Click here to load reader

Luce da Luce Luce da Luce Il Natale negli scritti della Serva di Dio la piccola figlia della Divina Volontà Luisa Piccarreta

  • View
    216

  • Download
    2

Embed Size (px)

Text of Luce da Luce Luce da Luce Il Natale negli scritti della Serva di Dio la piccola figlia della Divina...

  • Slide 1
  • Slide 2
  • Luce da Luce Luce da Luce
  • Slide 3
  • Il Natale negli scritti della Serva di Dio la piccola figlia della Divina Volont Luisa Piccarreta
  • Slide 4
  • Trovandomi nel solito mio stato, mi sono sentita fuori di me stessa Trovandomi nel solito mio stato, mi sono sentita fuori di me stessa e dopo aver girato, mi sono trovata dentro una spelonca e ho visto la Regina Mamma che stava nellatto di dare alla luce il Bambinello Ges e dopo aver girato, mi sono trovata dentro una spelonca e ho visto la Regina Mamma che stava nellatto di dare alla luce il Bambinello Ges 25 dicembre 1900
  • Slide 5
  • che senza lasciare il Padre e lo Spirito Santo viene ad abitare con noi e prende carne umana, che senza lasciare il Padre e lo Spirito Santo viene ad abitare con noi e prende carne umana, Mi pareva che tanto la Madre quanto il Figlio fossero trasmutati in luce purissima, ma in quella luce si scorgeva benissimo la natura umana di Ges, che conteneva in s la Divinit e Gli serviva come di velo per coprire la Divinit, in modo che, squarciando il velo della natura umana era Dio, e coperto con quel velo era uomo; ed ecco il Prodigio dei prodigi:
  • Slide 6
  • Ora, mi parso che la Madre e il Figlio in quel felicissimo istante siano rimasti come spiritualizzati e senza il minimo intoppo Ges uscito dal seno Materno, traboccando Entrambi in un eccesso damore,
  • Slide 7
  • ossia, trasformati in luce quei santissimi corpi, ossia, trasformati in luce quei santissimi corpi, senza il minimo impedimento, Ges Luce uscito da dentro la Luce della Madre, restando sani ed intatti sia lUno che lAltra, ritornando poi allo stato naturale senza il minimo impedimento, Ges Luce uscito da dentro la Luce della Madre, restando sani ed intatti sia lUno che lAltra, ritornando poi allo stato naturale
  • Slide 8
  • Ma chi pu dire la bellezza del Bambinello, che in quel momento del suo nascere trasfondeva anche esternamente i raggi della Divinit ? Chi pu dire la bellezza della Madre, che restava tutta assorbita in quei raggi divini?
  • Slide 9
  • Mi pareva che non fosse presente nellatto del parto, ma che se ne stesse in un altro canto della spelonca, tutto assorto in quel profondo Mistero, e se non vide con gli occhi del corpo vide benissimo con gli occhi dellanima, perch se ne stava rapito in estasi sublime
  • Slide 10
  • Slide 11
  • Lo ha stretto tanto forte nella foga dellamore in cui si trovava, che pareva che volesse inviscerarlo di nuovo; poi, volendo dare uno sfogo al suo ardente amore, lo ha messo a succhiare alle sue mammelle.
  • Slide 12
  • Slide 13
  • Diletta mia, Io fui concepito unito al dolore, nacqui al dolore e morii nel dolore, e coi tre chiodi con cui mi crocifissero inchiodai le tre potenze: intelletto, memoria e volont di quelle anime che bramano di amarmi, facendo loro restare attirate tutte a Me, perch la colpa le aveva rese inferme e disperse dal loro Creatore, senza nessun freno.
  • Slide 14
  • E mentre ci diceva, ha dato uno sguardo al mondo e ha cominciato a piangere
  • Slide 15
  • Io, vedendolo piangere, ho detto: Amabile Bambino, non funestare col tuo pianto una notte s lieta a chi ti ama. Invece di dar sfogo al pianto diamo sfogo al canto. In questo mentre mi scomparso ed io sono ritornata in me stessa Ho pregato il Bambino Ges per il mio Confessore, per quelli che mi appartengono ed infine per tutti, e Lui pareva tutto condiscendente.
  • Slide 16