICATIVI DELLIMPRESA

    DEFINIZIONE DEI COMPITI E DELLE RESPONSABILIT

    Ragione Sociale: UMBRIA TPL E MOBILITA S.p.A.

    Sede Legale: Strada Santa Lucia, 4 06125 Perugia

    Datore di Lavoro: Consiglio di Amministrazione composto da:

    Caporizzi Lucio Presidente

    De Paolis Dante Consigliere

    Nichinonni Stefania Consigliere

    Longhi Francesco Consigliere

    Chifari Paolo Consigliere

    Direttore Amministrativo procuratore: Proietti Mauro

    Responsabile Servizio di Prevenzione e Protezione: Mauro Squarta1

    Preposti alla sicurezza:

    Uffici SantAnna:

    Lisetti David

    Ing. Negozio Walter

    Ing. Tocci Mauro

    Impianti Fissi e Impianti Tecnologici:

    Consalvi Romeo

    Lisetti Massimo

    Lucidi Gianni

    Panfili Fabrizio

    1 Corso di aggiornamento ASPP RSPP di 40 ore dal 08/04/2014 al 15/05/2014 per Macrosettori

    Ateco 1 -2 -6 -8 -9

  • 12

    Medico competente: Dott. Giuseppe Bodo

    RLS: in attesa del nominativo dai sindacati

    Addetti Primo Soccorso2:

    Manutenzione Impianti Fissi e Manutenzione Impianti Tecnologici

    Allegretti Antonio, Alunni Tullini Filippo, Arcelli Paolo junior, Arcelli Roberto, Beatini Antonio,

    Bernini Daniele, Berti Massimiliano, Calzoni Laura, Cardinali Franco, Ceccarelli Graziano, Ceroni

    Alessio, Consalvi Romeo, Finocchi Marco, Giuliani Luca, Giulietti Enrico, Lazzari Tiziano, Leone Ciro,

    Lisetti Massimo, Lucidi Gianni, Marcaccioli Andrea, Marsiglietti Luciano, Montirosi Alessandro, Panfili

    Fabrizio, Poderini Antonio, Vitali Michele.

    Uffici Direzione

    Nencetti Maurizio, Billi Valeria

    Uffici piazzale Bellucci

    Castraberte Claudio, Tocci Mauro

    DCO Ponte San Giovanni

    Gallicchi Flavio, Cardinali Franco, Versiglioni Alfio.

    Addetti Antincendio: 3

    Uffici Direzione

    Mauro Squarta, Giampaolo Conti, Alessandro Arcangeli4.

    Uffici piazzale Bellucci

    Fagiolo Stefano, Negozio Walter.

    2 Gli attestati dei corsi frequentati sono conservati nellarchivio dellazienda e si intendono parte integrante del presente

    DVR

    3 Gli attestati dei corsi frequentati sono conservati nellarchivio dellazienda e si intendono parte integrante del presente

    DVR

    4 Giampaolo Conti, Alessandro Arcangeli saranno formati nel 2014 partecipando ad idoneo corso formativo

  • 13

    Manovratore

    Sacchetti Paolo.

    DCO Ponte San Giovanni

    Cardinali Franco

    Stazione di Umbertide (PG)

    Moretti Paolo.

    Stazione Perugia S.Anna

    Bovini Sabrina, Furiani Diego.

    Stazione San Sepolcro

    Piersimoni Giancarlo.

    Manutenzione Impianti Fissi e Manutenzione Impianti Tecnologici

    Allegretti Antonio, Alunni Tullini Filippo, Arcelli Paolo junior, Arcelli Roberto, Beatini Antonio,

    Bernini Daniele, Berti Massimiliano, Ceccarelli Graziano, Ceroni Alessio, Consalvi Romeo, Finocchi

    Marco, Giuliani Luca, Giulietti Enrico, Lazzari Tiziano, Leone Ciro, Lisetti Massimo, Lucidi Gianni,

    Marcaccioli Andrea, Marsiglietti Luciano, Montirosi Alessandro, Panfili Fabrizio, Poderini Antonio,

    Vitali Michele.

    NOTA

    Gli addetti alle emergenze hanno effettuato i relativi corsi di formazione in momenti diversi.

  • 14

    B4.1) DOCUMENTI CORRELATI

    DOCUMENTI

    Costituiscono parte integrante del presente DVR:

    1. copia della visura camerale di UMBRIA TPL E MOBILITA SPA;

    2. nomina del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione;

    3. nomina del medico competente;

    4. designazione degli addetti al primo soccorso ed emergenze;

    5. designazione degli addetti prevenzione incendi, lotta antincendio ed emergenze;

    6. documenti relativi alla formazione di tutti i soggetti di cui ai punti precedenti;

    7. elenco dei lavoratori dipendenti suddivisi per ruolo / mansione, compiti e responsabilit.

    Appena sar effettuata lelezione del Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza, tale documento

    costituir anchesso parte integrante del DVR.

  • 15

    B5) PIANIFICAZIONE DEGLI OBIETTIVI

    OBIETTIVI MODALIT DI VERIFICA E MISURAZIONE

    Assicurare il controllo degli adempimenti normativi in

    materia di sicurezza e sullaggiornamento della valutazione

    dei rischi e del relativo documento e verifica del

    conseguente piano di attuazione degli interventi.

    Verifica dellaggiornamento normativo, degli adempimenti e

    del livello di attuazione del piano di attuazione ogni 6 mesi.

    (Monitoraggio di 1 livello).

    Diminuire gli infortuni del 100% entro lanno in corso.

    Verifica del numero degli infortuni mediante controllo del

    registro infortuni e delle altre modalit di registrazione di

    tali eventi da effettuarsi allinizio dellanno nuovo.

    (Monitoraggio di 2 livello).

    Diminuire gli incidenti del 100% entro lanno in corso

    Verifica del numero degli incidenti mediante controllo delle

    modalit di registrazione di tali eventi da effettuarsi allinizio

    dellanno nuovo.

    (Monitoraggio di 2 livello).

    Avviare la rilevazione e lanalisi sistematica di infortuni,

    incidenti e comportamenti pericolosi nello svolgimento

    delle attivit

    Verifica delle modalit di rilevazione e della sua

    realizzazione, nonch lattivazione di un processo di analisi

    ed indagine interna sugli eventi.

    Verifica delle modalit di analisi dei dati sugli eventi

    registrati.

    (Monitoraggio di 2 livello).

    Nelle riunioni della direzione, di questa con le diverse figure

    aziendali, tra funzioni aziendali diverse, interne ai reparti od

    alle aree operative dellazienda (uffici, officina, magazzino),

    affrontare di volta in volta gli aspetti di sicurezza peculiari

    allargomento in discussione.

    Verifica degli ordini del giorno e dellelenco dei partecipanti

    alle riunioni ogni 6 mesi.

    (Monitoraggio di 2 livello).

    Prevedere che ad ogni riunione si affrontino i temi e le

    eventuali problematiche legate alla sicurezza e salute sul

    lavoro, quando possibile con il coinvolgimento diretto del

    RSPP e del RLS, opportunamente convocati a cura della

    funzione promotrice della riunione.

  • 16

    OBIETTIVI MODALIT DI VERIFICA E MISURAZIONE

    Per forniture di macchine, attrezzature, prodotti e servizi,

    attenersi alla procedura interna per assicurare che vengano

    presi in considerazione i relativi aspetti di sicurezza,

    preventivamente allacquisto del bene o servizio.

    Dovranno allo scopo essere coinvolte tutte le funzioni

    aziendali che partecipano al processo decisionale,

    progettuale ed operativo relativo a quanto deve essere

    acquistato.

    Verifica ogni 6 mesi. (Monitoraggio di 2 livello).

    Coinvolgere i preposti nella progettazione, organizzazione e

    realizzazione dellinformazione di tutti i lavoratori e della

    formazione basata sulle mansioni.

    Verifica dopo 3 mesi dello stato di avanzamento della

    progettazione ed organizzazione delle attivit di

    informazione e formazione.

    Verifica della realizzazione dei corsi.

    Verifica dellefficacia della formazione mediante incontri e

    questionari dopo 6 mesi da ogni erogazione dellattivit.

    Ripartire gli obiettivi sopra definiti alle figure aziendali

    coinvolte nella loro attuazione (obiettivi di ruolo) con la

    conseguente definizione dei relativi compiti e responsabilit,

    nonch comunicazione agli stessi di quanto definito.

    Verifica della redazione di apposite comunicazioni

    contenenti la ripartizione degli obiettivi e la definizione dei

    compiti e delle responsabilit.

  • 17

    B6) CRITERI UTILIZZATI PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI

    Il rischio pu essere espresso come combinazione della probabilit di accadimento di un evento

    dannoso e la gravit del danno che levento pu produrre.

    Per ogni rischio di incidente quindi viene espresso un valore della probabilit che levento accada

    abbinato ad un punteggio P basato sulla seguente scala:

    P Giudizio Definizione e criteri

    6 Frequente

    Accade spesso. Evento diffusamente rilevabile nellambito delle esperienze,

    delle conoscenze e delle statistiche afferenti alla specifica operazione svolta. Il

    verificarsi dellevento non suscita stupore.

    5 Probabile

    Accade pi volte. Evento ipotizzabile nellambito delle esperienze, delle

    conoscenze e delle statistiche afferenti alla specifica operazione svolta. Il

    verificarsi dellevento suscita una moderata sorpresa.

    4 Occasionale Probabile che si verifichi molte volte. Si prevede che levento pericoloso si

    verifichi molte volte.

