Click here to load reader

DDDDottoottttott. Geologo Chiara Marconi . Geologo Chiara ... · PDF fileDDDDottoottttott. Geologo Chiara Marconi . ... collettivo Parri & C. ” è stata eseguita un’indagine geologica

  • View
    230

  • Download
    0

Embed Size (px)

Text of DDDDottoottttott. Geologo Chiara Marconi . Geologo Chiara ... · PDF fileDDDDottoottttott....

DDDD o t to t to t to t t . G e o l o g o C h i a r a M a r c o n i. G e o l o g o C h i a r a M a r c o n i. G e o l o g o C h i a r a M a r c o n i. G e o l o g o C h i a r a M a r c o n i V i a P r o s p e r o C h i a r i , 2 3

C a s c i a n a T e r m e ( P I )

F.lli Testi e Dolfi S.n.c., R.M. Immobiliare S.r.l., Soc. nome collettivo Parri & C. 1

INTRODUZIONE

Su incarico dei F.lli Testi e Dolfi S.n.c., R.M. Immobiliare S.r.l. e Soc. nome

collettivo Parri & C. stata eseguita unindagine geologica su unarea in cui in

progetto un intervento di espansione residenziale.

Lintervento disciplinato dallart. 24 delle N.T.A. del Regolamento Urbanistico

del suddetto Comune (Sub-sistema delledificato di recente formazione ambito 2b:

Aree di espansione di nuova previsione) e dalla Scheda di Norma PA11.

La zona, cos come evidenziato nelle cartografie riportate in allegato, ubicata in

Via B. Buozzi nel comune di Ponsacco (Provincia di Pisa) (Allegato 1) e ricade

parzialmente allinterno della fascia di rispetto (Ambito B) della Fossa Nuova.

Lindagine geologica di supporto al Piano Attuativo PA11 stata prodotta in

conformit allo Strumento Urbanistico del Comune di Ponsacco (redatto ai sensi del

D.P.G.R. 26/R del 2007 ed aggiornato alle indagini geologiche del Piano di Bacino

del Fiume Arno, Stralcio Assetto Idrogeologico PAI) ed al D.P.G.R. 53/R del 2011

Regolamento di attuazione dellart. 62 della legge regionale 3 gennaio 2005, n.1 in

materia di indagini geologiche.

1 - BREVE DESCRIZIONE DELLINTERVENTO

Larea di nuova espansione residenziale finalizzata al completamento del tessuto

insediativo copre una superficie territoriale massima di 3.025 m2.

Dal punto di vista del carico urbano il Piano Attuativo interessa una Superficie

utile, Sutile = 565 m2, un Volume massimo, Vmax = 1.693 m

3 ed un numero di abitanti,

Nab = 11.

Per dettagli tecnici pi specifici si rimanda ai co rrispondenti elaborati

progettuali.

DDDD o t to t to t to t t . G e o l o g o C h i a r a M a r c o n i. G e o l o g o C h i a r a M a r c o n i. G e o l o g o C h i a r a M a r c o n i. G e o l o g o C h i a r a M a r c o n i V i a P r o s p e r o C h i a r i , 2 3

C a s c i a n a T e r m e ( P I )

F.lli Testi e Dolfi S.n.c., R.M. Immobiliare S.r.l., Soc. nome collettivo Parri & C. 2

M O D E L L A Z I O N E G E O L O G I C A D E L S I T O

1 - INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO

La zona di intervento si sviluppa nella porzione meridionale dellabitato di

Ponsacco ad una quota compresa tra 24,8 e 26,3 m s.l.m.

Larea, caratterizzata dallaffioramento dei depositi di origine alluvionale,

ubicata al margine meridionale della Pianura Pisana nella zona di naturale raccordo

con i rilievi delle Colline Pisane.

Dal punto di vista idraulico il territorio localizzato in sinistra idrografica del

Fiume Cascina ed immediatamente a Sud della Fossa Nuova, dalla quale dista circa

200 m. Verso il canale artificiale, sia direttamente che indirettamente, confluiscono le

fosse campestri e quelle di bonifica presenti nel territorio circostante.

Nellarea di intervento, ed in un suo congruo intorno, non sono stati rilevati

fenomeni geomorfologici di dissesto in atto o quiescenti che possano interferire con il

progetto in esame (Allegato 2).

2 - INQUADRAMENTO GEOLOGICO E STRATIGRAFICO

Larea in esame interessata dallaffioramento di sedimenti continentali, di

natura essenzialmente limo-argillosa, riconducibili alla formazione geologica delle

Alluvioni recenti e attuali a (Allegato 2).

Questa successione risale verosimilmente allOlocene essendo collegata al

sovralluvionamento che si sviluppato nella Pianura pisana man mano che il livello

del mare risalito (durante la deglaciazione postwrmiana) ed aumentato lo

sbarramento a mare ad opera del sistema dei lidi del delta dellArno.

