of 50/50
LA POLIPOSI NASALE

LA POLIPOSI NASALE. INTRODUZIONE La poliposi nasale è caratterizzata dalla presenza di formazioni multiple molli, lucide ed arrotondate derivanti dalla

  • View
    216

  • Download
    0

Embed Size (px)

Text of LA POLIPOSI NASALE. INTRODUZIONE La poliposi nasale è caratterizzata dalla presenza di formazioni...

  • Slide 1
  • LA POLIPOSI NASALE
  • Slide 2
  • INTRODUZIONE La poliposi nasale caratterizzata dalla presenza di formazioni multiple molli, lucide ed arrotondate derivanti dalla mucosa naso-sinusale edematosa, occupanti una od entrambe le fosse nasali ed uno o pi seni paranasali.
  • Slide 3
  • Slide 4
  • Slide 5
  • Slide 6
  • Slide 7
  • Slide 8
  • Slide 9
  • Slide 10
  • INTRODUZIONE Consegue al rilascio di sostanze ad azione edemigena, che avviene in corso di: Iperreattivit nasale aspecifica ( fattori ormonali, condizioni climatico-ambientali, stress, disturbi vasomotori ) Iperreattivit specifica (Allergia) Intolleranza a farmaci (FANS) Infezioni micotiche e/o batteriche Condizioni eredo-familiari o genetiche
  • Slide 11
  • EPIDEMIOLOGIA La poliposi nasale uniformemente distribuita tra la popolazione atopica e non I mastociti IgE+ sono riscontrabili solo nel 15% dei polipi di soggetti allergici e non lo sono affatto nei polipi di soggetti non allergici
  • Slide 12
  • PATOGENESI La reale patogenesi della poliposi nasale ancora sconosciuta, in quanto nessun fattore etiologico isolatamente considerato sembra essere responsabile della genesi del polipo nasale
  • Slide 13
  • PATOGENESI Due sono le teorie proposte come meccanismi di innesco: Teoria allergica Teoria infettiva
  • Slide 14
  • PATOGENESI Teoria allergica : basata sulla compresenza di rinorrea prurito nasale starnutazione riscontro nel fluido extracellulare del tessuto polipoide di mediatori della flogosi frequente associazione con lasma bronchiale.
  • Slide 15
  • PATOGENESI Teoria allergica : contraddetta da evidenze epidemiologiche (maggiore prevalenza della poliposi nasale nei soggetti con rinite ed asma di natura non allergica, ed una bassa incidenza della poliposi nei soggetti atopici -0,5%) Evidenze cliniche (lesposizione ad allergeni stagionali non comporta un rilevante peggioramento clinico della poliposi nasale)
  • Slide 16
  • PATOGENESI Teoria infettiva : basata sulla presenza di elementi batterici e/o micotici con funzione di stimolo flogistico cronico. Attualmente per i micofiti viene ipotizzato un ruolo immunoreattivo nella cosidetta sinusite allergica micotica, con una reazione tissutale infiammatoria tipicamente dominata dagli eosinofili.
  • Slide 17
  • PATOGENESI Indipendentemente dal meccanismo di innesco vengono liberati numerosi mediatori della flogosi come le citokine (interleukina 3,4,5,6,8), le amine vasoattive (istamina, serotonina, prostaglandine e leucotrieni), i fattori di crescita (TNF-, TNF-, VPF, VEGF, GM-CSF), le molecole di adesione (VCAM) che sono oggetto di intense ricerche.
  • Slide 18
  • PATOGENESI La flogosi provoca: Rottura della membrana epiteliale Riduzione della vascolarizzazione con prevalenza dellinnervazione vasocostrittrice Prolasso della lamina propria e sua epitelizzazione con graduale formazione del polipo
  • Slide 19
  • PATOGENESI Talvolta la poliposi nasale pu derivare da disordini della clearance muco-ciliare, come: Discinesia ciliare primitiva o Sd. di Kartagener (rinosinusite cronica, situs inversus, bronchiectasie e poliposi nasale) Fibrosi cistica (alterazione della costituzione chimica del muco)
  • Slide 20
  • PATOGENESI La poliposi nasale di frequente riscontro anche in associazione allasma bronchiale, in una percentuale oscillante tra il 20 ed il 50% (Sd. Rino-bronchiale). I polipi nasali sono statisticamente pi frequenti nei pazienti affetti da asma bronchiale di natura non allergica steroido- dipendente, con insorgenza tardiva (10aa) rispetto allasma bronchiale.
  • Slide 21
  • PATOGENESI La poliposi nasale presente nel contesto della malattia da intolleranza allacido acetilsalicilico (ASA), che sembra legata a meccanismi di natura extra-allergica pseudo-immunologica per disturbi del metabolismo dellacido arachidonico.
  • Slide 22
  • PATOGENESI Lintolleranza allASA presente nel 10- 35% dei pazienti affetti da poliposi nasale. La poliposi nasale presente nel 60-90% dei pazienti con intolleranza allASA primaria
