Vittorio Amedeo Alfieri

  • View
    34

  • Download
    0

Embed Size (px)

DESCRIPTION

Vittorio Amedeo Alfieri. 17 Gennaio 1749 8 Ottobre 1803. La vita Linfanzia. Vittorio Amedeo Alfieri , nacque il 17 Gennaio 1749 ad Asti, in Piemonte, dal matrimonio del conte di Cortemilia Antonio Amedeo Alfieri e della savoiarda Monica Maillard de Tournon . - PowerPoint PPT Presentation

Transcript

  • 17 Gennaio 1749 8 Ottobre 1803

  • La vitaLinfanziaVittorio Amedeo Alfieri, nacque il 17 Gennaio 1749 ad Asti, in Piemonte, dal matrimonio del conte di Cortemilia Antonio Amedeo Alfieri e della savoiarda Monica Maillard de Tournon.Era di madrelingua piemontese e, curiosamente, conosceva anche il francese e litaliano, che impar successivamente.Il padre mor quando lui aveva un anno, e la madre si rispos nel 1750 con il cavaliere Carlo Giacinto Alfieri di Magliano.

  • Nel 1758 fu iscritto allAccademia Reale di Torino per volere dello zio Pellegrino Alfieri, governatore di Cuneo e vicer della Sardegna.AllAccademia studi grammatica, retorica, filosofia e legge e venne a contatto con molti studenti stranieri e i loro racconti, che gli fecero sviluppare la passione per i viaggi.Nel 1766 lasci lAccademia, dopo la morte dello zio, non terminando gli studi e arruolandosi nellEsercito.Divenne portinsegna nel reggimento provinciale di Asti e rimase arruolato fino al 1774, congedandosi al grado di luogotenente.La vitaGli studi e la formazione

  • ViennaTorinoRoma

  • La vitaI viaggiTra il 1766 e il 1772 fece molti viaggi in Europa. Visit l'Italia da Milano a Napoli, sostando poi a Firenze e a Roma.Nel 1767 giunse a Parigi dove conobbe Luigi XV.A Gennaio del 1768, deluso dalla citt, giunse a Londra, e dopo un lungo giro nelle provincie inglesi, si spost verso l'Olanda. A l'Aia visse il suo primo amore con Cristina, moglie del barone Imhof.Per evitare uno scandalo, fu costretto a separarsene e tent il suicidio; tra l'altro fallito grazie all'intervento di Elia, il suo fidato servo, che lo seguiva in tutti i suoi viaggi.Rientr a Torino, dove alloggi in casa di sua sorella Giulia.Vi rimase fino a vent'anni, quando, entrando in possesso della sua eredit, decise di lasciare nuovamente l'Italia.

  • Tra il1769e il1772, in compagnia del fidato Elia, comp il secondo viaggio in Europa.Partendo daVienna, pass poi perBerlino, incontrando con fastidio e rabbiaFederico II.Visit laSveziae laFinlandia, giungendo inRussia, dove non volle essere presentato aCaterina II, avendo sviluppato una profonda avversione nei confronti del dispotismo.Raggiunse Londra e, nell'inverno del1771, conobbe Penelope Pitt, moglie del visconteEdward Ligonier, con la quale instaur una relazione amorosa.Il visconte, scoperta la tresca, sfid a duello l'Alfieri.Tutto ci fu considerato uno scandalo, e in seguito fu costretto a lasciare la donna e la terra d'Albione.Riprese cos il suo girovagare, prima inOlanda, poi inFrancia,Spagnae infinePortogallo, dove aLisbonaincontr l'abate Valperga diCaluso, che lo spron a proseguire la sua carriera letteraria. Nel1772cominci il viaggio di ritorno.

