of 18/18
mercoledì 29 ottobre 2014 Anno 4 n 45 Inter Sampdoria [email protected] - COPIA OMAGGIO www.stadio5.it INTER SAMPDORIA MIHAJLOVIĆ in SER BO una sor presa

N 45 2014 inter sampdoria

  • View
    223

  • Download
    5

Embed Size (px)

DESCRIPTION

http://www.stadio5.it/images/n_45_2014_Inter_Sampdoria.pdf

Text of N 45 2014 inter sampdoria

  • mercoled 29 ottobre 2014 Anno 4 n 45

    I n t e rS a m p d o r i a

    [email protected] - COPIA OMAGGIOwww.stadio5.it

    INTER

    SAMPDORIAMIHAJLOVIin SERBO una sorpresa

  • mercoled 29 ottobre 2014 2

    Pensiero Stupendo...di Beppe Vigani Sandro

    Mazzola

    scommesse

    INTER (3-5-2)

    Allenatore:Walter Mazzarri

    Allenatore:Sinia Mihajlovi

    Arbitro: Russo di Nola

    STADIO

    (4-3-3) SAMPDORIA

    HandanovicRanocchia, Campagnaro, Juan Jesus;

    Obi, Hernanes, Medel, Kovacic, Dod;Palacio, Icardi

    RomeroDe Silvestri, Gastaldello, Romagnoli, Cacciatore;

    Soriano, Palombo, Obiang;Gabbiadini, Okaka, Eder

    MEAZZA ORE 20.45INTER SAMPDORIA

    U n m a t c h c h e r e g a l a t a n t i g o lWalter Mazzarri ha tutte le colpe del mondo, ma non merita la fucilazione an-che dai media. Criticarlo per-ch lInter non ha un bel gioco (o addirittura non ce lha) fa parte del mestiere di un buon cronista, ma mettergli in bocca parole che non ha mai detto una cosa deplorevole. Il tec-nico di San Vincenzo si mai sognato di trattare Massimo Moratti come uno degli ultimi sprovveduti, ma qualcuno ha ritenuto bene dare un senso proprio a parole innocenti e molto chiare. Peggiore sta-ta la reazione da parte di tutti coloro i quali non parso vero andare addosso al toscano, senza nemmeno ascoltare la fa-mosa conferenza stampa (alla vigilia di Inter-St.Etienne). E la parte peggiore del giorna-lismo (o del giornalista) che vuole attutti i costi un capro espiatorio per ogni momento. Senza parole. Mazzarri, ora ha la possibilit di allontanare i dubbi che stanno circondando anche Erick Thohir, che dopo le dimissioni di Massimo Mo-ratti da presidente onorario, sta guardando a strade diverse. Una sconfitta con la Sampdo-ria potrebbe, infatti, mettere la valigia in mano allallena-tore labronico, che nella sua carriera non ha mai provato lonta dellesonero. Senza dena-ri non gli si possono chiedere miracoli, ma un gioco migliore s. Gli infortuni non gli stan-no dando una mano, ma un alibi che non regge, se vero che proprio i blucerchiati, con minor tasso tecnico, ne sono la prova. Milano una citt che lacera, ma Napoli era peggio. Proprio sotto il Vesuvio, Maz-zarri aveva dato limpressione di uomo tosto, fiero delle sue convinzioni, mai sottomesso. Oggi, tutto diverso. Dopo il match con il Cagliari sem-brato rassegnato, inerme di fronte a un risultato inatteso. E da qui che bisogna ripar-tire. Se lallenatore questo, giusto fare una riflessione e prendere delle decisioni. In giro, per, non c molto. Rico-minciare da zero a capocchia, sarebbe peggio. Fuori il nome prima, poi parliamone. Ma senza reazioni di pancia, che la storia ha sempre rigettato al mittente. Cum grano salis, mai come adesso ce n bisogno.

    Gaio Plinio Secondo, conosciuto come Plinio il Vecchio. stato uno scrittore romano

    A Cesena abbiamo fatto un piccolo passo avanti. Ma quanta sofferenza! Ci siamo portati a casa tre punti grazie

    LA SAMP NON SCHERZApositivo da aggiungere alla sua serie positiva di otto par-tite senza sconfitte. Sar una gara molto dura e probabil-mente al termine potremmo constatare qual lo stato di salute, soprattutto dei nostri attaccanti che segnano con il contagocce. Pensate un po se non ci fosse stato il 7-0 messo

    al rigore trasformato da Icar-di, per da qui a dire che la squadra gira bene ce ne corre. Stasera a San Siro ospitiamo la Sampdoria, un avversario ostico e tosto ben plasmato da Mihajlovicche giocher puntando allenzima risultato

    PinoSardiello

    LInter di Mazzarri torna a San Siro, dove non vince in campionato dal match contro lAtalanta, dopo lo striminzi-to successo in quel di Cesena. I nerazzurri sono alla ricerca di una vittoria che metterebbe alle spalle la crisi e li rimetterebbe in corsa per la Champions. Di fronte c una squadra, la Samp, che imbattuta in questo tor-neo e che nel turno passato ha resistito in casa alla Roma, con una prova di grande sostanza. E anche la sfida tra Mazzarri e Mihajlovic con questultimo che, secondo le ultime voci, potrebbe essere luomo che andr a sedersi

    Mihajlovic a caccia del colpo contro il suo passatoal posto proprio dellavversario odierno: un tema in pi in una gara che ci attendiamo equilibra-ta e che potrebbe veder andare in rete entrambe le formazioni, con lopzione Gol che viene offerta dai principali concessionari ita-liani intorno all1,80. Come Pri-mo Marcatore le quote vanno in direzione dellex Mauro Icardi offerto intorno al 4,50, pi stac-cati Palacio (5,50), Guarin (6,5) e Kovacic (7,00), mentre tra i doriani i pi gettonati risultano essere Okaka (5,00) e Gabbiadi-ni (7,5). Per il risultato della gara da non farsi sfuggire l1+ Gol in lavagna a 3,90. Per i pi tecno-logici ricordatevi che attraverso il vostro Iphone, Smarthpone o Tablet potete scaricare le appli-cazioni di diversi Concessionari di Gioco che vi permetteranno

    di scommettere live sullevento. Il divertimento assicurato ma ricordatevi di GIOCARE CON RESPONSABILITA. Infine uno sguardo alle altre sfide del mer-coled dedicato al turno infraset-timanale: Il Milan di Inzaghi va a far visita al Cagliari di Zeman con lopzione Over 2,5 offerta a 1,60 che si lascia preferire. Per quanto riguarda le sfide in tra-sferta del Napoli a Bergamo e della Juventus a Genoa interes-sante lopzione 2 + Over 2,5 che paga intorno a 2,7o per entrambi i match. Attenzione invece alla quota relativa ad un altro segno 2, quello della Lazio nel posti-cipo di domani a Verona, con i capitolini in stato di grazia che potrebbero garantirvi una quo-ta intorno al 2,59...non male. In bocca al lupo e alla prossima.

    a segno col Sassuolo sarem-mo quasi lultimo attacco del campionato. Per quanto con-cerne la Juventus non credo che prenda sottogamba il Ge-noa perch la squadra di Ga-sperini a Verona col Chievo ha dimostrato di avere grande

    carattere rimontando e vin-cendo la gara che si era messa male in partenza. In merito alla Roma non mi sembra che abbia smaltito molto i veleni della sconfitta con il Bayern Monaco, anche se bisogna ammettere, la Sampdoria un osso duro da incontrare a pochi giorni di distanza. AllOlimpico col Cesena tro-veranno un avversario im-bufalito per quanto successo

    con lInter e di conseguen-za ci sar da soffrire. Spen-do due parole per lUdinese guidata dal mio simpatico amico Stramaccioni. I friula-ni dovranno vedersela con la Fiorentina in leggera ripresa grazie al pareggio di San Siro con il Milan. I cugini con i viola di Montella sono calati alla distanza e hanno pagato a caro prezzo la loro dubbia condizione fisica. Sono curio-so di vedere cosa succeder col Cagliari, dove quella vol-pe di Zeman avr gi studiato a fondo la maniera giusta per fare un brutto scherzo a Pip-

    po Inzaghi. Il Napoli col Ve-rona ha tremato per alla fine oltre alla rimonta ha distrut-to la squadra di Mandorlini. Vediamo cosa far stasera a Bergamo con lAtalanta. Mi dispiace per Donadoni ma questanno vedo un Parma sempre pi brutto. Non ha pi Amauri e Biabyani, quindi per il tecnico vedo tempi bui.