  • Slide 23
  • PATOGENESI La poliposi nasale pu accompagnare altre patologie sistemiche come: Sd. di Churg-Strauss (50%), Intolleranza allalcool (50%) Sd. di Young ( rinosinusite cronica, azospermia e poliposi nasale ) NARES ( Non Allergic Rhinitis Eosinophilic Syndrome ).
  • Slide 24
  • CLINICA Rinite perenne con ostruzione respiratoria nasale subcontinua Rinolalia chiusa anteriore e/o posteriore Roncopatia Iposmia Rinorrea siero-mucosa Algie cranio-facciali Lacrimazione Ipo/anosmia Disgeusia
  • Slide 25
  • DIAGNOSI Alla rinoscopia anteriore e posteriore e/o con lausilio delle fibre ottiche, i polipi nasali appaiono come masse peduncolate dallaspetto gelatinoso e translucido, di colore grigio-giallastro, di consistenza molle, non dolenti e scarsamente sanguinanti al toccamento.
  • Slide 26
  • DIAGNOSI I polipi nasali presentano inserzioni variabili: Intorno al meato medio, in particolare a livello della parete laterale, in prossimit degli osti delle cellule etmoidali Met posteriore e tetto del meato medio Parete laterale e tetto delle fosse nasali
  • Slide 27
  • DIAGNOSI Un ausilio fondamentale alla clinica rappresentato dalla diagnostica per immagini: Rx diretta dei seni paranasali Tomografia computerizzata Risonanza magnetica
  • Slide 28
  • DIAGNOSI Rx diretta seni paranasali: Mediante craniostato, nelle tre proiezioni fondamentali (laterale, assiale o sub- mento vertice, postero-anteriore) ha oggi un puro valore storico
  • Slide 29
  • DIAGNOSI Tomografia computerizzata: La Tc spirale rappresenta la metodica elettiva per lo studio delle strutture ossee, consentendo di individuare, tra laltro, gli accumuli di materiali micotici.
  • Slide 30
  • DIAGNOSI Risonanza magnetica: Metodica elettiva indicata per lo studio delle parti molli e per lulteriore approfondimento diagnostico di eventuali patologie micotiche.
  • Slide 31
  • DIAGNOSI Masse bilaterali asimmetriche o simmetriche Assottigliamento delle pareti ossee che pu giungere ad una vera e propria osteolisi a margini regolari. Eventuale osteocondensazione reattiva
  • Slide 32
  • Slide 33
  • Slide 34
  • Slide 35
  • Slide 36
  • Slide 37
  • Slide 38
  • Slide 39
  • Slide 40
  • DIAGNOSI ESAME ISTOLOGICO
  • Slide 41
  • DIAGNOSI DIFFERENZIALE CLINICA: Caratteri differenziali sono lo sviluppo esclusivamente unilaterale, la friabilit, il facile sanguinamento, oltre che, ovviamente, la diagnosi istologica.
  • Slide 42
  • DIAGNOSI DIFFERENZIALE ISTOLOGICA: Carcinoma squamoso Sarcoma Angiofibroma Papilloma invertito Melanoma Neuroestesioblastoma
  • Slide 43
  • COMPLICANZE Sinusiti da sovrapposizioni batteriche e/o micotiche (osso, orbita, SNC). Deformit di natura estetica (Sd. di Woakes) Invasione orbitaria
  • Slide 44
  • Slide 45
  • TRATTAMENTO Al momento il trattamento prevalentemente chirurgico Chirurgia tradizionale Chirurgia microinvasiva (Functional Endoscopic Sinus Surgery FESS)
  • Slide 46
  • TRATTAMENTO La tendenza della poliposi nasale alla recidiva continua ad essere una costante (fino al 40% dei casi soprattutto se associati ad asma bronchiale ed intolleranza allASA). E pertanto fondamentale: Stretto follow-up del paziente Terapie mediche di supporto post- operatorio
  • Slide 47
  • TRATTAMENTO Terapia corticosteroidea : pu essere preoperatoria e post-operatoria Terapia antinfettiva Terapia antimicotica Terapia antiallergica
  • Slide 48
  • TRATTAMENTO Azelastina cloridrato : trattamento basato sugli effetti antiedemigeni ed antinfettivi di tale molecola, per induzione di incremento delle IgA secretorie locali, dimostratesi deficitarie nelle patologie naso-sinusali flogistiche e/o allergiche.
  • Slide 49
  • TRATTAMENTO Acetil-Salicilato di Lisina : trattamento basato sulle propriet antinfiammatorie della molecola unitamente alleffetto inibente sulla crescita dei fibroblasti, costituenti lasse di supporto del polipo nasale (indicato soprattutto nellASA triad).
  • Slide 50
  • TRATTAMENTO Linsieme di tali accorgimenti, anche se non appare in grado di evitare la comparsa delle recidive, appare, tuttavia, capace di procastinarne la comparsa, e di renderla, spesso, meno importante. Lincertezza circa la scelta del trattamento pi opportuno, risulta gravata dalle incognite esistenti circa i fattori scatenanti la poliposi nasale primitiva e le recidive.