Click here to load reader

Speciale Natale 2011

  • View
    222

  • Download
    3

Embed Size (px)

DESCRIPTION

Speciale Natale 2011

Text of Speciale Natale 2011

  • 4Leducazione alla basedi ogni famiglia

    Famiglie tornate a educare!

    Aumenta oggi la domanda di educazione. La chiedono i genitori

    preoccupati e angosciati per il futuro dei propri figli. La chiedono tanti

    insegnanti che vivono la triste esperienza del degrado delle loro scuo-

    le. La chiede la societ che vede messe in dubbio le basi stesse della

    convivenza. La chiedono, nel loro intimo, gli stessi ragazzi e giovani

    che non vogliono essere lasciati soli di fronte alle sfide della vita. So-

    no parole di Benedetto XVI. Leducazione la grande sfida che da-

    vanti a noi. Ci chiesto un grande investimento educativo sulla forma-

    zione delle nuove generazioni. Certi fatti di cronaca nera, certi com-

    portamenti problematici, episodi di bullismo segnalano il disagio dei

    giovani e stanno ad indicare vistosi deficit nella filiera educativa. Per-

    ci si parla di emergenza educativa. Perch i ragazzi diventino grandi

    ci vogliono tre scuole: del cuore (la famiglia), della mente (listituzio-

    ne scolastica), dellanima (la parrocchia). La famiglia ha il primato

    nellopera educativa. E la prima, indispensabile comunit educante.

    Luomo non si d la vita da solo, ma la riceve. Chi trasmette la vita te-

    nuto ad educare ci che ha generato: un dovere inalienabile. Non pu

    essere delegato n surrogato. Col generare si d la vita, con leducare

    si d il senso della vita. La relazione educativa si innesta nellatto ge-

    nerativo. Ogni genitore educatore. Il bambino impara a vivere guar-

    dando i genitori; per il bambino essi sono tutto. Ogni bimbo nasce pian-

    gendo. Ma appena tra le braccia della madre sperimenta un oceano di

    tranquillit, quella tranquillit che inseguir per tutta la durata della

    vita. Il clima di famiglia lascia unimpronta indelebile nel minore. In

    famiglia si acquisiscono gli elementi fondamentali, le strutture portan-

    ti della personalit. Negli anni dellinfanzia si impiantano le prime ra-

    dici delle virt o dei vizi. In famiglia si impara ad amare in quanto si

    amati: si impara ad avere fiducia in se stessi in quanto si viene chiama-

    ti per nome; qui si impara il rispetto per gli altri in quanto si rispetta-

    ti; qui si scopre il volto di Dio attraverso le cure di pap e mamma; qui

    ci si esercita alla solidariet e alla gratuit in quanto si aiutati a gesti-

    re i conflitti. Luomo e la donna, una volta sposati, diventano segno

    dellamore di Dio che si prende cura di ogni figlio. Il bisogno primario

    Monsignor Domenico Padovano sottolinea la funzione educativa del nucleofamiliare nel processo di crescita e formazione di ogni individuo

  • 5La famiglia una realt cos bella che anche Gesha votuto averneuna nascendo a Natale.

    del bimbo che i genitori si amino, vadano daccordo siano uniti, contenti di averlo messo al mondo fino ad inserirlo nel

    circuito damore della coppia. Lamore dei genitori decisivo per la crescita armoniosa del figlio. Chi sa di essere ama-

    to, ama. Quando scarseggia lamore dei genitori, nei figli nasce lansia, il disadattamento, langoscia. Se manca lamo-

    re la casa diventa uno spogliatoio, un dormitorio, una trattoria dove si mangia brontolando e si esce senza pagare il con-

    to. Purtroppo questo non infrequente perch viviamo in una societ che considera i figli un peso, un incomodo che

    condiziona la libert, la felicit dei genitori. Lamore importante in educazione. Un ragazzo cresce se c qualcuno che

    gli vuole bene. E triste essere nessuno, non avere nessuna persona significativa per cui fare le cose , impegnarsi, riusci-

    re. La voglia di diventare grande legata allaffetto che il ragazzo sente attorno a s e la fiducia che gli altri sanno di-

    mostrargli. E si badi bene: mamma e pap sono complementari nellopera educativa. E sbagliato enfatizzare la figura

    materna. E decisivo il contributo educativo di entrambi i genitori. Proprio la differenza tra padre e madre (maschio e

    femmina) aiuta il figlio maschio a diventare uomo e la figlia femmina a diventare donna. E in famiglia che si apprende

    la grammatica dellamore basata sulla bipolarit del maschio e della femmina.

    Cari sposi, la famiglia una realt cos bella che anche Ges ha voluto averne una nascendo a Natale. Dio vi ha fatto

    incontrare. Sposandovi in chiesa avete voluto invitare Dio alle vostre nozze. Volete che sia presente nel vostro amore

    per profumarlo di eterno? Fate in modo che faccia parte della vostra famiglia, ospite gradito della vostra casa, primo

    amico dei vostri figli. Allora lacqua della routine si cambier, coma a Cana di Galilea, nel vino della gioia.

    Domenico Padovano

  • 9Mola, un volto nuovoper le feste di Natale

    Icommercianti molesi salvano il Natale. Organizzano iniziative nel centrocittadino e migliorano larredo urbano. Per incentivare lo shopping nataliziolassociazione Uniti per lo Sviluppo di via Van Westerhout e il Coordina-mento dei Commercianti di Corso Umberto organizzano Mercatini di Natale con

    la presenza di artisti di strada e degustazioni di prodotti tipici e migliorano larre-

    do urbano.