    3 Remoto Probabile che si verifichi qualche volta durante la vita del sistema. Si prevede

    ragionevolmente che levento pericoloso possa verificarsi.

    2 Improbabile

    Non previsto che accada. Evento largamente inatteso e non ipotizzabile

    nellambito delle esperienze, delle conoscenze e delle statistiche afferenti alla

    specifica operazione svolta. Il verificarsi dellevento suscita incredulit.

    1 Inverosimile

    estremamente improbabile che si verifichi. Si assume che esso non possa

    verificarsi. Un pericolo pu essere considerato inverosimile qualora non si sia

    mai verificato nel sistema e nel contesto presi in considerazione.

  • 18

    La gravit del danno viene espressa in forma sintetica mediante un valore compreso tra 1 e 4 attribuito

    allagente materiale basato sulla seguente scala di valori:

    G Giudizio Definizione e criteri

    4 Catastrofico

    Effetto avverso immediato o dilazionato nel tempo con esiti irreversibili,

    letali o invalidanti, coinvolgente uno o pi persone o danni ingenti

    allambiente.

    3 Critico Lesione grave di una persona e/o importante danno allambiente e/o perdita

    di un sistema principale.

    2 Marginale Ferimento leggero di una o pi persone e/o importante minaccia per

    lambiente e danno grave ad uno o pi sistemi.

    1 Insignificante

    Effetto avverso temporaneo di entit nota, naturalmente reversibile,

    agevolmente controllabile e potenzialmente coinvolgente una o pi persone;

    danno leggero al sistema.

    quindi possibile esprimere il livello di rischio in maniera analitica utilizzando la seguente matrice di

    rischio:

    PROBABILIT LIVELLI DI RISCHIO

    Frequente

    Probabile

    Occasionale

    Remoto Tollerabile

    Improbabile Trascurabile Tollerabile Tollerabile

    Inverosimile Trascurabile Trascurabile Trascurabile Tollerabile

    Insignificante Marginale Critico Catastrofico

    GRAVIT

    Per la valutazione dei rischi e la successiva stesura del documento finale ci si avvalsi di criteri e metodi

    generali di seguito riportati.

  • 19

    La rilevazione dei pericoli e delle situazioni di rischio stata effettuata con riferimento a gruppi

    omogenei di lavoratori, vale a dire un insieme di lavoratori che svolgono attivit e mansioni uguali

    od analoghe e che sono esposti agli stessi rischi lavorativi.

    Per ognuno dei gruppi omogenei sono stati identificati ai fini della valutazione dei rischi:

    luoghi di lavoro frequentati (ivi inclusa la linea);

    mezzi ed attrezzature utilizzati;

    mansioni/operazioni elementari/ fasi di lavoro, ecc.

    Lindividuazione dei rischi per la salute e la sicurezza dei lavoratori, stata eseguita tramite sopralluoghi

    in tutti gli ambienti di lavoro e con utilizzo di liste di controllo sulla base della legislazione vigente e

    delle norme di buona tecnica.

    Lanalisi dei rischi e lindividuazione delle conseguenti misure di prevenzione e protezione da attuare

    stata suddivisa nelle seguenti tipologie:

    analisi dei rischi relativi alla mansione specifica e allutilizzo di mezzi e attrezzature;

    analisi dei rischi relativi alligiene del lavoro;

    analisi dei rischi legati alla sicurezza del lavoro.

    Le misure di prevenzione e protezione che scaturiscono dallanalisi e dalla valutazione dei rischi

    consistono nelladeguamento alle norme di macchine ed attrezzature ed impianti laddove necessario,

    nellindividuazione di procedure di lavoro in sicurezza, nella fornitura di dispositivi di protezione

    collettivi e individuali, nella progettazione ergonomica dei posti di lavoro, nella programmazione delle

    attivit di informazione per tutti i lavoratori e di formazione per gli addetti a mansioni specifiche, nella

    adozione di procedure specifiche per lemergenza, lincendio ed il pronto soccorso, ecc.

  • 20

    B7) DESCRIZIONE DELLATTIVIT E DEI LUOGHI DI LAVORO

    UMBRIA TPL E MOBILITA S.P.A. nasce alla fine del 2010 come societ per lesercizio di trasporto

    pubblico di persone e merci con qualunque modalit venga esercitata, per la gestione anche in regime

    concessorio di infrastrutture ferroviarie di interesse regionale e locale ivi comprese le attivit di

    ordinaria e straordinaria manutenzione.

    Dal 1 marzo 2014 UMBRIA TPL E MOBILITA S.P.A. non esercisce servizi di trasporto pubblico

    avendo ceduto la partecipazione prima del 70% e poi del restante 30% di tute le attivit di trasporto

    pubblico di persone e merci con qualunque modalit venga esercitata ivi comprese le attivit di

    ordinaria e straordinaria manutenzione inerenti lesercizio a Busitalia sita nord.

    UMBRIA TPL E MOBILITA S.P.A. rimane titolare di tutti gli immobili elencati nella visura camerale

    che parte integrante del presente DVR, i quali tuttavia risultano ceduti in locazione come da atto

    sottoscritto e stipulato in Perugia il 27/02/2014 a UMBRIA MOBILITA ESERCIZIO S.r.l. quali beni

    strumentali allessercizio dellattivit. I beni locati sono stati cedut liberi da ogni vincoli e conformi alle

    norme previste per la cessione dei fabbricati.

    Gli immobili che rimangono nella disponibilit di UMBRIA TPL E MOBILITA S.P.A. e a cui si

    riferisce il presente DVR (in quanto luoghi di lavoro dei dipendenti dellazienda) sono:

    tutte le stazioni e le fermate ferroviarie,

    linfrastruttura ferroviaria inclusi gli impianti fissi e gli impianti tecnologici,

    la sede di Strada Santa Lucia piano ammezzato,

    la sede di Piazzale Bellucci piano primo,

    il DCO.

    Le stazioni ferroviarie sono dislocate lungo la rete, sono tutte impresenziate ad eccezione di quelle di

    Sansepolcro - Perugia SantAnna Umbertide.

    Le Divisioni di Manutenzione degli Impianti Fissi e Tecnologici sono dislocate presso le sedi di

    Marsciano e Umbertide e sono operative sulla Rete di UMBRIA TPL E MOBILITA SPA, sui due

    tronchi su cui sono organizzate, tratta Sansepolcro Perugia Ponte San Giovanni Perugia SantAnna

    e tratta Perugia Ponte San Giovanni Terni.

    La circolazione regolata dal Dirigente Centrale Operativo, la cui sede si trova presso la stazione

    ferroviaria di Perugia Ponte San Giovanni. Al piano terra di tale immobile si trova un deposito

    utilizzato per piccoli interventi.

    La Direzione Aziendale si trova presso gli Uffici di Perugia, Strada Santa Lucia n. 4.

  • 21

    B8) INDIVIDUAZIONE DEI GRUPPI OMOGENEI

    1. Personale uffici amministrativi e tecnici

    2. Personale area gestione infrastruttura: DCO

    3. Impiegati Tecnici con responsabilit sulla rete

    4. Personale area gestione infrastruttura: capi stazione

    5. Manovratore (solo un addetto)

    6. Addetti alla manutenzione Impianti Tecnologici

    7. Operatori settore Manutenzione Impianti Fissi (armamento e sede ferroviaria)

    Lavoratori appartenenti ai suddetti gruppi omogenei:

    1. Personale uffici amministrativi e tecnici

    Proietti Mauro, Psquini Pasquale, Dello Russo Pierluca, Conti Giampaolo, Giombini Katia, Lotti

    Antonello, Nencetti Maurizio, Bellavita Carlo, Castraberte Claudio, Fagiolo Stefano, Giuliani Francesca,

    Lisetti David, Negozio Walter, Tocci Mauro, Squarta Mauro, Arcangeli Alessandro, Rinaldi Andrea,

    Cernicchi Andrea, Caponi Carla, Capocci Paolo, Ridolfi Anna, Tulli Eleonora, Cimmino Francesco,

    Bucari Stefano.

    2. Personale area gestione infrastruttura: DCO

    Cardinali Franco, Conti Massimo, Gallicchi Flavio, Gargagli Paolo, Mencagli Valerio, Versiglioni Alfio.

    3. Impiegati Tecnici con responsabilit sulla rete

    Bellavita Carlo, Castraberte Claudio, Dello Russo Pierluca, Lisetti Davide, Tocci Mauro.

    4. Personale area gestione infrastruttura: capi stazione

    Bovini Sabrina, Cardinali Franco, Conti Massimo, Furiani Diego, Gallicchi Flavio, Gargagli Paolo, Lepri

    Elvira, Mencagli Valerio, Moretti Paolo, Piersimoni Giancarlo, Versiglioni Alfio.

    5. Manovratore (solo un addetto)

    Sacchetti Paolo.

    6. Addetti alla manutenzione Impianti Tecnologici

    Alunni Tullini Filippo, Arcelli Paolo junior, Arcelli Roberto, Cardinali Franco, Ceccarelli Graziano,

    Lazzari Tiziano, Leone Ciro, Lucidi Gianni, Marcaccioli Andrea, Montirosi Alessandro, Panfili Fabrizio,

    Poderini Antonio, Vitali Michele.

