Venezia con le ÖBB

Embed Size (px)

Text of Venezia con le ÖBB

  • BENVENUTI

    1

  • CONTENUTO

    1! BENVENUTI

    2! ARRIVO

    3! I SESTIERI DI VENEZIA

    4! MUSEI

    5! MURANO

    6! BURANO

    7! CARNEVALE

    8! NOTE STORICHE

    9! TRANSPORTO LOCALE

    10! INFORMAZIONI DI VIAGGIO

    11 ! IMPRESSUM

    2

  • I SEGRETI DELLA SERENISSIMA

    Per me, visitare Venezia ogni volta una nuova scoperta. Passo dopo passo imparo a conoscere questa citt sempre pi a fondo, e lentamente sco-pro nuovi segreti della Serenissima.

    Tradizionalmente, il giorno del mio arrivo prendo un cappuccino da 'Florian' oppure da 'Quadri' in Piazza San Marco. Senza badare al prezzo esorbitante, un caff costa tra 9 e 11 euro, una sensazione in-descrivibile sedersi ad osservare la vita quotidiana in Piazza San Marco.

    Venezia o si ama, allora si ritorna in ogni caso, oppu-re si potrebbe amare, se solo si conoscesse meglio. Questo cambier, se questo ebook adempier al suo scopo e riveler i segreti della laguna di Venezia.

    Nel mio ebook voglio illustrarvi un po' la citt di Vene-zia. Ci sono ad esempio i sestieri, quelle parti della citt, che furono create secoli fa dall'amministrazione e che suddividono Venezia in sei quartieri. Milioni di visitatori si riversano ogni anno per i musei della citt,

    che sono famosi in tutto il mondo. Ci sono per an-che luoghi impressionanti, che non sono ancora stati scoperti dai turisti.

    Con il vaporetto si raggiungono Murano e Burano. Si nota fin da subito che Murano ha molto pi da offrire, che non 'solo' l'isola del vetro. Burano ospita addi-rittura un vigneto ed l'oasi tranquilla della laguna.

    Venezia una meta di viaggio fantastica in ogni stagi-one. Il BB Intercitybus, con il suo collegamento di-retto da Klagenfurt, apre alla possibilit di una vacan-za giornaliera per i turisti della Carinzia. Da Vienna il modo pi comodo per arrivare il treno notturno. Mi impressiona il fatto che si scenda dal treno diretta-mente sul Canal Grande.

    Questo ebook nato in collaborazione con le Ferro-vie dello stato austriaco (BB), Enit e le organizzazio-ni turistiche veneziane, ACTV e la Fondazione Musei Civici di Venezia.

    3

    Rudolf J. StrutzAutore & Fotografo

  • ARRIVO

    2

  • ARRIVARE A VENEZIA DORMENDOIl BB Nightjet trasporta i viaggiatori in maniera sicura, confortevole e soprattutto senza stress a Venezia. Non importa se si viaggia per lavoro o per piacere, con il treno non si viaggia solo pi comodi, ma anche molto pi ecologico.

    Venezia collegata direttamente con il Nightjet da Vienna, ma ci so-no anche altre connessioni dirette interessanti durante il giorno con il BB City Bus e il EC da Vienna.

    Altri collegamenti BB Nightjet da e verso l'Italia sono presentati nel capitolo 10 'Informazioni di viaggio'

    5

  • Treni notturni BB Nightjet, che viaggiano da e verso Venezia.

    6

    VENEZIA

  • Venedig - Linz - Wien

    EN 237 EN 23621:28 q Wien Hauptbahnhof 07:55

    21:36 Wien Meidling 07:46

    22:03 St. Plten Hbf 07:13

    22:30 Amstetten 06:42

    23:00 Linz/Donau Hbf 06:01

    23:17 Wels Hbf 05:43

    23:35 Attnang-Puchheim 05:25

    00:22 an Salzburg Hbf ab 04:38

    04:45 Villach Hbf 00:42

    06:23 Udine 22:47

    06:58 Pordenone 22:17

    07:22 Conegliano 21:56

    07:46 Treviso Centrale 21:36

    08:12 Venezia Mestre 21:09

    08:24 Venezia Santa Lucia p 20:57

    7

    VENEZIA

  • I SESTIERI DI VENEZIA 3

  • Cannaregio

    Castello

    Dorsoduro

    San Marco

    San Polo

    Santa Croce

    I SESTIERI DI VENEZIAI quartieri nel centro storico di Venezia vengono chiamati sestieri. La citt suddivisa in sei parti. La parola sestiere deriva da 'sesto'.

    I sestieri alla sinistra del Canal Grande vengono chiamati 'de citra', mentre i quartieri alla destra sono conosciuti come 'de ultra'.

    La suddivisione in sei quartieri fu adottata dai Veneziani anche nelle proprie colonie.

    10

  • Cannaregio il secondo quartiere per dimensioni e il pi popoloso di Venezia. Quan-do si arriva alla stazione di Santa Lucia nella citt della laguna, ci si trova nel sestiere Cannaregio.

    11

    CANNAREGIO

  • Madonna dellOrtoLa chiesa cattolica parrocchiale custodisce opere tra le pi importanti di Tintoretto e Ci-ma da Conegliano. Anche se la costruzione della chiesa termin gi nel 1400, la facciata non fu finita fino al 1464. Accanto alla chiesa si trova un campanile isolato costruito gi nel 1332. Si dice che la cima della torre sia stata utilizzata come modello per le due cupole a forma di cipolla ('Welsche Hauben') della Frauenkirche, la cattedrale di Monaco di Ba-viera.

