Piccole Impronte Aprile 2014

  • View
    215

  • Download
    0

Embed Size (px)

DESCRIPTION

Contro gli allevamenti!

Text of Piccole Impronte Aprile 2014

  • i R a g a z z i d a l l a p a r t e d e g l i A n i m a l i

    Supplemento al n.3 [143] di Impronte - Rivista Animalista - Poste Italiane Spasped. in abbonamento postale - d.l. 353/2003 (conv. in l. 27/02/2004 n. 46) art. 1 comma 1 dcb romaa p r i l e 2 0 1 4

    i R a g a z z i d a l l a p a r t e d e g l i A n i m a l i

    CONTROgLiALLEVAMENTi

  • 2 Piccole imPronte

    Lilo & Bilbo

    Io dentro la gabbiaCa

    rt

    a riCiClata

    100%

    PICCOLE IMPRONTESUPPLEMENTO AD IMPRONTEn. 3 (143) aprile 2014

    AUT. TRIB. ROMA 50/84 dell11-2-1984ISCR. REG. NAZ. STAMPA 4086 dell1-3-1993ISCR. ROC 2263 - 2001

    DIRETTORE RESPONSABILEMARIA FALVO

    DIRETTORE EDITORIALEILARIA MARUCELLI

    DIREZIONE E REDAZIONESEDE NAZIONALE LAV ONLUSVIALE REGINA MARGhERITA, 17700198 ROMA

    REDAZIONEMARCO CORTINI, ILARIA MARUCELLI, GANDALF, PRISCILLA

    GRAFICA E IMPAGINAZIONEPIER PAOLO PUxEDDU+FRANCESCA VITALE

    HANNO COLLABORATODAVIDE CECCON, SIMONA DIMITRI, GIORDANA GALLI, LORIANA GALLI ROBERTO MARChESINI, ANDREA MUSSO, FABIO REDAELLI, ELENA SPOSITO, ALESSANDRO TELVE, STEFANO TIRASSO

    DISEGNO DI COPERTINADAVIDE CECCON

    STAMPAARTI GRAFIChE LA MODERNAVIA DI TOR CERVARA 171 ROMA

    CARTA DALUM CyCLUS PRINT 100% CARTA RICICLATA

    PACKAGING IN MATER-BI biodegradabile e compostabile

    CHIuSO IN TIPOGRAFIA20 MARZO 2014

    QuOTE ANNuALI DI ISCRIZIONE E RINNOVO ALLA LAV ONLuS GIOVANILE (sotto i 18 anni) da 18 euroORDINARIO da 30 euroFAMIGLIA da 45 euroSOSTENITORE da 46 euroBENEMERITO da 150 euroSTRAORDINARIO da 500 euro

    VERSAMENTI INTESTATI A LAV ONLuSC\C BANCARIO N. 501112BANCA POPOLARE ETICAFILIALE DI ROMA - VIA RASELLA 1400187 ROMAABI 05018 CAB 03200 CIN E

    Dal 1999 la LAV firmataria di un Protocollo dIntesa con il Ministero dellIstruzione, dellUniversit e della Ricerca con lo scopo di promuovere la diffusione e lapprofondimento dei temi delleducazione al rispetto di tutti gli esseri viventi nelle scuole di ogni ordine e grado

    Informiamo che tutti gli associati e/o i sostenitori delle campagne LAV ONLUS hanno diritto a ricevere la presente pubblicazione tramite invio postale. La LAV ONLUS garantisce che i dati identificativi dei destinatari sono raccolti e trattati, anche elettronicamente, nel rispetto delle norme pre-viste dal codice di regolamentazione della privacy (Dgs 196/2003). Ogni interessato potr in ogni momento esercitare i propri diritti (art. 7,8,9 Dgs 196/2003) rivolgendosi direttamente alla LAV ONLUS, viale Regina Marghe-rita177, 00198 Roma, tel. 06/4461325 fax 06/4461326 email: info@lav.it