  • Nel1773 Alfieri torn nel capoluogo piemontese e si dedic allo studio della letteratura. Prese una casa a Torino, dove ritrov i suoi vecchi compagni di Accademia militare e di giovent, con cui istitu una piccola societ che si riuniva settimanalmente a casa sua per banchettare e ragionare su ogni cosa, chiamata "Societ des Sansguignon". In questo periodo scrisse cose miste di filosofia e d'impertinenza, per la maggior parte inlingua francese, tra cui l'Esquisse de Jugement Universl, ispirato agli scritti diVoltaire.

  • Ebbe una relazione con la marchesa Gabriella Falletti di Villafalletto, moglie diGiovanni Antonio Turinetti,marchese diPriero. Tra il1774e il1775 port a compimento la tragediaAntonio e Cleopatra, rappresentata nello stesso anno, con molto successo aPalazzo Carignano.Nel1775lasci la marchesa Falletti, e studi e perfezion la sua grammatica italiana riscrivendo le tragedie FilippoePolinice, che in una prima stesura erano state scritte in francese.Nell'aprile dell'anno seguente si rec aPisa e Firenzeper il primo dei suoi "viaggi letterari", dove inizi la stesura dellAntigonee delDon Garzia. Torn in Toscana nel1777, dove conobbe quello che sarebbe diventato uno dei suoi pi grandi amici, il mercanteFrancesco Gori Gandellini. Egli influenz notevolmente le scelte letterarie dell'Alfieri, convincendolo ad accostarsi alle opere diNiccol Macchiavelli. Da queste nuove ispirazioni nacqueroLa congiura dePazzi, il trattatoDella Tirannide, lAgamennone, lOrestee laVirginia.

  • Nell'ottobre del1777, mentre terminava la stesura diVirginia, Alfieri conobbe la donna della sua vita:Luisa di Stolberg-Gedern, contessa d'Albany, moglie diCarlo Edoardo Stuart,pretendente del trono dInghilterra. Nello stesso periodo si dedic alle opere di Virgilioe termin il trattatoDel Principe e delle letteree il poema in ottaveL'Etruria vendicata.Nel1780, la contessa d'Albany riusc ad abbandonare il marito, rifugiandosi a Romapresso il convento delleOrsoline, con l'aiuto di suo cognato,Enrico Benedetto Stuart, cardinale e duca diYork.

  • Successivamente Alfieri raggiunse la contessa a Roma, recandosi poi a Napoli, dove termin la stesura dellOttavia,ed ebbe modo di iscriversi alla loggia massonica della"Vittoria".Torn a Roma stabilendosi aVilla Strozzipresso leTerme di Diocleziano, con la contessa d'Albany, che nel frattempo ottenne una dispensa papale, permettendole di lasciare il monastero. Nei due anni successivi di soggiorno romano lo scrittore port a compimento le tragedieMerope e Saul.

  • Nel1783, Alfieri fu accolto allAccademia dellArcadia col nome diFilacrio Eratrastico, e nello stesso anno termin anche lAbele. Tra il1783-1785 pubblic in tre volumi, la prima edizione delle sue tragedie stampate dai tipografi senesi Pazzini e Carli. Questo periodo per fu interrotto dal cardinale di York, il quale, scoprendo la relazione dello scrittore con la cognata, gli ordin di abbandonare Roma.Nell'aprile del1784, lacontessa dAlbany, per intercessione diGustavo III di Svezia, ottenne il divorzio dal marito e il permesso di lasciare Roma e si ricongiunse all'Alfieri ad agosto, nel castello di Martinsbourg aColmar, in segreto, per salvare le apparenze e la pensione della contessa. AColmar, Alfieri scrisse lAgide, laSofonisba e la Mirra.Nel1785port a termine le tragedieBruto primo e Bruto secondo. Nel dicembre del1786, Alfieri e Luisa si trasferirono aParigi acquistando due case separate; in questo periodo furono ripubblicate le sue tragedie per opera del famoso stampatoreDidot.

