of 16 /16
Domenica 1 dicembre 2013 Anno 3 n° 40 www.stadio5.it [email protected] COPIA OMAGGIO Parola al Baffo “Inter non mollare” Il commento della bandiera interista Sandro Mazzola a pag.7 TECNO MOTORS SPA Corso Novara, 135 27029 Vigevano (PV) 0381-326978 TECNO MOTORS SPA TECNO MOTORS SPA Via Renè Vanetti, 66 21100 Varese (VA) 0332-335588 TECNO MOTORS SPA Via Ippolito Nievo, 5 20011 Corbetta (MI) 02-97270960 AUTORIZZATA FLEET BUSINESS CENTER TECNO MOTORS SPA L’IRA DI THO HI R l’Amministratore delegato a vincere INTER SAMPDORIA CHAMPIONS Milan tre note d’autore Juventus tre perle di Vidal Napoli tre pere incassate S. Bisceglia a pag.10 Arte ‘Lucas, la vita e nient’altro’ mostra del fotogra- fo milanese a S. San Giovanni Marby a pag. 13 L’INTERVISTA Riccardo Ferri “Mi Piacerebbe far parte dell’Inter di Thohir” Tramacere a pag. 6 MERCATO LAVEZZI all’ Inter L. Sada a pag. 9

N 40 2013 inter sampdoria

  • Author
    stadio5

  • View
    226

  • Download
    4

Embed Size (px)

DESCRIPTION

http://www.stadio5.it/images/n_40_2013_Inter_Sampdoria.pdf

Text of N 40 2013 inter sampdoria

  • Domenica 1 dicembre 2013 Anno 3 n 40 www.stadio5.it [email protected] COPIA OMAGGIO

    Parola al BaffoInter

    non mollareIl commento della bandiera interistaSandro Mazzola a pag.7

    TECNO MOTORS SPACorso Novara, 135

    27029 Vigevano (PV) 0381-326978

    TECNO MOTORS SPA

    TECNO MOTORS SPA Via Ren Vanetti, 6621100 Varese (VA)

    0332-335588

    TECNO MOTORS SPAVia Ippolito Nievo, 5 20011 Corbetta (MI)

    02-97270960

    AUTORIZZATA FLEET BUSINESS CENTERTECNO MOTORS SPA

    LIRA DI THOHIRlAmministratore delegato a vincere

    INTER SAMPDORIA

    CHAMPIONS Milan tre note dautoreJuventus tre perle di VidalNapoli tre pere incassateS. Bisceglia a pag.10

    ArteLucas, la vita e nientaltromostra del fotogra-fo milanese a S. San GiovanniMarby a pag. 13

    LINTERVISTA

    Riccardo FerriMi Piacerebbe far parte dellInter di ThohirTramacere a pag. 6

    MERCATOLAVEZZIall InterL. Sada a pag. 9

  • domenica 1 dicembre 2013 2

    Pensiero Stupendo...di Beppe Vigani

    Lass qualcuno ci ama, avr detto il popolo rossonero impe-gnato al Celtic Park marted sera. Un risultato rotondo che stem-pera per un momento il periodo difficile del Milan impegnato nel matine di domenica. Il ritardo in campionato davvero con-siderevole per gli Allegri-boys, ma la qualificazione agli ottavi di Champions League, ormai a un passo, mitigherebbe questo buco nero. E interessante notare questa dicotomia in uno dei club pi leggendari dEuropa. Pareg-gi incolori con Chievo e Genoa, senza contare le copiose scon-fitte dinizio torneo, e poi 3-0 al Celtic, come se lEuropa fosse una passeggiata salutare sulla montagnetta di San Siro. Una squadra da mandare in analisi o da studiare sotto il profilo men-tale, direbbe qualcuno. Ma vi un altro motivo che ha scatenato questo incorreggibile momento. Il cambio societario, ad esempio. In una situazione cos disturbata, era necessario mettere un panzer in gonnella che mettesse a ferro e fuoco una realt gi di per s imbarazzante, cancellando in un amen lunico punto di riferimen-to della societ: Adriano Gallia-ni? La. d. stato il grande eroe dellera berlusconiana, sciori-nando colpi di mercato (mai di-menticare il fido Ariedo Braida), molti passati alla storia. Secondo le fonti pi autorevoli, ora la fi-glia di Silvio Berlusconi, Barbara avrebbe in mano la mannaia per fargli saltare la testa (metafori-camente parlando). Questo si chiama suicidio, ma i giochi di potere non singinocchiano di fronte a nulla. Dallaltra parte del Naviglio lorizzonte abbastanza

    Allenatore:Walter Mazzarri

    INTER (3-5-1-1)

    Arbitro: Carmine Russo di Nola

    STADIOIn Casa

    Ultima Vittoria 10/11/13Inter-Livorno 2-0

    Ultimo Pareggio 15/9/13Inter-Juventus 1-1

    Ultima Sconfitta 6/10/13Inter-Roma 0-3

    Fuori Casa

    Ultima Vittoria 3/11/13Udinese-Inter 0-3

    Ultimo Pareggio 24/11/13Bologna-Inter 1-1

    Ultima Sconfitta 5/5/13Napoli-Inter 3-1

    In Casa

    Ultima Vittoria 27/10/13Sampdoria-Atalanta 1-0

    Ultimo Pareggio 24/11/13Sampdoria-Lazio 1-1

    Ultima Sconfitta 3/11/13Sampdoria-Sassuolo 3-4

    Fuori Casa

    Ultima Vittoria 20/10/13Livorno-Sampdoria 1-2

    Ultimo Pareggio 22/9/13Cagliari-Sampdoria 2-2

    Ultima Sconfitta 10/11/13Fiorentina-Sampdoria 2-1

    Allenatore Sinia

    Mihajlovi

    SAMPDORIA ( 4-2-3-1)Handanovic;

    Campagnaro, Ranocchia, Juan Jesus; Jonathan, Taider, Cambiasso, Alvarez,

    Pereira; Guarin; Palacio

    Da Costa;

    De Silvestri, Mustafi, Gastaldello, Costa; Palombo, Obiang;

    Soriano, Eder, Wszolek; Gabbiadini

    MEAZZA ORE 15,00INTER SAMPDORIA

    Sar un giorno di festa per i colori nerazzurri. Erick Thohir tornato in Italia chia-mando a raccolta tutto il popolo nerazzurro, con i pi grandi gio-catori, allenatori e presidenti del passato a fare da contorno a una partita che dovr fare da apripi-sta a un nuovo percorso che lo stesso Thohir attribuir alla sua squadra. InterSampdoria po-tr rappresentare il chilometro zero che segni linizio per una realt tanto complessa quanto emotiva come quella nerazzurra. Una realt speculare a quella de-gli avversari di giornata, vittime designate, ma mai arrendevoli

    ARRIVA LA SAMPDORIA PER LA FESTA NERAZZURRALex Mihajlovi prover a rovinare la giornata

    partitain passato e, tantomeno oggi, in cui un vecchio cuore neraz-zurro come Sinia Mihajlovi ne ha preso le redini. C da scom-metterci, i blucerchiati non arri-veranno a Milano con la difesa abbassata e con gli striscioni a festa per il nuovo presidente ne-razzurro. Gli occhi di tutto il cal-cio italiano saranno sintonizzati sul terreno del Giuseppe Meaz-za e, un risultato diverso da una vittoria, consegnerebbe alla sto-ria un fallimento nella giornata dedicata al nuovo presidente. Lallenatore toscano molto abi-le nel tenere la squadra lontana da questo genere di pressioni ma San Siro sa essere tremendamen-te spietato, soprattutto in queste occasioni in cui il minimo er-rore potrebbe rivelarsi fatale. Il tecnico interista valuter e alter-native presenti per garantire di-

    statistiche

    GOL A RAFFICAInter e Sampdoria spesso regalano risultati generosi

    A Milano, Inter e Sampdoria, si sono incontrate 56 volte. I nerazzurri hanno collezionato 34 vittorie contro 7 dei blucer-chiati. In tutto i pareggi sono 15. La vittoria pi larga della Bene-amata risale alla stagione 1955-1956, quando alla 24 giornata i padroni di casa superarono gli ospiti per 7-1. In gol per tre volte Armano, due Lorenzi e Massei, mentre il gol della bandiera per i doriani fu realizzato da Tortul su rigore, quando il risultato era sul 2-0. Gli uomini della Lanter-na ottennero il miglior risultato nella 25 giornata della stagio-ne 1947-1948 quando vinsero per 4-2. Andarono a segno per i blucerchiati Silvestrelli, con una tripletta, e Baldini, mentre per i milanesi segn Zapirain, auto-re di una doppietta. Nel corso della storia di questo match, le due squadre hanno realizzato 154 gol, di cui 106 a favore dei padroni di casa e 48 a favore dei

    liguri. Inter-Sampdoria ha regi-strato un maggior numero di reti nel secondo tempo. Nella prima frazione di gara le due squadre hanno segnato complessivamen-te 60 gol, nella ripresa la somma sale a 94. Nel primo tempo lInter ha centrato 40 volte la rete avver-saria contro le 20 della squadra dei ciclisti. Nella ripresa chi andato pi a segno lInter che ha gonfiato la rete per 66 volte, contro le 28 degli avversari. Lul-timo successo della Samp risale alla 13 giornata del 1996-1997: fin con il punteggio di 3-4 (gli uomini di Sven Goran Eriksson ribaltarono il risultato sotto di 1-3) con doppietta di Montella, gol di Franceschetti e Mancini (realizzata al 90) per gli ospiti, mentre per i padroni di casa gui-dati da Roy Hodgson, andarono in rete Branca con una doppietta e Berti. Lultima vittoria dellIn-ter risale alla 10 giornata della scorsa stagione quando termin 3-2 con gol di Milito (rigore), Palacio e Guarin per i nerazzur-ri e reti di Munari ed Eder che aprirono e chiusero il match. La partita pi spettacolare fu sicu-ramente quella della 18 giornata della stagione 2004-2005, quan-do all88 i nerazzurri sotto 0-2, riuscirono a vincere 3-2 grazie ai gol di Martins, Vieri e Recoba (al 94).Tra i bomber pi prolifi-ci della sfida tra le due squadre annoveriamo Lorenzi con 7 gol, Boninsegna, Armano e Angelillo con 5.

    limpido. Walter Mazzarri deve essersi consumato le mani a fu-ria di morderle, dopo il pareggio al DallAra. Due punti gettati al vento che gridano vendetta. Ora, c la Sampdoria dellex Sinia Mihajlovic, vietato commettere sciocchezze che metterebbero in forte imbarazzo Erik Thohir. LInter ha dimostrato di poter avere le carte per giocarsi un po-sto in Champions, ma deve cre-scere sotto il profilo della con-sapevolezza. Mazzarri insista, i giocatori, per, lo seguano: esse-re innocenti pericoloso perch non si hanno alibi!

    Erik Thohir prova a ripararsi dalle sorprese

    namismo e qualit nelle giocate. Recuperato Ranocchia, che con Campagnaro e Juan Jesus com-pleter il reparto arretrato, sar il centrocampo a riservare i dub-bi pi grandi. Taider apparso molto nervoso nella sfida contro il Bologna. Kovacic potrebbe ri-trovare il campo nella posizione di trequartista riportando Gua-rin in mediana al fianco di Cam-biasso e Alvarez. Palacio contro la Sampdoria ha sempre fatto bene. Vietato sbagliare. In questa particolare occasione, gli obietti-vi stagionali passano in secondo piano perch contro la Sampdo-ria il risultato non importan-te, tutto. Con buona pace alla prestazione e ad una squadra che sta continuando un processo di crescita importante. LInter di Erick Thohir inizia oggi un nuo-vo percorso.