    La chiesa consacrata al Santo Cristoforo, la cui statua troneggia sopra l'ingresso. Su ciascuna delle colonne fiancheggianti, che furono aggiunte nel 1481, si trova una statua della Vergine Maria.

    Il nome della chiesa deriva da una statua del-la Vergine Maria miracolosa, che fu trovata nel giardino adiacente. Questa pu essere oggi ammirata all'interno della chiesa.

    Jacopo Tintoretto abit nelle vicinanze della chiesa e svilupp con essa una relazione pro-fonda. Come prova, si possono trovare nella casa del Signore alcune delle sue opere e le sue spoglie.

    12

  • GhettoAnche il quartiere ebraico, il Ghetto, si trova nel sestiere di Cannaregio. La denominazione deri-va dall'espressione Geto o Gheto. Nel dialetto veneziano ci significa il luogo dove si 'gettava' il metallo o 'fonderia'. I primi ebrei si insediaro-no nella zona delle antiche fonderie. Il primo Ghetto d'Europa si form nel 1516. Gli immi-grati ebrei vivevano separati dal resto della po-polazione. Venezia dava protezione agli ebrei dall'Inquisizione e condannava ogni tipo di vio-lenza contro gli abitanti ebrei con estrema du-rezza. Oggi il Ghetto una zona molto tranquil-la e piacevole. Subito dietro al museo ebraico ci sono alcuni locali, che invitano a prendersi una pausa.

    A nord del Lido, sulla Riviera San Nicol, si tro-va l'antico cimitero ebraico del quattordicesi-mo secolo. Visite possono essere organizzate nel museo.

    13

    Museo Comunit EbraicaCannaregio 2902\b 30121 Veneziaprenotazioni.mev@coopculture.it

    mailto:info@fmcvenezia.itmailto:info@fmcvenezia.it

  • Al Campo dei Mori quattro statue di Mori testimoniano le relazioni com-merciali dell'antica citt con l'Orien-te. Proprio accanto si trova la casa natale di Jacopo Robusti, figlio di un tintore di stoffe, che entr nella storia dell'arte con il nome di Tintoretto. Il suo soprannome deriva dal lavoro del 'tintore'.

    Questa zona della citt soffre delle periodiche inondazioni invernali a causa del fenomeno dell'acqua alta.

    14

  • Questo il pi grande quartiere di Venezia. Il nome Castello deriva dall'antica residen-za del vescovo di Olivolo. Oggi soltanto le fondamenta del Castel Olivolo ricordano la residenza storica dei vescovi veneziani. Antistante si trova l'isola San Michele, sede del cimitero pubblico e appartenente al Castello.

    15

    CASTELLO

  • San Zaccaria uno tra i pi importanti e antichi monasteri di Venezia. Fu menzionato per la prima volta negli anni 828 e 829. Il convento colti-vava da sempre forti legami con i dogi. La storia della zona adiacente piena di molti episodi di incredibile ferocia: un esempio l'assassinio di due dogi proprio nelle vicinanze di San Zaccaria.

    Il monastero era da sempre molto ricco. Secondo alcune fonti storiche, possedeva pi di 153 case a Venezia nel 14mo secolo. Anche grandi propriet terriere nei cosidetti Domini di Terraferma, specialmente nelle zone di Padova e Verona, appartenevano al monastero. Il terreno sul quale si erige la Basilica di San Marco e una gran parte della Piazza

    San Marco stessa erano parte delle propriet del monastero benestan-te. Sotto la dominazione napoleonica, gli edifici del convento furono trasformati in una caserma.

    Oggi, nelle sedi di questo, un tempo, potente monastero si trova una caserma dei Carabinieri. La chiesa rimase un luogo di culto ed oggi una chiesa parrochiale.

    Nella chiesa si trova uno dei capolavori del Rinascimento italiano: la Sacra Conversazione di Giovanni Bellini. Questo quadro (vedi in basso a sinistra) fu realizzato pi o meno nello stesso periodo che la Mona Li-sa di Leonardo.

    16

    Processione del doge di Vene-zia a San ZaccariaFrancesco Guardi un pittore ve-neziano vedutista del Rococ. L'originale di questo quadro (vedi a destra), si trova nel Museo del Louvre a Parigi.

  • Dorsoduro si trova nella zona meridionale di Venezia. Il nome deriva dalla consistenza solida del terreno di questo quartiere e fa riferimento al sottosuolo roccioso. L'edificio storico pi famoso di questa zona la chiesa Santa Maria della Salute. Questa costru-zione fu realizzata come forma di ringraziamento per la fine della peste.

    17

    DORSODURO

  • San Marco viene visto come il centro spirituale e politico di Venezia. La costruzione della Basilica di San Marco data l'anno 1063. Dopo che fu terminata nel 1094, si sus-seguirono i lavori per il suo abbellimento. Con la conquista di Costantinopoli, pot es-sere utilizzato del marmo pregiato nei lavori di realizzazione della basilica.

    18

    SAN MARCO

  • L'isola San Giorgio Maggiore si trova a sud di San Marco. Nell'omonima abbazia benedetti-na, abitano tutti gli 11 abitanti dell' isola. Le ori-gini del monastero datano fino all'anno 982. Il Campanile di San Marco misura circa 100 me-tri ed quindi l'edificio pi alto della citt. Nel 1902 la torre croll e fu ricostruita e riaperta festosamente nel 1912. Piazza San Marco il punto di partenza ideale per un giro in gondola nei caratteristici canali.

    19

  • Accanto alla stazione San Marco-Val