Il Maquillage - Aspetti antropologici

  • View
    70

  • Download
    2

Embed Size (px)

Transcript

  • C per un altro dato universale che accomuna tutte le societ al di l della condivisione biologica: non esiste una cultura al mondo che accetti il corpo cos come ci viene donato da Madre natura. Nessuna societ che accetti di lasciare i capelli incolti, che non limiti la crescita delle unghie, che non applichi qualche sostanza sulla pelle. Il corpo viene disegnato, inciso, scolpito, amputato, modellato quasi luomo volesse sancire con queste operazioni il suo distacco dalla natura, marcarne la differenza, per spostarlo sul terreno della cultura. A differenza degli animali, specializzati e dotati di tutto ci che necessita a sopravvivere fin dalla nascita, luomo e il suo corpo sono carenti: cos come sono non funzionano. Bisogna pertanto adeguarlo, riempirne i vuoti strutturali con espedienti culturali. Incompleto nella sua versione originale, agli occhi degli uomini il corpo deve anche apparire imperfetto nella forma e nellaspetto, se vero che nessun gruppo lo mantiene intatto. Per questo le pratiche di disegno e modellamento del corpo sono diventate campo dindagine dellantropologia culturale, perch rappresentano una forma di scrittura che gli uomini vogliono imprimere, a tinte pi o meno forti, con segni pi o meno profondi, su loro stessi.

    Marco Aime Il primo libro di antropologia 2008 Nel pensiero indigeno [...] la decorazione il volto, o piuttosto lo crea. Solo essa gli conferisce il suo essere sociale, la sua dignit umana, il suo significato spirituale.

    Claude Lvi Strauss Antropologia strutturale 1958

  • lartista improvvisa sul vivo, senza modello, n abbozzo, n punto di riferimento; orna il labbro superiore con un motivo a forma darco che termina ai due estremi con spirali; poi divide il viso a met con un tratto verticale, tagliato a volte da linee orizzontali. La faccia divisa in quarti e in sezioni o anche in obliquo viene allora decorata liberamente di arabeschi che non tengono conto della posizione degli occhi, del naso, delle guance, della fronte e del mento, sviluppandosi come su un piano ininterrotto. Queste sapienti composizioni, asimmetriche pur restando equilibrate, incominciano da un punto qualunque e continuano fino alla fine senza esitazioni e interruzioni. Sono composizioni che si ispirano a motivi relativamente semplici, come spirali, esse, croci, losanghe, greche e volute, combinate in tal maniera che ogni opera possiede un carattere originale KaduweiMato GrossoBrasileillustrazioni da Guido Boggiani I Caduvei (Mbay o Guaicur). Viaggio d'un artista nell'America Meridionale 1895

  • Disgraziatamente non stato possibile n a me n ai miei successori penetrare la teoria ispiratrice di questa stilistica indigena: gli informatori azzardano qualche termine corrispondente ai motivi elementari, ma dicono di non sapere o di aver dimenticato quanto riguarda le composizioni pi complesse; pu essere infatti che agiscano in base a un comportamento empirico trasmesso di generazione in generazione, o che vogliano conservare il segreto sugli arcani di questa arte.Oggi i Caduvei si dipingono soltanto per essere pi piacenti; ma un tempo questuso aveva un significato pi profondo .. Non c alcun dubbio che la persistenza di quelluso fra le donne sia dettata oggi da considerazioni di carattere erotico. Quei contorni delicati e sottili, sensibili come le linee del viso, che ne sono sottolineate e nello stesso tempo nascoste, danno alla donna qualcosa di deliziosamente provocante. Questa chirurgia pittorica opera una specie di innesto dellarte sul corpo umano.

    Claude Lvi Strauss Tristi tropici 1955

  • MAGIAGeorge CatlinOttaway, un guerriero 1832 Ojibwe OntarioKakadu AustraliaPittura parietale Uomo medicina Nuba Africa centro - orientaleGuerriero Masai KeniaCacciatoriAborigeni Australia

  • STATUSScapolo e nubili WodaabeAfrica centro-occidentaleRagazzina Himba NamibiaGeisha Kyoto GiapponeFront man rock Seattle USA

  • CREATIVITABambini Surma Africa orientaleGeorge Catlin Ladookea 1830 Pawnee Nebraska

  • Scheletro I Shanidar Kurdistan, Iraq 25000 anni faPech-de-lAz Prigord, Francia 35000 anni faCueva de los Aviones Murcia, Spagna50000 anni faAdrie e Alfons Kennis Wilma, 2008Zambia Africa 35000 anni fa

  • Arene Candide Savona, Italia 25000 anni faQafzel IsraeleDolni Vestonice Repubblica Ceca 20000 anni fa

  • Cucuteni Romania V millennio a.C. Ain Ghazal Giordania VII VI millennio a.C.Bogebakken Danimarca VI V millennio a.C.

  • Ahrotiri Santorini, Grecia met del II millennio a.C.Amorgos Grecia seconda met del III millennio a.C.Festo Creta, Grecia prima met del II millennio a.C.Cnosso Creta, Grecia met del II millennio a.C.

  • Naqada Egittomet del IV milllennio a.C.Abydos EgittoIV millennio a.C.Hieracompolis Egittoseconda met del IV millennio a.C.

  • Deir el Bahri Tebe, Egittofine III millennio a.C.

  • Valle dei Re Tebe, Egitto 1540 a.C. circa

  • Ur Mesopotamia (Iraq)met del III millennio a.C.MariMesopotamia (Iraq)seconda met del III millennio a.C.

  • Locri prima met del V secolo a.C.Atene 490 a.C.Vulci 500 a.C.

  • Taranto460 450 a.C.Atene 420 - 410 a.C.Salonicco 380 a.C.

  • Pompeiseconda met del I secolo a.C.Treviri I secolo a.C.

  • Fayyum II secolo d.C..III secolo d.C..