  • 3domenica 1 dicembre 2013

    LA CLASSIFICA TURNO ODIERNO

    PROSSIMO TURNO

    classifica marcatori MIGLIOR ATTACCO

    peggIOR DIFESA

    Sabato 30 Novembre 18:00 Parma - Bologna Stadio Ennio Tardini, Parma20:45 Genoa - Torino Stadio Luigi Ferraris, GenovaDomenica 1 Dicembre12:30 Catania - Milan Stadio Angelo Massimino, Catania15:00 Cagliari - Sassuolo Stadio SantElia, Cagliari15:00 Chievo - Livorno Stadio Marc Antonio Bentegodi, Verona15:00 Atalanta - Roma Stadio Atleti Azzurri dItalia, Bergamo15:00 Inter - Sampdoria Stadio Giuseppe Meazza, Milano18:30 Juventus - Udinese Juventus Stadium, TorinoLuned 2 Dicembre19:00 Fiorentina - Verona Stadio Artemio Franchi, Firenze21:00 Lazio - Napoli Stadio Olimpico, Roma

    Venerd 6 Dicembre 20:45Bologna - Juventus Stadio DallAra, BolognaSabato 7 Dicembre 18:00 Livorno - Milan Stadio Armando Picchi, Livorno20:45 Napoli - Udinese Stadio San Paolo, NapoliDomenica 8 Dicembre12:30 Roma - Fiorentina Stadio Olimpico, Roma15:00 Cagliari - Genoa Stadio SantElia, Cagliari15:00 Torino - Lazio Stadio Olimpico, Torino15:00 Verona - Atalanta Stadio Marc Antonio Bentegodi, Verona15:00 Sampdoria - Catania Stadio Luigi Ferraris, Genova15:00 Sassuolo - Chievo Stadio Citt del Tricolore, Reggio Emilia20:45 Inter - Parma Stadio Giuseppe Meazza, Milano

    Pos. Squadra P.ti G V N S Gf Gs +/-1 Juventus 34 13 11 1 1 28 10 182 Roma 33 13 10 3 0 26 3 233 Napoli 28 13 9 1 3 24 12 124 Inter 26 13 7 5 1 30 13 175 Fiorentina 24 13 7 3 3 24 15 96 Verona 22 13 7 1 5 22 20 27 Genoa 18 13 5 3 5 14 15 -18 Lazio 17 13 4 5 4 17 17 09 Parma 16 13 4 4 5 18 20 -210 Atalanta 16 13 5 1 7 14 17 -311 Udinese 16 13 5 1 7 12 15 -312 Torino 15 13 3 6 4 22 22 013 Milan 14 13 3 5 5 18 20 -214 Cagliari 14 13 3 5 5 13 20 -715 Sassuolo 13 13 3 4 6 15 28 -1316 Livorno 12 13 3 3 7 13 20 -717 Bologna 11 13 2 5 6 15 25 -1018 Sampdoria 10 13 2 4 7 14 23 -919 Chievo 9 13 2 3 8 8 18 -1020 Catania 9 13 2 3 8 9 23 -14

    Pos. Giocatore Gol Squadra1. G. Rossi 11 Fiorentina2 A. Cerci 8 Torino3 C. Tvez 7 Juventus3 R. Palacio 7 Inter3 D. Berardi 7 Sassuolo6 J. Callejn 6 Napoli6 M. Hamk 6 Napoli6 A. Gilardino 6 Genoa9 A. Cassano 5 Parma9 L. Toni 5 Verona9 G. Higuan 5 Napoli9 M. Parolo 5 Parma9 G. Denis 5 Atalanta

    14 Giornata

    15 Giornata

    Pos. Squadra Gol fatti1 Inter 302 Juventus 283 Roma 264 Fiorentina 244 Napoli 246 Verona 226 Torino 22

    Pos. Squadra Gol subiti1 Sassuolo 282 Bologna 253 Catania 233 Sampdoria 23 4 Torino 22 5 Milan 205 Parma 20

    bioritmi

    INTER VINCENTESecondo i bioritmi a far vin-cere lInter, oggi pomeriggio a San Siro, con la Sampdoria dovrebbe essere una prodezza di Jonathan, luomo pi in for-ma dei nerazzurri e autore del gol pareggio di domenica sera col Bologna. I valori di Jonathan sono infatti leggermente supe-riori a quota 6,50, un tetto che difficilmente viene toccato da un calciatore. Ma non il solo Jo-nathan a dimostrarsi in palla sul

    piano dellemotivit e dellaspetto fisico: Mazzarri dispone anche di un bel terzetto formato da Han-danovic, Cambiasso e Jesus che ferma i valori a 6,49. Pi sotto troviamo capitan Zanetti con

    Jonathan, il pi in forma dei nerazzurri

    il punto

    LA JUVENTUS GUARDA DALLALTO, ROMA E NAPOLI AUTOLESIONISTE

    Campionato con continui passi avanti ed inaspettati passi indietro o brusche frenate. Il Napoli, con ogni probabilit, ha lasciato al San Paolo la cor-sa per lo scudetto e mandato su tutte le prime pagine lindomi-to Cassano, re di Parma, che in solitario, dopo i tantissimi assist non concretizzati dai compagni, si fa trenta metri, palla al piede, e segna con un diagonale raso-terra all81. La seconda sconfitta consecutiva per i partenopei, la prima a Torino contro i bianco-neri guidati da Conte, potrebbe innescare un blocco psicologico, il timore di non appartenere alla terna delle grandi. Il Ko contro il Dortmund ha, con ogni pro-

    babilit, compromesso anche la Champions. Due sole le possi-bilit di proseguire lavventura europea: battere con tre gol di scarto lArsenal oppure vincere, anche per 1-0, e sperare che il Marsiglia batta il Borussia, in-somma, San Gennaro deve fare il miracolo. La Juventus non si lascia scappare loccasione di balzare in testa alla classifica. La Roma, al terzo pareggio con-secutivo, evidentemente soffre laltitudine. Le due squadre mi-lanesi guardano al campionato da postazioni diverse. LInter, seppur incapace di approfittare delle partite che dovrebbe por-tare a casa a qualunque costo, prova a tenere il passo che pro-

    fuma dEuropa. il Milan, da can-to suo e dal basso della classifica, sembra mettercela tutta per non rischiare la retrocessione. Sar sufficiente il mercato di gennaio? A San Siro ha dimostrato ancora una volta le difficolt di tutti i re-parti. Un attacco che non segna, neppure a porta vuota. Balotelli, ombra di se stesso, ancora un ri-gore sbagliato e qualche pallido tentativo sotto rete. Un Milan che non riesce a raccogliere i tre punti in campionato neppure in superiorit numerica, mol-to merito va dato al Genoa e al suo portiere Perin, magistrale in diverse occasioni e capace di neutralizzare il rigore calciato da Balotelli. Il gioco rossonero, in crisi di risultato dal 19 ottobre, non pu non far riflettere. Con-tro il Genoa gli uomini di Alle-

    gri hanno chiuso il match con il 65% di possesso palla, 12 angoli e 37 conclusioni che, per, non hanno concretizzato il risulta-to. Il club pi titolato al mondo, in passato, con questi numeri, avrebbe fatto dellavversario un solo boccone. Significativa, del momento critico rossonero, lu-scita dal rettangolo di gioco di Allegri prima del triplice fischio. La musica diversa in Europa, il secco 0-3 dice tutto sullorgoglio rossonero e la voglia di riscatto guidata da Kak, Zapata e Balo-telli.

    la delusione di un grande Pandev

    Kak, grande trascinatore in terra straniera

    6,41 seguito a ruota da Palacio con 6,40. Sta bene di salute pure Walter Mazzarri che registra un totale dei valori di 6,30 contro i 6,20 di Sinia Mihajlovi. Per contro la Sampdoria presenter Sansone e il portiere Da Costa con il massimo di 6,50 con vici-no Palombo e Gabbiadini rispet-tivamente collocati a quota 6,49 e 6,45. Viaggiano a ritmi discre-

    ti anche Soriano, Gastaldello e Eder, tutti a attorno ai al 6 pun-to 40. In sintesi lInter registra un valore complessivo (fisicit, emotivit, intelletto) attorno ai 6,08 mentre i liguri sono a 6,03. La Sampdoria risulta pi tonica sotto laspetto fisico rispetto ai nerazzurri che vantano invece un buon 6,18 contro il 5,95 della squadra avversaria.

  • domenica 1 dicembre 2013 4

    SERBO TANTE NOVITIl nuovo tecnico della Sampdoria ci spera

    lospite

    Quando si subisce una rete negli ultimi secondi, la cosa non fa mai piacere. Ma quando lacqua stagnante si muove e il cielo si rasserena, tutto inizia a girare per il verso giusto. Trattasi di contagio. E Sinia Mihajlovi uno che fa sentire la propria presenza. Influisce. Si dispiace per i giocatori doriani. Ovvio che pareggiare cos rode a tutti, ma non bisogna buttarsi gi. Da giorni cerchiamo di dimenti-care tutto e siamo pronti ormai per la prossima gara, dice pen-sando ovviamente alla sua ex, lInter. Perch qualcuno non lo ricorda, ma Sinia ha militato anche tra le file dei nerazzurri. Una bella esperienza. Ma nella mia vita da calciatore, sono sta-to quattro anni bellissimi quel-

    li qui alla Samp: una societ a cui sono legato e quando mi hanno chiamato ho deciso di tornare. Mi mancava il lavoro di tutti i giorni, la tensione. La Nazionale? Un gran bel lavoro, impegnativo. Ma diverso. Inu-tile parlare delle indubbie doti da calciatore, di Mihajlovi, tan-to quanto prematuro discutere di quelle dal allenatore. Meglio soffermarsi sulle sue stravagan-ti vedute da estremista, sempre molto criticate dai media e un po meno dal pubblico. Sosteni-tore di eljko Ranatovi (capo degli ultras della Stella Rossa e noto criminale serbo accusato di crimini contro lumanit),

    Mihajlovi ha anche conferma-to la simpatia per Ratko Mladi e Slobodan Miloevi (il primo generale accusato di genocidio e il secondo reo di aver commesso crimini contro lumanit). Alti e bassi, umori e malumori, per un professionista che sul campo d parecchio ma che lontano dal rettangolo di gioco riesce a farsi squalificare per ben otto giorna-te e pagare oltre 12mila euro di multa dallUEFA per aver scal-ciato e sputato al rumeno Mutu. Mihajlovi cos, prendere o lasciare. La Samp cosciente di essersi tirata in casa una persona di sostanza e che spesso risulta borderline.

    Chi Sinia Mihajlovi

    Nato in Serbia, a Vukovar, il 20 febbraio del 69, Sinia Mihajlovi un ex calciatore (centrocampista e difensore) ora allenatore della Sampdoria.

    stato ct della nazionale serba dal mese di maggio del 2012. In possesso di passaporto italiano, Mihajlovi da giocatore ha sem-pre prediletto la fascia sinistra.

    gli ospiti

    Sampdoria pronta alla riscossaLa Sampdoria non vanta una storia che si possa defini-re blasonata, dovuta in gran parte alla sua giovane et. Nata a Genova nel 1945, quando an-cora si sparava per le vie della citt. Essa, se vogliamo, tutta racchiusa nella inconfondibile faccia o testa di Giovanni Batti-sta Parodi, in arte genovese Ba-ciccia. In questo efficace schizzo del simpatico pescatore c tutta la vita della fusione di due altre piccole compagini di Sampier-darena, perch a Genova citt gi spadroneggiava il grande Genoa, il pi vecchio club dellI-talia. Non di poco conto che un ometto cos gracile potesse sintetizzare, in modo abbastan-za perentorio, tanta passione, energia ed entusiasmo. Qualit cresciute nel tempo, anche se la squadra ha compiuto tanti viaggi in serie B, da cui prontamen-te riemersa, fino a vincere uno scudetto nel 91, con a capo Pa-olo Mantovano a gestire Vialli e Mancini, grandi protagonisti di eccelsa classe pedatoria. La Sam-pdoria sorretta in modo esem-plare e pulito dal suo amatissi-mo pubblico che si assiepa nella curva sud per garantire un tifo assiduo e caloroso. Ai Baciccia blu cerchiati interessa che i suoi beniamini si comportino sem-pre dignitosamente e se vincono, almeno in casa, sono contenti come una Pasqua, anche se in questo momento, tira per tut-ti un brutto maestrale. Stasera la Samp si presenta al cospetto dellInter con una novit: il nuo-vo mister di vecchia conoscenza Sinia Mihajlovic, pronto e felice di mettere a disposizione della squadra la sua preziosa espe-rienza di allenatore del nuovo mondo. Porter una ventata di

    freschezza in uno spogliatoio con aria appesantita da troppe sconfitte nelle ultime fasi , da cui bisogna uscire al pi presto. Il presidente Garrone vorrebbe una vittoria, ma non sar proprio questa la gara da vincere, i doria-ni ben ricorderanno gli scherzet-ti fatti ai nerazzurri, in pi di una occasione. E la convinzione che rende forte una squadra. Bacic-cia calmo e certo che riuscir ad imbrigliare lInter nella sua rete, con la speranza di porta-re a Genova almeno un paio di triglie dal Naviglio. La sua pipa, in fondo, incute un certo timore se pur vero che da spenta aveva sollecitato il Centro antitabacco di Genova di farla sparire dalle

    maglie della squadra. Cosa im-possibile a cui rispose, nel 2009, il giovane presidente, perch tutte le gioie, le delusioni, la vita stessa della Samp sono racchiu-se e ben custodite in quella pipa spenta che al suo interno, invisi-bile a tutti, batte, come su di uno scoglio, il forte mare del tifo dei figli di Baciccia. Il Biscione ha preso coscienza dei pericoli che vengo da tutte le squadre e non si far certo incantare da una pipa senza un qualsiasi fil di fumo.