  • 3mercoled 29 ottobre 2014

    SeveraBisceglia

    la partita

    EnzoOcchiuto

    bioritmi

    A San Siro arrivano i Do-riani, altro calcio. Per assaporare il gol a Cesena, lInter ha dovuto attendere la superiorit numerica e il rigo-re. Fuori Nicola Leali per fallo in area e Mauro Icardi trasfor-ma a fil di palo. Peccato per Rodrigo Palacio che ha final-mente sbloccato lastinenza da gol ma in netto fuorigioco. UnInter ancora senza idee che avrebbe dovuto, in quel di Cesena, fare man bassa e in-vece la solita tiritera con pos-sesso palla ma senza sapere cosa farsene. Prima vittoria in trasferta conquistata grazie al rigore trasformato nonostan-te la superiorit numerica per 60 minuti. LInter non ha bi-sogno di ulteriori commenti. Questa sera i nerazzurri ospi-tano la Sampdoria che gioca a calcio, quello vero. Mazzarri dovr fronteggiare un signor allenatore che riuscito a dare ai suoi umori un gioco che convince. La Sampdroria, domenica a Genova, ha neu-tralizzato la Roma, seconda forza del nostro campionato. e Sinia Mihajlovi conosce

    PRIMA VITTORIA FUORI CASAMa continua a non convincere anzi, preoccupa sempre di pi

    bene lambiente nerazzurro, oltre a conoscere il calcio. A Cesena si visto Mancini e gli interisti sperano non si sia trattato di un caso. Que-sta Inter pu dare e fare poco. Manca un condottiero degno di una squadra che non solo una delle grandi, una volta, ma che risulta tra le pi biz-zarre. Appesantita da paure trasmesse da un tecnico me-diocre che rester sulla pan-china nerazzurra, per pro-blemi legati ai conti che non tornano, almeno fino a fine stagione. Una squadra che ha paura, anzi il terrore, di qual-siasi avversaria, per giocare bene dovrebbero fare una partita da soli. Un vero alle-natore, invece di annoiare gli spettatori e gli stessi calciato-ri, dovrebbe essere capace di tirare fuori il massimo dalla pochezza dei suoi ingredien-ti, in questo che si riconosce uno chef da un semplice cuo-co. Questa Inter mediocre al-meno quanto lo il suo tecni-co. A Cesena tre punti piovuti dal cielo che fanno comun-que brodo, quello di gallina

    Limportante vittoria per 1 a 0 ottenuta in esterna contro il Cesena servir a get-tare acqua sul fuoco dopo le

    SCACCO AL RE

    campionato, sar sicuramen-te un test molto importante per le ambizioni di ambedue le formazioni e soprattutto per il futuro dellallenatore dellInter. A tal proposito ci viene in aiuto lanalisi del-la biosituazione dei singoli giocatori che evidenzia uno stato di benessere psicofisico

    polemiche e le critiche nate intorno alla squadra ed allo staff tecnico di Walter Maz-zarri. La partita contro la Sampdoria, terza posizione in classifica ed unica squa-dra insieme alla Juventus a non aver subito sconfitte in

    dellInter 6,05 rispetto al va-lore medio di 5,97 della Sam-pdoria. Secondo questa ana-lisi, i nerazzurri dovrebbero essere in vantaggio ed avere quindi pi possibilit di vit-toria rispetto alla formazione di Sinica Mihajlovic. Nello

    specifico delle potenziali di rendimento dei singoli gio-catori, lInter avrebbe una tonicit ed una resistenza alla fatica di 6,13 contro 5,86 della contendente. Dal punto di vi-sta emozionale gli uomini di Erick Thohir dimostreranno maggiore agonismo e voglia di lottare 6,02 contro 5,90 dei ragazzi del simpatico Presi-

    dente Massimo Ferrero. Sul piano delle energie i doriani avrebbero la meglio con 6,15 contro il quoziente medio 6,05 dei padroni di casa. Attenzio-ne quindi al confermato tri-dente dattacco Gabbiadini, Okaka, Eder in ottimo stato di forma e molto concentrato. Anche da parte interista risul-tano molto agguerriti Palacio

    Inter vittoriosa

    e Kovacic 6.50, Guarin 6.46, Hernanes 6.44 e Icardi 6.20.

    Partita a scacchi delicatissima da seguire in ogni sua fase.

  • mercoled 29 ottobre 2014 4

    GiovanniLabanca

    gli ospiti

    Il Baciccia vuol fumarsi il Biscione

    La Samp, stasera, si sotto-porr allesame Inter per capire in modo definitivo qua-li siano le sue reali ambizioni e le sue possibilit. Affronta la squadra di Mazzarri, cosa mai accaduta, dallalto dei suoi quattro punti in pi e, quel-lo che conta maggiormente, con una forza differente dei nerazzurri vittoriosi a stento a Cesena. Anche lInter, come sanno bene i blucerchiati, avranno un esame difficile da superare, per la conferma della migliore condizione ri-trovata, altrimenti sarebbe il fondo e la fine di una storia mai cominciata bene con lav-vento dellallenatore toscano. Sia come sia, la Samp viene a San Siro con fermi propositi di vittoria che serviranno a dare pi lustro alla sua gio-vane vita di seconda squadra

    della Lanterna, ma non per questo la meno brava, anche se con un solo lontano scu-detto allattivo, frutto del trio Mantovani, Vialli, Mancini. Quello che conta loggi, il presente, che ci dicono di una compagine che ha inchiodato la Roma sullo 0 a 0 e inanel-lato una bella serie di con-vincenti vittorie, da portarla quasi sul tetto del mondo. Non ha laspetto di una dama che scende da Palazzo Tursi, ma si configura pi come uno scaltro marinaio e pescatore con la pipa spenta, pronto ad adescare con lamo della sua vivacit pesci grossi, in qual-siasi mare, fossero pure i Na-vigli di Milano. Stasera sar una specie di gara della vita, dice serioso quanto non mai, lex Sinisa Mihajlovic, e siamo pronti ad onorare il calcio con una grande prova, che dovr fruttare tre punti doro, per rimanere sulla linea di gal-leggiamento delle prime del campionato. Non posso dare retta al cuore ed alla nostal-gia, ma devo sentire la ragio-

    ne della professione che mi impone di fare un bel regalo al presidente Ferrero. Augu-ro allInter di riprendersi gi dalla prossima gara. Chiaro e limpido come il mare delle Cinque Terre. Anche il suo presidente sceso in campo a difendere Moratti contro Thohir, salvo poi fare retro-marcia per aggiustare il tiro delle sue incaute dichiarazio-ni, forse dimenticando il suo predecessore Garrone che a Sampierdarena ricordano come colui il quale si oppose fermamente ad una non me-glio precisata associazione anti fumo che , nel 2009, gli intimava di togliere la pipa dalla bocca di Baciccia ,che risultava essere un esplicito invito al fumo. Il nostromo della Samp deve continuare a tenersela, anche se spenta, sempre in bocca, perch rap-presenta pur sempre la storia blucerchiata, che stasera ha bisogno di scrivere nel suo albo doro una bella vittoria, contro la blasonata Beneama-ta. Baciccia approva sornione.

    I match tra Inter e Sampdo-ria, a prescindere dal ri-sultato finale, hanno sempre dato grande spettacolo per i tanti gol messi a segno. I nerazzurri a San Siro hanno ospitato i blucerchiati 130 volte in Serie A mettendo in cassaforte il segno 1 con 70 vittorie, 20 le sconfitte e 40 sono stati i pareggi. La Sam-pdoria la squadra contro cui lInter ha vinto pi parti-te nella serie maggiore e non perde dal 2009 (quattro vitto-rie e tre pareggi per la Benea-mata). Contro i liguri la squa-dra di Mazzarri non perde a San Siro dal 1996, da allora cinque pareggi e sette vitto-

    NEL SEGNO DEL GOLS t a t i s t i c h erie. Negli ultimi venti incon-tri di campiono la Sampdoria non riuscita a segnare pi di due gol allInter. Le vittorie blucerchiate con pi gol sono 2. La prima risale al 7 marzo 1948 (stagione 1947-48) dove ebbe la meglio per 2-4 con reti di Silvestrelli (tripletta) e Baldini, per i nerazzurri and a segno Zapirain con una doppietta; la seconda nella stagione 96-97 vinta per 3-4: per la squadra ligure vanno in rete Montella (doppietta), Franceschetti e Mancini, lIn-ter risponde con la doppietta di Branca e il gol di Nicola Berti. La vittoria pi sonora nerazzurra invece risale alla stagione 55-56 (7-1), tripletta

    di Armano (1 su rigore), dop-pietta per Lorenzi e Massei, il gol bandiera per gli ospiti lo firma Tortul su rigore. Dal 2003, ritorno in Serie A della Sampdoria, abbiamo assistito a sei pareggi, sei vittorie ne-razzurre e nessuna sconfitta. Gli ultimi tre incontri si sono chiusi con due pareggi e una vittoria per la squadra mila-nese (1-1 a segno Guberti e Etoo, 3-2 con reti di Munari e Eder per la Samp, Milito, Palacio e Guarin per i padro-ni di casa. Lultimo match si chiuso ancora con un pa-reggio (1-1), al gol di Gua-rin realizzato al 18 risponde Renan pareggiando all89.