  • 22

    7. Operatori settore Manutenzione Impianti Fissi (armamento e sede ferroviaria)

    Allegretti Antonio, Beatini Antonio, Bernini Daniele, Berti Massimiliano, Calzoni Laura, Ceroni

    Alessio, Consalvi Romeo, Finocchi Marco, Giuliani Luca, Giulietti Enrico, Lisetti Massimo, Maccarelli

    Alfredo, Marsiglietti Luciano, Mancini Serena.

  • 23

    ELENCO ACRONIMI

    CPI Certificato di Prevenzione Incendi

    DCO Dirigente Centrale Operativo

    DDL Datore Di Lavoro

    DPI Dispositivi di Protezione Individuali

    DVR Documento di Valutazione del Rischio

    FCU Ferrovia Centrale Umbra

    GMR Gestione Materiale Rotabile

    MC Medico Competente

    MCA Materiale Contenente Amianto

    NOP Nulla Osta Provvisorio

    PDA Personale Di Accompagnamento

    PDC Personale di Condotta

    RLS Rappresentante dei Lavoratori per la Siucurezza

    RSPP Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione

    SGSL Sistema di Gestione della Sicurezza sul Lavoro

    SPP Servizio di Prevenzione e Protezione dei rischi

    ASPP Addetto al Servizio di Prevenzione e Protezione dei rischi

    VVF Vigili del Fuoco

  • 24

    C) RELAZIONE SULLA VALUTAZIONE DI TUTTI I

    RISCHI E MISURE DI PREVENZIONE E

    PROTEZIONE

    PREMESSA

    La valutazione del rischio viene intesa come momento conoscitivo fondamentale del processo di

    prevenzione voluto dal D.Lgs 81/08, attraverso essa il Datore di Lavoro propone di:

    EVIDENZIARE LE CONDIZIONI DI RISCHIO LAVORATIVO PER LA SALUTE

    E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI;

    STIMARE IL CONTENUTO LESIVO DEL LAVORO E DEGLI AGENTI DI

    RISCHIO AD ESSO CONNESSI;

    INDIVIDUARE I POSSIBILI EFFETTI AVVERSI CONNESSI ALLE CONDIZIONI

    DI LAVORO E DI RISCHIO;

    INDIVIDUARE MISURE DI PREVENZIONE ATTE AD ABBATTERE O

    CONTENERE I FATTORI DI RISCHIO ED A PERSEGUIRE IL

    RAGGIUNGIMENTO DEL BENESSERE PSICOFISICO DEI LAVORATORI.

    Il processo di valutazione del rischio prioritariamente diretto alla tutela dei lavoratori della Azienda ed

    in tal senso solo indirettamente viene a prendere in considerazione le problematiche relative alla tutela

    della salute e della sicurezza di soggetti diversi dai lavoratori (es. visitatori delle strutture aziendali),

    rimandando per tal fine a norme e responsabilit diverse da quelle inerenti la tutela della salute dei

    lavoratori. La presenza di tali soggetti viene invece presa in considerazione relativamente alle fattispecie

    in cui essa pu determinare o influenzare la condizione di rischio dei lavoratori (interferenze,

    antincendio, evacuazione, emergenza, ...).

  • 25

    Il processo di valutazione si articola in momenti diversi e cos definibili:

    INDIVIDUAZIONE DEI LUOGHI DI LAVORO E LORO RICOGNIZIONE

    ATTRAVERSO ACCESSI DIRETTI E L'USO DI STRUMENTI INFORMATIVI;

    INDIVIDUAZIONE DELLE LAVORAZIONI CARATTERIZZANTI LATTIVIT

    DI GRUPPI OMOGENEI DI LAVORATORI ATTRAVERSO LA VERIFICA

    DIRETTA DELLE OPERAZIONI DI LAVORO E ATTRAVERSO LE

    INDICAZIONI FORNITE DALLA DIREZIONE AZIENDALE;

    INDIVIDUAZIONE DEI PERICOLI E/O AGENTI DI RISCHIO PER LA SALUTE

    E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI;

    VALUTAZIONE, TECNICO/METRICHE E/O INDUTTIVE DEGLI AGENTI DI

    RISCHIO E STIMA DEL LORO CONTENUTO LESIVO;

    INDIVIDUAZIONE DELLE MISURE DI TUTELA.

    Il processo di valutazione del rischio prevede il coinvolgimento diretto non solo delle figure

    appositamente individuate dal D.Lgs 81/08 (DDL, SPP, MC, RLS) ma anche di tutti i Dirigenti e

    Preposti Aziendali, inserendoli, cos come previsto, nella realizzazione di tutti i momenti del percorso

    valutativo, dalla ricognizione dei luoghi di lavoro, alla definizione degli strumenti e metodi di

    valutazione e, cosa ancor pi importante, alla messa in atto delle misure di tutela successivamente

    definite.

    Il presente documento si riferisce a tutti i gruppi omogenei (da 1 a 7) e costituisce la prima tappa del

    percorso di valutazione del rischio, percorso che verr periodicamente aggiornato ed integrato con

    approfondimenti delle diverse problematiche di sicurezza ed igiene del lavoro.

  • 26

    C1) CRITERI ADOTTATI

    VALUTAZIONE DEI RISCHI CONNESSI ALLE CONDIZIONI DI

    SICUREZZA DEL LAVORO

    1. CONFRONTO CON GLI STANDARDS DI SICUREZZA FISSATI DALLE SPECIFICHE

    NORME NAZIONALI VIGENTI E DALLE NORME TECNICHE VINCOLANTI

    CORRENTI;

    2. CONFRONTO CON INDICAZIONI DETTATE DA ORGANISMI TECNICO

    PREVENTIVI ACCREDITATI;

    3. CONFRONTO CON INDICAZIONI DIVERSE PROVENIENTI DALLA

    EVOLUZIONE DELLE CONOSCENZE TECNICO SCIENTIFICHE.

    Il rispetto dello standard di cui al punto 1 stato ritenuto come condizione inderogabile minima di

    accettabilit della situazione in esame e delleventuale rischio residuo.

    Per le macchine di cui al D.P.R. 459/96 acquistate o messe in servizio dopo il 1996, la condizione

    suddetta definita dal riscontro del marchio CE e dalla documentazione accessoria, ivi compresa, per le

    macchine gi in servizio in precedenza ma acquisite a qualsiasi titolo successivamente, quella di cui

    all'art.11 del medesimo Decreto.

    Lo standard di cui ai punti 2 e 3 definisce invece gli obiettivi di sicurezza su cui articolare gli eventuali

    ed ulteriori interventi migliorativi da attuare.

  • 27

    VALUTAZIONE DEI RISCHI CONNESSI ALLE CONDIZIONI IGIENICO

    SANITARIE DEL LAVORO

    1. CONFRONTO CON VALORI LIMITE DI ESPOSIZIONE DEI LAVORATORI O

    AMBIENTALI O CON STANDARDS IGIENICI ED ERGONOMICI DETTATI DALLE

    NOME DI LEGGE;

    2. CONFRONTO CON VALORI LIMITE DI ESPOSIZIONE/AMBIENTALI DEI

    LAVORATORI O CON STANDARDS IGIENICI ED ERGONOMICI INDICATI DA

    ORGANIZZAZIONI TECNICO SCIENTIFICHE ACCREDITATE;

    3. CONFRONTO CON INDICAZIONI DIVERSE PROVENIENTI DALLA EVOLUZIONE

    DELLE CONOSCENZE TECNICO SCIENTIFICHE.

    Il rispetto dello standard di cui al punto 1 ritenuto condizione inderogabile minima di accettabilit

    della situazione in esame e delleventuale rischio residuo. Lo standard di cui ai punti 2 e 3 definisce

    invece gli obiettivi su cui articolare gli eventuali interventi migliorativi. La stima del rischio e la sua

    accettabilit sono quindi definiti, mediante il confronto diretto o induttivo, coni valori limite

    sopraindicati.

    Riferimenti tecnico-normativi

    D.Lgs 81/08 e s.m.i.

    L. 46/90 e nuovo Decreto Ministeriale 37/08: Norme per la sicurezza degli impianti

    D.M. 10/03/98: Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell'emergenza nei luoghi di

    lavoro

    D.P.R. 459/96: Direttiva macchine

    D.Lgs 493/96: segnaletica di sicurezza

    D.Lgs 475/92: dispositivi individuali di protezione

    D.Lgs 277/91: rischi da piombo, amianto, rumore

    D.P.R. 303/56: norme generali per ligiene del lavoro

    Norme Tecniche UNI EN ISO, CEI CENELEC

  • 28

    C2) STRUMENTI DI VALUTAZIONE

    Nel processo valutativo sono stati inoltre utilizzati i seguenti strumenti di valutazione:

    Ricognizione diretta dei luoghi di lavoro;

    Analisi dei processi lavorativi, delle mansioni e della organizzazione del lavoro;

    Determinazioni tecnico ambientali e controlli dellesposizione;

    Revisione di dati infortunistici;

    Revisione di dati di sorveglianza sanitaria;

    Consultazione della letteratura tecnico/scientifica specifica;

    Prescrizioni degli organi di vigilanza inerenti la prevenzione dei luoghi di lavoro.

