il cinema e le sue trame invisibili Presentazione ottobre In viaggio con Calvino il cinema e le sue page 1
il cinema e le sue trame invisibili Presentazione ottobre In viaggio con Calvino il cinema e le sue page 2

il cinema e le sue trame invisibili Presentazione ottobre In viaggio con Calvino il cinema e le sue

Embed Size (px)

Text of il cinema e le sue trame invisibili Presentazione ottobre In viaggio con Calvino il cinema e le sue

1-5 ottobreIn viaggio con Calvinoil cinema e le sue trameinvisibiliScrittore, cinefilo, critico, teorico, cosmonauta dellimmagi-nario, soggettista e sceneggiatore, documentarista, intellet-tuale impegnato nella battaglia delle idee e giocatore negliapparati culturali, punto di riferimento vitale per i cineasti delXXI secolo, gli esploratori della verit della vita globalizzata.Allinterno di una mostra in progress (In viaggio con Calvino)ecco una rassegna di film a soggetto calviniano, neo-post-realisti, anche industriali, o ispirati ai suoi scritti, comprese leopere che hanno con Calvino un rapporto di scambio adistanza, diretto e obliquo. il Calvino polemista, in attesadel Sacro Gra (Silvestri). uno degli scrittori che direttamente meno hanno con-tribuito al cinema italiano: qualche collaborazione a sceneg-giature [...]. Ma forse lo scrittore italiano che pi ha antici-pato nella propria opera limmaginario, le fascinazioni, le ten-denze del cinema internazionale contemporaneo: il mondomedievale rivissuto con ironia, luniverso magico ripetitivo efatale della fiaba, le cosmogonie fantastico-scientifiche, lecitt del sogno tra Oriente visionario e megalopoli moderna,la narrativa come processo combinatorio di elementipreesistenti, la narrazione come forma compiuta che possi-bile scomporre giocando col racconto come con gli scacchi(Tornabuoni).La rassegna, curata da Roberto Silvestri, organizzata daIXCO (Istituto Italiano per la Cooperazione o.n.g.), CasadellArchitettura, Cineteca Nazionale, Archivio NazionaleCinema dImpresa.

marted 1ore 17.00 Marcovaldo di Giuseppe Bennati (1 e 2 puntata)(1970, 120)Il Marcovaldo di Bennati presenta le tipiche caratteristichedegli sceneggiati televisivi Rai di quegli anni, vale a dire laderivazione letteraria, il riferimento al modello teatrale (pochele riprese in esterno), gli studi di produzione allestiti come unpalcoscenico con quinte e fondali, la grande qualit della reci-tazione (Santoro). Copia proveniente da Rai Teche

ore 19.15 Luomo fiammifero di Marco Chiarini (2009, 81) Simone, 11 anni e orfano di madre, vive col padre nella cam-pagna abruzzese dei primi anni Ottanta e frequenta Lorenza,due anni pi grande, e le figure immaginarie della sua fanta-sia incandescente. Un viaggio nelladolescenza, in bilico cal-viniano tra la realt della vita e la verit del sogno, dellacqua-rello, del disegno e della fantasia.

ore 21.00 Incontro con Marco Chiarini, Roberto Giannarellia seguire Lisola di Calvino di Roberto Giannarelli (2006, 61)Giornata a Ingresso gratuito

mercoled 2ore 17.00 Marcovaldo di Giuseppe Bennati (3 puntata)(1970, 60)Copia proveniente da Rai Teche - Ingresso gratuito

ore 18.15 America paese di Dio di Luigi Vanzi (1966, 126) Un concetto base che il documentario vuole comunicare che lAmerica non staccata dalla religiosit: la cerca, nesente il bisogno, talvolta la possiede in maniera esibizionisti-ca, ingenua o sbagliata. [] Le immagini sono talvolta criti-che, spietate, ma corrispondenti allesistente, verificate, nonovvie. Il testo [] nato dalle immagini, si sente che arriva-to a cose fatte, che lo scrittore (I. Calvino) ha tentato undiscorso proprio, non sempre ottenendo la necessaria fusio-ne (M. Verdone).