    Trasferta di campionato per il Milan al Cibali di Cata-nia dove rischia di inanellare la seconda vittoria esterna stagio-nale. Di clamoroso c solo che siamo a dicembre e la squadra di Allegri non era mai riuscita a imporsi lontana da San Siro. Sa-rebbe riduttivo dire che bastata la musichetta della Champions League per cambiare registro, forse proprio la lontananza dal Meazza ha inciso, in partico-lare, sulla psiche dei giocatori. Lultimo pareggio interno con il Genoa ha inasprito i rapporti tra tifosi e squadra tanto da valutare positivamente questo mini ciclo di gare esterne che continuer anche la prossima giornata con il Livorno. Giocatori trasformarti da una situazione difficile che li ha portati a una vittoria convin-

    Bene, bravi, bis!Segnali positivi a Glasgow tutti da replicare

    cente (anche se non ancora defi-nitiva per il passaggio del turno) che deve essere assolutamente replicata contro gli uomini di De Canio altrimenti la classifica prender, domenica dopo dome-nica, sempre pi le sembianze di un K2 da scalare senza bombole dossigeno. Problemi dinferme-ria per Allegri che ha in dubbio parecchi giocatori da Mexes a De Sciglio passando per El Shaarawy senza dimenticare Abate, uscito malconcio dal campo in Scozia. Di certo c che Zapata deve scontare un turno di squalifica e allora largo a Silvestre ex di turno che ha lasciato un segno positivo nella storia recente del Catania, anche se agli occhi dei tifosi quel giocatore che scelse di vesti-re lodiata maglia del Palermo, in una parola: tradimento! Sembra aver guadagnato una posizione Emanuelson sulla sinistra al po-sto di Constant. mentre a cen-trocampo lassenza di Muntari promuove titolare ancora Poli insieme con De Jong e Montoli-vo. In avanti sicuramente trover

    spazio Kak alle spalle di Balotel-li e Matri. Il numero 45 rossone-ro ha ritrovato il gol dopo lungo tempo e una prestazione degna di nota che allontana Tweet vari e polemiche infinite. La squadra di De Canio non conta nessuno squalificato, solo una bella schie-ra dinfortunati, tra cui Almiron che certamente non sar della partita. Tutti pronti gli altri per la grande sfida che arriva nel momento giusto, dopo la batosta subita a Torino contro i grana-ta, un 4-1 senza storia che grida vendetta. Tridente dattacco che non dovrebbe avere sorprese con Castro, Lopez e Barrientos, un tasso sudamericano altissimo che non pu lasciare tranquilli i rossoneri. Anche se il Milan si trover davanti non il miglior Catania della storia, per vincere al Massimino ci vuole attenzione costante e cinismo sotto porta, qualit viste in coppa e che van-no replicate senza se e senza ma altrimenti si torna sullaltalena che per, alla lunga, fa venire la nausea.

    i cugini

  • 5domenica 1 dicembre 2013

    Antonio Cassano allInter nel campionato 2012-2013 Antonio Cassano alla Sampdoria dal 2007 al 2011 Hugo Campagnaro allInter da questa stagione

    Hugo Campagnaro alla Sampdoria nei campio-nati 2007-2009

    Evaristo Beccalossi allInter dal 1078 al 1984 Evaristo Beccalossi alla Sampdoria nel campio-nato 1984-1985

    Sinia Mihajlovi allInter dal98, fu anche il vice di Mancini

    Sinia Mihajlovi alla Sampdoria dalla stagione 94 al 98,attuale allenatore

    Stefano Bettarini allInter nelle stagioni 89-91 Stefano Bettarini alla Sampdoria dal 2002 al 2004

  • domenica 1 dicembre 2013 6

    SORPASSO JUVENTUSROMA CAPOCCIA AL TERZO PAREGGIO CONSECUTIVO

    Campionato ricordi

    Finalmente un ritorno alle origini. Oggi a San Siro si gioca al pomeriggio e i ricordi non possono non tornare sulle sfide alla luce del sole degli anni passati quando il campionato non era lo spezzatino attuale che piace ai tifosi in poltrona ma che fa parecchio soffrire gli aman-ti calcio domenicale delle 15. Si gioca Inter-Sampdoria, gara importantissima per entrambe le squadre, ma i riflettori sono puntati sullo Juventus Stadium dove la Vecchia Signora, tornata capolista solitaria dopo tredici giornate grazie al successo di Li-vorno e al pareggio della Roma allOlimpico con il Cagliari, af-fronta unUdinese in buona sa-lute in virt della vittoria della scorsa settimana del Friuli con-tro la Fiorentina. Ci sono buone possibilit di un allungo dellun-dici di Conte dal momento che la Roma, reduce da tre pareggi consecutivi, andr a Bergamo affrontando unAtalanta nervosa e con una grande voglia di riscat-to dopo la sconfitta incassata a Reggio Emilia col Sassuolo. Sulla stessa lunghezza donda dei gial-lorossi di Rudi Garcia c anche il Napoli bastonato al San Paolo otto giorni fa dal sorprenden-te Parma di Donadoni che si preso una piccola rivincita per-sonale con i partenopei che lo

    avevano licenziato alcuno anni fa. La truppa di Benitez sar di scena allOlimpico con la Lazio, orgogliosa per aver agguantato un importante pareggio al 94 a Marassi con la Sampdoria. Una parola anche per il Milan che scender a Catania incrociando le armi con una squadra rabbio-sa reduce dal poker incassato a Torino dai granata di Ventura. Per i rossoneri veramente lul-

    tima spiaggia per un campionato cominciato male che potrebbe finire peggio. Da seguire con attenzione la gara del SantElia col Cagliari in gran spolvero che riceve il Chievo di Corini gasato per il successo nel derby scalige-ro col Verona. Domani, infine, il Verona va a Firenze mentre il Napoli, come gi detto, prover a rialzare la testa con la Lazio allOlimpico.

    un momento dellincontro che ha riportato la Juventus in testa alla classifica

    IL RIBALTONE DI OTTO ANNI FQuando si parla di Inter e Sampdoria a molti inte-risti viene istintivo ripensare a quellincredibile ribaltamento di risultato che i nerazzurri im-posero ai blucerchiati nella 18 giornata del campionato 2004-2005, vinto poi dalla Juventus. Era il 9 gennaio 2005, la prima partita dopo la pausa natalizia la Sampdoria si present a San Siro, con Novellino in panchi-na e Palombo (in campo anche oggi) schierato tra i titolari. LInter aveva una rosa di gran-di nomi, da Adriano a Vieri, da Materazzi a Recoba allenati da Roberto Mancini, al primo anno sulla panchina. Nonostante que-sti campioni la squadra faticava in campionato e la partita era quindi da vincere assolutamente.

    E invece a 2 minuti dal triplice fischio finale lInter si ritrovava in apnea, sotto di due reti con San Siro rumoreggiante nei con-fronti dei propri beniamini. Ma si sa, la pazzia nel dna interista e al 43 della ripresa inizi una sequenza entusiasmante di gol e gioco, di grinta e determinazio-ne. Obafemi Martins dimezz le distanze con un tocco morbido e poco dopo recuper una palla battezzata fuori da tutti, e la mise in mezzo (in rovesciata) per il ca-poccione di Bobo Vieri che non ci pens due volte a siglare il pa-reggio interista. A quel punto lo stadio divenne una bolgia: i tifosi e i giocatori intuirono la possibi-lit di conquistare i 3 punti e fir-mare una rimonta impossibile. E proprio il Chino Recoba, il gio-

    catore probabilmente pi amato dal patron Moratti (ormai ex) nel secondo minuto di recupero indirizz la sfera con un bolide dei suoi proprio sotto il sette, l dove il portiere Antonioli pro-prio non poteva arrivare. La partita termin subito dopo e ci piace pensare che proprio da l vennero gettate le basi per i successi seguenti, a partire dalla Coppa Italia vinta dai Mancinis boys (dopo 23 anni di astinenza) nel giugno di quellanno contro la Roma.

    Alvaro Recoba, suo il gol vincente di quella roccambolesca partita

    Oltre a quella della Nazionale, in carriera ha vestito soltanto due maglie: quella nerazzurra dellInter e quella blucerchiata della Sampdoria. Riccardo Ferri stato un grande difensore centrale, marcatore roccioso vecchio stile che con lInter dei primi anni Novanta riuscito a mettersi in mostra vincendo titoli importanti in Italia e in Europa. Lo scudetto dei record con Giovanni Trapattoni in panchina ha inciso il suo nome nella storia, le due coppe Uefa sono state la gioia pi grande a livello internazionale anche se, con la nazionale italiana, ha sfiorato in pi occasioni il traguardo pi grande. Argento e Bronzo agli Europei Under 21, ma con la spedizione italiana di Italia 90 che arriva la delusione pi grande, con la semifinale persa ai rigori contro lArgentina di Maradona che ancora brucia negli annali della storia del calcio.

    Che partita si aspetta di vedere?

    MI PIACEREBBE FAR PARTE DELLINTER DI THOHIRlintervistaLo dice Riccardo Ferri che si divide: Contro la Samp sfida del cuore

    Beh, innanzitutto sar una partita non facile, per nessuna delle due squadre, poi per me si tratta anche di una partita molto speciale. Sono interista e allInter ho passato un bel periodo della mia vita allInter, per sono anche molto grato alla Sampdoria di avermi concesso di rientrare in un periodo complicato della mia carriera, perch mi ero fatto male, e di ritornare a giocare ancora ad alti livelli.

    Sar la festa dei colori nerazzurri, con Erick Thohir che ha invitato tutte le vecchie bandiere nerazzurre a presenziare per la partita. Lei andr?

    Si andr e sono molto contento di poter conoscere il nuovo presidente dellInter che vedo molto giovane e ambizioso e questo importante soprattutto per i tifosi nerazzurri. Quello di oggi un evento importante che rievoca grandi sentimenti passati per un grande progetto futuro che si sta delineando sempre di pi. Anche il fatto che Thohir abbia voluto invitare proprio

    tutti coloro che anche solo per un minuto hanno vestito la maglia nerazzurra un segnale molto positivo, una speranza di potersi riavvicinare al mondo Inter per tutti.

    Che impressione le ha fatto, finora, Erick Thohir? Limpressione davvero ottima. Limportante che porti avanti la storia e il blasone di questa societ, che non fatta solo dinvestimenti e di periodi, ma anche di tante persone che hanno dato molto alla causa. Queste persone hanno tanta qualit da mettere a disposizione di Thohir, ma soprattutto dellInter. La mia non unautocandidatura, ma un concetto generale che si pu applicare anche a tante altre persone che hanno fatto la storia e che sono pronte a mettersi a disposizione per far s che lInter possa continuare ad essere una grande e prestigiosa realt non solo nazionale, ma anche internazionale. Limpronta di Thohir manageriale ed attenta soprattutto al rendere lInter sempre pi internazionale e questo mi interessa molto personalmente.

    Questa bella iniziativa pu influire o condizionare il rendimento della squadra?

    In realt non penso proprio che potr essere una distrazione perch, almeno finora, Walter Mazzarri stato sempre molto bravo a tenere la squadra compatta e al riparo da ogni tipo di voce o distrazione derivante da questa vicenda. Anche i cambiamenti che ci sono stati non hanno intaccato, finora, il rendimento della squadra o il lavoro che il tecnico sta portando avanti. Anche questo, a conti fatti, un altro plauso che va naturalmente fatto a Mazzarri. Levento potr, al contrario, essere uno stimolo per tutti coloro che scenderanno in campo.

