Manifesto del Partito Comunista - Piattaforma Comunista .Manifesto del Partito Comunista La seguente

  • View
    212

  • Download
    0

Embed Size (px)

Text of Manifesto del Partito Comunista - Piattaforma Comunista .Manifesto del Partito Comunista La seguente

  • Karl Marx e Friedrich Engels

    Manifesto del Partito ComunistaLa seguente opera fu preparata da Karl Marx e Friedrich Engels fra il 1847 e il 1848 e pubblicata a Londraalla fine di febbraio del 1848.

    PrefazioniPrefazione all'edizione tedesca del 1872

    Prefazione all'edizione russa del 1882

    Prefazione all'edizione tedesca del 1883

    Prefazione all'edizione tedesca del 1890

    Prefazione all'edizione polacca del 1892

    Prefazione all'edizione italiana del 1893

    Manifesto del Partito ComunistaPrefazione

    I: Borghesi e Proletari

    II: Proletari e Comunisti

    III: Letteratura Socialista e Comunista

    IV: Posizione dei Comunisti di fronte ai diversi partiti di opposizione

    Prefazione all'edizione tedesca del1872

    La "Lega dei Comunisti", associazione internazionale operaia che, com' ovvio date lecondizioni di allora, poteva essere soltanto associazione segreta, incaric i sottoscritti, alcongresso tenuto a Londra nel novembre 1847, di redigire un programma teorico e praticoparticolareggiato del partito, destinato alla pubblicit. Cos nacque il Manifesto che segue,il cui manoscritto part per Londra per esservi stampato, poche settimane prima dellarivoluzione di febbraio. Pubblicato dapprima in tedesco, il Manifesto stato ristampato inquesta lingua in Germania, Inghilterra e America, in almeno dodici differenti edizioni. Ininglese apparve per la prima volta a Londra nel 1850, nel "Red Republican", tradotto daMiss Helen Macfarlane, e poi in America nel 1871, in almeno tre differenti traduzioni. In

  • francese la prima volta a Parigi, poco prima della insurrezione di giugno del 1848, enuovamente nel "Le Socialiste" di New York. E' in preparazione una nuova tradizione. Inpolacco apparve a Londra, poco dopo la prima edizione tedescca; in russo a Ginevra, neglianni dopo il '60. Anche in danese venne tradotto poco dopo la prima pubblicazione.

    Per quanto negli ultimi venticinque anni la situazione sia cambiata, i principi generalisvolti in questo Manifesto conservano anche oggi, nelle grandi linee, tutta la loro giustezza.Qua e l si potrebbe correggere qualche particolare. L'applicazione pratica di questiprincipi, come dichiara il Manifesto stesso, dipender sempre e dovunque dalle circostanzestoriche del movimento; quindi non si d alcuna importanza particolare alle misurerivoluzionarie proposte alla fine della sezione seconda. Questo passo suonerebbe oggidiversamente sotto molti rapporti. Di fronte all'immenso progresso della grande industrianegli ultimi venticinque anni e all'organizzazione in partito della classe operaia che conquella progredita, di fronte alle esperienze pratiche della rivoluzione di febbraio prima, epoi ancora molto pi della Comune di Parigi, nella quale il proletariato ha tenuto per laprima volta il potere politico, per due mesi, questo programma oggi invecchiato in varipunti. La Comune ha, specialmente, fornito la prova che "la classe operaia non pusemplicemente prender possesso della macchina statale bell'e pronta e metterla in motoper i propri fini" (si veda la Guerra Civile in Francia, Indirizzo del consiglio generaledell'Associazione Internazionale degli operai, edizione tedesca, p. 19, dove questo concetto svolto pi ampiamente). Inoltre ovvio che pei giorni nostri la critica della letteraturasocialista presenta delle lacune, perch giunge soltanto fino al 1847; cos ovvio che leosservazioni sulla posizione dei comunisti rispetto ai vari partiti d'opposizione (capitoloIV), bench siano giuste anche oggi nelle linee generali, tuttavia sono ormai invecchiate neiparticolari, gi per la sola ragione che la situazione politica si trasformata totalmente, eperch lo svolgimento della storia ha fatto scomparire la maggior parte dei partiti ivielencati.

    Tuttavia, il Manifesto un documento storico, al quale non ci riconosciamo pi ildiritto di apporre modifiche. Un'ulteriore edizione uscir forse accompagnata daun'introduzione che colmi il distacco fra il 1847 e oggi; ma la presente ristampa ci giuntatroppo inaspettata per lasciarcene il tempo.

    Londra, 24 giugno 1872.

    Karl Marx - Friedrich Engels

    Prefazione all'edizione russa del1882

    La prima edizione russa del Manifesto del Partito Comunista, tradotto da Bakunin, uscpoco dopo il 1860 dalla tipografia del Kolokol. In quell'epoca un'edizione russa delManifesto aveva per l'Occidente tutt'al pi l'importanza di una curiosit letteraria. Ogginon pi. Quanto fosse angusta all'epoca della prima pubblicazione del Manifesto (gennaio1848) la cerchia di diffusione del movimento proletario, lo mostra nel modo pi chiarol'ultimo capitolo: Posizione dei comunisti rispetto ai vari partiti d'opposizione. Vi mancanosoprattutto la Russia e gli Stati Uniti. Erano i tempi in cui la Russia costituiva l'ultima

  • grande riserva della reazione europea e l'emigrazione negli Stati Uniti assorbiva le forze insoprannumero del proletariato europeo. Entrambi quei paesi rifornivano l'Europa dimaterie prime e servivano al tempo stesso di mercato per i suoi prodotti industriali. Cosentrambi, in un modo o nell'altro, apparivano come colonne dell'ordine sociale esistente inEuropa.

