Patologie Nervi Cranici Patologia malformativa (Agenesie) Patologia tumorale (Neurinomi o Schwannomi) Patologia infiammatoria (Neurite) Patologia compressiva

  • Published on
    02-May-2015

  • View
    232

  • Download
    8

Embed Size (px)

Transcript

  • Slide 1
  • Patologie Nervi Cranici Patologia malformativa (Agenesie) Patologia tumorale (Neurinomi o Schwannomi) Patologia infiammatoria (Neurite) Patologia compressiva (Conflitti neurovascolari) 10
  • Slide 2
  • Patologie Nervi Cranici Patologia malformativa (Agenesie) Lab.Memb.normaleLab.Memb.patologico 9
  • Slide 3
  • Patologie Nervi Cranici Patologia tumorale (Neurinomi o Schwannomi) Pat.Tum. 7-8 nc Pat.Tum. 12nc 8
  • Slide 4
  • Patologie Nervi Cranici Patologia infiammatoria (Neurite) SM NEURITE ERPEX 7
  • Slide 5
  • Patologie Nervi Cranici Patologia compressiva (Conflitti neurovascolari) 6
  • Slide 6
  • Imaging per lo studio nervi cranici Radiologia tradizionale o convenzionale Tomografia Computerizzata (TC CT-CTMS) Risonanza Magnetica (RM-MR-MRI-IMR) Angiografia Digitale ( DSA) 5
  • Slide 7
  • Imaging per lo studio nervi cranici Radiologia tradizionale o convenzionale INDICAZIONI : segni indiretti (erosioni-dilatazioni) 4
  • Slide 8
  • Imaging per lo studio nervi cranici Tomografia Computerizzata (TC CT-CTMS) INDICAZIONI : dettaglio osseo (fratture-malformazioni ossee OM) FRATTURA OTOSCLEROSI 3
  • Slide 9
  • Imaging per lo studio nervi cranici Risonanza Magnetica (RM-MR-MRI-IMR) INDICAZIONI : pat.malformative,tumorali,CNV SCHWANNOMA CNV Malformazione 2
  • Slide 10
  • Imaging per lo studio nervi cranici Angiografia Digitale ( DSA) INDICAZIONI : embolizzazione tumori Tumore glomico Pre-embolizzazionePost-embolizzazione 1
  • Slide 11
  • BOBINA A POLARIZZAZIONE CIRCOLARE ENCEFALO ROCCHE PETROSE ORBITE NERVI CRANICI IPOFISI Studio MR nervi cranici 12
  • Slide 12
  • Tecniche di studio nervi cranici MR Regole di massima Si inizia sempre con una serie di immagini assiali su tutto lencefalo parallele alla linea bi-commissurale o bi-callosa e su piani sagittali a spessore sottile parallele alla linea mediana Le pesature variano a seconda del protocollo tecnico del centro in cui si lavora 11
  • Slide 13
  • Regole di massima Se si devono studiare i nervi cranici che originano dal tronco cerebrale, utilizzare, sul piano assiale il piano perpendicolare al pavimento del 4 ventricolo Tecniche di studio nervi cranici MR 10
  • Slide 14
  • Regole di massima Con questo orientamento, unitamente a slices di spessore sottile, meglio se sequenze Isotropiche, si riescono a riconoscere nel dettaglio tutti i nervi cranici Tecniche di studio nervi cranici MR 9
  • Slide 15
  • Regole di massima Le sequenze pi utilizzate Spin echo o TSE T1 e T2 per lo studio basale TSE T2 o GE T2 (fisp CISS-FIESTA-COCLEA) (sequenze volumetrice isotropiche Post m.d.c. Sequenze T1 pesate a strato sottile, meglio se isotropiche (VIBE.THRIVE..) Tecniche di studio nervi cranici MR 8
  • Slide 16
  • Parametri sequenze Gradient Echo Spin Echo 7
  • Slide 17
  • Parametri sequenze sequenze 3D T2 3D Turbo Spin Echo T2 (DRIVE-Coclea ect) 3D Gradient Echo (CISS-FIESTA ect..) TR:6,25 msec TE: 2,8 msec FA: 70 Tk: 0,6 mm TA: 4 ca TR:1400 msec TE: 220 msec FA: 150 Echo Train: 540 Turbo Factor: 440 Tk: 0,6 mm TA: 4 ca 6
  • Slide 18
  • Parametri sequenze sequenze 3D T1 3D Gradient Echo T1 post Gadolinio T1 SpIR MDC (VIBE,THRIVE ect..) T1 MDC (MPRAGE ect..) TR:9 msec TE: 2,8 msec FA: 10 Tk: 1 mm TA: 4 ca TR:12 msec TE: 25 msec FA: 25 Tk: 1 mm TA: 4 ca 5
  • Slide 19
  • Sequenzeil problema degli acronimi 4
  • Slide 20
  • 3
  • Slide 21
  • 2
  • Slide 22
  • VOXEL ISOTROPICOVOXEL ANISOTROPICO Vantaggi: Identica risoluzione spaziale nelle ricostruzioni post-processing (MPR) Svantaggi: Tempi pi lunghi di acquisizione Perch scegliere sequenze isotropiche 1