15
Progetto SKILL LAB Centro Giovanile Meltin Pop di Aron a R gazzi del CIOFS FP Emilia Romagna

Progetto SKILL LAB

  • Upload
    flower

  • View
    67

  • Download
    0

Embed Size (px)

DESCRIPTION

Progetto SKILL LAB. Centro Giovanile Meltin Pop di Aron a. R gazzi del CIOFS FP E milia R omagna. Una Sperimentazione finalizzata a sviluppare competenze in un contesto non formale e informale . che ha coinvolto 18 ragazzi dei percorsi di IeFP I loro tutor e coordinatori - PowerPoint PPT Presentation

Citation preview

Page 1: Progetto  SKILL LAB

Progetto SKILL LAB

Centro Giovanile Meltin Pop di

Aron aR gazzi del CIOFS FP Emilia Romagna

Page 2: Progetto  SKILL LAB

SKILLAB experience… COS’E’?

Una Sperimentazione finalizzata a sviluppare competenze in un contesto non formale e informale

che ha coinvolto 18 ragazzi dei percorsi di IeFPI loro tutor e coordinatori5 microimprese giobaniliUna cooperativa sociale

Due agenzie formatveTre spazi giovanili di seconda generazione

Per due giorni …realizzando 5 laboratori

Page 3: Progetto  SKILL LAB

Laser Cutting

ParKour

Cucina

Serigrafia

Fotografia

Page 4: Progetto  SKILL LAB

Skillab experience… PERCHÈ?

Si costruisce come un’opportunità (gita delle competenze!!) da inserire nei percorsi formali e non formali (scuola, IeFP)Il focus specifico di SKILLAB è pedagogico ed è duplice:

•riflettere sull'esperienza

•trasferire gli apprendimenti

Questa sperimentazione nasce per indagare l’esperienza informale come spazio potenzialmente efficace per l’acquisizione di competenze

Page 5: Progetto  SKILL LAB

1°: lavorare fuori contesto formale

Skillab experience… COME?

creare un contesto decisamente informale, con attività che piacciono, interessano, assomigliano o coincidono con una «passione».

Come valutate l’esperienza in generale?

Patty: È certamente interessante; è un bel modo

di imparare.

Ramona: Già il fatto di essere fuori sede è in sé

un’esperienza

Sebastiao: È stata un’esperienza positiva,

soddisfacente, molto bella, a me piace imparare così

Prima condizione:

Page 6: Progetto  SKILL LAB

Skillab experience… COME ?

2°: FAR FARE

Creare un contesto decisamente di azione, dove il fare è immediatamente luogo di apprendimentoChe cosa secondo voi ha funzionato nel metodo di lavoro?Ramona: Una cosa buona è che la spiegazione iniziale era breve, venti minuti, mezz’ora al massimo e poi eravamo al lavoro. Certo, bisogna saper essere molto chiari e anche la cosa da fare, diciamo l’obiettivo, deve essere uno solo, concentrato, se no le spiegazioni teoriche diventano lunghe e noiose. È importante la soddisfazione di arrivare a un prodotto finito, una cosa fatta.

Seconda condizione

Page 7: Progetto  SKILL LAB

Skillab experience… quali competenze?

Due META-competenze

Skillab permette di sviluppare in particolare due meta-competenze:• riflettere

sull'esperienza • essere attivi

rispetto al proprio apprendimento.

Page 8: Progetto  SKILL LAB

Riflettere sull’esperienza, tornare sul vissuto, ripensarlo, interpretarlo…percepire la responsabilità nell'apprendimento; questo, attraverso attività diverse ed attraenti per aumentare la capacità e possibilità di scelta.

Riflettere

Skillab experience… COME?

Page 9: Progetto  SKILL LAB

Imparare ad imparare, rendersi conto che così apprendere è più efficace, più divertente, ma chiede responsabilità. Diventare consapevoli che quanto imparato può essere trasferito in altri contesti e aiutare ad imparare cose nuove.

Essere attivi rispetto al proprio apprendimento

Skillab experience… COME?

Page 10: Progetto  SKILL LAB

Anche la soddisfazione di mangiare insieme quello che abbiamo fatto è stata bella. In

genere è bello avere un momento dove gli altri vedono, dove si condivide quello che si è

fatto e tu dici a te stessa “ho imparato questo”. Per certe attività è più facile, per altre meno, ma credo di aver visto che è

importante avere un modo per cui il risultato concreto si condivide, … si ride, si commenta,

si spiega agli altri. Pensandoci però non c’è sempre stato in tutti i laboratori.

Page 11: Progetto  SKILL LAB

Il metodo funziona già perché le cose stesse sono interessanti, io volevo proprio fare

parkour; laser cut me lo hanno assegnato, ma quando ho visto cos’era devo dire che lo avrei scelto. Quindi le cose devono essere belle in

sé, poi molto dipende anche da come le proponi e le insegni.

Page 12: Progetto  SKILL LAB

Per me gli insegnanti sono stati proprio bravi e competenti, questo è importante, se no mi

sento presa in giro. Va bene che ci siano poche persone per laboratorio, così ti seguono da vicino. Questo modo di imparare è molto

personale, mi piace prendermene la responsabilità. Certo, se uno non ci mette del suo non impara niente, non saprei dire quindi

se funziona sempre.

Page 13: Progetto  SKILL LAB

Per avere voglia di imparare qualcosa è importante sapere cosa ce ne possiamo fare.

A questo è stata utile l’attività finale dove mettevamo dei biglietti di cose imparate sotto delle voci di competenza. È stata però un po’

troppo veloce, dopo mi sono accorta che potevo dire più cose, ma avevo avuto poco

tempo per pensare. In genere tutta l’esperienza è stata troppo veloce, anche la

fotografia non si è potuta curare bene. Se si fa un esperimento è meglio avere tempo per

capirlo.

Page 14: Progetto  SKILL LAB

Io sono contento di aver provato queste cose. Posso andare in un officina di laser cut e so di poter dire che l’ho fatto, so usare il laser da solo. È una bella soddisfazione. Se continuavo, nel senso che io

volevo poi riprovare e mettere a punto la cosa, imparavo davvero e avrei cominciato a creare di mio.

Credo che tutte le cose che uno prova e impara alla fine servono, io ho imparato delle cose.

Page 15: Progetto  SKILL LAB

Lase

r Cut

ting

ParKo

ur

Cucin

a

Serig

rafia

Foto

grafi

a