    Ricognizione documentale relativa alle seguenti certificazioni obbligatorie:

    Notifica nuovo insediamento produttivo

    Autorizzazione di agibilit

    Registro infortuni

    Prevenzione incendi (NOP/CPI ove previsto)

    Impianto elettrico

    Macchinari/attrezzature/impianti

    Ricognizione documentale relativa a impianti (ove presenti) soggetti a denuncia e verifica

    periodica obbligatoria da parte dellEnte Pubblico:

    impianti/strutture soggetti alla vigilanza dei VVF (Quali? Dove? Pompe Off. ?)

    impianti di messa a terra

    impianti di protezione contro le scariche atmosferiche

    impianti elettrici in luoghi con pericolo di incendio/esplosione

    impianti di sollevamento

    generatori di calore

    generatori di vapore

    estrattori a forza centrifuga

    recipienti per fluidi sotto pressione

    Ove tecnicamente possibile si pervenuti ad una stima metrica della grandezza degli agenti di rischio e

    del contenuto lesivo delle lavorazioni, ricorrendo ad indagini tecnico ambientali, a controlli

  • 29

    dell'esposizione, allapplicazione di algoritmi valutativi o ad altri metodi proposti dalla letteratura

    scientifica e di volta in volta indicati.

    C3) FATTORI DI RISCHIO

    Le problematiche affrontate nella valutazione del rischio sono state invece suddivise nei seguenti

    gruppi:

    IGIENE DEL LAVORO

    agenti biologici

    agenti chimici

    agenti fisici

    agenti ergonomici

    organizzazione del lavoro

    SICUREZZA DEL LAVORO

    luoghi di lavoro

    impianti

    macchine ed attrezzature

    procedure di lavoro e rischi per terzi

    emergenze

    segnaletica di sicurezza

    Di seguito vengono elencate le problematiche generali di igiene e sicurezza del lavoro prese in

    considerazione nel processo di valutazione del rischio aziendale, le metodologie di valutazione, gli

    strumenti di valutazione adottati e le relative misure di prevenzione generale.

    Rispetto ai diversi agenti di rischio, inferenze valutative pi profonde e specifiche, laddove necessario,

    verranno poste in essere per ogni diversa condizione di rischio lavorativo sulla base di successivi ed

    appositi approfondimenti ed attraverso idonei atti tecnico documentali.

  • 30

    C4) IGIENE DEL LAVORO

    Di seguito vengono affrontate le problematiche generali di igiene del lavoro caratterizzanti il profilo di

    rischio aziendale; successive e pi profonde inferenze valutative potranno essere effettuate in relazione

    a condizioni di lavoro particolari presenti all'interno della realt aziendale.

    IGIENE DEL LAVORO:

    agenti biologici

    agenti chimici

    agenti fisici

    agenti ergonomici

    organizzazione del lavoro

  • 31

    C4.1) RISCHIO BIOLOGICO

    DEFINIZIONI

    a) agente biologico: qualsiasi microrganismo anche se geneticamente modificato, coltura cellulare ed

    endoparassita umano che potrebbe provocare infezioni, allergie o intossicazioni;

    b) microrganismo: qualsiasi entit microbiologica, cellulare o meno, in grado di riprodursi o

    trasferire materiale genetico;

    c) coltura cellulare: il risultato della crescita in vitro di cellule derivate da organismi pluricellulari.

    Classificazione degli agenti biologici

    Gli agenti biologici sono ripartiti nei seguenti quattro gruppi a seconda del rischio di infezione:

    a) agente biologico del gruppo 1: un agente che presenta poche probabilit di causare malattie in

    soggetti umani;

    b) agente biologico del gruppo 2: un agente che pu causare malattie in soggetti umani e costituire un

    rischio per i lavoratori; poco probabile che si propaga nella comunit; sono di norma disponibili

    efficaci misure profilattiche o terapeutiche;

    c) agente biologico del gruppo 3: un agente che pu causare malattie gravi in soggetti umani e

    costituisce un serio rischio per i lavoratori; l'agente biologico pu propagarsi nella comunit, ma di

    norma sono disponibili efficaci misure profilattiche o terapeutiche;

    d) agente biologico del gruppo 4: un agente biologico che pu provocare malattie gravi in soggetti

    umani e costituisce un serio rischio per i lavoratori e pu presentare un elevato rischio di

    propagazione nella comunit; non sono disponibili, di norma, efficaci misure profilattiche o

    terapeutiche. 2. Nel caso in cui l'agente biologico oggetto di classificazione non pu essere

    attribuito in modo inequivocabile ad uno fra i due gruppi sopraindicati, esso va classificato nel

    gruppo di rischio pi elevato tra le due possibilit.

    L'allegato XLVI al D.Lgs 81/08 riporta l'elenco degli agenti biologici classificati nei gruppi 2, 3 e 4.

    Lattivit svolta dalla societ UMBRIA TPL E MOBILITA SPA non comporta luso di agenti biologici

    dei gruppi 2, 3, 4 ed i luoghi di lavoro in questione non rientrano tra quelli indicati dal D.Lgs 81/08

    allAllegato XLIV come caratterizzati da rischi specifici di natura biologica, n in essi si assiste ad un

    uso deliberato di agenti biologici.

  • 32

    Pertanto le uniche ipotesi peraltro minori di pericolo/rischio di natura biologica sono costituite dai

    fenomeni di inquinamento indoor, che tali strutture ed anche i treni presentano, alla pari di altri

    ambienti di lavoro confinati.

    In tal senso una vasta letteratura documenta come, oltre ad altri inquinanti chimici, nellaria confinata,

    siano presenti agenti biologici in grado di determinare specifici effetti tossico-allergici sui lavoratori o

    anche di contribuire allo sviluppo della cosidetta Sick Building Syndrome. Tali fenomeni che

    chiamano in causa, agenti quali VIRUS (resp. sinciziale, influenzale, coxakie, ECHO),

    SCHIZOMICETI (Legionella, Staphilococco), MICETI (Aspergillus fumigatus, clavatus), PROTOZOI

    (Acanthamoeba, Naegleria) ed altri ancora sono frequenti soprattutto negli ambienti destinati alle

    collettivit e/o condizionati, sia sanitari che del terziario, e sono favoriti da erronea progettazione e

    manutenzione degli impianti, da problemi gestionali ed organizzativi del lavoro. quindi su tali

    elementi che si basa la stima dei relativi rischi.

    evidente, quindi, che un pericolo da agenti biologici presente in tutte le strutture aziendali, mentre

    uno specifico rischio da agenti biologici da ritenere presente solo nelle condizioni in cui un lavoratore,

    in virt delle mansioni svolte, possa venire a contatto con materiali biologici contaminati e con rifiuti

    biologici.

    E previsto che nel mese di settembre verranno affidati i servizi di pulizia degli uffici a ditta esterna

    specializzata sia per la sede di Strada Santa Lucia che per la sede di Piazzale Bellucci.

    Impianti fissi e tecnologici non necessitano di tale servizio.

    Tutte le stazioni sono gi affidate a ditta di pulizie esterna specializzata.

  • 33

    SCHEDA RIASSUNTIVA DEL RISCHIO DA AGENTI BIOLOGICI

    VALUTAZIONE ESPOSIZIONE RISCHIO BIOLOGICO - MISURE

    Gruppi omogenei esposti Luogo di

    esposizione

    Gruppo Agenti

    biologici Misure di prevenzione e protezione

    1 personale uffici

    2 personale DCO

    3 impiegati Tecnici

    UFFICI GRUPPO 1

    DATORE DI LAVORO:

    - Assicurare la pulizia dei locali e servizi igienici adeguati e puliti

    LAVORATORI:

    - Aerare sempre i locali

    - Mantenere il pi possibile pulito il luogo di lavoro

    - VACCINAZIONE ANTITETANICA

    6 addetti manutenzione Imp. Tec. SSE GRUPPO 1

    DATORE DI LAVORO:

    - Assicurare la pulizia dei locali e servizi igienici adeguati e puliti

    - VACCINAZIONE ANTITETANICA

    LAVORATORI:

    - Aerare sempre i locali

    - Mantenere il pi possibile pulito il luogo di lavoro

    4 capi stazione

    STAZIONI GRUPPO 1

    DATORE DI LAVORO:

    - Assicurare la pulizia dei locali e servizi igienici adeguati e puliti

    - Manutenzione e pulizia approfondita periodica delle aree esterne

    - VACCINAZIONE ANTITETANICA

    LAVORATORI:

    - Aerare sempre i locali

    - Mantenere il pi possibile pulito il luogo di lavoro

    Riferimenti normativi, diversi dal D.Lgs 81/08, in tema di rischio biologico relativamente allattivit

    esercitata da UMBRIA TPL E MOBILITA SPA:

    L.5/3/63 N.292 e DPR 7/9/65 n. 1301; VACCINAZIONE ANTITETANICA

    I lavoratori di UMBRIA TPL E MOBILITA SPA esposti a tali rischi sono pertanto sottoposti alla

    Vaccinazione Antitetanica ed ai previsti richiami periodici che inclusa nella sorveglianza sanitaria

    attuata dal medico competente Dr. Bodo.

  • 34

    C4.2) RISCHIO DA AGENTI CHIMICI

    Nella struttura aziendale, presso il deposito di Marsciano, sono presenti limitatissimi agenti di rischio di

    natura chimica, intesi come agenti chimici pericolosi di cui al D.Lgs n.25 del 02/02/2002.

    I prodotti sono custoditi in luogo sicuro e lontano da fonti di calore.

    Tutti i prodotti sono accompagnati dalla relativa scheda di sicurezza ed i lavoratori sono inf / formati

    circa i rischi e le modalit di utilizzo di tali sostanze.

    Ai sensi del D.Lgs n.52 del 03/02/1997 necessario fare distinzione fra:

    sostanze: gli elementi chimici ed i loro composti, allo stato naturale o ottenuti mediante qualsiasi

    procedimento di produzione, compresi gli additivi necessari per mantenere la stabilit dei prodotti e

    le impurezze derivanti dal procedimento impiegato, ma esclusi i solventi che possono essere

    eliminati senza incidere sulla stabilit delle sostanze e senza modificare la loro composizione;

    preparati: le miscele o le soluzioni costituite da due o pi sostanze.