    Come vede lapproccio di Sinisa Mihajlovic sulla panchina della Sampdoria?

    La Sampdoria ha fatto la scelta giusta, perch va incontro a una delle volont del popolo blucerchiato. Dal punto di vista dello spogliatoio, ovviamente una scelta molto valida, perch

    Sinisa ha idee molto chiare. Inoltre lui un personaggio che ha scritto la storia di questa societ da giocatore e con il suo arrivo la societ si tolta un problema importante di una possibile contestazione dei

    tifosi. Penso che Mihajlovic possa guidare questa squadra, ha bisogno di ritocchi, ma che pu raggiungere sicuramente traguardi importanti.

  • 7domenica 1 dicembre 2013

    Che peccato ragazzi quel pa-reggio col Bologna. Vin-cendo avremmo agguantato il Napoli al terzo posto, che non poco se consideriamo a fondo come sono andate fino adesso le cose in casa nerazzurra. Pazien-za. Limportante non mollare e tenere al meglio il passo delle tre grandi del campionato. Cer-to, nessuno forse si aspettava una frenata cos brusca della Roma dopo dieci vittorie consecutive. Invece lo stop arrivato quasi allimprovviso grazie alle impre-se di Cagliari, Sassuolo e Torino. La Juventus ne ha subito appro-fittato balzando al comando della classifica. Per lInter poi, il capi-tombolo del Napoli al San Paolo col Parma sembrava un piatto pronto da gustare, servito appo-sta per farle recuperare terreno e le tossine delle giornate poco felici. Non ce labbiamo fatta e adesso non ci rimane che battere la Sampdoria, un avversario osti-co che il nostro amico Mihajlo-vic sta rimettendo in piedi dopo un avvio difficile e disastroso di stagione. La squadra ligure

    INTER, VINCI E VAI IN ZONA CHAMPIONSdomenica scorsa ha avuto poca fortuna a Marassi con la Lazio, perch prima e rimasta in dieci poi, dopo il gol del vantaggio, ha incassato la rete del pareggio proprio negli ultimi disgraziati secondi di partita quando ormai le bandiere blucerchiate stavano festeggiando l1-0. Sicuramente i nostri avversari scenderanno in campo rabbiosi per quanto successo sette giorni fa. I nostri ragazzi dovranno cercare di im-porre il proprio gioco soprat-tutto a centrocampo e non farsi aggredire. Questa Sampdoria ha grinta da vendere, pressa bene e parte spesso in contropiede. Do-menica abbiamo sciupato unoc-casione doro per portarci alla pari col Napoli, questo pomerig-gio abbiamo unaltra possibilit perch la formazione di Benitez

    a Roma, con la Lazio, domani sera, non avr sicuramente vita facile. Per una notte potremmo essere davanti al Napoli batten-do la Sampdoria. Poi attenzione alla Roma impegnata su un ter-reno insidioso come quello di Bergamo contro lAtalanta. Per la Juventus, salvo sorprese, questo sulla carta dovrebbe essere un turno favorevole. Dunque, an-tenne alzate perch i bianconeri gi stasera potrebbero innestare la quinta e andare in fuga. Per finire , complimenti al Milan per la vittoria di Glasgow col Celtic.

    Uno dei tanti tetativi di Palacio di mettere la palla in rete

    PRIMAVERA, I ROSSONERI SI RIALZANO IN CHAMPIONSIl Milan pareggia a Glasgow

    Il Milan di Inzaghi, dopo essere caduto in campionato contro il Brescia, ritrova il sorriso gra-zie allottimo pareggio strappato in casa del Celtic. A Brescia i baby rossoneri , nonostante fos-sero stati in superiorit nellulti-ma mezzora di gioco, non sono riusciti a capitalizzare la mole di gioco creato cadendo sotto le ripartenze letali delle rondinel-le. Un 3-2 pesante soprattutto in chiave classifica, che adesso vedono i rossoneri scavalcati da Inter e Brescia scivolando al quinto posto in classifica a quota 16 punti. In Champions, invece, il Milan continua il suo trend positivo e Inzaghi non trattiene la sua soddisfazione: Abbiamo preso un gol casuale. Siamo finiti in un girone con squadre fortis-sime. Il Barcellona qui ha vinto

    allultimo e lAjax ha preso quat-tro gol. Dopo il loro vantaggio ci potevano tagliare le gambe, Pinato ha sempre lavorato bene. La squadra ha dimostrato gran-de carattere. Abbiamo fatto un bel cammino fino a qui. Siamo contenti per il Milan, dobbiamo migliorare e abbiamo avuto an-che un po di paura ma torniamo a casa con grande soddisfazione di quello che abbiamo fatto. Io non sono preoccupato se per-diamo come a Brescia. Ci sta nel calcio, dobbiamo migliorare in certi frangenti e a ogni errore che facciamo prendiamo dei gol incredibili. Oggi abbiamo di-mostrato tanto, sabato c il Cit-tadella e non possiamo perdere punti in campionato. Siamo un gran gruppo che pu rendere la vita difficile a tutti. La Youth

    una manifestazione stupenda e ci teniamo tanto ad andare avan-ti. I rossoneri, ieri, allo Stadio Chinetti hanno giocato contro il Cittadella, fanalino di coda. LIn-ter, invece, nellultimo di turno di campionato batte con grande merito il Verona per 2-1 balzan-do al terzo posto in classifica a soli 5 punti dalla capolista Ata-lanta. Mattatore della giornata il solito Bonazzoli, autore di un gol meraviglioso. Su di lui Mazzarri e Branca hanno messo gli occhi da tempo, soprattutto in questo momento nel quale lattacco ne-razzurro latita sotto porta. Ma lui non si scompone: Ci tenevo a fare bene questa partita, perch nel derby Allievi non ho segnato e dunque ci tenevo oggi. E sta-to importante aver giocato bene per la squadra e per il gol, sono soddisfatto. Ho giocato con tre squadre diverse questa settima-na ma sono a completa dispo-sizione della societ, tra Allievi, Primavera e prima squadra io ci sono. Devo uscire dal campo con la consapevolezza di aver dato tutto, devo giocare sempre con umilt. Dedico il gol di oggi ai miei genitori, che se lo meri-tano.... La squadra di Cerrone ieri andata a far visita al Virtus Lanciano. I frentiani, penultimi a quota 4 punti, in casa hanno dato sempre filo da torcere alle avversarie.

    Federico Bonazzoli, attaccante dellInter

    primavera

    La 14 giornata della Serie A mette di fronte lInter di Mazzarri e la nuova Samp di Mihajlovic, entrambi ex degli odierni avversari. Una gara che pu delineare il futuro delle due squadre con i nerazzurri che dopo linizio esaltante di stagio-ne hanno sbattuto contro il muro di Bologna che ha impedito a Pa-lacio e soci di agguantare il terzo posto occupato dal Napoli: un successo oggi metterebbe per momentaneamente lInter in zona Champions in attesa della gara del Napoli che nel posticipo di luned far visita alla Lazio di Petkovic e con lo scontro diretto al San Paolo in programma il 15 dicembre tutto pu succedere. Liguri che, dopo il drammatico avvio culminato con lallontana-

    INTER-SAMPDORIA E LA VOGLIA DI VOLARE

    Entrambe a caccia di un successoscommessemento di Delio Rossi e il conse-guente arrivo del serbo, hanno prodotto una gara di sacrificio e cuore con la Lazio che solo il pareggio di Cana in extremis ha offuscato; voglia dunque di con-fermare le buone impressioni de-state allesordio con il nuovo tec-nico, che si avvarr del ritrovato Eder. Una gara che ci aspettiamo ricca di reti con lOver 2,5 offerto intorno all1.80 che si lascia pre-ferire; si pu virare su una gio-cata 1 + Over2,5 prevedendo un successo dei padroni di casa con 3 o pi gol segnati nel corso del-la gara, unipotesi che paga bene per una giocata in singola: 3,50. Per i pi tecnologici ricordatevi che attraverso il vostro Iphone, Smarthpone o Tablet potete sca-ricare le applicazioni di diversi

    Concessionari di Gioco che vi permetteranno di scommettere live sullevento. Il divertimento assicurato ma ricordatevi di GIOCARE CON RESPONSA-BILITA. Diamo uno sguardo alle partite che completeranno la giornata di campionato in Serie A: in serata protagonista la Ju-ventus di Conte che ospita lUdi-nese di Guidolin, con i campio-ni dItalia lanciati verso record sempre pi importanti, sono ben 6 i punti in pi rispetto alla gi straordinaria stagione scorsa, e vetta ritrovata grazia al rallen-tamento della Roma di Garcia, Udinese che ha ritrovato il suc-cesso contro i viola sette giorni fa ma che deve fare a meno di Muriel infortunato. Non sem-bra esserci spazio per le sorpre-se ed il segno 1 dei bianconeri molto probabile ma, per osare qualcosina in pi, aggiungiamo anche in questo caso lOver 2,5 per una quota che si aggira in-trono a 2 volte e mezzo la posta. Infine luned alle 19 Fiorentina che ospita il Verona in una gara tra 2 squadre che hanno sempre molte occasioni per segnare ed il Gol, che paga intorno all1,85, pare la miglior soluzione; chiu-de il programma Lazio-Napoli alle 21 con i partenopei favoriti ma attenzione allultima spiaggia per Petkovic: potrebbe venire fuori una gara con molti gol e lOver2,5 a 1,90 non per niente male. In bocca al lupo.

    Walter Mazzarri, ex tecnico doriani per due stagioni

    Sinia Mihajlovi interista, oltre che della Sampdoria.

    Thohir sta studiando il mercato. Ma per ora lacquisto migliore lha fatto Icardi: fidanzandosi con quella gnoc-ca di Wanda Nora.

    Garcia, una volta espulso, ha continuato a dare indicazioni ai suoi uomini usando dei walkie-talkie. Senza fare tante scene n parlare di colpo di stato.

    Cassano, che ha segnato contro il Napoli, sta vivendo decisa-mente un momento doro. Pare addirittura che abbia perso dieci chili: ha finito di spurgarsi i brufoli.

    lInter continua la sua serie positiva in campionato

  • domenica 1 dicembre 2013 8

    Raduno Inter Club Basilicata

    Lannuale raduno degli Inter Club della Basilicata si te-nuto, questanno, presso la sede dellInter Club Montescaglioso, il 10 novembre scorso. Agli or-dini del Coordinatore regionale Ludovico Iannotti, insignito lan-no scorso del prestigioso titolo di migliore Coordinatore dIta-lia, la maggior parte dei rappre-sentanti dei club lucani, tra cui quelli di Aliano, Castelmezzano, Bernalda, Episcopia, Marconia, Tursi, SantArcangelo ,Terranova di Pollino , Vallenoce Trecchi-na, Matera Massimo Moratti, Matera Angelo Moratti, Matera

    Cambiasso, Montescaglioso, Sa-landra, Potenza, Vaglio di Basili-cata, Pignola, Pomarico, Rionero in Vulture. Presente alla riunio-ne anche Michele Giannace, vec-chio coordinatore di qualche anno fa. I temi trattati da Iannot-ti hanno riguardato soprattutto i nuovi e moderni servizi che il Centro ha messo in atto per agevolare sempre pi i rapporti con i 1000 club affiliati, le nuove disposizioni in tema di assegna-zione biglietti e le iniziative del

    i club

    Centro che riguardano anche i rapporti commerciali e le tante agevolazioni che si possono ave-re con il possesso della tessera del tifoso. E stato fatto un lungo applauso di benvenuto al nuovo presidente Erick Thohir, seguito da un comune e festante brindisi a base di Spumante del Vulture di annata, riservato per la im-portante occasione. Una cassa intera dello stesso prezioso liqui-do stata riservata per brindare al prossimo vicino scudetto.