  • 5mercoled 29 ottobre 2014 amarcord Marjlja Bisceglia

    In questo viaggio tra gli ex di entrambe le squadre, volu-tamente, partiamo dal primo Pallone doro spagnolo (1960): Luis Surez Miramontes detto anche Luisito. Il centrocampi-sta, campione dEuropa con la Nazionale spagnola nel 1964, considerato uno dei pi gran-di registi del calcio europeo. Nella sua carriera, sia come calciatore che da allenatore, calpesta il campo di Genova, sponda Sampdoria (come al-lenatore anche con il Genoa), e San Siro. Inizia a giocare col Deportivo La Corua, nel 54 arriva al Barcellona dove se-gna 114 gol in 216 partite. Nel giugno 1961 Surez

    Viene acquistato dallInter di Helenio Herrera, che lo aveva gi allenato al Barcellona, per 25 milioni di pesetas, circa 300 milioni di lire, una fortu-na! Divenne presto il vero re-gista della squadra, un play-maker che recuperava palloni davanti alla difesa e rilanciava lazione dattacco con grande senso tattico. Era famoso per i suoi lanci lunghi, anche oltre i cinquanta metri, effettuati con precisione millimetrica. Con lInter vince tre campio-nati, due Coppe dei Campioni

    Luis Surez Miramontes

    Walter Zenga, Antonio Cassano etc. Al-tro campione della grande Inter di Her-rera Gianfranco Bedin, cresciuto in nerazzurro. Fa il suo esordio in prima squadra in Coppa Italia nella stagione 1963-64, lanno successivo titolare in campionato, prendendo il posto di Car-lo Tognin. Il suo arrivo garantisce allIn-ter dinamismo a centro campo ed un notevole numero di gol vincendo due scudetti, una Coppa Campioni e una Coppa Intercontinentale. NellInter si gioca fino al 1974. Gioca nella Sampdo-ria per quattro stagioni, tre in serie A e una in serie B.

    Mario Frustalupi percorre il viaggio al contrario. Arriva nelle giovanili della Sampdoria con la quale fa anche il suo esordio in Serie A nel 1963 allet di di-ciotto anni. Resta con i blucerchiata per otto stagioni, nel 1970 viene acquista-to dallInter per sostituire Luis Suarez. Vi resta per due stagioni senza trovare un posto da titolare occupato salda-mente dalla bandiera Sandro Mazzola. Il portiere Ivano Bordon arriva nelle file dellInter nel 1969, lanno succes-sivo in prima squadra e vi resta fino al 1983 totalizzando 382 presenze, di cui 281 in campionato. La partita che lo lanci tra i grandi fu il ritorno degli ottavi di finale della Coppa dei Campio-ni (1971-1972), partito titolare, in sosti-tuzione di Lido Vieri, contro il Borussia Mnchengladbach. Landata fu vinta dai nerazzurri per 4-2, nella partita di ritorno i tedeschi ce la misero vera-

    Gia

    nfra

    nco

    Bed

    in

    Mario Frustalupi

    mente tutta per andare in gol, ma il giovane Bordon par tutto, compreso un rigore. Con lInter vince due scudetti e due Coppe Italia. Terminata lavventura a Milano gioca per tre stagioni nella Sampdoria. Lonnipresen-te Gianluca Pagliuca per quasi 7 stagioni, dal 1999-2000 al 2006-2007, non ha salta-to neanche una partita di campionato, con 592 presenze detiene il record di presenze per un portiere. Il suo esordio in Serie A lo fa con la maglia della Sampdoria e con i liguri vince una Coppa delle Coppe, uno scudetto nel 1991 (nello scontro diretto con lInter a San Siro par un rigore a Lothar Matthus),

    Gia

    nluc

    a Pa

    gliu

    ca

    Ric

    card

    o Fe

    rri

    no dei quarti di finale di Coppa Italia, in sostituzione di Lus Figo. Nellagosto 2007 viene ceduto in prestito al Chievo. Nel 2010 torna in nerazzurro con Phi-lippe Coutinho e vince la Supercoppa Italiana, restando seduto in panchina per tutti i 90 minuti, contro la Roma. Il 29 settembre fa il suo esordio in campo dal primo minuto. Il primo gol arriva nel-la finale del Mondiale per Club contro il Mazembe vinta dai nerazzurri per 3-0. Non poteva mancare Roberto Mancini, che tanto ha dato alla Sampdoria, tut-ti ricorderete i gemelli del gol la mi-tica coppia dattacco Mancini-Vialli, ed

    Jonathan Ludovic Biabiany

    Roberto Mancinie due Coppe Intercontinentali. Termina la carriera di calciato-re proprio nella Sampdoria dal 1970 al 1973. Torna allInter come allenatore nel 1974 sen-za per concretizzare nulla, infatti viene licenziato dopo un anno. Lanno successivo, anche qui solo per un anno, allena la Sampdoria. Carrel-lata veloce su personaggi gi citati nei precedenti numeri:

    una supercoppa italiana e tre Coppe Italia. Nel 1994 pas-sa allInter per un totale di 12 miliardi di lire, 8 miliardi pi i cartellini di Walter Zenga e Ric-cardo Ferri. Rest in nerazzurro per cinque stagioni. Il difensore Riccardo Ferri nasce nel vivaio nerazzurro e fa il suo esordio in prima squadra l11 ottobre 1981 contro il Cesena a 18 anni. Gioca nellInter per tredi-ci stagioni vincendo lo scudet-to dei record, una supercoppa italiana e due volte la Coppa UEFA allenato da Trapattoni. Nel 1994, sullo scambio Pa-gliuca, con Walter Zenga pas-sa alla Sampdoria dove chiude la sua carriera dopo due anni.

    Detiene il primato, assieme a Franco Baresi, degli autogol nel campionato di Serie A. E sua lautorete che diede la vittoria al Milan nel derby del 20 di-cembre 1987 perso grazie al suo au-togol per 1-0. Jonathan Ludovic Bia-biany, inizia la sua carriera in Francia. Nel 2004 viene ingaggiato dallInter e gioca per due stagioni nella primave-ra, compagno di squadra di Mario Ba-lotelli, vincendo lo Scudetto Primavera nel 2007. Arriva in prima squadra, al-lenata da Roberto Mancini, nel ritor-

    lunico allenatore nella storia dellInter ad aver vinto tre scudetti consecutivi. NellUnder-21 gioca con Vialli, Zenga, Ferri, Giannini, Donadoni, Berti e De Napoli, le premesse ci sono tutte. Arriva alla Sampdoria, via Bologna, nellestate 1982 e ci re-sta fino alla stagione 1996-1997 vincendo quattro Coppe Italia, uno scudetto, una Coppa delle Coppe e una Supercoppa Italiana vinta nel 1991 grazie al suo gol al 75 contro la Roma. Chiusa la carrie-

    ra di calciatore si tuffa in quella di allenatore. Alle-na lInter dalla stagione 2004-2005 al 2009. Arri-va subito la Coppa UEFA. Vincer con lInter anche una Coppa Italia contro la Roma, due Supercoppe Italia, contro la Juventus e contro la Roma, lo scu-detto, assegnato dalla giu-stizia sportiva, legato alla vicenda di calciopoli, e tre scudetti vinti sul campo. Lascer lInter il 30 otto-bre 2009 percependo una liquidazione di otto milioni di euro.