    Presso il magazzino sono custoditi sostanze e preparati considerati pericolosi, ai sensi dello stesso

    D.Lgs n.52 del 03/02/1997 e degli articoli 4, 5 e 6 del D.Lgs n. 65 del 14/03/2003, e classificati come:

    estremamente infiammabili: i preparati liquidi che presentano punto di infiammabilit

    estremamente basso e punto di ebollizione basso e le sostanze ed i preparati gassosi che a

    temperatura e pressione ambiente sono infiammabili a contatto con l'aria. Tali preparati sono

    etichettati con il seguente simbolo (codice F+) e riportano la frase di rischio principale R12

    estremamente infiammabile;

    facilmente infiammabili:

    1) i preparati che, a contatto con l'aria, a temperatura ambiente e senza apporto di energia, possono

    subire innalzamenti termici e infiammarsi;

    2) i preparati solidi che possono facilmente infiammarsi dopo un breve contatto con una sorgente

    di accensione e che continuano a bruciare o a consumarsi anche dopo il distacco della sorgente

    stessa;

  • 35

    3) i preparati liquidi il cui punto di infiammabilit molto basso;

    4) i preparati che, a contatto con l'acqua o l'aria umida, sprigionano gas estremamente infiammabile

    in quantit pericolose.

    Tali preparati sono etichettati con il seguente simbolo (codice F) e riportano la frase di rischio

    principale R11 facilmente infiammabile;

    infiammabili: i preparati liquidi con un basso punto di infiammabilit. Per tali prodotti non

    necessario alcun simbolo di pericolo e la frase di rischio principale R10 infiammabile;

    tossici: i preparati che, in caso di inalazione, ingestione o assorbimento cutaneo, in piccole quantit,

    sono letali oppure provocano lesioni acute o croniche. Tali preparati sono etichettati con il seguente

    simbolo (codice T) e le frasi di rischio principali sono R23 tossico per inalazione, R24 tossico a

    contatto con la pelle e R25 tossico per ingestione;

    nocivi: i preparati che, in caso di inalazione, ingestione o assorbimento cutaneo, possono essere

    letali oppure provocare lesioni acute o croniche. Tali preparati sono etichettati con il seguente

    simbolo (codice Xn) e le frasi di rischio principali sono R20 nocivo per inalazione, R21 nocivo a

    contatto con la pelle e R22 nocivo per ingestione;

  • 36

    corrosivi: i preparati che, a contatto con i tessuti vivi, possono esercitare su di essi un'azione

    distruttiva. Tali preparati sono etichettati con il seguente simbolo (codice C) e le frasi di rischio

    principali sono R34 provoca ustioni e R35 provoca gravi ustioni;

    irritanti: i preparati non corrosivi, il cui contatto diretto, prolungato o ripetuto con la pelle o le

    mucose pu provocare una reazione infiammatoria. Tali preparati sono etichettati con il seguente

    simbolo (codice Xi) e le frasi di rischio principali sono R36 irritante per gli occhi, R37 irritante

    per le vie respiratorie, R38 irritante per la pelle e R41 rischio di gravi lesioni oculari;

    pericolosi per lambiente: possono causare effetti dannosi immediati, oppure ritardati nel tempo

    su uno o pi sistemi ambientali (acqua, terreno, aria, piante, micro-organismi) e condurre ad

    alterazioni dellequilibrio ambientale. Tali preparati sono etichettati con il seguente simbolo (codice

    N) e le frasi di rischio principali sono R50 altamente tossico per gli organismi acquatici, R51

    tossico per gli organismi acquatici, R52 nocivo per gli organismi acquatici e R53 pu

    provocare a lungo termine effetti negativi per lambiente acquatico.

    Ulteriori specifiche sulle categorie citate, i limiti di esposizione e le disposizioni ai fini dell'etichettatura

    del preparato, sono indicate nel D.M. 28 aprile 1997 del Ministro della Sanit e successivi

    aggiornamenti.

  • 37

    Vengono riportati nella tabelle seguenti lelenco dei prodotti chimici utilizzati per alcune attivit e gli olii

    custoditi presso il magazzino di Marsciano.

    PRODOTTI CHIMICI

    N DENOMINAZIONE

    PRODOTTO MARCA QUANTIT

    CLASSIFICAZIONE D.Lgs n.52

    03/02/1997

    FRASI

    INDICAZIONI

    DM 28/02/2006

    P02 Acido per batterie UMBRIA

    ACCUMULATORI 380 lt corrosivo (C) R35 - S26 - S30 - S45

    P97 Diserbante ISAGRO ITALIA 50 lt irritante (Xi) - pericoloso per l'ambiente (N)

    R43-R50/53-S2-S13-

    S20/21-S36/37-S46-

    S60-S61

    P98 Diserbante MAKHTESHIM

    AGAN ITALIA 50 lt pericoloso per l'ambiente (N) R50 - R53 - S2 - S13

    P99 Erbicida SIAPA 120 lt pericoloso per l'ambiente (N) R51/53-S2-S13-

    S20/21-S29-S61

    OLII

    N DENOMINAZIONE

    PRODOTTO MARCA QUANTIT

    CLASSIFICAZIONE D.Lgs n.52

    03/02/1997

    FRASI

    INDICAZIONI

    DM 28/02/2006

    G25 Olio emulsionabile VANGUARD 360 lt

    G26 Olio idraulico TUTELA 200 lt

    G39 Olio penetrante

    lubrificante INTERFLON facilmente infiammabile (F+)

    R12-R22-R35-

    R36/38-R38-R41-

    R50/53-R51/53-

    R52/53-R65-R66-

    S3/7-S16-S23-S51

    Inoltre, ai fini della valutazione del rischio ai sensi del D.Lgs n. 81 del 09/04/2008, devono essere

    considerati anche quegli agenti chimici che, pur non essendo classificabili come pericolosi ai sensi dei

    Decreti Legislativi n. 52 del 03/02/1997 e n. 65 del 14/03/2003, possono comportare un rischio per la

    sicurezza e la salute dei lavoratori a causa di loro propriet chimico-fisiche, chimiche e tossicologiche e

    del modo in cui sono utilizzati o presenti sul luogo di lavoro, compresi gli agenti chimici cui stato

    assegnato un valore limite di esposizione professionale.

    A tale proposito, lo stesso D.Lgs n. 81 del 09/04/2008 stabilisce anche le seguenti definizioni:

    attivit che comporta la presenza di agenti chimici: ogni attivit lavorativa in cui sono utilizzati

    agenti chimici, o se ne prevede l'utilizzo, in ogni tipo di procedimento, compresi la produzione, la

  • 38

    manipolazione, l'immagazzinamento, il trasporto o l'eliminazione e il trattamento dei rifiuti, o che

    risultino da tale attivit lavorativa;

    valore limite di esposizione professionale: se non diversamente specificato, costituisce il limite

    della concentrazione media ponderata nel tempo di un agente chimico nell'aria all'interno della zona

    di respirazione di un lavoratore in relazione ad un determinato periodo di riferimento; un primo

    elenco di tali valori riportato nell'allegato XXXVIII di tale Decreto;

    valore limite biologico: costituisce il limite della concentrazione del relativo agente, di un suo

    metabolita, o di un indicatore di effetto, nell'appropriato mezzo biologico; un primo elenco di tali

    valori riportato nell'allegato XXXIX di tale Decreto;

    sorveglianza sanitaria: la valutazione dello stato di salute del singolo lavoratore in funzione

    dell'esposizione ad agenti chimici sul luogo di lavoro;

    pericolo: la propriet intrinseca di un agente chimico di poter produrre effetti nocivi;

    rischio: la probabilit che si raggiunga il potenziale nocivo nelle condizioni di utilizzazione o

    esposizione.

    Uno degli obblighi del Datore di Lavoro consiste nella determinazione preliminare dell'eventuale

    presenza di agenti chimici pericolosi sul luogo di lavoro nella valutazione dei rischi per la sicurezza e la

    salute dei lavoratori derivanti dalla presenza di tali agenti, prendendo in considerazione in particolare:

    le loro propriet pericolose;

    le informazioni sulla salute e sicurezza comunicate dal responsabile dell'immissione sul mercato

    tramite la relativa scheda di sicurezza predisposta ai sensi dei Decreti Legislativi n. 52 del

    03/02/1997 e n. 65 del 14 marzo 2003, e successive modifiche;

    il livello, il tipo e la durata dell'esposizione;

    le circostanze in cui viene svolto il lavoro in presenza di tali agenti, compresa la quantit degli stessi;

    i valori limite di esposizione professionale o i valori limite biologici;

    gli effetti delle misure preventive e protettive adottate o da adottare;

    se disponibili, le conclusioni tratte da eventuali azioni di sorveglianza sanitaria gi intraprese.

    Nella valutazione dei rischi sono incluse le attivit, compresa la manutenzione e la pulizia, per le quali

    prevedibile la possibilit di notevole esposizione o che, per altri motivi, possono provocare effetti

    nocivi per la salute e la sicurezza, anche dopo l'adozione di tutte le misure tecniche. Nel caso di attivit

    lavorative che comportano l'esposizione a pi agenti chimici pericolosi, i rischi sono valutati in base al

    rischio che comporta la combinazione di tutti i suddetti agenti chimici.

