Click here to load reader

LAFAYETTE PARK 1.2

  • View
    249

  • Download
    2

Embed Size (px)

DESCRIPTION

Riassunto dello studio del progetto di Hilberseimer e Mies van der Rohe

Text of LAFAYETTE PARK 1.2

  • LAFAYETTE PARKDETROIT

    Linsediamento di Lafayette Park a Detroit (1955-1960) frutto del lavoro comune, nel pieno della maturit, di Ludwig Hilberseimer eLudwig Mies van der Rohe. Al progetto parteciparono anche Alfred Caldwell, architetto paesaggista allievo dei due maestri e, comeparte attiva determinante, Herbert Greenwald, giovane intellettuale molto vicino a Mies e principale promotore del progetto. A causadella scomparsa di Greenwald avvenuta in un incidente aereo nel 1959, la realizzazione dellintervento, originariamente costituito dadue parti, venne limitato al solo settore residenziale ovest che, con il parco di grande dimensione (largo una novantina di metri elungo circa un chilometro), costituisce un insieme sufficientemente chiaro per poter comprendere i caratteri generali del progetto elidea di citt alla quale fa riferimento. Si tratta di una forte idea urbana che prevede un genere di vita a mezza strada tra la citt e lacampagna dove lartificio, geometricamente definito nella sua ferrea precisione, si colloca nella natura secondo rapporti armonici edove alla perfezione della natura corrisponde quella inseguita nellartificio, luna e laltro composti in un quadro organico dicorrispondenze; si tratta, inoltre, di una con- dizione residenziale adatta a quelle fasce di abitanti che, per problemi diversi, sceglieva(e tuttora sceglie) di stabilirsi nelle parti esterne del- la citt (e oggi anche oltre) inseguendo unidea che il successo della cittgiardino, nelle diverse edizioni messe a punto nel tempo, aveva in parte sancito come ideale di vita. Il progetto riguardava una vastaarea centraledi Detroit occupata fino ai primi anni 50 da uno slum edificato su una griglia di isolati rettangolari allungati (secondo ildisegno consue- to delle citt americane) disposti nord/ovest - sud/est e prossima a un complesso sistema di strade di scorrimentoveloce realizzato nel primo dopoguerra nel tentativo di organizzare un traffico sempre crescente.

    Un aspetto del tutto inedito nel progetto di Lafayette Park era rappresentato dalla struttura mista e fortemente differenziata delletipologie edilizie, comprese in una struttura formale sal damente geometrica nella quale il disegno preciso degli edifici e la massicciaconformazione delle case alte conferiscono allinsieme un carattere di particolare rilevanza urbana; si tratta di un sistema complessoche vede tipi di abitazione differenti destinati alle diverse necessit residenziali secondo una visione ragio nevolmente varia dellepossibili esigenze abitative: le case basse con patio e le case a schira sono poste direttamente a contatto con la na tura e dedicateprevalentemente alle famiglie con figli, mentre le case alte ad appartamenti sono destinate a chi ha esigenze diverse. Il progettodelle parti residenziali, ordinato su un sistema alternato di strade di penetrazione a cul de sacposte secondo la griglia esistente, neassume la misura e il passo urbano, instaurando in questo modo un riconoscibile rappor to con Detroit, probabilmente lunicopossibile in termini di continuit urbana12; i diversi tipi di edifici residenziali, disposti allinterno di isolati di grandi dimensioni13,configurano siste- mi complessi di corti aperte attraversate da strade carrabili che, come le aree di parcheggio, sono poste a unlivello pi basso cos da eliminare in buona parte le automobili dalla vista.14 La vasta estensione a parco, inoltre, collega le diverseparti dellinsediamento e si pone nellorganizzazione generale e nelluso come lele- mento collettivo per eccellenza; esso costituisceil principale luogo collettivo nonch la se- de delle attivit comuni e degli edifici di interesse pubblico, in primo luogo le scuole, allequali vengono attribuiti i caratteri necessari per poter ospitare le attivit sociali della comunit. In diretta connessione con il parco,inoltre, il piano originale prevedeva una struttura commerciale, un centro di ritrovo, una piscina e alcune costruzioni per attivitricreative. Lorganizzazione di Lafayette Park ordinava in modo didascalico i principi messi a punto dal la ricerca di Hilberseimer: 1.costruzione della citt attraverso limpiego di tipi misti (unicamente edifici alti e bassi), 2. eliminazione del traffico automobilistico diattraversamento e sua riduzione allinterno dellinsediamento15, 3. estesa presenza di spazi naturali, 4. ac cesso pedonale a parchi,scuole e strutture col lettive senza dover attraversare strade; 5. atten zione allorientamento degli edifici e alle om bre portate daicorpi alti sulle altre abitazioni.

  • LafayettePark

    TOWNCENTRE

    LAFAYETTEPARK

    TOWNCENTRE

    PRINCIPALI PARCHI PUBBLICI - Centro Detroit

    DETROIT VERDE

    STRADE PRINCIPALI

    Il parco nella citt la citt nel parco Lafayette Park

  • AA

    A

    A

    A

    A

    BB

    B

    B

    B

    BB

    B

    B B

    BBB

    BB

    B B

    B B

    B

    B

    B

    B B

    B

    B

    B

    B

    B

    C

    C

    C

    C

    C

    C

    C

    C

    D

    D

    E

    G

    H

    LAFAYETTE PARKPiano finale, 1956.

