CENTRO-PERIFERIA: andata e ... CENTRO-PERIFERIA: andata e ritorno - maggio 2014 Pagina !3! CENTRO-PERIFERIA:

  • View
    1

  • Download
    0

Embed Size (px)

Text of CENTRO-PERIFERIA: andata e ... CENTRO-PERIFERIA: andata e ritorno - maggio 2014 Pagina !3!...

  • !

    Edizione straordinaria !!
 numero unico a tiratura limitata - MAGGIO 2014"

    !

    !

    !

    “5 scuole per un Curricolo verticale di Rete”"

    I.C. VIA DELLE CARINE I.C. MARINO CENTRO "

    IC. E.Q.VISCONTI"

    I.C. MASTROIANNI I.C. LAPARELLI"

    !

    NEWSPAPER IN RETE

    CENTRO-PERIFERIA: andata e ritorno

  • Sommario ISTITUTO COMPRENSIVO “VIA F. LAPARELLI 60”

    !

    Scuola dell’infanzia all’opera!! 3 ..............................................................................

    C’era una volta il nostro quartiere 6 ...........................................................................

    Progetto: “Centro-periferia: 
 andata e ritorno” 10 ..............................................................................................

    Il parco degli acquedotti 13 ......................................................................................

    A Torpignattara…noi ragazzi nel tempo libero… 15 ...........................................................

    Villa de Santis?... 
 Ma sei sicuro? 17 ...................................................................................................

    Vivere il nostro parco 22 .........................................................................................

    Piccoli artisti della scuola primaria dell’IC “Via delle Carine” 28 .........................................

    Bike to school e Cicloofficina 31 ................................................................................

    Colle Oppio 33 ......................................................................................................

    Il luogo di ritrovo dei ragazzi 34 ................................................................................

    La piazzetta sopra alla metro 35 ................................................................................

    L'angolo del panino 36 ............................................................................................

    Intervista a Sabrina Alfonsi 37 ...................................................................................

    Noi, ragazzi del centro … 39 .....................................................................................

    Scuola media “Giuseppe Mazzini” 42 ...........................................................................

    Fumetti in libertà … 45 ...........................................................................................

    Conoscenza del territorio e dei pericoli connessi 50 .........................................................

    Il nostro bosco “Ferentano” 54 ..................................................................................

    Due articoli della Scuola Secondaria dell’IC Marino Centro 56 .............................................

    Il Teatro Golden 67 ......................................................................................

    La magia di Villa Celimontana 68 ...............................................................................

    Il ritrovo Re di Roma 70 ..........................................................................................

    Teatro dell’Opera: un sogno che si realizza 71 ...............................................................

    Scuola di danza Teatro dell’opera di Roma 72 ................................................................

    Una giornata al don Orione 74 ...................................................................................

    Villa Fiorelli: una villa per tutti 75 .............................................................................

    Villa Lazzaroni 79 ..................................................................................................

    Piazza della Rotonda, una piazza senza tempo 80 ...........................................................

    Un nuovo superbo centro di aggregazione nel cuore dell’Urbe 81 .........................................

    Un centro di aggregazione giovanile?…La nostra scuola. 83 ................................................

    Meno auto per un mondo a misura di ragazzi 87 ..............................................................

    Qua e la’ per Testaccio 89........................................................................................

    CENTRO-PERIFERIA: andata e ritorno - maggio 2014 Pagina !2

  • !

    Scuola dell’infanzia all’opera!! !

    !

    !

    CENTRO-PERIFERIA: andata e ritorno - maggio 2014 Pagina !3

  • !

    CENTRO-PERIFERIA: andata e ritorno - maggio 2014 Pagina !4

  • !

    !

    !

    CENTRO-PERIFERIA: andata e ritorno - maggio 2014 Pagina !5

  • !

