Manuale d’uso per l’ .Manuale d’uso per l’integrazione Versione aggiornata a gennaio 2014

  • View
    212

  • Download
    0

Embed Size (px)

Text of Manuale d’uso per l’ .Manuale d’uso per l’integrazione Versione aggiornata a gennaio 2014

ImmigrazioneCome, dove, quando

Manuale duso per lintegrazione

Versione aggiornata a gennaio 2014

Immigrazione come, dove, quando....................................................................................1

Immigrazione come, dove, quando....................................................................................3

Il Vademecum Immigrazione come, dove, quando Manuale duso perlintegrazione stato realizzato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione Generale dellImmigrazione e delle politiche di integrazione . http://www.lavoro.gov.it

Edizione aggiornata a gennaio 2014

La pubblicazione disponibile in versione multilingue sul sitohttp://www.integrazionemigranti.gov.itredazioneintegrazione@lavoro.gov.it

La stampa del vademecum realizzata nellambito del progetto Portale Integrazione Migranti: Vivere e Lavorare in Italia, finanziato dal Fondo Europeo per lintegrazione di Cittadini di Paesi Terzi 2007 -2013

2.........................................................................................www.integrazionemigranti.gov.it

Benvenuto in Italia!

Per vivere bene ed integrarsi nella societ italiana importanteconoscere le regole e lorganizzazione della vita.Questa guida stata pensata sia per chi deve ancora arrivare in Italiaed ha bisogno di capire come si possa entrare, sia per chi gi vi sitrova. Anche i datori di lavoro, italiani e stranieri, possono trovare quiindicazioni utili ad accompagnare il lavoratore nel suo percorso di in-tegrazione.E una guida che pu aiutare a risolvere anche i problemi quotidiani:dal contratto di lavoro alliscrizione dei figli a scuola, dal rilascio dellapatente allapertura di un conto corrente in banca.

Promossa dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, unostrumento sintetico, pratico, il pi possibile esaustivo e consultabileonline in 8 lingue (www.integrazionemigranti.gov.it).

Buona lettura!

Immigrazione come, dove, quando....................................................................................5

IndiceIndice1 COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA (ARTT. 1-54) 4

2 INGRESSO 15 2.1 Frontiera 15 2.2 Visti 15

3 SOGGIORNO 25 3.1 Permessi di soggiorno 25 3.2 Accordo di integrazione 31 3.3 Permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo 34 3.4 Area Schengen 38

4 LAVORO 40 4.1 Il lavoro in Italia 40 4.1.1 Lavoro subordinato 40 4.1.2 Lavoro parasubordinato 47 4.1.3 Lavoro autonomo 48 4.1.4 Requisiti per lammissione al lavoro dei minori 49 4.2 Accesso al mercato del lavoro in Italia 52 4.3 Costituzione e cessazione del rapporto di lavoro 61 4.4 Servizi per lImpiego 63

5 ANAGRAFE 66 5.1 Domanda di iscrizione anagrafica 67 5.2 Servizi anagrafici 69

6 ALLOGGIO 72 6.1 Affitto di una casa 72 6.2 Acquisto di una casa 74 6.3 Centri di Accoglienza 75

COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA

(ARTT. 1-54)

7 SANIT 77 7.1 Iscrizione al Servizio Sanitario Nazionale (SSN) 77 7.2 Tessera sanitaria 79 7.3 Servizi del Servizio Sanitario Nazionale 79 7.4 Straniero Temporaneamente Presente (STP) 83

8 ISTRUZIONE 85 8.1 Asilo nido o nido dinfanzia 85 8.2 Scuola materna o scuola dellinfanzia 85 8.3 Primo ciclo 86 8.4 Secondo ciclo 87 8.5 Universit 88 8.6 Istruzione e formazione tecnica superiore 89 8.7 Riconoscimento dei titoli di studio 90 8.8 Riconoscimento di alcuni titoli professionali 90

9 TUTELA DEI DIRITTI E DISCRIMINAZIONE 92 9.1 Tutela dei diritti 92 9.2 Discriminazione 93

10 BANCA 94

11 ASSOCIAZIONISMO 96 11.1 FONDARE UNASSOCIAZIONE 11.2. ALCUNE FORME DI ASSOCIAZIONISMO 11.3 REGISTRO DELLE ASSOCIAZIONI E DEGLI ENTI CHE OPERANO A FAVORE

DEGLI IMMIGRATI ASSOCIAZIONISMO

Immigrazione come, dove, quando....................................................................................76.........................................................................................www.integrazionemigranti.gov.it

Art. 4.

La Repubblica riconosce a tutti i cittadini il diritto al lavoro e promuove le con-dizioni che rendano effettivo questo diritto. Ogni cittadino ha il dovere di svol-gere, secondo le proprie possibilit e la propria scelta, unattivit o una funzioneche concorra al progresso materiale o spirituale della societ.

Art. 5.

La Repubblica, una e indivisibile, riconosce e promuove le autonomie locali;attua nei servizi che dipendono dallo Stato il pi ampio decentramento ammi-nistrativo; adegua i principi ed i metodi della sua legislazione alle esigenzedellautonomia e del decentramento.

Art. 6.

La Repubblica tutela con apposite norme le minoranze linguistiche.

Art. 7.

Lo Stato e la Chiesa cattolica sono, ciascuno nel proprio ordine, indipendenti e so-vrani. I loro rapporti sono regolati dai Patti Lateranensi. Le modificazioni dei Patti,accettate dalle due parti, non richiedono procedimento di revisione costituzionale.

Art. 8.

Tutte le confessioni religiose sono egualmente libere davanti alla legge. Leconfessioni religiose diverse dalla cattolica hanno diritto di organizzarsi se-condo i propri statuti, in quanto non contrastino con lordinamento giuridicoitaliano. I loro rapporti con lo Stato sono regolati per legge sulla base di intesecon le relative rappresentanze.

IL CAPO PROVVISORIO DELLO STATO

Vista la deliberazione dellAssemblea Costituente, che nella seduta del 22 di-cembre 1947 ha approvato la Costituzione della Repubblica Italiana; Vista la XVIII disposizione finale della Costituzione;

PROMULGA

La Costituzione della Repubblica Italiana nel seguente testo:

PRINCIPI FONDAMENTALI

Art. 1.

LItalia una Repubblica democratica, fondata sul lavoro. La sovranit appar-tiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione.

Art. 2.

La Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili delluomo, sia come sin-golo sia nelle formazioni sociali ove si svolge la sua personalit, e richiede ladem-pimento dei doveri inderogabili di solidariet politica, economica e sociale.

Art. 3.

Tutti i cittadini hanno pari dignit sociale e sono eguali davanti alla legge, senzadistinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, dicondizioni personali e sociali. compito della Repubblica rimuovere gli osta-coli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libert e legua-glianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana eleffettiva partecipazione di tutti i lavoratori allorganizzazione politica, eco-nomica e sociale del Paese.

Immigrazione come, dove, quando....................................................................................98.........................................................................................www.integrazionemigranti.gov.it

PARTE I

DIRITTI E DOVERI DEI CITTADINI

TITOLO I

RAPPORTI CIVILI

Art. 13.

La libert personale inviolabile.Non ammessa forma alcuna di detenzione, di ispezione o perquisizione per-sonale, n qualsiasi altra restrizione della libert personale, se non per atto mo-tivato de