    A scuola abbiamo incontrato Ila-ria, una volontaria della LAV, che ci ha insegnato tante cose sugli animali e sullimportanza di rispettarli. Un giorno ci ha portato una grossa gabbia e ha chiesto - Chi vuole entrare dentro? - cos abbia-mo capito cosa provano gli animali rinchiusi. Io nella gabbia non ci vorrei mai andare, ma per sentire come stanno gli animali che restano dentro la gabbia per molto tempo, ci ho provato. Mentre ero dentro, pensavo conti-nuamente: Che brutta esperienza ... non ci vorrei mai essere entrata!. Mi mancava spazio e, quindi, non potevo fare tante cose. Volevo uscire subito... per fortuna che la gabbia era tutta fatta da sbarre e quindi era meno spaventosa! Fra me e me ho pensa-to: Non entrer mai e poi mai in una gabbia!. Ci sono andata solo per giocare, per mi sono sentita molto, molto triste come quei poveri animali. Quando sono entrata dentro, ridevo perch stata una cosa che non avevo mai fatto, ma poi mi sono accor-ta che una cosa brutta brutta! Io non ci entrer mai pi perch io voglio muovermi e non voglio rimanere mezza bloccata. NON CI VORREI MAI ENTRARE!!!!!!!! Ma ho capito cosa provano gli animali rinchiusi. Anche loro soffrono come noi. martina romei, classe iii della scuola elementare Vasari di arezzo Sono miliardi, in tutto il mondo, gli animali che vivono in gabbia. In que-sto numero parliamo di quelli allevati per lalimentazione umana. Non ag-giungo altro, perch Martina ha gi detto tutto. Buona lettura!

    Disegno di Giulia Mazzoleni,Molteno (Lecco)

  • Piccole imPronte 3

    ill

    ust

    ra

    zio

    ni d

    i st

    efa

    no

    tir

    ass

    o

    Soluzione: 1) C - 2) A - 3) C - 4) A - 5) B

    Quanti polli cosiddetti da carne pu contenere un capannone di un allevamento? A Anche trentamila (come gli

    abitanti di una piccola citt)B Qualche migliaioC Secondo una normativa

    appena approvata, non pi di mille

    2

    Alleviamo lanimalismo!

    Tra gli animali che finiscono dentro i piatti degli italiani, quanti provengono da allevamenti intensivi?A Circa la metB L80%C Il 99%

    1

    Anche i pesci sono allevati?A No, tecnicamente impossibile B Solo le trote e le tincheC S: circa il 50% degli animali acquatici

    destinati al consumo alimentare umano proviene dallacquacoltura

    3

    Provo un assoluto orrore verso lallevamento intensivo, cio io non dormo la notte quando penso agli allevamenti intensivi e li trovo una cosa veramente che mi fa male dentro. Chi lha detto?A La scrittrice Susanna TamaroB Lo stilista Roberto CavalliC Il calciatore Alex Del Piero

    4

    Anche i bambini si allevano. Eppure questo verbo si usa ormai pi per gli animali e significa gabbie, sovraffollamento, sfruttamento, sofferenza. Questa volta parliamo dei nostri amici allevati per il cibo. Prova se le sai tutte e... passaparola!

    Come si pu allevare un vitello che bello, no? un piccolo vitello, chiuderlo in una scatola di ferro, in una gabbia di ferro, perch cresca anchilosato dentro e la sua carne rimanga bianca?. Chi lha detto?A Topolino nella storia Il caso

    dellallevamento fantasmaB Lo scrittore Tiziano TerzaniC La giornalista televisiva Licia Col

    5

    Piccole imPronte 3

  • 4 Piccole imPronte

    State parlando di cibo? Il vostro cane vi ascolta e lo capisce! Che i cani siano sensibili alle nostre emozioni lo sappiamo, ma un recente studio argentino pubblicato sulla rivista Llos One dimostra che seguono anche conversazioni tra umani. Nel corso dellesperimento due donne hanno offerto una tazza di cereali a un uomo: una ha ricevuto complimenti, allaltra stato detto che i suoi cereali non erano buoni. Alla fine della conversazione la maggior parte dei 72 cani esaminati si sono diretti verso la donna con i cereali pi gustosi.