    Il titolo dovrebbe essere-giusto. Abbiamo usato la sua lingua per un sincero segno di simpatia e di cor-tesia, per farle capire, su-bito, come siamo noi tifosi nerazzurri. Innanzi tutto, un grazie mille per aver scelto la nostra Inter per farne, dopo tante vittorie prestigiose sotto la guida di Massimo Moratti, una compagine ancora pi for-te, da riportare, con la do-vuta necessaria program-mazione, ai vertici europei e mondiali. In questo cam-mino, non certamente faci-

    Thohir, Selamat Datang Uno di noile, signor Presidente, pu contare sulla nostra forza, quella indomita degli Inter Club. Siamo pi di mille in tutto il mondo, con 115mila soci , affiliati felicemen-te al Centro Coordina-mento Inter Club, per noi una guida indispensabile e sicura , che detta le rego-le di comportamento per un tifo sano e costruttivo. Noi ne siamo fieri, perch sia-mo superiori a tutte le altre squadre per laspetto orga-nizzativo in questo campo. Saremmo ancora pi fieri se Lei, signor Presidente, volesse ascoltare anche le nostre voci, i nostri inte-ressati consigli, le nostre

    longeve esperienze, per-ch abbiamo un cammi-no comune da percorrere, con onest ed ostinazione. Lo vorremmo fare fianco a fianco, come una te-stuggine romana, perch conosciamo gi i suoi pro-getti e la sua disponibilit per la fede interista , che le viene direttamente dal nobile cuore. La conside-riamo ,per questo, Uno di Noi, uno che sembra esse-re stato, gi tante volte ,in mezzo a noi, tra bandiere e striscioni gloriosi, a tifare e gridare : Viva LInter. E noi aggiungiamo, con estremo piacere: Viva il Presidente, Viva Thohir.

    Lettera dagli Inter Club

    Caro Presidente,

  • 9domenica 1 dicembre 2013

    LOnorevole Lara Comi intervista Alan Christian Rizzi consigliere del Comune di Milano

    Con Leonardo e Cristiano Ronaldo sarebbe unInter superMazzarri il migliore acqui-sto, nessun derby per il nuovo stadio: il Milan non lasce-r mai San Siro

    LInter ha fallito laggancio al Napoli. Il suo campionato sar

    una sfida con i partenopei per un posto in Champions o pu fare di pi?

    Allinizio della stagione pensavo che Juve, Napoli e Fiorentina fos-sero pi forti dellInter (la Roma si sgonfier). Non avevo calcolato

    Lattuale dirigenza va confer-mata?

    C loccasione di cambiare, per-ch non farlo? Ritengo che anche Branca abbia fatto il suo tempo. Giusto ripartire.

    Leonardo strizza locchio allInter

    Sarebbe una grande risorsa. Lui sa valorizzarsi ovunque, pure in panchina. Io punterei decisamen-te sul suo ritorno. Thohir ci sar e non ci sar, serve uno che presi-di. Leo sarebbe la scelta ideale.

    Come vede Moratti nel ruolo di presidente onorario?

    Non mi sarei mai aspettato la cessione, ha capito che i tempi erano cambiati anche per il calcio. Soffrir di questa scelta e sta sof-frendo. Ma anche in questa deci-sione si vede il grande amore che ha per lInter.

    Il primo banco di prova il mercato di gennaio: cosa serve per fare un ulteriore salto di qualit?

    Il primo colpo di mercato sta-to valorizzare quello che ave-

    vamo gi in casa. Non servono molti rinforzi, magari qualcosa a centrocampo. Non per Nainggo-lan, poca roba, anche se, con il padre che ha origini indonesiane, sarebbe unoperazione di marke-ting.

    Thohir fa gi sognare i tifosi, Messi ha per frenato i suoi desideri, dicendo che rester a vita al Barcellona.

    Messi lo vedrei bene in Inghilter-ra, allInter servirebbe uno come Cristiano Ronaldo. Thohir com-prer comunque dei big, aspet-tiamocelo. Lui deve aumentare i ricavi, vendere magliette dellIn-ter in tutto il mondo. E per questo

    serve avere dei top player.

    Milito potrebbe rientrare per il derby. Si pu ancora contare su di lui?

    Se sta bene, Milito tutta la vita. Ma non so se potr essere pronto per il derby. I campi nel periodo invernale sono pesanti e chi viene da infortuni muscolari rischia di pi.

    A proposito di derby, ce ne uno anche per un nuovo stadio in zona Expo.

    Nessun derby, il Milan non la-scer mai San Siro, ne sono con-vinto. Credo invece nellinteresse

    dellInter a un nuovo stadio di propriet. Io sono daccordo.

    LInter affronta la Samp guida-ta da una vecchia conoscenza nerazzurra, Mihajlovi. Rischi?

    La Samp la mia seconda squa-dra, ma tutto cuore e poca roba. Viene da una buona partita con la Lazio, ma non credo a sorpre-se.

    LAVEZZI ALL INTER PER FAR FELICE MAZZARRImercato

    Piace a Mazzarri lidea di por-tare Pocho Lavezzi allInter a gennaio. Largentino nel Psg tro-va ormai da troppo tempo poco spazio personale e da quanto si

    capito tornerebbe volentieri a giocare nel campionato italiano agli ordini del suo ex allenatore col quale ha diviso gioie e dolori nel Napoli scintillante di tre anni fa. Molto dipender dalla cifra che sparer il club parigino alla Beneamata ma non detto che lInter non possa mettersi dac-cordo effettuando una contro-partita, magari con la cessione di

    Alvarez o Ranocchia, che accon-tenterebbe le due parti. Il Pocho rimasto lusingato dallinteres-samento del club nerazzurro e, a quanto sembra, verrebbe volen-tieri a giocare a Milano ritrovan-do Walter Mazzarri pronto a far-gli un monumento se il giocatore dir di s. Blanc, mister del Psg, ha una valanga di attaccanti a disposizione e dal momento che quanto prima potrebbe aggiun-gersi a questa rosa pure Balotelli si pu percepire che dal punto di vista del tecnico transalpino non dovrebbe esserci alcun veto per il passaggio di Lavezzi allIn-ter a gennaio. La Beneamata di Thohir non si fermerebbe per qui. Sul taccuino del presidente indonesiano, dietro indicazione di Mazzarri, c segnato anche lex romanista Menez, pure lui in forza al Psg e pure lui con poche chance di poter scendere in cam-po agli ordini di Blanc con una certa continuit. Ecco, di con-seguenza, affacciarsi lipotesi di vedere in nerazzurro anche Me-nez un giocatore che sempre piaciuto a Mazzarri. In questo caso lInter potrebbe concedere semaforo verde alla cessione di Jonathan tenuto molto in consi-derazione dallo staff parigino in particolare modo dopo un avvio brillante di stagione completato con lultimo gol capolavoro rea-lizzato col Bologna nellultima di campionato Ezequiel Ivn Lavezzi in forza al PSG

    le grandi capacit di Mazzarri. grazie a lui se siamo l, segnano tutti, difensori compresi. Provo stupore e interesse per quello che sta realizzando.

    Ciclone Thohir, qual il primo

    giudizio?

    Positivo. Una novit necessaria. Il fatto che Moratti lo abbia scelto una garanzia. Se in passato mi avessero detto che lInter sarebbe diventata indonesiana mi sarei messo a ridere.

    Per un problema di stampa, Luca Lotti, intervistato in occasione di Milan-Genoa, stato errone-amente riportato sul numero 39 di Stadio5 come Luca Liotti. Ce ne scusiamo con lOn. deputato e i lettori.

    Jrmy Mnez ex Roma attualmente al PSG

  • domenica 1 dicembre 2013 10

    In Spagna Atletico, Real e Bar-cellona continuano a far di-vertire. I catalani, senza pigiare il piede sullacceleratore, al Nou Camp rifilano un poker al Gra-nada mentre il Real di Ancelotti passeggia sui resti dellAlmeria con un secco 0-5 esterno. Ma fa meglio di tutte lAtletico di Sime-one che seppellisce di gol (7-0) il povero Getafe, che comunque, per dovere di cronaca, non affatto lultimo arrivato in Liga. Di conseguenza al comando re-sta sempre il Barca con lAtletico che insegue a tre lunghezze, col Real un paio di gradini pi sotto pronto, al momento, ad appro-fittare di un qualsiasi passo falso dei catalani e dei cugini fin dal prossimo turno. In Liga va forte anche il Villareal, attualmente quarto, che a Valencia fa un bel tris al Levante costretto a giocare in dieci per quasi tutta la gara, mentre il derby fra il Siviglia e il Betis finisce con un 4-0 per i padroni di casa. In Bundesliga il Bayern Monaco detta legge andando a vincere per 0-3 a Dortmund col Borussia che ora staccatissimo in classifica nei confronti dei bavaresi. La Super-sfida vinta dai campioni dEuro-pa in carica firmata da Gotze, Robben e Muller. Non molla intanto il Bayer Leverkusen che espugnano Berlino battendo lHerta grazie al gol messo a se-

    ATLETICO MADRID A VALANGA IN LIGA COL GETAFEIN PREMIER IL CITY GIOCAA TENNIS COL TOTTENHAMgno da Klessling. Impresa invece del Monchengladbach a Stoccar-da per 0-2, stesso discorso per il Mainz che fa il corsaro a Brema col Werder, ombra della squadra che ha vinto il campionato quat-tro anni fa. In Premier fa la voce grossa il City di Pellegrini che gioca a tennis (6-0) col Totten-ham di Vilas Boas ormai in piena crisi. LArsenal capolista si toglie il sassolino dalla scarpa battendo la rivelazione Southampton per 2-0, pareggia invece il secondo in classifica Liverpool nel piro-tecnico derby (3-3) con lEver-ton mentre il Chelsea dilaga col

    West Ham con una tripletta. Lo United beffato in zona Cesarini col meritato pareggio del Cardiff e il fanalino di coda Crystal Pa-lace fa bottino pieno in trasferta con lHull. In Francia vincono le prime quattro della classe: il Psg brindando a champagne col Reims, il Marsiglia in Corsica fa soiu i tre punti con lAjaccio, il Monaco torna al successo a Nan-tes e il Lille si piazza in terza po-sizione grazie a un gol di Souare che stende in extremis il Tolosa.

    Cristano Ronaldo impegnato a neutralizzare il gioco avversario

    Musica diversa quella del Milan formato europeo. Il rientro in squadra del centra-le Bonera e il duo Kak-Birsa a servire Balotelli, unica punta, mette letteralmente in ginocchio il Celtic. Peccato per il risultato di Ajax-Barcellona che rinvia i festeggiamenti per il passag-gio del turno agli ottavi, non v ancora la matematica certezza, ma il passaggio ormai vicino. Rossoneri scatenati che tornano a vincere, dopo un digiuno du-rato quasi un anno, in trasferta in Coppa. Una vittoria a corona-mento di una prestazione con-vincente che lascia ben sperare anche per il campionato. Allegri dispone e carica i suoi ragazzi nel modo giusto, i risultati si vedono subito, al 13 il colpo di testa di Kak, lasciato solo dalla difesa scozzese, apre le danze. Compli-ce anche un Celtic sprecone che non riuscito a sfruttare nep-pure loccasione pi clamorosa della ripresa, autore del misfatto Van Dijk che calcia addosso ad Abbiati un gol praticamente fat-to. Tutto in discesa per il Milan,

    MILAN TRE NOTE DAUTOREJUVENTUS TRE PERLE DI VIDALNAPOLI TRE PERE INCASSATE

    champions

    champions

    il raddoppio porta la firma di Za-pata che deve solo accompagna-re la palla in rete. Una gara che ha visto tutti i rossoneri in par-tita, nessuno escluso. Il protago-nista assoluto della serata stato un superlativo Kak. A chiudere i giochi ci ha pensato SuperMa-rio, tornato al gol dopo quasi due mesi, che segna su assist di Mon-tolivo. Ora al Milan, per passare il turno, basta anche un pareggio con lAjax in casa allultima gior-nata. Non si pu dire altrettanto del Napoli, letteralmente de-

    molito dal Borussia Dortmund. Benitez ha sbagliato tutto e si nasconde dietro un dito. Lanali-si della partita presto fatta: tre gol subiti e almeno altri quattro avrebbe potuto subirne senza avere nulla da recriminare con-siderato che ai tedeschi stato concesso di andare a conclusio-ne per ben 18 volte. Solo il tec-nico partenopeo riuscito a ve-dere nei suoi uomini una prova di carattere, intensit e voglia di vincere. Ammettendo, tra laltro, di aver commesso solo qualche piccolo errore concedendo agli avversari spazi per le ripartente. Evidentemente Benitez, contra-riamente a tutti noi, ha visto un altra partita. La Juventus, da can-to suo, ha tenuto fede alla parola dordine urlata da Conte: Contro il Copenhagen dobbiamo vince-re. Passata in vantaggio con un rigore nettissimo, fallo di mano di Jacobsen in anticipo su Pogba, trasformato da Vidal. Il momen-taneo pareggio porta la firma dellex Melnerg al 56. I bianco-neri non demordono, proseguo-no per la loro strada e il raddop-pio arriva, sempre ad opera del centrocampista cileno e ancora una volta su calcio di rigore. La partita non ha pi nulla da rac-contare: Arturo Erasmo Vidal Pardo, ancora lui, sigla la triplet-ta, questa volta di testa devia in rete un cross di Pogba. A questo punto alla Juventus, grazie anche alla vittoria del Real nonostante linferiorit numerica, baster pareggiare nellultima giornata a Istanbul per passare agli ottavi.