  • 39

    I rischi derivanti da agenti chimici pericolosi sono eliminati o ridotti al minimo mediante le seguenti

    misure:

    1) progettazione e organizzazione dei sistemi di lavorazione sul luogo di lavoro;

    2) fornitura di attrezzature idonee per il lavoro specifico e relative procedure di manutenzione

    adeguate;

    3) riduzione al minimo del numero di lavoratori che sono o potrebbero essere esposti;

    4) riduzione al minimo della durata e dell'intensit dell'esposizione;

    5) misure igieniche adeguate;

    6) riduzione al minimo della quantit di agenti presenti sul luogo di lavoro in funzione delle necessit

    della lavorazione;

    7) metodi di lavoro appropriati comprese le disposizioni che garantiscono la sicurezza nella

    manipolazione, nell'immagazzinamento e nel trasporto sul luogo di lavoro di agenti chimici

    pericolosi nonch dei rifiuti che contengono detti agenti chimici.

    Il Datore di Lavoro, sulla base dell'attivit e della valutazione dei rischi ha lobbligo di provvedere

    affinch il rischio sia eliminato o ridotto mediante la sostituzione, qualora la natura dell'attivit lo

    consenta, con altri agenti o processi che, nelle condizioni di uso, non sono o sono meno pericolosi per

    la salute dei lavoratori. Nei casi in cui la natura dell'attivit non consente di eliminare il rischio

    attraverso la sostituzione il Datore di Lavoro garantisce che il rischio sia ridotto mediante l'applicazione

    delle seguenti misure da adottarsi nel seguente ordine di priorit:

    a) progettazione di appropriati processi lavorativi e controlli tecnici, nonch uso di attrezzature e

    materiali adeguati;

    b) appropriate misure organizzative e di protezione collettive alla fonte del rischio;

    c) misure di protezione individuali, compresi i dispositivi di protezione individuali, qualora non si

    riesca a prevenire con altri mezzi l'esposizione;

    d) sorveglianza sanitaria dei lavoratori.

    Il Datore di Lavoro, periodicamente ed ogni qualvolta sono modificate le condizioni che possono

    influire sull'esposizione, provvede ad effettuare la misurazione degli agenti che possono presentare un

    rischio per la salute, con metodiche appropriate e con particolare riferimento ai valori limite di

    esposizione professionale e per periodi rappresentativi dell'esposizione in termini spazio temporali. Nel

    caso in cui viene superato un valore limite di esposizione professionale stabilito dalla normativa vigente

    il datore di lavoro identifica e rimuove le cause che hanno cagionato tale superamento dell'evento,

    adottando immediatamente le misure appropriate di prevenzione e protezione. I risultati delle

    misurazioni devono essere allegati ai documenti di valutazione dei rischi e resi noti ai rappresentanti per

  • 40

    la sicurezza dei lavoratori. Sulla base della valutazione dei rischi e dei principi generali di prevenzione e

    protezione, il datore di lavoro adotta le misure tecniche e organizzative adeguate alla natura delle

    operazioni, compresi l'immagazzinamento, la manipolazione e l'isolamento di agenti chimici

    incompatibili fra di loro; in particolare, il datore di lavoro previene sul luogo di lavoro la presenza di

    concentrazioni pericolose di sostanze infiammabili o quantit pericolose di sostanze chimicamente

    instabili.

    Nelle tabelle successiva vengono indicati i fattori di rischio a cui sono soggetti i lavoratori dei vari

    gruppi omogenei e le relative misure di prevenzione e protezione generali da adottare da parte del

    Datore di Lavoro e dei lavoratori.

  • 41

    SCHEDA RIASSUNTIVA DEL RISCHIO DA AGENTI CHIMICI

    VALUTAZIONE ESPOSIZIONE RISCHIO CHIMICO

    Gruppi omogenei esposti Luogo di

    esposizione Fattore di rischio Misure di prevenzione e protezione

    3. impiegati Tecnici

    5. Manovratore

    6. Addetti alla manutenzione impianti

    tecnologici

    7. Operatori settore Manutenzione

    Impianti Fissi (armamento e sede

    ferroviaria)

    LINEE E

    DEPOSITI

    ACIDO PER

    BATTERIE,

    DISERBANTI,

    ERBICIDA,

    OLII

    LUBRIFICANTI.

    DATORE DI LAVORO:

    - Stabilire procedure di controllo degli acquisti

    - Fornire ai lavoratori prodotti adeguati e marcati CE

    - Fornire le schede di sicurezza

    - Inf / formare i lavoratori circa lutilizzo dei prodotti e dei DPI

    - Fornire un luogo sicuro per la conservazione dei prodotti

    - Assicurare manutenzione e corretto funzionamento delle apparecchiature che necessitano lutilizzo delle sostanze a fianco elencate

    - Disporre servizi sanitari adeguati per i lavoratori, provvisti di docce con acqua calda e fredda

    - Fornire in dotazione ai lavoratori indumenti protettivi od altri indumenti idonei, da riporre in posti separati dagli abiti civili

    - Fornire i Dispositivi di Protezione Individuale idonei

    - Richiedere di pulire i dispositivi di protezione individuale dopo ogni utilizzazione, provvedendo altres a far riparare o sostituire quelli difettosi prima dell'utilizzazione successiva

    LAVORATORI:

    - Attenersi scrupolosamente alle procedure

    - Consultare la scheda di sicurezza

    - Riporre sempre i prodotti dopo lutilizzo nellapposito spazio

    - Segnalare immediatamente qualunque anomalia

    - Avvisare immediatamente in caso di pericolo

  • 42

    MISURE SPECIFICHE PER RISCHIO DA AGENTI CHIMICI PERICOLOSI

    Come stabilito dal D.Lgs. 81/08 si proceduto a mettere in atto quanto segue.

    INCIDENTI O EMERGENZE

    Al fine di proteggere la salute e la sicurezza dei lavoratori dalle conseguenze di incidenti o di emergenze

    derivanti dalla presenza di agenti chimici pericolosi sul luogo di lavoro, vengono predisposte procedure

    di intervento adeguate da attuarsi al verificarsi di tali eventi. Tali misure comprendono esercitazioni di

    sicurezza da effettuarsi a intervalli connessi alla tipologia di lavorazione e la messa a disposizione di

    appropriati mezzi di pronto soccorso.

    Nel caso di incidenti o di emergenza, il Datore di Lavoro adotta immediate misure dirette ad attenuarne

    gli effetti ed in particolare, di assistenza, di evacuazione e di soccorso e ne informa i lavoratori. Il

    Datore di Lavoro adotta inoltre misure adeguate per porre rimedio alla situazione quanto prima. Ai

    lavoratori cui consentito operare nell'area colpita o ai lavoratori indispensabili all'effettuazione delle

    riparazioni e delle attivit necessarie, sono forniti indumenti protettivi, dispositivi di protezione

    individuale ed idonee attrezzature di intervento che devono essere utilizzate sino a quando persiste la

    situazione anomala. Nel caso di incidenti o di emergenza i soggetti non protetti devono

    immediatamente abbandonare la zona interessata.

    Il Datore di Lavoro adotta le misure necessarie per approntare sistemi d'allarme e altri sistemi di

    comunicazione necessari per segnalare tempestivamente l'incidente o l'emergenza.

    Le misure di emergenza sono contenute nel piano di emergenza previsto dal Decreto 10/03/98.

    INFORMAZIONE E FORMAZIONE PER I LAVORATORI

    Il Datore di Lavoro garantisce che i lavoratori o i loro rappresentanti dispongano di:

    dati ottenuti attraverso la valutazione del rischio e ulteriori informazioni ogni qualvolta modifiche

    importanti sul luogo di lavoro determinino un cambiamento di tali dati;

    informazioni sugli agenti chimici pericolosi presenti sul luogo di lavoro, quali l'identit degli agenti, i

    rischi per la sicurezza e la salute, i relativi valori limite di esposizione professionale e altre

    disposizioni normative relative agli agenti;

  • 43

    formazione ed informazioni su precauzioni ed azioni adeguate da intraprendere per proteggere loro

    stessi ed altri lavoratori sul luogo di lavoro;

    accesso ad ogni scheda dei dati di sicurezza messa a disposizione dal responsabile dell'immissione

    sul mercato ai sensi dei decreti legislativi 3 febbraio 1997, n. 52, e 14 marzo 2003, n. 65.

    Le suddette informazioni sono costituite da comunicazioni orali e dalla formazione e

    dall'addestramento individuali con il supporto di informazioni scritte, a seconda della natura e del grado

    di rischio rivelato dalla valutazione del rischio.

    SORVEGLIANZA SANITARIA AGENTI CHIMICI PERICOLOSI

    Ai sensi dell'articolo 41 del D.Lgs n. 81 del 09/04/2008 sono sottoposti a sorveglianza sanitaria i

    lavoratori esposti agli agenti chimici pericolosi per la salute che rispondono ai criteri per la

    classificazione come tossici, nocivi, sensibilizzanti, corrosivi, irritanti e cancerogeni.

    La sorveglianza sanitaria viene effettuata:

    1. prima di adibire il lavoratore alla mansione che comporta l'esposizione;

    2. periodicamente, di norma una volta l'anno o con periodicit diversa decisa dal medico competente

    con adeguata motivazione riportata nel documento di valutazione dei rischi e resa nota ai

    rappresentanti per la sicurezza dei lavoratori, in funzione della valutazione del rischio e dei risultati

    della sorveglianza sanitaria;

    3. all'atto della cessazione del rapporto di lavoro. In tale occasione il medico competente deve fornire

    al lavoratore le eventuali indicazioni relative alle prescrizioni mediche da osservare.