  • mercoled 29 ottobre 2014 6

    Marjlja Bisceglia

    l o s p i t e

    Chi

    Grande specialista nei calci piazzati ha de-liziato le tribune, dopo Vojvodina e Stella Rossa, di Roma, sia la bandiera gial-lorossa che quella laziale, Genova con la Sampdoria e Milano quella nerazzurra. Con lInter e con la Sam-pdoria ha sia giocato che allenato. A Genova arriva il 20 novembre dello scor-so anno con un contratto fino a fine stagione con la possibilit di rinnovo in caso di salvezza. Con i suoi collaboratori Nenad Sakic, Emilio De Leo e Anto-nio Bovenzi, si cimenta in unavventura che sembra-va persa in partenza, ma lo spirito di combattente vero non tarda a venire fuori. Alesordio sulla pan-china blucerchiata pareg-gia contro la Lazio, dopo essere stato in vantaggio per 94, e la prima vittoria arriva l8 dicembre contro il Catania per 2-0. Riesce a tenere in Serie A i ligu-ri chiudendo la stagione al 12 posto con 36 punti conquistati dei 45 totali. Questa stagione inizia-ta sotto i migliori auspici, la Sampdoria nella parte alta della classifica prima di squadre ben pi blasonate.

    Sinia Mihajlovi nasce a Vukovar, ex Jugo-slavia e oggi Serbia, il 20 febbraio 1969. Il serbo arriva in Italia per la prima volta da calciatore nella rosa della Roma e successi-vamente indosser i colori della Sampdoria, Lazio e Inter. Ha sposato, con rito ortodosso, nel 2005 la romana Arianna Rapaccioni e dalla quale ha avuto cinque figli, oltre al pri-mogenito avuto da una precedente relazione.

    NON

    Sinia Mihajlovi sicu-ramente un grande tec-nico, oltre che un grande ex calciatore, ma come uomo merita qualche riserva. Pur rispettando il pensiero di tutti, non ultimo il suo, fanno riflettere le sue idee estremiste. Lestremismo gi di per s contropro-ducente, se radicato in un uomo in vista poi, allora le cose si complicano ulte-riormente. Fece esporre dai tifosi laziali lo striscione Onore alla Tigre Arkan per ricordare il suo amico Zeljko Raznatovic, noto criminale serbo accusato di crimini contro lumani-

    SERBO RANCORE

    t. Defin un grande guer-riero che combatte per il suo popolo Ratko Mladic, generale accusato di geno-cidio e, come se non ba-stasse, era anche un soste-nitore delle azioni violente del regime di Slobodan Mi-losevic, anchesso accusato di crimini contro lumani-t. Anche in campo non stato di grande esempio: il 7 novembre 2003 fu squa-lificato per 8 giornate dalla UEFA per aver sputato al rumeno Adrian Mutu e lo rifece in Champions Lea-gue in occasione di Lazio-Chelsea. Non sono manca-ti neppure insulti razzisti

    nei confronti del francese di origine senegalese Pa-trick Vieira, che poi se lo ritr nellInter di Mancini quando ricopriva il ruolo di allenatore in seconda, durante la partita Lazio-Arsenal definendolo negro di merda. In occasione di questo episodio, non solo non si pent n chiese scu-sa, ebbe anche la pretesa di non essere tacciato di raz-zismo. Noto il quasi scon-tro tra i due in occasione di una partita nerazzurra dove il francese, senza es-sere ascoltato, chiedeva la sostituzione e gli and incontro spintonandolo.

    Sinia Mihajlovi

  • 7mercoled 29 ottobre 2014

    Luigi Rubino

    il punto

    Infermerianerazzurra

    MarjljaBisceglia

    InterSamp una partita da brividi. Da un lato po-trebbe calmare le acque agitate in sede nerazzur-ra, dopo laddio di Morat-ti e le continue critiche a Mazzarri, ma dallaltro po-trebbe portare nuovo ve-leno e tante contestazioni se contro i blucerchiati a S. Siro, la squadra neraz-zurra dovesse ripetere le opache prestazioni delle ultime giornate. La vittoria di Cesena, il ritorno al gol di Icardi, seppur su rigore di tre giorni fa pu essere salutare, ma non possono soddisfare i tifosi della be-neamata, sempre critici di fronte ad un tecnico come Mazzarri, che dopo circa due mesi non riuscito a

    InterSamp che brividi!Impazza il toto-allenatore

    dare un minimo di gioco soddisfacente alla squadra. I nerazzurri, dopo 8 gior-nate sono a quattro punti da quellambito terzo po-sto, che garantirebbe lac-cesso alla Champions. Un altro stop casalingo contro una diretta concorrente gi in vantaggio di quat-tro punti sui nerazzurri in classifica, complicherebbe il cammino di una squadra chiamata a centrare uno dei primi obiettivi prefis-sati da Thohir; cio la qua-lificazione in Champions League. La gara di stasera contro la Sampdoria co-munque particolare, an-che perch sulla panchina della squadra genovese c un certo Sinisa Mihajlo-vic, uno dei tecnici che potrebbe sostuire Mazzar-ri il prossimo anno. Sinisa conosce bene lambiente

    nerazzurro, perch oltre ad averci giocato dal 2004 al 2006, ha svolto la mansio-ne di vice allenatore, accan-to a Roberto Mancini nella stagione 2007/2008, altro candidato sulla panchina nerazzurra. La presenza di questultimo domenica scorsa in tribuna a Cesena forse non casuale, anche se lingaggio del Mancio per un possibile ritorno a Milano in questo momento elevatissimo per le tasche di E.T, chiamato a risanare soprattutto il pesante defi-cit societario. Tra i nuovi allenatori che potrebbero approdare nellInter, per il prossimo anno, ci sono comunque anche Walter Zenga, David Moyes, ex tecnico dello United, Gui-dolin, Simeone e Leonardo.

    Difficile momento per Mazzarri e per lInter. Gli infortuni continuano a dettare scelte obbligate. An-cora fermo DAmbrosio, le condizioni di Yuto Nagatomo

    sono monitorate nella spe-ranza di riuscire a ributtarlo in mischia nella trasferta di Parma. Osvaldo, bloccatosi in nazionale prima dellincontro con lAzerbaigian, migliora e lascia ben sperare di riparti-re nella sfida di ritorno con il Saint Etienne. Ai box MVila e ora anche Guarin che ha ac-cusato un risentimento mu-

    scolare ai flessori della coscia destra. Anche il colombiano continuamente monitora-to ma non garantito il suo

    rientro neppure per il Tardi-ni. Jonathan ancora lontano dalla condizione ottimale.

  • mercoled 29 ottobre 2014 8

    Severa Bisceglia

    Gentilissima Christillin,sarebbe stato pi saggio da parte sua tenersi a de-bita distanza dalla politi-ca del pallone, a lei poco comprensibile, limitan-dosi agli affari di cuore. Concordo con lei, lamici-zia deve essere superiore allo stesso pallone. Si limi-ti a tifare Juventus mentre coccola il suo amico dal cognome illustre. Trop-po facile essergli amica. Se fosse stato un mecca-nico, con tutto il rispetto per i meccanici, della sua (a dire il vero lazienda del nonno e bisnonno, la prole deve limitarsi a non fallire e portare il lavoro fuori dallo Stivale) azien-da di famiglia, lei signora Christillin sarebbe stata una sua grande amica? Secondo me NO. Inizie-rei col dirle che, al di l delle inveritiere afferma-

    TORINOMILANO

    Andata e ritornoSolo a difesa di un uomo che ha comunque onorato il calcio italiano ed ha, contrariamente a quanto sostenu-to dalla signora, con le sue forze fatto ancora pi grande lInter, a differenza del suo caro amico dal cognome famo-sissimo che si limitato a ripercorre i passi mettendo i pie-di direttamente sulle orme lasciate dalle scarpe del nonno.