    la delusione di Hamsik

    Arturo Vidal, grande protagonista contro il Copenhagen

    UNITED A VALANGA COL LEVERKUSEN

    Il Milan sbuffa col Barcellona che va a perdere ad Amster-dam con lAjax lasciando cos aperta una porta allo spareg-gio qualificazione agli ottavi di Champions in programma a San Siro con gli olandesi mer-coled 11. Gli spagnoli, orfani di Messi, stavano pagando a caro prezzo lassenza del fuoriclasse argentino, poi, per fortuna loro, la sconfitta stata ridimensio-nata dall1-2 grazie a una buona reazione finale che comunque ha bocciato la prestazione nel-la terra dei tulipani. LArsenal, nel girone del Napoli, pratica-mente qualificato dal momento che dovrebbe perdere con tre gol di scarto la sfida del San Pa-olo del giorno 11. Al Borussia Dortmund baster strappare i tre punti al fanalino di coda Marsi-glia al Velodrome. Crolla invece al Bernabeu il Galatasaray di Mancini contro un Real ridotto

    IL REAL PUNISCE IL GALATASARAY DI MANCINI

    in dieci per lespulsione di Ser-gio Ramos. E la Juve ringrazia. Lode al Basilea che stende nuo-vamente il Chelsea di Mourinho rimettendosi saldamente in cor-sa per il passaggio del turno. Lo Schalke non approfitta del tonfo dei Blues ed inchiodato sullo 0-0 a Bucarest dalla Steaua sot-to la neve. Lo United, micidiale

    nel contropiede, ne fa addirittu-ra cinque a Leverkusen al Bayer che rimette in gioco lo Shakhtar vincitore con un poker sulla Real Sociedad. LAtletico Madrid fre-na la sua corsa impattando a San Pietroburgo con lo Zenit che tira un sospirone grazie al pareggio imposto dallAustria Vienna al Porto. Al Parco dei Principi il Psg soffre con lOlympiacos ma poi Ibra mette le cose a posto ag-guantando il successo nei minuti finali. Il Benfica strizza locchio ai parigini e col 2-3 di Bruxelles con lAnderlecht aggancia i greci in classifica. Il Bayern Monaco, in gita a Mosca, non ha piet del Cska e gli rifila tre reti mentre il City, prima di aver ragione su un tenace e imprevedibile Pli-zen, deve sudare freddo davanti al proprio pubblico.

    Luigi Sada

    ci pensa il solito Zlatan Ibrahimovic

    lesultanza dellAjax allAmsterdam Arena

  • 11domenica 1 dicembre 2013

    LE PAGELLE DI UNA STAGIONEVettel su tutti, ma Alonso ha fatto quello che ha potuto

    tro terzi posti, qualche lampo in un campionato che offriva pochi spiragli. Giunto nono in Brasile, Hamilton ha fretta di archiviare la sua prima, difficoltosa stagio-ne alla Mercedes.Kimi Raikkonen: 7 e 1/2. Non ha potuto disputare le ulti-me due gare a causa di un inter-vento alla schiena: il quinto posto decisamente un buon risultato. A dispetto dei numeri, stato un 2013 travagliato per Kimi, il qua-le non ha gradito la politica della Lotus in termini di stipendi e lo ha reso noto. Il rapporto con la scuderia si incrinato, malgrado le prestazioni pi che positive in pista e una vittoria al GP dAu-stralia. Poco importa, visto che dallanno prossimo (ri)vestir di rosso, ma in molti si chiedo-no se le sue condizioni fisiche gli permetteranno di esprimersi al meglio.Romain Grosjean: 7 .Era considerato lo sfasciacar-rozze del Circus, il folle del primo giro, lautore di inci-denti spettacolari. Ora il pilota franco-svizzero ha trovato la sua dimensione ed stato uno dei protagonisti del campionato, in

    formula 1

    Sebastian Vettel 10 e lodeHa corso un campionato a parte, battendo tutti i record con le sue 13 vittorie, di cui nove conse-cutive, per un totale (mostruo-so) di 397 punti. Certo, se non avesse potuto contare sulla Red Bull, la migliore macchina in circolazione, forse non avrebbe imposto una tale supremazia, ma un fatto che il 26enne di Heppenheim sia un fuoriclasse.Fernando Alonso 8 e 1/2E stata unannata di passione per il ferrarista, che si consola con il secondo posto nel campiona-to piloti, risultato ampiamente meritato considerando la mo-

    noposto a sua disposizione. Ha vinto in Cina e Spagna, arri-vato cinque volte secondo e due volte terzo. A peggiorare la si-tuazione nella seconda parte del-la stagione ci si messo proprio il suo team, che ha accumulato errori in termini di strategia e di sviluppo della vettura. Lastu-riano ha lamentato la mancanza di aggiornamenti nel momento clou del campionato, quando poteva ancora sperare nel titolo: il suo grido rimasto inascolta-to. Nico Rosberg: 8. Il figlio del pi famoso Keke ha dimostrato di saperci fare. Protagonista a

    inizio stagione di qualche fri-zione, dentro e fuori pista, con il compagno di squadra, Rosberg si imposto nel GP dInghil-terra, giunto secondo in India ed salito sul terzo gradino del podio ad Abu Dhabi. Dopo una prima parte travagliata, sempre andato a punti, con leccezione dellUngheria. Il suo team rin-grazia per il secondo posto nella classifica costruttori.Mark Webber 8. Ultima sta-gione in F1 per laustraliano, che chiude la carriera al terzo posto, con un bilancio di otto podi, ma nessuna vittoria. Il suo 2013 stato funestato da problemi meccanici o con le gomme, che lo hanno costretto al ritiro in tre occasioni. Rispetto al recente passato, condito di polemiche e lotte in pista con il compagno di squadra, Webber questanno ha dovuto accontentarsi di un ruolo da gregario. Lewis Hamilton: 7. Rallen-tato dalla rapida degradazione degli pneumatici, linglese ha passato un anno sofferto. Nono-stante gli alti e bassi, il pilota del-la Mercedes riuscito a vincere in Ungheria e ad ottenere quat-

    particolar modo nellultima fase grazie a quattro podi in cinque gare. Sponsorizzato dalla Total, sar luomo di punta della Lo-tus anche nella prossima stagion Felipe Massa: 6 e 1/2. Il suo ultimo GP in Ferrari si conclu-so con lamaro in bocca, quasi una metafora dei suoi 10 anni a Maranello, due da collaudatore e otto da titolare. Il brasiliano ha avuto parecchie difficolt a gestire la sua F138, specialmente nellultima parte del campionato. Ora lo aspetta la Williams e re-stare in F1 di questi tempi gi

    una buona notizia.Jenson Button: 6. Prigio-niero di una monoposto con problemi di affidabilit, linglese ha passato un anno nella parte bassa della zona punti, con lec-cezione del terzo posto in Bra-sile e un quarto piazzamento in Cina. Linglese, noto per la sua intelligenza tattica, sar larma in pi del team di Woking per lo sviluppo dei nuovi motori.

    il team Red Bull Sebastian Vettel tra Adrian Newey (a sin.) e il team principal Christian Horner

    LEA7 prosegue il suo cammi-no verso la cima della classi-fica. La squadra di Luca Banchi dopo la trsferta di Kaunas prova a ricaricare le batterie per la sfi-da al PalaTiziano, dove luned li attende la squadra della Virtus Roma. Due trasferte in te gior-ni non sono uno scherzo, ma il momento di quelli giusti: ca-pitalizzare ci che di buono ar-riva senza lamentarsi del gioco. Quello arriver col tempo, ma-gari mercato permettendo. Nella Capitale la squadra biancorossa prover nuovamente a mostrare il carattere. Lo stesso che gli ha permesso di raddrizzare partite quasi perse (vedi con lEfes) o nate male (Reggio Emilia ne un esempio), grazie, per, a un pubblico coinvolto ed entusiasta (una passione del genere non si assaporava dai tempi di Lino Lardo). I vicecampioni dItalia hanno gli stessi punti di Milano, con quattro vittorie e due scon-fitte (otto punti complessivi) e domenica scorsa hanno supera-to Cremona grazie ai 18 punti di Trevor Mbakwe, centro nigeria-no nativo di St. Paul (USA). La squadra guidata da Luca Dal-monte costruisce le sue giocate partendo da Jordan Yaylor, 12 punti di media, con un 40.8% da due e il 26.7% da tre. Buon numero di assist (4.4 a partita) e di rimbalzi (2.7). Phil Goss la guardia di Washington che

    OCCHIO NELLA CAPITALELEA7 in trasferta a Roma non vuole perdere altro terreno

    basket

    domenica corsa ha realizzato 12 punti. Infallibile o quasi dalla lu-netta (15/16) viaggia col 56.1 da due. Alex Righetti, 36 anni, la-la piccola che parte nel quintetto. Ma lesperienza in alcuni fran-genti della partita sono la quin-tessenza. Lala grande Quinton Hosley, 11.4 punti di media e 4.4 rimbalzi a partita. Buon difenso-

    re tira col 46,1% da due. Da non dimenticare Bobby Jones, ala di Compton, che viaggia con 9 punti di media, e Jimmy Baron, guardia-ala che tira con una me-dia del 41%. Riccardo Moraschi-ni una guardia di buon talento: deve migliorare nel tiro e nella continuit. Ventidue anni non sono tanti, ma sono abbastanza.

    Keith Langford il vero valore aggiunto dellEA7

    VALENTINO ROSSI PROTAGONISTA DEL MONDIALE 2014Il Dottore vuole correre ancora due anniSpenti i motori sulla stagio-ne appena conclusa con la vittoria da record di Marc Mar-quez che continuer a correre con il suo personale numero 93, si parla del mondiale 2014. La notizia pi interessante la tro-viamo nellelenco provvisorio, reso noto dalla Federmoto, degli iscritti alla prossima stagione. Sale a 16 il numero degli italiani che vedremo in pista per il pros-simo mondiale nelle tre catego-rie, allelenco si aggiunge Alex de Angelis. Diversi i cambiamenti: in MotoGP potrebbe arrivare Niccol Canepa, notizia finora ancora non confermata dal team Iodarancing che, anzi, viene sottolineato il mancato accordo con il pilota ligure. Pare che la Iodaracing Project stia ancora cercando il nuovo compagno di Danilo Petrucci. In mancan-za di Canepa, potrebbe arrivare Claudio Corti. Gli italiani in pi-sta in MotoGp saranno: 4 AN-DREA DOVIZIOSO - DUCATI TEAM - DUCATI, 9 DANILO PETRUCCI - IODARACING PROJECT - TBA, 29 ANDREA IANNONE - PRAMAC RA-CING - DUCATI, 46 VALEN-TINO ROSSI - YAMAHA FAC-TORY RACING - YAMAHA, 59 NICCOL CANEPA - IO-DARACING PROJECT - TBA. In Moto2, invece troveremo: 3 SIMONE CORSI - NGM MOBI-LE FORWARD RACING - FTR, 7 LORENZO BALDASSARRI - GRESINI Moto2 - SUTER, 54 MATTIA PASINI - NGM MO-BILE FORWARD RACING -