    Il monitoraggio biologico obbligatorio per i lavoratori esposti agli agenti per i quali stato fissato un

    valore limite biologico. Dei risultati di tale monitoraggio viene informato il lavoratore interessato. I

    risultati di tale monitoraggio, in forma anonima, vengono allegati al documento di valutazione dei rischi

    e comunicati ai rappresentanti per la sicurezza dei lavoratori. Nel caso in cui all'atto della sorveglianza

    sanitaria si evidenzi, in un lavoratore o in un gruppo di lavoratori esposti in maniera analoga ad uno

    stesso agente, l'esistenza di effetti pregiudizievoli per la salute imputabili a tale esposizione o il

    superamento di un valore limite biologico, il medico competente informa individualmente i lavoratori

    interessati ed il datore di lavoro. L'organo di vigilanza, con provvedimento motivato, pu disporre

    contenuti e periodicit della sorveglianza sanitaria diversi rispetto a quelli definiti dal medico

    competente.

  • 44

    NOTA

    Nelle tabelle delle pagine precedenti stato riportato lelenco dei prodotti chimici e degli olii

    utilizzati per alcune attivit di UMBRIA TPL E MOBILITA SPA custoditi presso il deposito

    di Marsciano. Inoltre, nelle pagine precedenti, sono state indicate le misure di prevenzione e

    protezione generali.

    Poich i prodotti chimici sono utilizzati dai lavoratori in relazione alle specifiche mansioni e

    quindi ai gruppi omogenei di appartenenza, nella sezione INFORMAZIONE del presente

    DVR sono riportate le schede di rischio per ciascun gruppo omogeneo di lavoratori.

    Tali schede che illustrano per ciascun gruppo omogeneo di lavoratori i rischi specifici e le

    relative misure di prevenzione e protezione sono utilizzate come documento per la inf /

    formazione dei lavoratori ai quali vengono consegnate ed illustrate.

    Pertanto, in tali schede sono specificati i prodotti chimici, ivi compresi grassi ed olii, che

    ciascun lavoratore si trova ad utilizzare in relazione alla propria mansione e sono indicati i

    rischi e le misure di prevenzione e protezione a cui attenersi.

    In aggiunta, i lavoratori sono inf / formati circa le indicazioni contenute nelle schede di

    sicurezza dei prodotti chimici e la modalit di consultazione. Le schede di sicurezza sono a

    disposizione dei lavoratori presso il deposito di Marsciano.

    Analogamente la segnaletica di sicurezza ed i simboli presenti sulle confezioni dei prodotti

    chimici e sulle schede di sicurezza degli stessi sono oggetto di inf / formazione ai lavoratori.

  • 45

    ALTRI AGENTI DI RISCHIO CHIMICO

    Infine, come in tutti gli ambienti di lavoro destinati ad attivit collettive, nella ditta possono essere

    presenti problematiche di inquinamento indoor (CO2, CO, SOV, PARTICOLATO) soprattutto di

    natura antropica, in grado di determinare effetti avversi transitori sui lavoratori, di natura irritante o

    sensibilizzante. La prevenzione dei rischi connessi a detti inquinanti legata soprattutto alla presenza di

    efficaci sistemi (naturali e/o artificiali) di ricambio dell'aria e di aspirazione.

    Ovviamente il DIVIETO DI FUMARE costituisce una azione di prevenzione primaria in quanto il

    fumo di sigarette rappresenta un inquinante ambientale estremamente pericoloso ed in grado non solo

    di determinare danni (bronchite cronica ostruttiva, malattie cardiovascolari, cancro del polmone) al

    fumatore attivo e passivo, ma anche di aumentare il potere lesivo di altri inquinanti aerei (amianto,

    vapori metallici, ).

    Nel ciclo aziendale non esistono altre fonti di inquinamento specifiche anche se occorre ricordare che

    alcuni soggetti (cosiddetti ipersensibili) possono manifestare effetti avversi, respiratori e cutanei, anche

    in presenza di inquinanti ambientali (polveri inorganiche e organiche) non specifici ed in

    concentrazione compatibile con gli standards di qualit dell'aria.

    Ulteriori pericoli di natura chimica sono costituiti dalle tante sostanze e materiali (solidi, liquidi, gassosi)

    occasionalmente utilizzati per la pulizia dei locali di lavoro (disinfettanti, detergenti, solventi, ).

    Il contatto con tali sostanze pu essere di tipo irritante e sensibilizzante acuto e cronico.

    Tale attivit non viene svolta dai lavoratori di UMBRIA TPL E MOBILITA SPA in quanto affidata a

    personale esterno specializzato.

  • 46

    Nella tabella seguente vengono indicati i fattori di rischio chimico derivanti dallutilizzo di prodotti

    classificati come pericolosi da parte della ditta esterna specializzata preposta alla pulizia dei locali.

    SCHEDA RIASSUNTIVA DEL RISCHIO DA ALTRI AGENTI CHIMICI

    VALUTAZIONE ESPOSIZIONE ALTRI AGENTI RISCHIO CHIMICO

    Gruppi omogenei esposti Luogo di

    esposizione Fattore di rischio Misure di prevenzione e protezione

    1 personale uffici

    2 personale DCO

    3 impiegati Tecnici

    UFFICI

    PRODOTTI PER

    LE PULIZIE

    INQUINAMENTO

    INDOOR

    DATORE DI LAVORO:

    - Consentire esclusivamente al personale specializzato la pulizia dei luoghi di lavoro

    - Assicurare la non accessibilit ai prodotti chimici da parte dei lavoratori

    LAVORATORI:

    - Aerare sempre i locali

    - Rispettare il divieto di fumare

    4. Capi stazione

    TRENI

    E

    STAZIONI

    PRODOTTI PER

    LE PULIZIE

    INQUINAMENTO

    INDOOR

    DATORE DI LAVORO:

    - Consentire esclusivamente al personale specializzato la pulizia del materiale rotabile

    - Assicurare la non accessibilit ai prodotti chimici da parte dei lavoratori

    LAVORATORI:

    - Aerare sempre i locali delle vetture

    - Rispettare il divieto di fumare e di utilizzare fiamme libere

  • 47

    C4.2.1) RISCHIO DA AGENTI CHIMICI CANCEROGENI E

    MUTAGENI

    Ai sensi del D.Lgs n. 81 del 09/04/2008 si intende per agente cancerogeno:

    una sostanza che risponde ai criteri relativi alla classificazione quali categorie cancerogene 1 o 2,

    stabiliti ai sensi del decreto legislativo 3 febbraio 1997, n. 52;

    un preparato contenente una o pi sostanze con concentrazioni tali da rispondere ai requisiti

    relativi ai limiti di concentrazione per la classificazione di un preparato nelle categorie cancerogene

    1 o 2 in base ai criteri stabiliti dai decreti legislativi 3 febbraio 1997, n. 52, e 14 marzo 2003, n. 65;

    una sostanza, un preparato o un processo di cui all'allegato XLII, nonch una sostanza od un

    preparato emessi durante un processo previsto dall'allegato XLII.

    Si definisce valore limite, se non altrimenti specificato, il limite della concentrazione media,

    ponderata in funzione del tempo, di un agente cancerogeno o mutageno nell'aria, rilevabile entro la

    zona di respirazione di un lavoratore, in relazione ad un periodo di riferimento determinato, stabilito

    nell'allegato XLIII.

    Presso limpresa UMBRIA TPL E MOBILITA SPA non vengono utilizzati prodotti chimici

    classificati come cancerogeni e mutageni.

    Il Datore di Lavoro, nella scelta dei prodotti chimici evita di acquistare prodotti chimici

    classificati come cancerogeni (frasi di rischio: R40, R45, R46, R49, R60, R61, R62, R63).

    VALUTAZIONE DEL RISCHIO

    La valutazione del rischio ai sensi del D.Lgs n. 81 del 09/04/2008 tiene conto, in particolare, delle

    caratteristiche delle lavorazioni, della loro durata e della loro frequenza, dei quantitativi di agenti

    cancerogeni prodotti o utilizzati, della loro concentrazione, della capacit degli stessi di penetrare

    nell'organismo per le diverse vie di assorbimento, anche in relazione al loro stato di aggregazione. La

    valutazione deve tener conto di tutti i possibili modi di esposizione, compreso quello in cui vi

    assorbimento cutaneo. Il Datore di Lavoro, in relazione ai risultati ottenuti dalla valutazione ha

    lobbligo di adottare le opportune misure preventive e protettive, adattandole alle particolarit delle

    varie situazioni lavorative. Nel documento di valutazione sono indicati:

    le attivit lavorative che comportano la presenza di sostanze o preparati cancerogeni o di processi

    industriali di cui all'allegato XLII, con l'indicazione dei motivi per i quali sono impiegati agenti

    cancerogeni;

  • 48

    i quantitativi di sostanze o preparati cancerogeni utilizzati;

    il numero dei lavoratori esposti ovvero potenzialmente esposti ad agenti cancerogeni;

    l'esposizione dei suddetti lavoratori e il grado della stessa;

    le misure preventive e protettive applicate ed il tipo dei dispositivi di protezione individuale

    utilizzati;

    le indagini svolte per la possibile sostituzione degli agenti cancerogeni e le sostanze e i preparati

    eventualmente utilizzati come sostituti.