    zioni, la sua polemica del tutto gratuita risulta sicuramente maleducata e di cattivo gusto facendo riferimento ai tanti den-ti, alle braccine smilze o alle danze della Bady che si esalta anche se lInter vince contro il Pertusa. Quando la Juventus se-gner sette reti, a vostro dire cosa facilissima, al Sassuolo saremo felici di vedere la sua danza. Si-gnora Evelina, tra bian-coneri e nerazzurri non corre buon sangue, mi permetto di usare le sue stesse parole, soprattutto grazie a gente come lei che di calcio capisce ben poco e che vuole solo vincere, a qualsiasi costo e con ogni mezzo, siano essi rigori inesistenti a favore o buon cuore di una parte della classe arbitrale e/o diri-genziale. Una cosa esatta

    per la dice. Il signor Mo-ratti Massimo i soldi li ha anche messi di tasca sua a differenza dei suoi ami-ci che hanno usato i soldi arrivati come contributi statali allazienda e spesi, invece, per fare grande una squadra che tale non lo ancora diventata. Ha letto bene, parte del suo giochino bianconero sta-to pagato, inutilmente, da noi contribuenti. Ci vuole un grande coraggio e nes-suna conoscenza di calcio per affermare che il signor Massimo Moratti ha vis-suto e pagato i successi sullaltare della memo-ria di suo padre. Intanto quei successi la Juve potr solo sognarli di notte, sul

    campo risulterebbe trop-po faticoso, perch Sarti, Burgnic e Facchetti non li ha mai avuti in squadra e Mou non allenerebbe mai la squadra del suo amico dal nome sempre illustre. Mi permetto di ripetermi: solo quando la Juventus conquister il triplette potr arrogarsi il diritto di parlare di questo ar-gomento. LInter non ha accettato uno scudetto non suo, ma ha semplice-mente ripreso uno, pecca-to che sia stato uno solo,

    dei cinque scudetti che la squadra del suo amico ha cucito sulle maglie bian-conere senza conquistarli sul campo in modo, di-ciamo, corretto e a dan-no dei nerazzurri. Lascio ad altri il commento su Un piccoletto ciccione indonesiano dagli occhi a mandorla evidente-mente questa lei: perso-na incapace di valutare lessenziale e limitandosi, quindi, alle offese sulle apparenze che saltano su-bito ai suoi occhi. A con-

    clusione le rendo noto, non conscendo il calcio non pu saperlo, che la squadra del suo grande amico ha portato a casa, le ricordo con soldi non suoi ma nostri, ben set-te scudetti non meritati a danno dellInter e del-la Roma, solo per citare quelli pi clamorosi, NON SUOI. Lasci che a parlare di calcio sia il suo amico e i vari signori Moratti, lei si astenga. Quanta pochez-za! E che magra figura!

  • 9mercoled 29 ottobre 2014

    GiovanniLabanca

    vita di club

    Quanto onore per i soci dellInter Club Fede-li Croazia. Per assistere alla partita Inter- Napoli e quindi raggiungere Milano, stata organizzata una trasferta tut-ta particolare. Difatti, la nu-merosa comitiva croata, gui-

    Inter Club Fedeli Croaziadata dal presidente Antonio Bulic, ha, caso unico, viag-giato sul pullman solitamente utilizzato da Mateo Kovacic e compagni per gli spostamenti della nazionale di calcio cro-ata. Comprensibili, quindi, la gioia e lentusiasmo dei soci

    che hanno potuto godere di un mezzo super comodo e moderno per raggiungere San Siro. Un grazie partico-lare stato poi espresso alla Federazione croata per la ma-gnifica opportunit concessa.

    INTER CLUB BRUGHERIOLa generosa Brianza ha sem-pre dato dimostrazione di massima attenzione ai progetti a favore di associazioni che opera-no soprattutto in Africa e Brasile. Tra i tanti Enti che dedicano alla raccolta fondi, non manca mai il locale Inter Club . Come tutti gli anni stato preso dassalto da soci e semplici tifosi, ma an-che da curiosi lo stand che lInter Club Brugherio ha allestito in occasione della festa patronale del paese brianzolo. Tanti i nuo-vi iscritti, soprattutto bambini, e in molti soci hanno approfittato per esprimere la preferenza tra i progetti di solidariet ricevuti dalle associazioni di volontaria-to locali che hanno chiesto so-stegno al club, gi molto attivo nel sociale sin dalla sua nasci-ta avvenuta nel 2010 (DADA MAISHA, CAPIRSI DOWN, HELP FOR CHILDREN, MAR-TA NURIZZO, CROCE ROSSA, COMITATO MARIA LETIZIA

    VERGA). Una volta individua-to il progetto preferito, tra tutti i soci il club, si avvier la raccolta fondi, che lo scorso anno ha por-tato alla realizzazione di un poz-

    zo di acqua potabile in Tanzania, in collaborazione con DADA MAISHA ONLUS. Di fronte a tanta generosit non c che da scappellarsi ed applauidire.

    Mi sento particolarmente onorato e commosso nella-prire ufficialmente i festeggia-menti per il 30 anniversario della fondazione del nostro Inter Club, con il pensiero ri-volto ai soci fondatori, alcuni dei quali non pi con noi e con la promessa alla Societ della continuazione di un sempre crescente impegno per il tifo per la squadra, in qualsiasi cir-costanza. Con queste parole il presidente Vincenzo Fabio, il 12 ottobre scorso, ha dato il via, presso la sede dellIn-ter Club, alla manifestazio-ne, preparata con cura dai volenterosi soci. Levento ha avuto inizio, in mattinata, con la celebrazione della Santa Messa, durante la quale sono stati ricordati i soci deceduti in questi trentanni, momento

    INTER CLUB S. Agata di Militellodi alta commozione per tutti i presenti, familiari ed amici della comunit di SantAgata. La festa vera e propria, pre-sente anche il coordinatore regionale Francesco Scuderi che ha consegnato un kit ce-lebrativo inviato dalla Socie-t, ha visto riuniti i soci con parenti ed amici e si svolta in piena allegria, anche con lintonazione di Pazza Inter, linno che mai nessuno vuole dimenticare. Al saluto ai par-tecipanti da parte del presi-dente Fazio Vincenzo, hanno fatto seguito gli apprezzati interventi del vice presidente Patrizio Cali e del presidente onorario Vasi Antonino, che si sono soffermati sulle tante iniziative sportive e sociali che il Club ha intrapreso ne-gli anni e presentato un pro-

    gramma di eventi che vedr il sodalizio nerazzurro sempre pi protagonista della vita della cittadina siciliana, che ha sempre accolto con tanta simpatia qualsiasi manifesta-zione proposta, cui hanno po-tuto partecipare anche ragaz-zi di altre tifoserie. Alla festa erano presenti anche rappre-sentanti degli Inter Club Bro-lo, Milazzo e Petralia Sottana. A chiusura di una giornata in-dimenticabile, un abbondan-te buffet e la torta celebrativa hanno deliziato il palato degli affamati e stanchi partecipan-ti che, dulcis in fundo, hanno potuto ammirare ed applau-dire i giochi pirotecnici che hanno chiuso in bellezza la festa, che sar ricordata a lun-go nella bella e calda Sicilia.

    COORDINATORI INTER

    I coordinatori regionali e provinciali degli Inter Club si sono ritrovati con i dirigenti del Centro Co-ordinamento, in concomi-tanza con Inter Napoli, per fare il punto sulla campa-gna tesseramento in corso e per gettare le basi per la prossima stagione. La riu-nione ha rivestito grande e rilevante importanza deter-minata dal nuovo corso vo-

    luto dal presidente Thohir. Per questo sono intervenuti anche Mauro Ferrara, Real Estate Operations, che ha affrontato varie tematiche relative allo stadio ed al suo utilizzo e Barbara Biggi, In-ternational Partnerships & Marketing Manager, che ha introdotto gli interventi di Roberto Madonna, direttore Marketing di Deutsche Bank e Jan Silva di Pirelli che han-

    no proposto una sempre pi fitta collaborazione tra i partner commerciali di Fc Internazionale e i tifosi dei Club aderenti al CCIC, che potranno godere di nuo-ve interessanti convenzio-ni. Tutti i presenti hanno espresso grande interesse per i nuovi temi toccati e garantito la loro massi-ma fattiva collaborazione.

  • mercoled 29 ottobre 2014 10

  • 11mercoled 29 ottobre 2014

    Due partite in quattro gior-ni, e unintera stagione pas-sata negli incubi, per deci-dere finalmente se Walter Mazzarri un tecnico allaltezza della Beneamata. Lesame si chiama Sampdo-ria, questa sera a San Siro, e Parma, ultima in classifica,

    Vecchi, Mancini, Simeone... tombola!!!SeveraBisceglia

    Stefano Vecchi

    al Tardini. Due sfide deci-sive, Mazzarri-Mihajlovic e Donadoni-Mazzarri, che mettono sul piatto un contratto di 3,5 milioni a stagione. Questa lultima

    chance di Walter Mazzar-ri per fare cambiare idea al suo presidente. Erick Thohir potrebbe essere lau-tore del primo esonero in carriera del tecnico tosca-no: Bisogna analizzare in maniera equa il problema dellallenatore. Vedremo nelle prossime due partite, ma cambiare il proprio tec-

    nico in corsa non mai una buona soluzione. Vogliamo dargli unaltra opportuni-t. Il prossimo allenatore? Noi per lInter puntiamo al miglior coach. Parole che

    possono voler dire tutto e niente. Ulteriore tensione che pesa come una coltre di piombo sul gi pesantissi-mo cielo di Appiano Genti-le. Il presidente nerazzurro, seppur in modo velato, ma non troppo, ha dato lout out. Risultati o via. Ripren-de quindi il toto-allenatore. Il nome che lambiente ne-razzurro sussurra, soprat-tuto quello della tifoseria, quello di Walter Zenga che per lInter suonerebbe come Inzaghi per il Milan. Grande cuore a strisce nere e azzurre cresciuto in cur-va Nord. Lui lInter ce lha dentro. Si ventila anche un possibile ritorno di Leo-nardo, quale traghettatore in attesa di tempi migliori.