    FTR e con il numero 88 ALES-SANDRO NOCCO - SPEED UP - SPEED UP. Gli italiani iscritti alla Moto3, ad oggi, sono: 3 MATTEO FERRARI - SAN CARLO TEAM ITALIA - MA-HINDRA, 5 ROMANO FENA-TI - TEAM SKY-VR46 - KTM, 19 ALESSANDRO TONUCCI - CIP Moto3 - MAHINDRA, 23 NICCOLO ANTONELLI - GO&FUN GRESINI Moto3 - KTM e con il numero 55 AN-DREA LOCATELLI - SAN CARLO TEAM ITALIA - MA-HINDRA.Valentino Rossi, negli ultimi quattro mondiali solo tre vittorie, per il prossimo mon-diale ha le idee chiare, o risulta competitivo gi nelle prime sei gare, o si ritira: Io vorrei corre-

    re altri due anni, ma solo se sar competitivo Nel 2014 dovr stare davanti, pi vicino ai primi tre. I test da febbraio a giugno saranno decisivi sulla scelta a fine stagio-ne.Con abilit evita le polemi-che nate dalla separazione con lex capotecnico Jeremy Burgess, sostituito dal tecnico Silvano Galbusera: Non scendo nei det-tagli. Spiegare troppi particolari di ci che non andava potrebbe essere un problema, allora me-glio che si pensi che stata una bizza del pilota.

    motoGP

    la grinta del centauro di Tavullia

  • domenica 1 dicembre 2013 12

    Dicembre sar un mese straordinario per la boxe milanese e italiana. Il grande Giacobbe Fragomeni e la for-livese Simona Galassi avranno una nuova possibilit di salire sul tetto del mondo, cos come il campione europeo Michele Di Rocco difender il titolo. Il 6 dicembre, a Chicago (USA), Il pugile del quartiere Stadera Gabibbo Fragomeni (31 vitto-rie, 3 sconfitte, 2 pari) sfider il campione WBC Krzysztof Wlo-darczyk (48 vittorie, 2 sconfitte, 1 pari). Si tratta della terza sfida

    Chance mondiale per FragomeniAnche la Galassi per la corona iridata, mentre Di Rocco difende il titolo europeo

    boxe

    dipender soltanto da me. Sono convinto, deciso e determinato a far mio il titolo. Dovr stare attento a non commettere erro-ri perch lui bravo a sfruttare i lati deboli dellavversario. E un pugile sornione, furbo, quindi dovr essere molto concentrato

    e supermosca IBF), mentre lar-mena ha vinto tre versioni del mondiale dei pesi mosca (WBA, WIBF e WBO). Il record di Susi Kentikian composto da 31 vit-torie (16 per knock out), 2 scon-fitte e 1 no-contest. Ha 26 anni (15 in meno della Galassi) ed una star in Germania, dove i me-dia sportivi e generalisti le dedi-cano grande spazio. Il 21 dicem-bre a Brindisi (citt europea dello sport 2014), infine, il campione dEuropa dei pesi superleggeri Michele Di Rocco (35 vittorie, 15 prima del limite, 1 sconfitta e 1 pari) difender il titolo con-tro il finlandese Ville Piispanen (17 vittorie, 6 per knock out, 3 sconfitte e 3 pari). Di Rocco uno dei migliori pugili italiani e la OPI 2000 ha grandi proget-ti per lui, la conferma europea solo una tappa verso il mondiale. Piispanen ha combattuto contro Giuseppe Lauri (perdendo per ko tecnico al sesto round), Ema-nuele De Prophetis (vincendo per abbandono al termine del-la quarta ripresa) e Vittorio Oi

    Giacobbe Fragomeni nellultimo match vinto contro Silvio Branco

    Michele Di Rocco, attuale campione europeo dei pesi Superleggeri

    Giacobbe Fragomeni e Simona Galassi, entrambi a caccia del titolo mondiale

    Prima il riposo, meritato, poi il lavoro, intenso, come sem-pre. I ragazzi di Rugby Grande Milano si sono goduti cos la vit-toria sul Parabiago per trenta a quattordici che ha fruttato anche il punto di bonus per le quattro mete segnate. Un successo, se-guito a quello su Asti, che ha ri-dato fiducia ad una squadra gio-vane, che proprio di convinzione aveva bisogno: Ho visto negli occhi dei ragazzi afferma il ds Antonio Raimondi una luce diversa, dopo il successo contro Parabiago. Una vittoria significa-tiva contro una delle squadre pi attrezzate del torneo, arrivata dominando sul piano del gioco. Questa la cosa pi importante perch quando hai una rosa cos giovane, puoi prevedere di avere

    RGM alla prova Rovato

    di Toni Morandi

    Per i milanesi match di conferma contro i brescianiun andamento poco costante. Il successo su Parabiago potrebbe essere il giro di boa della sta-gione dei milanesi: Domenica prossima siamo chiamati a una conferma continua Raimondi Saremo in trasferta a Rovato, una squadra che in casa diventa molto pericoloso sia per laggres-sivit sia per la grande fisicit che hanno. Non sar facile vin-cere ma, se riusciremo a essere vicini al rendimento che abbia-mo avuto con Parabiago, pos-siamo battere qualsiasi squadra in questo campionato. Contro Rovato ci sar comunque lavoro supplementare per il pacchetto di mischia: Siamo una squadra giovane dice Mauro Vaghi il coach della mischia di RGM e abbiamo ampi margini di mi-glioramento. I ragazzi stanno

    lavorando duro e i primi frutti siniziano a vedere. Non faci-le perch, anche a causa degli infortuni, non sempre abbiamo potuto lavorare a ranghi comple-ti. La pausa servita per recupe-rare qualche infortunio: Abbia-mo avuto un inizio di stagione davvero sfortunato conclude Raimondi - tanti infortuni, a vol-te neppure legati strettamente al gioco, che hanno tolto possibilit di scegliere al nostro allenatore Ragusi. Anche giocare sette par-tite consecutive ha complicato sia la gestione delle forze dei ra-gazzi, sia il recupero degli infor-tunati. Ora dobbiamo fare uno sforzo fino a Natale, poi avremo modo di riprendere la seconda parte della stagione, approfittan-do del mese di sosta che stato programmato per gennaio.

    Mischia RGM

    mondiale tra i due. La prima si svolse a Roma il16 maggio 2009 e termin in parit (Fragomeni era il campione WBC in carica e conserv la cintura). La secon-da ebbe luogo a Lodz (Polonia), il 15 maggio 2010 e si concluse con la vittoria di Wlodarczyk per ko tecnico allottavo round (il titolo WBC era vacante). Da allora il pugile nato a Varsavia ha difeso 5 volte la corona, in Po-lonia, Australia e Russia. La sua pi grande vittoria stata quella contro il forte australiano Den-ny Green (TKO all11 round), un idolo di prima grandezza nel suo continente. A Chicago Wlo-darczyk potr contare sul tifo di migliaia di americani di origine polacca, ma questo non spaventa di certo il pugile della OPI 2000: Conosco bene il mio avversa-rio commenta Fragomeni -. Non sar unimpresa facile, ma so anche che lesito del match

    per vincere. Il giorno dopo, a Stoccarda (Germania), la cam-pionessa dEuropa dei pesi mo-sca Simona Galassi (19 vittorie, 2 sconfitte, 1 pari e 1 no-contest) sfider la campionessa mondiale

    dei pesi mosca WBA Susi Ken-tikian. Sar una sfida difficile per entrambe e di conseguenza dovrebbe essere equilibrata e spettacolare: la romagnola ha conquistato il mondiale in due categorie di peso (mosca WBC

    (perdendo per decisione tecnica al settimo tempo in un match molto equilibrato). I tre match dovrebbero essere trasmessi in Italia da un network televisivo nazionale. Gli accordi sono in via di definizione.

  • 13domenica 1 dicembre 2013

    Lucas, la vita e nientaltro

    La mostra del fotografo milanese a Sesto San Giovannidi Marby

    Uliano Lucas il fotografo dellimpegno civile, intel-lettuale e umano. La Fondazio-ne Isec insieme al Comune di Sesto San Giovanni lo celebrano in una mostra allo Spazio Arte, che raccoglie 200 immagini fo-tografiche, libri, riviste e giornali che documentano linformazio-ne italiana degli ultimi 50 anni dove la fotografia era un vero strumento di testimonianza e impegno politico. Lui appartie-ne alla generazione che nasce nel lungo cammino della rico-struzione civile e intellettuale del dopoguerra. Lucas nasce a Milano in una famiglia operaia e frequenta i convitti della rina-scita, dove insegnanti prestigiosi come Luciano Raimondi e Albe Steiner istruivano i figli delle famiglie meno abbienti. Ribelle e indisciplinato ne sar presto espulso e gi diciassettenne fre-

    quenter quel clima intellettuale del bar Giamaica a Milano, ritro-vo di artisti, grafici e scrittori. E l che matura lidea di diventare fotoreporter, unendo la passione del viaggio a quella dellimpe-gno sociale. Nelle sue istantanee ritrae in un primo tempo i suoi

    amici artisti e scrittori per foto-grafare subito dopo, la Milano dellimmigrazione e del boom economico. Uomo colto e cre-ativo, Uliano prova a opporre lindagine fotografica attraver-so linchiesta, allinformazione consueta del tempo, poco attenta alla valorizzazione della fotogra-fia e imperniata sulle notizie di cronaca rosa e attualit politica. Crea contatti con alcuni preziosi direttori di carta stampata, im-pegnati come lui in una densa indagine sulle realt del Paese. E attraverso loro che potr svi-luppare progetti editoriali, mo-stre e reportage per la rivista Azimut e lIllustrazione Italiana. Collabora conle testate pi note del periodo, come Il Mondo di Mario Pannunzio, il Tempo, LEspresso, LEuropeo, Vie nuo-ve, La Stampa, Il Manifesto, Il

    Giorno, e con tanti giornali del sindacato e della sinistra extraparlamentare, alternando a servizi di attualit quelli di arte e cultura. Affronta anche il tema della condizione manicomiale degli anni 70 e documenta attraverso le immagini la vita di quei pazienti che poi con la legge Basaglia saranno libe-rati dalla loro triste condizione. Viaggia per molto tempo in Spagna e Portogallo durante la dittatura, per LEspresso fotografa nel 1982 gli scrittori isra-eliani e marocchini e firma corrispondenze sulla mafia dalla Sicilia, dalla Puglia e dalla Calabria, per LEuropeo documenta il disastro dellIcmesa di Se-veso e racconta in diversi servizi le molte realt del mondo cattolico. Collabora anche per la stampa estera, LExpress, Le Nouvel Observateur, e il Time con servizi di attualit, politica e costume. Va in India e in Corea e coopera in Africa nelle associa-zioni di volontariato. Durante la guerra jugoslava vive e restituisce in immagini le tragiche condizio-ni di esistenza della popolazione in assedio. Negli anni 80 e 90 la crisi delleditoria che si esprime nel-la chiusura di molti periodici e nel cambiamento del mestiere di fotoreporter lo impegnano a con-tinuare il suo lavoro in studio pi che in viaggio. Lavora ancora negli anni 90 per la rivista King, il Corriere della Sera e il supplemento Sette e. realiz-za reportage sulle architetture e gli spazi di Milano e del suo infinito hinterland che si inseriscono in un lavoro mai interrotto sul cambiamento del ter-ritorio come specchio delle trasformazioni nelle-conomia e nel tessuto socio-culturale.

    Info: Spazio ArteDal 22 novembre al 22 dicembreSesto San Giovanni MilanoIngresso libero

    La mostra promossa dalla Fondazione Isec, Istituto per la storia dellet contemporaneawww.fondazioneisec.it

    Sesto San Giovanni Milano 1968

    Su un pullman di emigrati in viaggio per il Marocco 1996

    Statua di Padre Pio nel quartiere Enziteto, Bari, 2011

    Scuola rurale nei pressi di Jari, Etiopia, 1996

  • domenica 1 dicembre 2013 14

    Il nuovo album di Robbie Williams, Swings Both Ways, ha debuttato al primo posto della classifica ufficiale di vendite inglese. Questo risultato lo porta a diventare il millesimo artista ad aver raggiunto la vetta di questa classifica nei 57 anni della sua storia. Un successo davvero significativo per Williams dato che il primo artista a conquistare la vetta della classifica nel 56

    IL BOSS E I DINTORNIArriva Springsteen col suo nuovo album. In serbo anche un film su Beyonc. La nuova conquista di Robbie Williams con il suo ultimo album

    Il 14 gennaio verr pubblicato il diciottesimo album di Bruce Springsteen dal titolo High Hopes(Sony Music). Il disco, registrato in New Jersey, Los Angeles, Atlanta, Australia e New York City, vede Springsteen collaborare con i membri della storica E Street Band, con il grande chitarrista Tom Morello e molti altri musicisti. Nel booklet di High Hopes sono

    In attesa del suo nuovo album, previsto per il prossimo anno, disponibile in tutto il mondo da qualche giorno Life Is But A Dream, un imperdibile film-documentario sulla pi grande artista degli ultimi anni: Beyonc Knowles. Life Is But A Dream composto da due dvd della durata totale di oltre 2 ore e 30 minuti. Il primo contiene un ritratto intimo

    Album nuovo anche per Springsteeninseriti appunti e note personali di Springsteen scritti durante la realizzazione del disco. Morello si unito a Springsteen e alla E Street Band nel marzo 2013, durante il tour australiano (dove ha sostituito Steve Van Zandt), diventando, come lo definisce Bruce, la mia fonte di ispirazione che ha portato questo progetto a un altro livello.