ore 21.00 Incontro con Drahomira Biligova, Alessandra Vanzia seguire Il cavaliere inesistente di Pino Zac (1969, 97)Zac ripropone sullo schermo senza particolari varianti i per-sonaggi di Calvino, mentre semplifica le loro peripezie traScozia, Marocco e reami immaginari, catturando in modoquanto mai convincente lo spirito fiabesco proprio del roman-zo. Dal canto loro, le gag comiche sono ben rese per il pia-cere del pubblico infantile, cui il film destinato secondo leintenzioni della produzione (Santoro).Ingresso gratuito

gioved 3ore 17.00 Marcovaldo di Giuseppe Bennati (4 e 5 puntata)(1970, 120)Copia proveniente da Rai Teche

ore 19.15 Lavventura di un soldato di Nino Manfredi (ep.de Lamore difficile, 1963, 24) Mediometraggio che Nino Manfredi ricava dallomonimoprimo racconto scritto nel 1949 della raccolta Gli amoridifficili. [] Lamore difficile quello di un soldato(Manfredi), che nello scompartimento di un treno siamo inuna torrida giornata estiva tenta testardamente di ottenerei favori di una vedova tanto giovane, bella e prosperosaquanto silenziosa (Fulvia Franco) (Santoro).

a seguire Renzo e Luciana di Mario Monicelli (ep. di Boccaccio70, 1962, 42) Il racconto del 1958, Lavventura di due sposi, inserito nellaraccolta Gli amori difficili, alla base di Renzo e Luciana diMario Monicelli. [] Per Monicelli Calvino scrive un soggetto diundici pagine dattiloscritte, ripartito in sette episodi. [] Arpino,alla sua prima esperienza cinematografica, si mette al lavoro sultesto di Calvino, finendo per stravolgerlo completamente: lo ritie-ne troppo alla Ren Clair (Santoro).

ore 20.45 Incontro con Marco Visalberghia seguire Lo specchio di Calvino di Damian Pettigrew (2012,77)Giornata a ingresso gratuito

venerd 4ore 17.00 Marcovaldo di Giuseppe Bennati (6 puntata) (1970,60)Copia proveniente da Rai Teche - Ingresso gratuito

ore 18.15 Le Chant du Styrene di Alais Resnais (1958, 13) Nel 1985, il Progetto Cultura Montedison propone a Italo Calvino pochi mesi prima della sua prematura scomparsa di tradur-re il testo che Raymond Queneau scrisse nel 1958 per Le Chantdu Styrne di Alain Resnais. Il documentario, in origine, era unfilm dimpresa, commissionato dal gruppo chimico Pechiney,per raccontare le creazione del polistirene.

a seguire Citt di Pavese (Torino) di Massimo Mida (1960, 15)La citt di Pavese mostra una Torino crepuscolare, una citt chesembra non avere un centro, fatta di terrains vagues, di quar-tieri in costruzione, strade sterrate, ancora quasi senza nome,mentre soltanto il fiume e la collina le imprimono tocco di colore.

a seguire Giorni di furore di Alfieri Canavero, GiovanniCanavero, Gianni Dolino, Isacco Nahoum (1963, 106)Giorni di furore riecheggia nel titolo Giorni di gloria, girato allal-ba della Liberazione da Visconti, De Santis e Marcello Pagliero.Documentario di montaggio oltre a scene gi utilizzate inGiorni di gloria si riconoscono immagini tratte dal documentariodi Fernando Cerchio Aldo dice 26 x 1 viene realizzato per cele-brare il ventennale della Resistenza da un gruppo di intellettualie tecnici di area comunista. Programma a cura di Sergio Toffetti