    Bolingbroke probabilmen-te vorrebbe David Moyes che lo scorso anno ha al-lenato il Manchester, non

    deve, per, aver fatto un buon lavoro dal momento che il ringraziamento sta-to un sonoro esonero. Li-potesi pi probabile punta

    sullattuale allenatore della Primavera nerazzurra Ste-fano Vecchi, una soluzione interna e la meno onerosa., con il compito di tenere in caldo la prima squadra in attesa di decisioni che Ro-berto Mancini sembra non voler prendere, almeno nellimmediato. Il Mancio libero e si fatto vedere a Cesena. Il popolo neraz-zurro osanna il suo nome, luomo che ha aperto lul-tima era vincente del Bi-

    scione con ottime giocate ed eccellenti operazioni di mercato. Altro nome alti-sonante quello di Diego Pablo Simeone che a fine

    stagione potrebbe lasciare la panchina del Colchone-ros ma bisogner battere sul tempo e sul danaro le due squadre di Mnche-ster. In entrambi i casi, sia Mancini che Simeone, che comunque impegnato nellattuale, un allenatore di questo calibro difficilmente salterebbe su un treno in corsa, bisogner dunque attendere giugno e fino ad allora lipotesi pi proba-bile resta Stefano Vecchi.

  • mercoled 29 ottobre 2014 12

    FioreMarro

    gi al nord

    La squadra orobica stata negli ultimi anni, assieme al Chievo e il Bologna (questulti-mo per nostra fortuna retrocesso in serie B), la nostra bestia nera: in qualsiasi condizione di tempo e di assetto tattico, sia ci fosse Mazzarri il difensivista o Benitez che gioca solo dattacco, la squa-dra di Bergamo riesce sempre ad

    Atalanta La bestia nera...azzurra del Napoli

    Hasse Jeppson Banco e Napule

    Mister Due Miliardi - Beppe Savoldi

    averla vinta, specie tra le mura amiche. Sarebbe ora di sfatare anche questa triste tradizione per noi. A Bergamo opera Pier-paolo Marino, che riveste il ruo-lo di direttore generale dellAta-lanta, e che stato colui che nel 2004 decise di tornare al Napoli occupandosi della ristruttu-razione della societ, dopo il fallimento e lacquisizione da parte di Aurelio De Laurentiis.

    Marino si ritrov alle prese con una realt forse mai vissuta prima: una compagine senza pi campi di allenamento, palloni e divise ma, soprattutto, senza calciatori. La nuova avventura lo

    port ad allestire una rosa che riuscita a risalire dalla serie C1 alla A in tre anni, e con un pro-getto finalizzato a far diventare il Napoli una delle migliori squa-dre europee. Marino import i metodi di lavoro che aveva im-piegato ad Udine, ma applicati ad un club con maggiori potenziali-t economiche, in grado quindi

    di trattenere i migliori calciatori e corrispondere loro ingaggi ade-guati al loro prestigio che era de-stinato ad aumentare di stagione in stagione. Nuovi giovanissimi acquisti come Hamsik, Garga-no e Lavezzi vennero acquistati con spesa bassa e videro il loro valore aumentare nel giro di un anno: questa politica permise al Napoli di proiettarsi subito nel calcio europeo. Ciononostante, il 28 settembre 2009 si interrom-pe, dopo 5 anni, il rapporto con la societ di De Laurentiis, con la rescissione consensuale del con-tratto. Da quel momento al Na-poli mancata la figura proprio

    di un uomo esperto di mercato e di spogliatoio. Si vocifera che presto ci sar un suo ritorno al San Paolo, speriamo. A Berga-mo, tra laltro, ci sono due cal-ciatori che non sono riusciti con la maglia azzurra ad esprimere il loro effettivo valore: si tratta di German Denis e Luca Cigari-ni, che forse proprio per questo motivo quando giocano contro di noi esprimono sempre il mas-simo. Il Napoli, dopo il risultato tennistico contro il Verona, dove tra laltro sia Gonzalo Higuain che Marek Hamsik si sono final-

    mente sbloccati, arriva nella citt orobica sulle ali dellentusiasmo; entusiasmo, per, che andrebbe ben gestito dal tecnico, che si ri-trova tra le mani una Ferrari che spesso si comporta come una 500 fiat degli anni 60. Speriamo, come diceva Eduardo che la nut-tata sia passata. Un pensiero in chiusura a Beppe Gol, al secolo Giuseppe Savoldi, dobbligo. Mister Due Miliardi arriv a Napoli via Bologna, ma la sua provenienza era di scuola Ata-lanta. La spesa del suo cartellino fu allepoca oggetto di scandalo,

    per leccessivo costo dellopera-zione. Un caso simile si era gi manifestato negli anni 50, pro-prio con un calciatore di pro-priet dellAtalanta acquistato dal Napoli di Achille Lauro che per avere i servigi della punta svedese Hasse Jeppson sbors, nel lontano 1952, la bellezza di 105 milioni di allora, una ci-fra astronomica. Lattaccante si fece onore realizzando in 4 anni 112 reti. Divent consuetudi-ne al Collana, lallora stadio del Napoli, ogni qualvolta Jeppson veniva messo gi da un avver-

    sario, commentare dagli spalti: caduto Banco e Napule . Tornando a Savoldi, rimane uno dei grandi bomber della storia del calcio partenopeo, 118 reti in 4 anni di militanza azzurra; peccato riuscimmo a mala pena a vincere solo una misera Cop-pa Italia. Savoldi rimane uno di quei calciatori che resteranno per sempre nel cuore del popo-lo azzurro: la sua disponibilit e il suo attaccamento ai nostri colori e i suoi gol saranno per noi tutti un ricordo indelebile.

    Il turno infrasettimana-le di campionato capita in un periodo rovente per le polemiche che stanno ribollendo da una decina di giorni a questa parte e che certamente non favori-scono la squadra. La vitto-ria di Cesena ha dato uno scossa alla classifica e spe-riamo una carica positiva allo staff nerazzurro anche se la manovra sembrata discontinua e imballata. In tutti campi della vita quan-do una situazione diventa monotona inevitabilmente porta a risultati deluden-ti e per provare a cambia-re rotta necessario che il

    Rischiare per vincerecomandante della truppa sinventi una soluzione al-ternativa, in grado di gal-vanizzare il proprio entou-rage e stupire gli avversari, approfittando poi della loro incertezza. Unidea, per al-tro gi proposta da Andrea Stramaccioni quando sede-va sulla panchina interista, potrebbe essere quella di modificare la posizione di Mateo Kovcic, un talento grezzo in cerca della con-sacrazione (anche se gi sulla buona strada). Ora viene schierato davanti alla difesa ma spesso le azioni non partono dai suoi piedi e pertanto si ritrova a giro-vagare per il campo senza incidere. Quando poi ri-ceve un pallone il croato arrischia un dribbling, fa-vorito anche dal fatto che

    nessuno si smarca, e perde-re palla davanti alla difesa non mai auspicabile. Stra-maccioni avrebbe voluto schierarlo venti metri pi avanti ma lesonero non lo consent. Ora tocca a Maz-zarri scombussolare le car-te: certo dovrebbe studiare degli accorgimenti tattici per favorire Mateo, svilup-pare dei movimenti nuo-vi e martellare i giocatori affinch li eseguano con i tempi giusti. Gli interpreti sono fondamentali per la riuscita di qualsiasi lavo-ro e a volte bastano pochi ma chiari accorgimenti per svoltare e portare risultati altrimenti irraggiungibili: basti pensare che prima Ju-ventus scudettata di Conte derivava da un triste nono posto targato Del Neri.