    Come tutto ci oggi mutato! Proprio l'immigrazione europea ha reso possibile ilcolossale sviluppo dell'agricoltura nordamericana, che con la sua concorrenza scuote lebasi della grande come della piccola propriet terriera in Europa. Essa ha dato inoltre agliStati Uniti la possibilit di intraprendere lo sfruttamento delle loro ricche risorseindustriali, e con tale energia e in cos vasta misura, che in breve tempo questo fatto porrfine al monopolio industriale dell'Europa occidentale. E queste due circostanze reagisconopoi anche sull'America in senso rivoluzionario. La piccola e media propriet fondiaria deifarmers, i quali coltivano essi stessi la loro terra, base di tutto l'ordinamento politicoamericano, soccombe sempre pi alla concorrenza delle fattorie gigantesche, mentre neidistretti industriali si forma, per la prima volta, un proletariato numeroso accanto a unafavolosa concentrazione dei capitali.

    Passiamo alla Russia. All'epoca della rivoluzione del 1848-49, non solo i monarchi, maanche i borghesi europei vedevano nell'intervento russo l'unica salvezza contro ilproletariato, che proprio allora incominciava ad aver coscienza delle proprie forze. Essiproclamarono lo zar capo della reazione europea. Oggi egli se ne sta a Gatcina, prigionierodi guerra della rivoluzione, e la Russia forma l'avanguardia del movimento rivoluzionarioin Europa.

    Compito del Manifesto comunista fu la proclamazione dell'inevitabile e imminentefine dell'odierna propriet borghese. Ma in Russia accanto all'ordinamento capitalistico,che febbrilmente si va sviluppando, e accanto alla propriet fondiaria borghese, che si staformando solo ora, troviamo oltre la met del suolo in propriet comune dei contadini.

    Si affaccia ora il problema: la comunit rurale russa, questa forma in gran parte gidisciolta, vero, della originaria propriet comune della terra, potr essa passaredirettamente a una pi alta forma comunistica di propriet terriera, o dovr essaattraversare prima lo stesso processo di dissoluzione che trova la sua espressione nellaevoluzione storica dell'occidente?

    La sola risposta oggi possibile questa: se la rivoluzione russa servir di segnale a unarivoluzione operaia in occidente, in modo che entrambe si completino, allora l'odiernapropriet comune russa potr servire di punto di partenza per una evoluzione comunista.

    Londra, 21 gennaio 1882.

    Karl Marx - Friedrich Engels

    Prefazione all'edizione tedesca del1883

  • Purtroppo debbo firmare io solo la prefazione della presente edizione. Marx, l'uomo alquale tutta la classe operaia d'Europa e d'America deve pi che a chiunque altro, Marxriposa nel cimitero di Highgate, e sulla sua tomba cresce gu la prima erba. Dopo la suamorte, non si pu pi pensare, meno che mai, a una rielaborazione o a un completamentodel Manifesto. Ritengo tanto pi necessario di stabilire esplicitamente ancora una voltaquanto segue.

    L'idea fondamentale che compenetra di s il Manifesto, che la produzione economica,e la struttura della societ che da essa necessariamente consegue, forma, in ogni epocadella storia, il fondamento della storia politica e intellettuale di tale epoca; che quindi(dopo il dissolversi della antichissima propriet del suolo da parte delle comunit) tutta lastoria stata storia di lotte fra le classi, lotte fra classi sfruttate e sfruttatrici, dominate edominanti, e in diversi stadi dell'evoluzione della societ; che per tale lotta ha raggiuntoora uno stadio nel quale la classe sfruttata e oppressa (il proletariato) non si pu piemancipare dalla classe che la sfrutta e l'opprime (la borghesia), se non liberando allostesso tempo per sempre tutta la societ dallo sfruttamento, dalla oppressione e dalle lottefra le classi - questa idea fondamentale appartiene esclusivamente a Marx [*1].

    Ho detto questo gi molte volte; ma proprio adesso necessario che sia premessoanche al Manifesto stesso.

    Londra, 28 giugno 1883.

    Friedrich Engels

    Note

    *1. Nella prefazione alla traduzione inglese, io dico: "A quest'idea, che a mio parere destinata aporre per la scienza storica il fondamento dello stesso progresso che per la scienza della natura fondato sulla teoria di Darwin, ci eravamo avvicinati a poco a poco entrambi, gi vari anni primadel 1845. Il mio libro La situazione della classe operaia in Inghilterra mostra fino a che puntoavessi proceduto indipendentemente in questa direzione. Ma quando rividi Marx a Bruxelles nellaprimavera del 1845, egli aveva elabor