    A EDIFICI A 21 PIANI PER APPARTAMENTIB CASE A SCHIERA A DUE PIANIC CASE A SCHIERA AD UN PIANOD STRUTTURE PER PARCHEGGIE CENTRO COMMERCIALEF PARCO PUBBLICOG SCUOLA PUBBLICAH CLUB HOUSE E PISCINA

    F

    Sez A Sez B

    Sez C

    Sez D

  • 20 m

    SEZIONIGENERALI

    A B C D

  • ANALISI ISOLATO TIPO

    P

    P

    S02

    S01

    SEZIONE 01

    SEZIONE 02

    PARTICOLARE SEZIONE 01

    PARTICOLARE SEZIONE 02

    3 m

    3 m

  • ZOONIZZAZIONE

    Residenziale alto

    Residenziale basso

    Commerciale

  • LAFAYETTE PARK: RAPPORTO FRA NATURA E ARCHITETTURA

    IL VERDE PUBBLICONELL'INSEDIAMENTO

    Al Lafayette Park Mies sviluppa un concetto di sviluppo misto in cui la diversificazione fra edifici alti ebassi ricondotta al soddisfacimento dei desideri e delle esigenze degli individui, distinti fra loro chehanno piacere di abitare a contatto con la natura con il suolo e fra coloro che "amano vivere sopra, nelcielo". Ci che rende spettacolare la zona del grande parco e della rete di sentieri per le passeggiate diLafayette Park sono gli alberi che, cresciuti dopo oltre 5 anni dal loro impianto conferiscono al quartiereil senso di una serie di ville in un parco. Con l'apporto di Alfred Caldwell la vegetazione impiantatadetermina ancora adesso un importante composizione per l'affaccio degli edifici.Concezione della natura come dimora dell'uomo, al pari degli antichi greci e non come campo del suodominio secondo la concezione fatta propria dalla scienza moderna: la natura cos definita in relazioneall'uomo, egli non pu domarla ma solo svelarla.

  • IL VERDE NELLINSEDIAMENTOVerde pubblico

    Verde privato

    OSSERVAZIONI: non c differenza tangibile tra il verde pubblico e quello privato; proprio come voleva Mies gli edifici sono immersi nel parco e non vi mai un disturbo della continuit del verde. Solo per gli edifici su un unico livello prevista una barriera architettonica che separa nettamente il suolo pubblico da quello privato.

    s

    Percorsi pedonali

    OSSERVAZIONI: I percorsi pedonali coprono lintera area; i bambini possono raggiungere la scuola senza mai dover incrociare strade.

    (S) scuola pubblica

  • IL RAPPORTO con il PARCOarea

    verde

    priv

    ata

    recinto

    Area ve

    rde privata

    basa

    men

    to

    Tipologia livello unico Case a schiera

    Rap

    porto

    sem

    i-dire

    tto con

    verde

    . Labitazion

    e se

    parata dal parco

    tram

    ite il re

    cinto, che

    sep

    ara pu

    bblico e privato, e il bas

    amen

    to, c

    he sop

    raelev

    a la

    bitazion

    e da

    l livello stra

    dale e che

    con

    tiene

    il giardino dingres

    so, a

    nches

    so priv

    ato.

    Rap

    porto

    dire

    tto con

    il parco

    . Ledific

    io im

    merso

    nel verde

    , e le

    vetrate a tu

    tta alte

    zza pe

    rmettono

    al p

    arco

    di pe

    netra

    re a

    llinterno de

    llab

    itazion

    e stes

    sa.

    Non

    vi s

    ono lim

    iti tridim

    ension

    ali c

    he sep

    aran

    o lo spa

    zio pu

    bblico da

    que

    llo priv

    ato; si v

    ive a pien

    o qu

    indi il parco

    nella sua

    totalit e om

    ogen

    eit.

    Nella te

    rza tip

    olog

    ia re

    side

    nziale, g

    li ed

    ifici a to

    rre, il ra

    pporto con

    il parco

    in

    diretto

    . Lo si ved

    e, lo

    si p

    erce

    pisc

    e da

    llab

    itazion

    e, m

    a no

    n lo si v

    ive co

    me

    nelle

    due

    prece

    denti. Mies ve

    deva

    lab

    itare nel parco

    com

    e qu

    alco

    sa di intim

    o, pi vicino allo stile di vita

    della fa

    miglia

    , rispe

    tto al c

    inismo de

    l lav

    oratore

  • PARCHEGGILAFAYETTE

    Posti auto edifici a 21 livelli

    Posti auto edifici a 2 livelli

    Posti auto aree commercili

    Posti auto parco

    Posti auto edifici a un livello

  • IMPIANTO STRADALE

    Impianto StradaleProgetto finale

    Concept

    Impianto stradale antecedente Impianto stradale di progetto su impianto stradale

  • TIPOLOGIE EDILIZIE RESIDENZIALILAFAYETTE PARK

    EDIFICI SU UN LIVELLO

    1m

    Giardinoprivato

    PostoautoAbitazione per famiglie.

    La pianta delledificio si sviluppa in un unico livello. Particolari sono la presenza del basament