    MarcoPapetti

    riflessioni

    Mateo Kovai

  • 13mercoled 29 ottobre 2014

  • mercoled 29 ottobre 2014 14

    LuigiSada

    estero

    Ancora lui, ancora Puscas a consegnare i tre punti alla sua squadra. Il suo gol al 52 decide la partita contro il Chievo, campione dItalia in ca-rica, (1-0). I ragazzi di Stefano Vecchi non deludono. Grazie al gol del bomber rumeno, pecca-

    PUSCAS stella di PrimaveraBianca Ara

    primavera

    George Alexandru Puca

    to che Ventre, entrato al posto di Baldini, si mangia la palla del 2-0, lInter balza in testa alla classifica del girone B del cam-pionato Primavera. Magistrale lestremo difensore dei clivensi che para di tutto negando pri-ma a Gnoukori e poi Ventre la

    gioia del raddoppio nerazzurro. E ancora Pasotti a negare il gol a Dimarco e ad uno strepitoso Camara all86. George Puscas fa il fenomeno, 14 gol in sei parti-

    te di campionato, convocato da Walter Mazzarri in prima squa-dra e convocato nella nazionale maggiore romena per la sfida del 14 novembre contro lIrlan-da del Nord, da giocare in casa nella quarta giornata delle quali-ficazioni a Euro 2016. La Prima-vera nerazzurra cammina, anzi corre, in direzione opposta alla prima squadra portando a casa la settima vittoria consecutiva.

    La Juventus accantona il 2-0 con il Palermo e questa sera prova a ripetersi a Marassi col Genoa, squadra in gran spolve-ro che domenica ha espugnato il Bentegodi battendo in rimonta il Chievo Verona. I bianconeri, pensano comunque alla Cham-pions dove hanno rimediato due sconfitte con lAtletico Madrid e con lOlympiakos. La Roma, che

    LA JUVE PROVA LALLUNGOLauraTangari

    campionato

    insegue a tre punti la capolista del campionato, non ha smalti-to ancora le tossine della scon-fitta allOlimpico con il Bayern Monaco tant che in trasferta a Genova con la Samp ha rischia-to grosso per rimediare un solo punto. Questa sera allOlimpico arriver il Cesena, formazione col dente avvelenato per lemeri-ta sconfitta casalinga con lInter. Inter che dovr vedersela a San Siro con la Sampdoria granitica costruita da Mihajlovic che non ha avuto paura della Roma tre giorni fa. Alle spalle delle due protagoniste, Juventus e Roma, con la Sampdoria non molla lU-dinese che sfider al Franchi la Fiorentina reduce dal pareggio

    del Meazza col Milan. I rossoneri di Pippo Inzaghi andranno inve-ce a Cagliari affrontando i ros-soblu di Zeman con le antenne alzate, considerando lo 0-4 por-tato a casa da Empoli da Sau e compagni. Da seguire con atten-zione la gara di Bergamo dove il Napoli reduce del 6-2 al Verona cercher il bis contro lAtalanta bacchettata da Colantuono dopo la sconfitta di Udine. Domani Toccher al Verona incrociare i guantoni con la Lazio entrata in zona europea dopo il 2-1 inflitto al Torino che a sua volta stasera davanti ai propri tifosi misurer la pressione al Parma sempre pi in crisi ancora scioccato dalla sconfitta del Tardini col Sassuolo.

    Non si sono spente ancora gli echi del clasico che ha visto il Real Madrid dominare il Barca con la tripletta siglata da Cristiano Ronaldo e Benzem. In Liga, infatti, si gioca il pi bel calcio dEuropa e gli stadi sono pieni rispetto a quelli italiani a dispetto dei campionati spez-zatini costruiti su misura degli scommettitori del calcio in tv. Grazie alla sconfitta del Barcel-lona il Siviglia, vittorioso negli

    IL CLASICO HA REGALATO UN GRANDE REAL

    ultimi tre minuti col Villareal dove ha ribaltato lo 0-1, dovuto al gol iniziale di Vietto, grazie ai due gol di Denis Suarez e al rigo-re trasformato da Bacca, ha ag-ganciato al comando i Catalani di Messi. Praticamente campio-nato riaperto, dal momento che il Real Madrid insegue la coppia di testa solo con un punto di ri-tardo. Sorride anche lAtletico di

    Simeone vittorioso in trasferta col Getafe. In Francia cade la capolista Marsiglia con il Lione a segno con Gourcuff e il PSG ne approfitta subito battendo il Bordeaux per 3-0. I parigini sono ora a solo due lunghezze dal Marsiglia con il Saint Etienne e il gi citato Lione un gradino pi sotto. Gli avversari dellInter in Europa League hanno battuto il Metz con un gol di Gradel. Da segnalare il successo del Nizza

    sul fanalino di coda Guingamp (nello stesso girone della Fioren-tina) per 2 a 7, con la squadra della Costa Azzurra collocata ora al quinto posto. In Bunde-sliga pareggio del Bayern Mo-naco bloccato dal Borussia Mo-enchengladbach agganciato al secondo posto dallHoffenheim e Wolfsburg. La squadra della Volkswagen ha liquidato il Ma-

    gonza per 3-0 torna alla vittoria lHertz Berlino con una tripletta allAmburgo mentre continua la crisi del Borussia Dortmund battuto in casa dallHannover. In fine in Premier League pa-

    reggio fra Manchester United e Chelsea, la squadra di van Gaal in pieno recupero, grazie a van Persie agguanta l1-1 recupe-rando il gol di Drogba. Blues in dieci per il doppio giallo a Ivano-vic. Crolla il City che perde 2-1 a Londra contro il Westham. Sor-prende ancora il Southampton di Pell e ora a meno quattro in seconda posizione, dal Chelsea.

  • 15mercoled 29 ottobre 2014

    Un mito vivente. Ben otto volte campione mondiale motocross a soli 29 anni e a un passo dal battere il record del

    Happy Cairolis NightAl Sio Cafe venerd 7 novembre il fenomeno 8 volte campione del mondo di motocrossRiccardo

    Sada

    musica e motoribelga Stefan Evert, che vanta die-ci titoli. Il siciliano Tony Cairoli incontrer i fan in una special night al Sio Cafe venerdi 7 no-vembre. Cairoli, che ha esordito allet di sette anni nel minicross, con cui ha vinto ripetutamente

    titoli regionali e nel 99 il titolo seniores, ha fatto tutta la trafila delle categorie: elite, cadetti e Europeo85. Nel 2001 arriva alla categoria 125, dove ha vinto il ti-tolo regionale e nazionale cadet-ti. Da quel momento una se-

    quenza di vittorie straordinarie e otto titoli mondiali conquistati. Lultimo, questanno, in Brasile. Ed in uscita anche un film sulla sua vita da uomo e da sportivo. Sempre lo stesso giorno si esibi-r nella sala brasiliana una su-

    perstar del microfono come MC Creu DJ produttore e ballerino nato nel 1978 a Rio de Janeiro, famoso nel 2008 con il brano Dana do Cru (un successo nel giro di poche settimane an-che su YouTube). Tutto al Din-

    ner Sio. E a sguire la house com-merciale del dj Marco Comollo di radio 105 con il supporto vo-cale di Giulia Ines. Per i revival Roberto Tirelli e Brasilian Party con il dj Big Jairao e dj Kadilallac. Info su www.siocafemilano.com

  • mercoled 29 ottobre 2014 16

    artee

    fotografia

    Marby Il mondo del NovecentoIn Piazza della Scala una collezione di tremila opere darte

    Gallerie DItalia- Piazza Scala MilanoRodolfo Aric. Pittura inquieta

    Gli anni NovantaDal 3 ottobre 2014al 18 gennaio 2015

    Le opere darte del 900 sono racchiuse nei lu-minosi e ben organizzati spazi delle Gallerie dIta-lia in piazza Scala a Milano.Lattuale collezione che vanta oltre 3000 opere tra dipinti, sculture e altre tecniche ar-tistiche ci narrano la storia e i protagonisti di un secolo, quello del Novecento, denso di grandi cambiamenti sto-

    Chi ama crede 1997Anima buia 1996

    Dramma Apollineo 1997

    Notizie da un interno 1997Cuore freddo 1997

    rici e politici che hanno avu-to ripercussioni inevitabili sullopera di quegli artisti che hanno rivoluzionato il lin-guaggio espressivo, che va dal realismo quasi fotografico di natura storica, alla pittura di genere, fino allarte concettua-le e della transavanguardia.Visitare questi spazi ci aiuta a capire il nucleo fondamentale dellarte astratta. Quel nuovo linguaggio che caratterizza sia lEuropa, sia lAmerica dal 1909 fino a oggi. Dalla Germania con la scuola del