    Un docufilm su Beyonc

    che vede Beyonc nelle vesti di entertainer di fama planetaria, vincitrice di 17 Grammy Award. Il video, grazie a filmati tratti da diari e archivi personali, ripercorre un anno importante della vita e carriera di Beyonc. Il secondo include il concerto Live In Atlantic City, girato nel corso dei quattro show tenuti da Beyonc al Revel Casino Hotel, nel Maggio 2012.

    Robbie Williams davvero un numero unostato Frank Sinatra. Sono sulla luna per il primo posto di Swings Both Ways, ha detto Williams. Grazie a tutti quelli che hanno comprato il disco. Ci vediamo in tour lanno prossimo. Lalbum, stabile nella Top10 iTunes Italia fin dal debutto, contiene duetti con Lily Allen, Michael Bubl, Kelly Clarkson, Olly Murs e Rufus Wainwright.

    M US I C

    A

    Non siete mai stati bravi in matematica e volete rime-diare? Volete scoprire le incogni-te che compongono unequazione senza pensarci tutta la notte e il

    La matematica arriva in teatroteatro

    giorno successivo? Domani al te-atro Carcano di Milano, in occa-sione della giornata dedicata alle iniziative della campagna di sen-sibilizzazione NO SLOT contro le ludopatie lanciata dallasses-sore alle Politiche sociali e Cul-tura della Salute del Comune di Milano Pierfrancesco Majorino, ci saranno una serie di appunta-menti per scoprire tutti i segreti matematici soprattutto quelli ab-

    00-parallelismi

    binati al calcolo probabilistico. Alle 11.30 e in serata alle 20.30 viene proposto lo spettacolo Il caso probabilmente: una partita a dadi. Lo show un noir me-tropolitano, con le caratteristi-che dei classici del fumetto, che passa in rassegna tutti i possibili esiti di un evento, tutte le pos-sibili strade di una storia, come succede nel calcolo delle proba-bilit. Alle 19.30 in program-

    ma laperitivo matematico con i matematici Elio Piazza, Tullia Norando, Alberto Colorni. La verve e lumorismo di matemati-ci e/o probabilisti rivelano scien-tificamente quanto sia rischioso e insensato inseguire il sogno di diventare ricchi praticando tutti i tipi di giochi dazzardo. Infine ci sar un incontro multimediale con i professori del Politecnico di Milano in cui verranno forniti gli strumenti base per il calcolo probabilistico abbinati ai giochi dazzardo. Insomma si scoprir lacqua calda ossia come sia dif-

    IlCasoProbabilmente

    00-irrazionali

    ficile vincere ai giochi dazzardo ma questa volta saranno usati i concetti algebrici per arrivare alla conclusione pi logica.

  • 15domenica 1 dicembre 2013

    *** FABRIZIO CORONA ha potuto finalmente, dopo dieci mesi, rivedere il figlio Carlos che gli ha fatto visita in carcere accom-pagnato dalla madre e la nonna. Fabrizio, dal carcere di Opera, dopo un lungo silenzio torna a dire la sua, lo fa con una lettera indirizzata ad una nota trasmissione di Canale 5 e successivamente pubblicata da un quotidiano. Riportiamo il contenuto della lettera:A chiunque incontro e mi chiede come storispondo sempre la stes-sa cosa: Sto bene, molto bene. Ma risponderei cos anche dopo 30 coltellate, sanguinante, in fin di vita. Ho sempre risposto cos, a tut-ti.Penso che dopo la scoperta di una grave malattia, il carcere sia la

    CHARLOTTE MARIE POMELINE CASIRAGHI GRIMALDI figlia di Carolina di Monaco e dello sfortunato imprenditore Stefano Casiraghi, morto gio-vanissimo nel 1990 proprio nelle acque di Montecarlo, partorir il prossimo dicem-bre, rigorosamente sul territorio del Principato, il bambino avuto con il compagno Gad Elmaleh a cui legata da due anni. La principessina e lattore comico di origini marocchine sono al settimo cielo, il bambino sar chiamato Stefano, come il nonno italiano di Fino Mornasco, imprendi- tore di successo e pilota di motonautica sportiva che ebbe la sfortuna di andare incontro allonda anomala che gli cost la vita in quella maledetta gara, quando Charlotte aveva solo quattro anni.. Lo sfortuna-to Comasco aveva, solo lanno prima della sua morte, vinto il titolo Mondiale di Off-Shore. La ven-tiseienne prin- cipessina di Monaco superpaparazzata, a differenza del passato discreto e lontano dal- le luci della ribalta. Attendiamo tutti la di conoscere la data delle nozze.

    *** Rosalinda Celentano fa coming out confermando quanto gi abbondantemente presupposto dai tanti giornali di gossip e non. Ne parla apertamente in occasione di una intervista rilasciata a Vanity Fair, senza porsi ulteriori problemi in relazione a dicerie o altro, chiarendo anche gli ultimi dubbi e soprattutto dichiarando, cosa pi importante, di essersi lasciata alle spalle i problemi legati allalcol. Claudia Mori, in qualit di mamma, e nella speranza di essere di aiuto ad altri genitori che potrebbero vivere male lomosessualit dei propri figli, parla a supporto della sua ter-zogenita da lei stessa sorpresa a baciare unaltra ragazza in et adolescenziale: Per la verit io allora interpretai la cosa come uningenuit tra ragazze. Quasi una bravata. Tra laltro Rosalinda sempre stata espansiva con tutti... Rimasi sorpresa, questo s, ma niente di pi. E non perch volessi scacciare lidea che Rosalinda potesse essere attratta dalle donne. Non cambi in alcun modo il rapporto con lei. Ne ho parlato subito a Rosita che sul momento ha negato. Ma pre-sto ha iniziato a farmi domande: Mamma ma anche se fosse, cosa ci sarebbe di grave? Non importante solo la sua felicit?. Rosita stata ed una sorella meravigliosa, ha avuto un ruolo importante nel percorso di Rosalinda. Con Adriano ne ho parlato

    un po dopo, con estra- nei, invece, mai. Ho sempre pensato che fosse una forzatura che poteva diventa- re addirittura una discriminazione. Come molti genitori abbiamo pensato e temuto che la vita sarebbe potuta essere pi difficile per lignoranza e le discriminazioni, ormai parti imperanti di questa orrenda societ becera. Ma le nostre reazioni e sentimenti partivano sempre dalla condanna di qualsiasi pregiudizio. Non voglio dire e far credere che sia stato tutto cos automatico e logico, sarei bugiarda. Anche noi abbiamo avuto dei momenti cupi ma non ci siamo mai chiusi nel silenzio, nel far finta di niente... mai. Anche Adriano Celentano si dimostrato allaltezza della situazione, cos come preci-sato dalla moglie: E stato fantastico perch ha aggiunto amore e attenzioni a quelle per sua natura gi molto presenti.Non ho mai provato alcun senso di colpa, semplice-mente perch non esiste alcuna colpa e diversit da riparare. Mia figlia Rosalinda non sempre lho capita e non sempre ho condiviso certi suoi atteggiamenti o dichiarazioni. Ma mai per i suoi orientamenti sessuali. Io credo fermamente che questi ragazzi vadano aiutati non a cambiare, ma a sopportare questa societ violenta e razzista. Anche i problemi avuti in passato con lalcol, secondo Claudia, erano legati alla non accetta-zione di s: S, credo che lei non si accettasse fino in fondo. Penso alle sue interviste, dove parlava di amare tutto: un albero, un tramonto, una statua, un bambino... Lei si tutto questo, ma oggi sono portata a pensare che fosse un modo per mandare dei segna-li.A un certo punto labbiamo convinta a farsi guidare in un percorso di conoscenza di s. E credo che questo cammino guidato abbia avuto un ruolo importante. La questio-ne dellalcol potrebbe essere collegata a questo.

    cosa pi brutta che possa accadere ad un uomo. la realt dellin-ferno in terra, dove colpevoli e innocenti sono costretti a vivere in condizioni vergognose e disumane nellindifferenza istituzionale. Io per, in questo momento, non provo pi rabbia, n rancore per chi mi ha condannato e inflitto questa pena cos eccessiva e cos assurda, ma anzi lo ringrazio perch mi ha dato la possibilit di capire tante cose, mi ha aiutato a riconoscere i tanti sbagli, ad ammettere gli erro-ri, a guardarmi dentro, nel profondo della mia anima e a capire final-mente, a quasi quarantanni, chi sono e cosa voglio veramente. Il mio avvocatomi dice sempre: Sii forte del fatto che ci che giusto alla fine vince, e io continuo a combattere come ho fatto dal primo giorno che sono entrato in questo nuovo mondo, con questa nuova vita, per dimostrare che nei momenti di difficolt si deve niente affatto ripie-gare le ali, abbassare il tiro, ma anzi, tentare di rilanciarsi lavorando sui propri margini di miglioramento e sulla riscoperta dei valori veri e dei sentimenti come lorgoglio e il coraggio, perch alla fine, quello che conta veramente (nothing else matter) il carattere e il cuore che metti nella tua vita.Bisogna saper rispondere alla disperazione con un sorriso di sfida e il dito medio alzato. E questo, oggi, deve essere desempio e di aiuto ai molti che pensano di non farcela e decidono di lasciarsi andare Io non lho fatto e mai lo far! Stare in prigione in questo paese come morire lentamente, ma io continuo a vivere lo stesso, di notte, nei miei sogni, anche attraverso i ricordi di quella che stata la mia incredibile vita: le tante emozioni provate, il grande amore dato e quello ricevuto, convinto, ancora oggi, che i sogni, se li desideri veramente e fai di tutto per raggiungerli, prima o poi diven-tano realt. Oggi, chiuso dentro la mia cella, la numero 1 del primo reparto del carcere di massima sicurezza di Opera, guardandovi se-duto dal mio sgabello di legno mezzo rotto, attraverso un minuscolo televisore degli anni Settanta, voglio vedere mia madre sorridere: ha gi pianto e sofferto troppo. Fabrizio conclude salutando la condut-trice della trasmissione - Un bacio e un ringraziamento speciale a te, Silvia. Con affetto.E chiara la sofferenza ed il disagio vissuto in prigione dallex re dei paparazzi, e concludiamo con laugurio di superare presto questa di-savventura e di tenere duro.

  • EditoreEdizioni SBMVia Domodossola, 21 MilanoTel/fax 02.36563906Sito internetwww.stadio5.it

    Amministrazione mail: [email protected] pubblicitEdizioni SBM Tel. 329 3847157mail: [email protected]

    Direttore responsabile GraficaBeppe Vigani - mail: [email protected] Team grafico Edizioni SBM mail: [email protected]

    Collaboratori: Simone Aiello, Andrea Anelli, Marjlja Bisceglia, Severa Bisceglia, Alessandra Caronni, Debora Cheli, Lara Comi, Bianca Elton Ara, , Giovanni Labanca, Marby, Sandro Mazzola, Toni Morandi, Enzo Occhiuto, Marco Papetti, Paolo Pirovano, Daniel Rizzo, Luigi Sada, Riccardo Sada, Pino Sardiello, Laura Tangari, Emanuele Tremacere, Daniela Veronese, Gustavo Vitali, Federico Zanon Registrazione del Tribunale di Milano: n 446 del 3 agosto 2011