Le città città invisibili Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartemento page 1
Le città città invisibili Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartemento page 2

Le città città invisibili Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartemento

  • View
    213

  • Download
    0

Embed Size (px)

Text of Le città città invisibili Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartemento

Le citt invisibili

Scuola universitaria professionale della Svizzera italianaDipartemento ambiente costruzioni e design

Venerd

29 ottobre 2010

ore 17.00

SUPSI, Canobbio

Colleen Corradi Brannigan

InaugurazioneVenerd 29 ottobre 2010, ore 17.00, SUPSI-DACD, Canobbio, atrio blocco A

Interverranno Angelo Bernasconi, Direttore Dipartimento Architettura Costruzione e Design Alessio Longo, Coresponsabile laboratorio artigianale CLIC

Segue aperitivo

Esposizionedal 29 ottobre all 11 novembre 2010SUPSI-DACD, Canobbio, atrio blocco A

Orari Mostraluned - venerd08.00 - 18.00

Tema

Le citt invisibili...anche le citt credono dessere opera della mente o del caso, ma n luna n laltro bastano a tener su le loro mura. Duna citt non godi le sette o settantasette meraviglie, ma la risposta che d a una tua domanda. Tratto da Le citt invisibili di Italo Calvino.

La perdita del lavoro non pu essere considerata solo un fenomeno economico, ma anche soprattutto una vicenda umana.Le persone che frequentano il Programma doccupazione della CLIC, esprimono uno spaesamento simile a quello di coloro che sono costretti alla ricerca di un nuovo abitare. Come e dove cercare? Come dire, Qual la casa dei tuoi sogni? Da questa semplice domanda nasce il progetto Le citt invisibili prendendo a prestito il titolo del libro di Italo Calvino.La lettura di alcuni brani del testo ha prodotto nel gruppo di lavoro una riflessione collettiva sullabitare che ha fatto emergere memorie e aspettative individuali. In un secondo tempo, ognuno si espresso liberamente attingendo alla propria creativit sopita per dare forma allabitare immaginato.Le ventidue opere prodotte costituiscono lorizzonte verso il quale si muovono i loro realizzatori che, passo dopo passo, si avvicinano al luogo da dove il gioco pu ripartire.

La mostra stata realizzata anche con il contributo delle opere dellartista Colleen Corradi Brannigan, la quale dopo unattenta lettura ed analisi del testo di Italo Calvino, ha intrapreso una rappresentazione trascendentale di queste citt misteriose, incredibili ed immaginifiche. Il risultato una serie di disegni ed incisioni, ognuna delle quali deriva da unattenta riflessione sui significati reconditi dei racconti dellautore.

CLICLa CLIC Cooperativa Laboratorio per lImpresa Comunitaria nasce nel 1998 con lintento di promuovere ini-ziative volte a migliorare le conoscenze professionali e culturali di coloro che si trovano in una situazione di emarginazione o precariet sociale.Per questo ha creato, organizzato e gestito Misure attive del mercato del lavoro secondo le disposizioni della Legge federale su lassicurazione obbligatoria contro la disoccupazione e offerto corsi di lingua e cultura italiana e di interpretariato interculturale.

Colleen Corradi BranniganDopo il conseguimento del diploma presso il Liceo Artistico di Pescara e la successiva laurea in Lingue nelluni-versit degli studi Gabriele DAnnunzio di Pescara, hanno contribuito alla maturazione dellartista la frequenza di alcune tra le migliori scuole e laboratori darte in Europa e negli Stati Uniti, ma soprattutto il concomitante contatto con alcuni tra i pi famosi artisti di fama internazionale. Decisiva di certo, stata la pluriennale fre-quentazione dellArt Students League in New York dove lartista si specializzata in incisioni ed antiche tecniche calcografiche ed ha inoltre ottenuto i primi tra i tanti riconoscimenti in seguito ottenuti.

SUPSI-DACD-ARLa realizzazione dellallestimento della mostra stato curato dall`architetto Viviana Pecora.

Informazioni SUPSI, Dipartimento ambiente, costruzioni e design, Casella postale 105, CH 6952 CanobbioTel. +41 (0)58 666 63 41, dacd@supsi.ch, www.supsi.ch