  • Nel1789, Alfieri e la sua compagna furono testimoni oculari deimoti rivoluzionari di Parigi. Gli avvenimenti in un primo tempo fecero comporre al poeta l'odeA Parigi sbastigliato, ma in un secondo momento, dato lodio per la Francia e gli esiti tragici della rivoluzione gli dettarono una satira feroce, il Misogallo, mista in prosa e in versi contro chi aveva rinnegato gli ideali illuministici. Lultima opera a cui si dedic fu la Vita, unautobiografia romanzata in cui si analizza con ironia e lucidit, mettendo in evidenza molti dei suoi difetti, ma dando anche risalto a doti come il coraggio, la lealt e la forza di volont; la prima stesura della Vita risale al 1790, ma lopera fu completata solo pochi mesi prima della morte.

  • Tra il1801e il1802, compose sei commedie: - Luno; - I troppi; - I pochi; - Lantidoto. - La finestrina; - Il divorzio.

    Mor a Firenze l8 ottobre 1803all'et di 54 anni, probabilmente a causa di una malattia cardiovascolare, e venne sepolto nellabasilica di Santa Croce. In sua memoria rimane lo splendido monumento funebre diAntonio Canova.Argomento politicoSfondo sociale

  • 1774Scrive la prima tragedia, Antonio e Cleopatra17751776-7717781779-811782-831784-87Inizia la produzione vera e propria con Filippo e Polinice Compone Antigone, Agamennone, Oreste e VirginiaCompone La congiura de Pazzi, Don Garzia e Maria StuardaCompone Rosmunda, Ottavia e TimoleoneCompone Saul e MeropeCompone le ultime cinque tragedie Agide, Sofonisba, Mirra, Bruto I, Bruto II

  • TramelogediaTraduzioniAutobiografiaLettere

  • La fama delle sue tragedie legata alla centralit del rapporto libert-potere e all'affermazione dell'individuo sulla tirannia. La tematica viene arricchita da una profonda riflessione sulla vita umana, in maggior modo quando il poeta si sofferma sui sentimenti pi intimi e sulla societ che lo circonda. Le sue tragedie furono rappresentate quando era ancora in vita ed ebbero un notevole successo nel periodo giacobino.Le tragedie pi rappresentate nel triennio giacobino furono laVirginiaed i dueBruti. Il 22 settembre del 1796 a Milano, al Teatro Patriottico, Napoleoneassist ad una replica dellaVirginia.

    Il Bruto primo fu replicato anche allaScalaed aVenezia, mentre aBolognavennero rappresentate tra il1796e il1798ben quattro tragedie (Bruto II,Saul,Virginia,Antigone)..Le tragedie sono in tutto 22, compresa laCleopatra. L'Alfieri le scrive in endecasillabi sciolti, seguendo il concetto di unitaristotelica. Tra le pi importanti ricordiamo:SAUL- 1782FILIPPO 1781, ma pubblicata nel 1783.MIRRA 1789 (tragedia greca).

  • E' una tragediain endecasillabi sciolti strutturata in cinque atti. La vicenda, tratta dallaBibbia, incentrata sulle ultime ore di re Saul nellaccampamento militare di Gelbo durante la guerra contro i Filistei.Ideata e composta nel 1782, il poetaastigiano, dedic la tragedia allamicoTommaso Valperga diCaluso, docente di greco e di lingue orientali.

  • Saul, un coraggioso guerriero, fu incoronato re diIsraelesu richiesta del popolo e consacrato dal sacerdote Samuele, che lo unse in nome diDio.Col tempo, per, Saul si allontan da Dio compiendo diversi atti di crudelt.Allora Samuele, su ordine del Signore, consacr re un umile pastore:David. Questultimo fu chiamato alla corte di Saul per placare con il suo canto lanimo del re, e l riusc ad ottenere lamicizia di Gionata, figlio del re, e la mano della giovane figlia di Saul, Micol.David per provava una forte gelosia verso il re, che vide in lui un usurpatore. Cos venne perseguitato da Saul e costretto a rifugiarsi in terre dei filistei e per que