DDDD o t to t to t to t t . G e o l o g o C h i a r a M a r c o n i. G e o l o g o C h i a r a M a r c o n i. G e o l o g o C h i a r a M a r c o n i. G e o l o g o C h i a r a M a r c o n i V i a P r o s p e r o C h i a r i , 2 3

C a s c i a n a T e r m e ( P I )

F.lli Testi e Dolfi S.n.c., R.M. Immobiliare S.r.l., Soc. nome collettivo Parri & C. 3

Dal punto di vista litologico, nelle aree prossime al corso dacqua e in quelle

nelle quali attestata lesistenza di meandri e/o alvei abbandonati, la formazione

caratterizzata da una maggiore frazione sabbiosa dovuta alle frequenti esondazioni

verificatesi in passato. Al contrario le argille e le torbe sono diffuse nelle zone distali,

maggiormente depresse e soggette a impaludamenti, nelle quali le esondazioni

trasportavano esclusivamente materiale fine.

Geometricamente e stratigraficamente sottostanti la formazione delle alluvionali

sono i Conglomerati , sabbie e limi di Casa Poggio ai Lecci q 6

Questa successione, databile al Pleistocene Inferiore, caratterizzata dalla

presenza, frequentemente molto abbondante, di ciottoli di dimensioni generalmente

inferiori a 10 cm di quarziti, di conglomerati quarziferi, di calcari cristallini e di altri tipi

litologici provenienti dal Monte Pisano. La matrice di queste ghiaie in prevalenza

sabbiosa, frequentemente con argillificazioni di natura pedologica.

Lo spessore modesto aggirandosi al massimo sulla decina di metri mentre

lambiente di sedimentazione prevalente fluviale e di piana di esondazione.

3 - INQUADRAMENTO STRUTTURALE

La storia evolutiva dellAppennino Settentrionale caratterizzata fino al Miocene

superiore da una tettonica compressiva polifasata. A questultima seguita una fase a

carattere distensivo che ha dato luogo a depressioni tettoniche, delimitate da faglie

dirette, nelle quali si sono avute le condizioni favorevoli per linstaurarsi di una

sedimentazione di tipo marino e continentale.

Le formazioni appartenenti a tale fase fanno parte del Complesso Neoautoctono.

Il Complesso Neoautoctono costituito da una serie piuttosto potente di terreni

prevalentemente sabbiosi ed argillosi che costituiscono, in prima approssimazione,

una struttura monoclinale con immersione verso N-NE di circa 5 - 8.

DDDD o t to t to t to t t . G e o l o g o C h i a r a M a r c o n i. G e o l o g o C h i a r a M a r c o n i. G e o l o g o C h i a r a M a r c o n i. G e o l o g o C h i a r a M a r c o n i V i a P r o s p e r o C h i a r i , 2 3

C a s c i a n a T e r m e ( P I )

F.lli Testi e Dolfi S.n.c., R.M. Immobiliare S.r.l., Soc. nome collettivo Parri & C. 4

4 - INQUADRAMENTO IDROGEOLOGICO

I sedimenti riconducibili alla formazione Alluvioni - a presentano

caratteristiche idrogeologiche tipiche di un corpo acquifero dotato di limitata

permeabilit (per porosit primaria) e trasmissivit. La presenza di una costante

matrice argillosa e landamento lentiforme dei livelli acquiferi limita, infatti, linfiltrazione

delle acque e la loro mobilit.

Allinterno della successione sono, tuttavia, presenti falde sospese sfruttate

mediante pozzi superficiali ad anelli spinti fino alla profondit di circa 10 - 12 m dal

p.d.c. che consentendo lemungimento di limitati quantitativi idrici. Le portate ed il

livello della piezometrica sono notevolmente influenzate dalle condizioni climatiche.

Nel corso delle indagini geognostiche in sito (6 giugno 2012) il livello della

piezometrica stato incontrato ad una profondit compresa tra 2,6 e 3,2 m dal piano

di campagna.

Tale profondit confermata dalle indagini idrogeologiche condotte a supporto

del Piano Strutturale del Comune di Ponsacco (Allegato 2).

Considerato lassetto idrogeologico dellarea, in periodi dellanno maggiormente

piovosi, non da escludere una risalita del livello di saturazione a profondit inferiori

rispetto a quelle indicate.

5 - PERICOLOSITA GEOLOGICA DEL TERRITORIO

Il D.P.G.R. n.53/R del 25 ottobre 2011 Regolamento di attuazione dellart. 62

della legge regionale 3 gennaio 2005, n.1 (norme per il governo del territorio) in

materia di indagini geologiche, al paragrafo 4 dellAllegato A, riporta quanto segue:

I piani complessi di intervento ed i piani attuativi sono corredati da una relazione di

fattibilit contenente gli esiti degli approfondimenti di indagine, laddove siano

necessari nel regolamento urbanistico in relazione alle condizioni di fattibilit, ovvero

indicazioni sulla tipologia delle indagini da eseguire e/o sui criteri e sugli accorgimenti

DDDD o t to t to t to t t . G e o l o g o C h i a r a M a r c o n i. G e o l o g o C h i a r a M a r c o n i. G e o l o g o C h i a r a M a r c o n i. G e o l o g o C h i a r a M a r c o n i V i a P r o s p e r o C h i a r i , 2 3

C a s c i a n a T e r m e ( P I )

F.lli Testi e Dolfi S.n.c., R.M. Immobiliare S.r.l., Soc. nome collettivo Parri & C. 5

tecnico-costruttivi da adottare, ai fini della valida formazione del titolo abilitativo

allattivit edilizia La relazione d atto che non sono intervenute modifiche rispetto

al quadro conoscitivo di riferimento (a

Search related