    C’era una volta il nostro quartiere ! Tanto tempo fa lungo via Casilina era tutto verde, c’erano i carri che portavano le botti di vino dai Castelli e si fermavano ad una osteria per far riposare i cavalli. Là vicino, c’era una costruzione con delle pignatte inserite nel muro che veniva considerata un punto riferimento. Quando si vedeva la torre con le pignatte si era vicini all’osteria. La torre delle pignatte era, in realtà, il mausoleo dedicato a Sant’Elena. Fu fatto costruire intorno al IV sec. d.C . dall’imperatore Costantino perché fosse la sua tomba, ma quando sua madre morì improvvisamente, la fece dedicare a lei. Fu chiamato Mausoleo di Sant’Elena dal nome della madre dell’imperatore. Il mausoleo era foderato di marmi pregiati, che poi furono trafugati. Nella volta erano murate delle pignatte, per rendere più leggera l’arcata. Con il tempo, le pignatte cominciarono a vedersi, per questo la chiamarono “Torre delle pignatte” e diede il nome al quartiere di Tor Pignattara. Nella Torre delle Pignatte fu costruita una piccola chiesa per i pastori e i contadini della campagna circostante. Il Mausoleo si trova attualmente vicino a Villa De Sanctis, a fianco alla chiesa dei Santi Marcellino e Pietro. Questa fu costruita nel 1922 perché, quando il quartiere cominciò a svilupparsi, e nuovi abitanti vennero dal Sud e dalla Ciociaria, la zona divenne molto popolata e la piccola chiesa nel mausoleo non bastò più. !

    Sotto il Mausoleo ci sono le catacombe dei Santi Marcellino e Pietro, due santi cristiani perseguitati e uccisi dagli antichi romani.

    !! Via Casilina nel 1916. A sinistra si vede una carrozzella che forse portava il vino dai castelli

    !! Il Mausoleo di Sant’Elena con la chiesetta all’interno

    CENTRO-PERIFERIA: andata e ritorno - maggio 2014 Pagina !6

  • !! Non lontano dalla torre delle pignatte, si poteva avvistare un altro importante monumento dell’antica Roma che è rimasto fino ad oggi: l’Acquedotto Alessandrino. L’Acquedotto risale al III sec. d. C. Si estendeva da Pantano Borghese a Porta Maggiore, per 22 chilometri. Come tutti gli acquedotti degli antichi romani, doveva avere una pendenza per far scorrere l’acqua fino al centro della città , per questo, gli archi diventano sempre più bassi, fino ad interrarsi subito dopo Tor Pignattara. Questo acquedotto è rimasto in funzione per più di mille anni. Oggi diversi pezzi sono andati distrutti. Per molto tempo, fino a circa quarant’anni fa, attaccate all’Acquedotto ci sono state delle baracche, dove abitavano le persone più povere. Le case erano state costruite lì per sfruttare il muro dell’acquedotto ed avere, così, un saldo appoggio e meno pareti da costruire. Quando furono buttate giù le baracche, al loro posto è stata costruita una piazza ed è stato lasciato uno spazio di verde pubblico, il Parco Sangalli, con dei giochi per i bambini. Il Comune, però, non si occupa molto di questo spazio e lo lascia sporco, per questo spesso lo vanno a pulire le nostre mamme, insieme al Comitato di quartiere. !!

    ! ! In passato, la vita quotidiana era diversa da quella di oggi. Le persone si conoscevano di più, spesso lasciavano la porta aperta, c’era più amicizia. C’era molto verde dove i bambini potevano giocare. Le macchine erano poche e i bambini potevano andare a scuola da soli, a volte accompagnavano anche i più piccoli. I palazzi erano più bassi, erano di uno o due piani. A via di Tor Pignattara c’era il mercato, con molte bancarelle che arrivavano fino a via Rovetti. Queste erano fatte di legno, avevano le ruote e si portavano via come dei carretti.

    ! Acquedotto Alessandrino con le baracche

    !!

    ! Acquedotto Alessandrino oggi

    CENTRO-PERIFERIA: andata e ritorno - maggio 2014 Pagina !7

  • Il mercato di via di Tor Pignattara ! Lungo via Casilina, il trenino che va verso Centocelle aveva uno solo binario. Al ritorno, all’altezza di via Francesco Baracca, entrava nel quartiere girando intorno ad una fossa che, quando pioveva, si riempiva d’acqua e dove giocavano i bambini. Il punto in cui il trenino girava intorno al laghetto si chiamava “giro dell’anello”. Oggi c’è ancora una trattoria che si chiama così. !

    ! Le strade del quartiere, però, erano molto strette e spesso si verificavano incidenti. Il trenino passava, poi, davanti ad un bar molto famoso: il bar di Bruciaferri. Questo bar era aperto dalle 4.00 di mattina alle 2.00 di notte. Era molto faticoso lavorare lì perché venivano tanti clienti, sia di giorno che di notte. Per proteggere dal treno i clienti che entravano e uscivano dal bar, davanti a Bruciaferri furono messe delle transenne. Il bar di Bruciafe