    Il Datore di Lavoro rispetta lobbligo di:

    assicurare, applicando metodi e procedure di lavoro adeguati, che nelle varie operazioni lavorative

    sono impiegati quantitativi di agenti cancerogeni non superiori alle necessit delle lavorazioni e che

    gli agenti cancerogeni in attesa di impiego, in forma fisica tale da causare rischio di introduzione,

    non sono accumulati sul luogo di lavoro in quantitativi superiori alle necessit predette;

    limitare al minimo possibile il numero dei lavoratori esposti o che possono essere esposti ad agenti

    cancerogeni, anche isolando le lavorazioni in aree predeterminate provviste di adeguati segnali di

    avvertimento e di sicurezza, compresi i segnali vietato fumare, ed accessibili soltanto ai lavoratori

    che debbono recarvisi per motivi connessi con la loro mansione o con la loro funzione. In dette

    aree fatto divieto di fumare;progettare, programmare e sorvegliare le lavorazioni in modo che non

    vi sia emissione di agenti cancerogeni nell'aria o, in ogni caso, l'eliminazione degli agenti

    cancerogeni deve avvenire il pi vicino possibile al punto di emissione mediante aspirazione

    localizzata. L'ambiente di lavoro comunque dotato di un adeguato sistema di ventilazione

    generale;

    provvedere alla misurazione di agenti cancerogeni per verificare l'efficacia delle misure adottate e

    per individuare precocemente le esposizioni anomale causate da un evento non prevedibile o da un

    incidente, con metodi di campionatura e di misurazione conformi alle indicazioni dell'allegato XLI

    al D.Lgs n. 81 del 09/04/2008;

    provvedere alla regolare e sistematica pulitura dei locali, delle attrezzature e degli impianti;

    elaborare procedure per i casi di emergenza che possono comportare esposizioni elevate;

    assicurare che gli agenti cancerogeni o mutageni sono conservati, manipolati, trasportati in

    condizioni di sicurezza;

    assicurare che la raccolta e l'immagazzinamento, ai fini dello smaltimento degli scarti e dei residui

    delle lavorazioni contenenti agenti cancerogeni, avvengano in condizioni di sicurezza, in particolare

    utilizzando contenitori ermetici etichettati in modo chiaro, netto, visibile;

  • 49

    disporre, su conforme parere del medico competente, misure protettive particolari con quelle

    categorie di lavoratori per i quali l'esposizione a taluni agenti cancerogeni o mutageni presenta rischi

    particolarmente elevati.

    Nelle zone di lavoro soggette a rischio per agenti cancerogeni vietato assumere cibi e bevande,

    fumare, conservare cibi destinati al consumo umano, usare pipette a bocca e applicare cosmetici.

    Le misure tecniche che il Datore di Lavoro ha lobbligo di adottare sono le seguenti:

    1. assicurare che i lavoratori dispongano di servizi igienici appropriati ed adeguati;

    2. disporre che i lavoratori abbiano in dotazione idonei indumenti protettivi da riporre in posti

    separati dagli abiti civili;

    3. provvedere affinch i dispositivi di protezione individuale siano custoditi in luoghi determinati,

    controllati e puliti dopo ogni utilizzazione, provvedendo a far riparare o sostituire quelli difettosi o

    deteriorati, prima di ogni nuova utilizzazione.

    Il Datore di Lavoro fornisce inoltre ai lavoratori, sulla base delle conoscenze disponibili, informazioni

    ed istruzioni, in particolare per quanto riguarda:

    gli agenti cancerogeni presenti nei cicli lavorativi, la loro dislocazione, i rischi per la salute connessi

    al loro impiego, ivi compresi i rischi supplementari dovuti al fumare;

    le precauzioni da prendere per evitare l'esposizione;

    le misure igieniche da osservare;

    la necessit di indossare e impiegare indumenti di lavoro e protettivi e dispositivi individuali di

    protezione ed il loro corretto impiego;

    il modo di prevenire il verificarsi di incidenti e le misure da adottare per ridurre al minimo le

    conseguenze.

    Il Datore di Lavoro provvede inoltre affinch gli impianti, i contenitori, gli imballaggi contenenti agenti

    cancerogeni o mutageni siano etichettati in maniera chiaramente leggibile e comprensibile. I

    contrassegni utilizzati e le altre indicazioni sono conformi al disposto dei Decreti Legislativi 3 febbraio

    1997, n. 52, e 14 marzo 2003, n. 65, e successive modificazioni.

    Qualora si verifichino eventi non prevedibili o incidenti che possono comportare un'esposizione

    anomala dei lavoratori ad agenti cancerogeni o mutageni, il Datore di Lavoro adotta quanto prima

    misure appropriate per identificare e rimuovere la causa dell'evento ed informarne i lavoratori e il

    rappresentante per la sicurezza. In tali casi i lavoratori devono abbandonare immediatamente l'area

    interessata, cui possono accedere soltanto gli addetti agli interventi di riparazione ed ad altre operazioni

  • 50

    necessarie, indossando idonei indumenti protettivi e dispositivi di protezione delle vie respiratorie,

    messi a loro disposizione dal datore di lavoro. In ogni caso l'uso dei dispositivi di protezione non pu

    essere permanente e la sua durata, per ogni lavoratore, limitata al tempo strettamente necessario. Per

    le operazioni lavorative, come quella di manutenzione, per le quali prevedibile, nonostante l'adozione

    di tutte le misure di prevenzione tecnicamente applicabili, un'esposizione rilevante dei lavoratori addetti

    ad agenti cancerogeni, il Datore di Lavoro, previa consultazione del rappresentante per la sicurezza,

    soggetto ai seguenti obblighi:

    disporre che soltanto tali lavoratori abbiano accesso alle suddette aree anche provvedendo, ove

    tecnicamente possibile, all'isolamento delle stesse ed alla loro identificazione mediante appositi

    contrassegni;

    fornire ai lavoratori speciali indumenti e dispositivi di protezione individuale che devono essere

    indossati dai lavoratori adibiti alle suddette operazioni.

    La presenza in tali aree dei lavoratori addetti in ogni caso ridotta al tempo strettamente necessario con

    riferimento alle lavorazioni da espletare.

    SORVEGLIANZA SANITARIA AGENTI CANCEROGENI

    I lavoratori per i quali la valutazione dei rischi descritta ha evidenziato un rischio per la salute sono

    sottoposti a sorveglianza sanitaria. Il Datore di Lavoro, su conforme parere del medico competente, ha

    lobbligo di adottare misure preventive e protettive per i singoli lavoratori sulla base delle risultanze

    degli esami clinici e biologici effettuati. Nei casi in cui gli accertamenti sanitari abbiano evidenziato, nei

    lavoratori esposti in modo analogo ad uno stesso agente, l'esistenza di una anomalia imputabile a tale

    esposizione, il medico competente ne informa il datore di lavoro, che a sua volta tenuto ad effettuare

    una nuova valutazione del rischio in conformit all'articolo 236 del D.Lgs n. 81 del 09/04/2008 e, ove

    sia tecnicamente possibile, una misurazione della concentrazione dell'agente in aria per verificare

    l'efficacia delle misure adottate.

    I lavoratori sottoposti a sorveglianza sanitaria sono iscritti in un registro nel quale riportata, per

    ciascuno di essi, l'attivit svolta, l'agente cancerogeno utilizzato e, se noto, il valore dell'esposizione a

    tale agente. Tale registro istituito ed aggiornato dal Datore di Lavoro, che ne cura la tenuta per il

    tramite del medico competente. Il responsabile del servizio di prevenzione ed i rappresentanti per la

    sicurezza hanno accesso a detto registro.

    Il Datore di Lavoro comunica ai lavoratori interessati, su richiesta, le relative annotazioni individuali

    contenute nel registro e i dati della cartella sanitaria e di rischio. I modelli e le modalit di tenuta del

  • 51

    registro e delle cartelle sanitarie e di rischio sono determinati dal decreto del Ministro della Salute n. 155

    del 12/07/2007, ed aggiornati con decreto dello stesso Ministro, adottato di concerto con il Ministro

    del Lavoro e della Previdenza Sociale e con il Ministro per le Riforme e le Innovazioni nella Pubblica

    Amministrazione.

    SCHEDA RIASSUNTIVA DEL RISCHIO DA AGENTI CANCEROGENI E MUTAGENI

    LAVORATORI ESPOSTI: NESSUNO

    I LAVORATORI DI UMBRIA TPL E MOBILITA SPA NON SONO ESPOSTI AD

    AGENTI CANCEROGENI E/O MUTAGENI NEI LUOGHI DI LAVORO.

    IL DATORE DI LAVORO, NELLA SCELTA DEI PRODOTTI CHIMICI EVITA DI

    ACQUISTARE PRODOTTI CHIMICI CLASSIFICATI COME CANCEROGENI E

    MUTAGENI

  • 52

    C4.2.2) RISCHIO DA ESPOSIZIONE AD AMIANTO

    La presenza di M.C.A. stata fatta oggetto di limitazioni legislative in quanto ampiamente dimostrato

    che le fibre di detto materiale possiedono unazione cancerogena per luomo. La legge n. 257 del

    27/0/3/1992, infatti, detta le norme relative alla cessazione dellimpiego dellamianto. Tuttavia, essendo

    ancora i MCA largamente presenti e/o utilizzati negli ambienti di vita e di lavoro, necessario che i

    possessori di tali materiali provvedano ad una loro valutazione al fine di analizzarne lo stato ed il

    conseguente rischio di cessione di fibre.

    In tal