    Gli oltre 70 commercianti aderenti a Uniti per lo sviluppo hanno deciso di

    rivalutare la propria citt e hanno pensato di cambiarne il volto in occasione del-

    le festivit natalizie. Molti esercizi commerciali, infatti, hanno posizionato un

    albero di Natale allesterno della propria attivit.

    Manca, anche questanno, il singolare Presepe in Mare che richiamava a Mo-

    la di Bari diversi visitatori dai comuni viciniori. Era diventato un simbolo del

    Natale molese ed un vero peccato aver interrotto questa singolare tradizione.

    In via Van Westerhout e corso Umberto addobbi,mercatini e degustazione di prodotti tipici

    Gli oltre 70 commerciantiaderenti a Uniti per lo sviluppohanno deciso di rivalutare la propriacitt in occasione delle festivitnatalizie.

    di Michele Lorusso

  • 11

    Il programma natalizio prevede un ricco calendario di appuntamenti dedicati ai pi piccoli

    Con larrivodel Natale siinfittisce ilcartellone degli

    eventi organizzati a

    Turi per vivere al me-

    glio latmosfera nata-

    lizia. Dopo Babbo

    Natale ti scrivo

    svoltosi domenica

    scorsa in piazza Or-

    landi, si prosegue og-

    gi con levento

    Tombola italiana il

    17 dicembre alle

    17.30 presso la sala

    della Biblioteca Co-

    munale in piazza

    Gonnelli: Il 18 di-

    cembre dicembre, in-

    vece, la volta di

    Santa Claus in mo-

    to. Tanti Babbo Na-

    tale si raduneranno

    alle ore 11 in via XX

    Settembre dove sa-

    ranno allestiti dei gazebo per la degustazione di dolci, caramelle e vin brul. Mercoled 21 di-

    cembre i pi piccoli potranno ricevere i doni richiesti a Babbo Natale alle ore 18 presso la Bi-

    blioteca Comunale. In quelloccasione Babbo Natale e i suoi mille folletti danzeranno e bal-

    leranno con i bimbi sulle note delle melodie natalizie. Ritorna il 30 dicembre il tanto atteso

    Presepe vivente che si snoder per le vie del centro storico. Le manifestazioni natalizie si

    concluderanno il 6 gennaio 2012 con levento Befana in calesse che si terr alle ore 10.30

    in piazza Silvio Orlandi. Come accaduto lanno scorso, i bambini potranno vedere dal vivo

    la befana, fare un giro in calesse, danzare con la simpatica vecchietta e, nello stesso tempo, ri-

    cevere squisiti dolci e caramelle. La sera del 6 gennaio, invece, alle ore 19, si terr la rappre-

    sentazione vivente della Nativit e larrivo dei Magi alla grotta.

    Babbo Natale arriva per i bimbi di Turi

    Le manifestazioninataliziesi concluderanno il 6 gennaio con leventoBefana in calesse.

  • 12

    Monopoli Citt Natale tra cultura e tradizione

    Il pi tradizionale clima natalizio. La dolcezza stupita nei visi dei bimbi cheammirano le luci ed i colori del festa. La serenit nei volti degli adulti coin-volti in attivit allegre e divertenti. La grandezza dei piccoli gesti in Mo-nopoli Citt Natale 2011- Festeggiamoci, il cartellone natalizio stilato dall'Am-

    ministrazione comunale di Monopoli per condire le festivit del piacere di sco-

    prire ed apprezzare le risorse del territorio. Il classico mercatino natalizio, gioia

    e diletto per mamme e signore, tutti i giorni dal 17 al 23 dicembre presso Piazza

    Palmieri dalle ore 17.00 a cura dell'Associazione quattro quartieri e del Gruppo

    Corteo Storico ed in Piazza Vittorio Emanuele dalle ore 16.00 a cura dell'Acam,

    si affiancher alla meraviglia a misura di bambino dell'Angolo di Babbo Natale

    allestito il 17 e 18 dicembre dalle ore 19.00 presso Piazza Milite Ignoto. L'aper-

    tura straordinaria, il 17 e 18 dicembre, dalle ore 19.00 alle ore 22.00 delle chiese,

    del Castello e della cripta delle Biblioteca il primo passo per un Natale di arte,

    cultura, spettacolo, teatro, musica e

    sport e gusto. Il pomeriggio del 17 di-

    cembre in Piazza Vittorio Emanuele

    c' l'Happy sport day orienteering a

    cura del IV circolo didattico mentre

    domenica 18 la volta della mezza

    maratona Citt di Monopoli (partenza

    ore 9.00, Piazza V. Emanuele). A Mas-

    seria Spina il piacere nel corso di cu-

    cina natalizia a cura dell'ass. Apulian

    Club. La Chiesa S. Pietro e Paolo ospi-

    ter gli spettacoli teatrali Gocce di spe-

    ranza 17 dicembre, ore 19.00, ass. Bo-

    sco dei Sogni; Posillicheata di Pom-

  • 13

    di Stefania Allegretti

    peo Sarnelli con Paolo Panaro, 18 di-

    cembre, ore 20:00; Natale ... pace e ac-

    coglienza, 19 dicembre, dalle ore

    18:00, I Circ

Search related