ore 20.45 Incontro con Gianfranco Rosi e Vito SantoroNel corso dellincontro verr presentato il libro di Vito Santoro Calvino e il cinema (Quodlibet, 2012)a seguire Tanti futuri possibili. Con Renato Nicolini diGianfranco Rosi (2012, 30)Renato Nicolini, seduto dentro un mini-van che corre lungo ilGrande Raccordo Anulare di Roma racconta, tra suggestionimetafisiche, considerazioni antropologiche, urbanistiche e calci-stiche, calcoli matematici, utopie politiche e leggende metropoli-tane, lopera dellingegner Gra. Ingresso gratuitoa seguire Cinema 70 (1969, 5)a seguire Buonasera con Italo Calvino (1979, 25)a seguire Calvino (1992, 13)a seguire Tortuga (1993, 35)Copie provenienti da Rai Teche - Ingresso gratuito

sabato 5ore 17.00 Domani accadr di Daniele Luchetti (1988, 90)Vite e avventura di due butteri (Paolo Hendel e GiovanniGuidelli) nella Maremma ottocentesca. La presenza di ItaloCalvino preponderante a vari livelli, dallonomastica a situazio-ni adattate da Il barone rampante, temi cari allo stesso autore,quali leducazione e lutopia, fino ad adottare la poetica del tardoCalvino ad un livello pi profondo, cio la messa in scena di unamolteplicit di storie soltanto cominciate allinterno di una stessacornice, secondo una struttura che rimanda alliper-romanzodello stesso Calvino, Se una notte dinverno un viaggiatore(Simone Testa).

ore 18.45 I soliti ignoti di Mario Monicelli (1958, 106)Il mio amico Furio Scarpelli dice che lepisodio de I soliti ignotiin cui i ladri cominciano a mangiare nella cucina dellapparta-mento dove erano andati per rubare gli ispirato da una mianovella, Furto in pasticceria (Calvino).

ore 20.45 Incontro con Carlo Di Carloa seguire Linseguimento di Carlo Di Carlo (1972, 23)Linseguimento (pubblicato per la prima volta sulle colonne delGiorno il 28 maggio 1967) [] presenta una situazione tem-poralmente sospesa: un killer e la sua vittima designata, non-ch io narrante, sono bloccati ognuno nella propria macchina nelmezzo di un ingorgo stradale (Santoro). Ingresso gratuito

a seguire Lavventura di un lettore di Carlo Di Carlo (1973, 34)Nel racconto del 1958 Lavventura di un lettore, contenuto negliAmori difficili, Calvino offre il ritratto di Amedeo Oliva, un uomoche ha ormai da tempo ridotto al minimo la sua partecipazionealla vita attiva. La sua vita ha una dimensione contemplativa. Ingresso gratuito

6-13 ottobreLa potenza del reale Il cinema di Francesco RosiDa oltre trentanni il cinema di Francesco Rosi si svolge comeuna veduta continua in cui alcuni aspetti della realt e della sto-

ria italiana vengono ripetutamente e periodicamente posti alcentro del fuoco prospettico. In nessun momento lautore rinun-cia a far sentire la propria presenza, a far pesare il proprio puntodi vista. Rosi uno dei pochi registi italiani del dopoguerra dota-to di uno sguardo panoramico e con una capacit di messa afuoco variabile del vicino e del lontano, che gli consente diabbracciare pi fenomeni e di osservare recursivit e metamor-fosi spazio-temporali, di ipotizzarne cause e conseguenze(Gian Piero Brunetta). La retrospettiva dedicata a FrancescoRosi nasce come sinergia tra Cineteca Nazionale, Rai Moviecon il programma Moviextra e Rai Teche.Si ringrazia per la collaborazione Officina Film Club di Roma.

domenica 6ore 16.30 La sfida di Francesco Rosi (1958, 87)Ambizioso giovanotto passa dal contrabbando di sigaretteallorganizzazione camorristica che controlla il mercato ortofrut-ticolo di Napoli, ma alza troppo la t