    I cani ci ascoltano

    Da molti anni allospedale pediatrico Meyer di Firenze entrano i cani per la pet-therapy, ma da oggi anche i normali cani di famiglia potranno visitare il piccolo familiare ricoverato. Non saranno ammessi cani ritenuti aggressivi o troppo vivaci (come i cuccioli). Il quattrozampe dovr avere un guinzaglio corto, un certificato di buona salute, essere fresco di shampoo antimicotico, ben spazzolato e vaccinato. Ma lincredibile gioia che proveranno cane e bambino nellincontrarsi valgono bene la preparazione!

    Contro lansia da separazione, che provoca nei nostri amici stress e depressione, una societ americana ha prodotto il primo telefono per cani. Si chiama PetChatz e permette di parlare e vedere il proprio animale con un computer o uno smartphone da ogni parte del mondo. Grazie a una telecamera e un monitor si potr interagire con il proprio amico peloso, fare filmati e fotografie e addirittura offrirgli bocconcini. Ottima lidea, ma niente pu sostituire una giocosa corsa nel parco.

    Un cane allospedale

    Un telefono da cani

  • NO

    A LE

    = _ _ _ _ _ _ _ _

    = _ _ _ _ _ _ _ _ _ _

    1

    2

    Piccole imPronte 5

    Rebus animalistiSai fare i rebus? Basta mettere insieme figure e lettere per trovare la soluzione: una parola o pi spesso una frase. La parola rebus si usa per definire qualcosa di oscuro e difficile da capire ma... questi che vi proponiamo sono proprio facili!

    ill

    ust

    ra

    zio

    ni d

    i Gio

    rd

    an

    a G

    al

    li

    Soluzione: 1) Gabbia NO = Gabbiano | 2) A mici LE ali = Amici Leali

  • Gli allevamenti? Non c niente di male!

    Lallevamento degli animali considerato unattivit assolutamente normale. Fin da bambini vediamo allegri disegni di galline sorridenti e mucche che si coccolano i vitellini. Ma giusto allevare gli animali?

    Salve ragazzi, eccomi alle prese con la spesa settimanale. Una bella faticaccia e oggi c unaltra complicazione: allentrata mi hanno dato un volantino. C scritto che le galline e i vitelli e i polli stanno male negli allevamenti e che non bisognerebbe comprare carne, uova e formaggi. Vi rendete conto? La mia lista della spesa si dimezzerebbe! Io sono amante degli animali (ho anche

    un barboncino di nome Jack!) e sono rimasta un attimo sconcertata. Ma pensandoci meglio

    non c niente di sbagliato negli allevamenti. Perch? Ecco i miei motivi! 1 Se luomo alleva gli animali da almeno diecimila anni un motivo ci sar, mica saranno stati tutti criminali! Anzi, lallevamento una tappa fondamentale dellevoluzione umana. 2 Gli allevamenti intensivi non sono hotel a quattro stelle, certo. Ma sono la versione moderna delle vecchie

    fattorie e oggi, con laumento della popolazione e del consumo di carne,

    uova e latte, non c altro modo per produrre tanto cibo. E poi tutto ormai diventato industriale, non solo gli allevamenti! 3 Si dice che l dentro gli animali soffrano. Sicuramente non saranno felici, questo ovvio. Ma anche in natura incontrerebbero dolore, sofferenza e morte (come noi umani del resto) e inoltre senza lallevamento non sarebbero nemmeno venuti al mondo! Se ci pensate

    bene di motivi ce ne sono molti altri, ma non ho pi spazio e vi saluto qui!

    6 Piccole imPronte

  • Non abituiamoci mai alla crudelt

    E soprattutto: giusto rinchiuderli in quelle grandi fabbric