    Bauhaus che ha formato gli artisti pi rivoluzionari, in campo astratto e poi concet-tuale, allAmerica rappresen-tata dalla Pop art fino allItalia con i primi artisti del movi-mento Futurista fino a quello Spazialista, il cui protagoni-sta assoluto Lucio Fontana.E in questo ambito che si colloca lopera monografi-ca dellartista Rodolfo Ari-

    Camera grigia 1997

    Modificazione 1960

    c, dal titolo Rodolfo Aric . Pittura inquieta, a cura di Francesca Pola nellambi-to del progetto Cantiere del 900. Il percorso espositivo ha come filo conduttore lultimo lavoro dellartista, protago-nista dellarte italiana della seconda met del XX seco-lo e punto di riferimento di quella corrente internaziona-le che dagli Stati Uniti pren-de il nome di Post-Minimal Painting (Pittura Analitica nella definizione italiana). A introdurre la sua opera un

    quadro dal titolo Modifica-zione che gi presagio di un cambiamento sia tecnico che di contenuti. Percorsi della-nima. Sempre pi inquieta, dettati dallesigenza, come

    e lemozione che lo contiene senza bisogno di fronzoli che distraggono. I titoli Cuo-re freddo , Camera grigia, Anima buia, Chi ama crede, Sotto la superficie ci condu-

    cono alla nostra interiorit e ci aiutano a riflettere sulla nostra esistenza. A coronare lopera dellartista anche una serie di scritti, in forma di racconto breve, riflessioni sul fare pittura, dialoghi imma-ginari con autori del passato come Rembrandt, Vermeer e Rothko, con cui condivide il dramma esistenziale, il si-lenzio siderale delle nostre anime ma anche la tenerez-za e la gioia della creazione.

    del resto per molta pittura di quel periodo, di passare dalla pittura figurativa e oggettua-le che rappresenta la realt a un modo pi interiorizzato, per vivere invece le emozioni che la realt stessa ci procura. Per questo le sue opere hanno titoli che ci spronano a riflet-tere e non solo a guardare. E le sue forme sono geometri-che. Il rettangolo e il quadra-to, che sintetizzano il pensiero

  • 17mercoled 29 ottobre 2014

    Guardians Of The Galaxy The Avesome Mix Vol. 1 la colonna sonora del nuovo film Marvel che ha sbancato i botteghini americaniPrima posizione nella classifica dei dischi pi venduti in Usa

    RiccardoSada

    musica

    Dal marted 21 ottobre la colonna sonora del nuovo film Marvel, Guardiani Della Galassia (nei cinema italiani il giorno seguente; negli Usa poi ha sbancato i botteghini) rie-chegger anche nel nostro Paese, puntando su un suono che arriva direttamente dagli anni Settanta (David Bowie, Jackson 5, Marvin Gaye a tanti altri). Conquistata la numero uno della classifica dei dischi pi venduti in Ameri-ca, la Billboard Top 200, e dopo una prima posizione su iTunes in oltre 29 paesi del mondo, la colonna sonora svolge un ruo-lo fondamentale nel film della Marvel. Il regista James Gunn ha affermato: Uno dei punti fon-damentali del film il fatto che Quill possiede una cassetta con una compilation [Awesome Mix #1] che sua madre ha fatto per lui e che gli ha dato prima di mo-rire. Sono le canzoni degli anni 70 che lei amava e questa cas-setta lunica cosa che gli resta di lei e della sua casa sulla Terra. La compilation rappresenta un legame con il passato e riflette la tristezza che prova per aver do-vuto lasciare tutto ci che aveva.Per il pubblico il legame fra que-

    Un a lbum vo la ne l l un iversosto bizzarro universo e il nostro mondo attuale forte: Questa visone diversifica questo film dagli altri film davventura nel-lo spazio perch ci informa che la storia ambientata ai nostri giorni. La musica occupa un ruolo importante nel riproporci un passato a noi molto familia-re, ha sottolineato Gunn, che ha chiesto al compositore Tyler Bates di completare alcune trac-ce musicali per il film prima che iniziassero le riprese, per poterle ascoltare sul set. Anche la mu-sica composta per il film svolge un ruolo importante, ha dichia-rato Gunn. Ho iniziato subito a lavorare con Tyler Bates, il com-positore con cui ho fatto altri tre film; insieme abbiamo scritto parte della colonna sonora con un certo anticipo per poter uti-lizzare la musica sul set quando giravamo le scene pi emozio-nanti o rocambolesche. utile ascoltare la musica sul set per entrare nellatmosfera del film. Grazie alla musica gli attori han-no una migliore percezione del tipo di film che stanno facendo. Inoltre le riprese diventano mol-to pi interessanti.Nel descrivere il modo in cui

    alcuni brani musicali sono stati scritti in anticipo rispetto al re-sto della colonna sonora, Bates ha spiegato cos il suo punto di vista: Ho scritto la musica ba-sandomi sul copione, sulla pre-visualizzazione di alcune scene, e su alcune conversazioni che ho avuto con James. stata una splendida opportunit scrivere la musica da utilizzare sul set durante le riprese, perch stabi-lisce latmosfera, il tono e il rit-mo seguito dagli attori e dalla troupe. un metodo di lavoro a cui James e io stavamo gi pen-sando da tempo e che abbiamo finalmente realizzato con Guar-diani della Galassia, e ne sono entusiasta.Chris Pratt ha detto invece di aver visto la possibilit di lavo-rare con la musica di sottofondo come un valore aggiunto per il film. Dal punto di vista di un at-tore, la musica aiuta a capire cosa sta succedendo nel film, inoltre alleggerisce la pressione e con-sente di entrare maggiormente nella scena e di completamente presente a te stesso in quel mo-mento.

    Info su www.marvel.com

    Dal dj e produttore Louie Vega (nella foto insieme alla moglie Anan) le buone notizie non mancano davvero mai. Fre-sco reduce dal suo dj set di sabato 11 ottobre allo Shed Club di Busto Arsizio, ubicato a pochi chilome-tri di distanza dallAeroporto In-ternazionale di Milano Malpen-sa, Vega si conferma sempre uno dei pochi, autentici artisti dellart of djing. La sua House Music da sempre sinonimo di qualit e ri-cerca, emozioni e ricerca delline-dito; tra le gemme di una carriera straordinaria, baster ricordare la sua vittoria ai Grammy Awards (2008), lesibizione al Superbowl Pre-Game Show (2007), le perfor-mance con il Cirque du Soleil, al Festival Jazz di Montreaux, il suo ensemble Elements of Live, ed i Masters At Work, fortunatissimo sodalizio creato insieme a Kenny Dope Gonzales nel 1991. Un duo

    SULLIMPERO DI VEGA IL SOLE NON TRAMONTA MAIche stato appena celebrato con la raccolta Defected presents House Masters: Masters At Work, uscito lo scorso 21 settembre in quadru-plo cd, doppio vinile e in digitale. Quaranta brani in tutto, continua fonte di ispirazione per chiunque approcci la house music. Sabato 03 ottobre, invece, uscito il nuovo di-sco di Sunset Ritual, il progetto che lo vede protagonista insieme alla moglie Anan. Gran parte di queste tracce sono state ovviamente suo-nate sabato 11 ottobre allo Shed, un club che negl ultimi due anni ha saputo ospitare top djs quali David Morales, Dj Antoine, Martin Solveig e Kenny Carpenter. Ospiti speciali spalmati sia allo Shed in quanto tale sia in eventi prodotti in altre loca-tion, quali Teatro Versace di Mila-no e Villa Reale di Monza. Sempre allinsegna della qualit assoluta, che nellintrattenimento in quan-to tale non deve mai venire meno.

  • EditoreEdizioni SBMVia Domodossola, 21 MilanoTel/fax 02.36563906Sito internetwww.stadio5.it

    Amministrazione mail: [email protected] pubblicitEdizioni SBM Tel. 329 3847157mail: [email protected]

    Direttore responsabile GraficaBeppe Vigani - mail: [email protected] Team grafico Edizioni SBM mail: [email protected]

    Collaboratori: Andrea Anelli, Marjlja Bisceglia, Severa Bisceglia, Alessandra Caronni, Debora Cheli, Aldo Colombo, Lara Comi, Luca De Franco, Bianca Elton Ara, Giovanni Labanca, Marby, Fiore Marro, Sandro Mazzola, Toni Morandi, Enzo Occhiuto, Marco Papetti, Paolo Pirovano, Daniel Rizzo, Luigi Rubino, Luigi Sada, Riccardo Sada, Pino Sardiello, Laura Tangari, Emanuele Tremacere, Gustavo Vitali, Federico Zanon Registrazione del Tribunale di Milano: n 446 del 3 agosto 2011