Click here to load reader

Indice PAROLA D’ORDINE FOCUS - RESHORING RESHORING · PDF filesull’esportazione di energia da fonti rinnovabili. In Polonia, Salini Impregilo e Astaldi si sono aggiudicate commes-se

  • View
    213

  • Download
    0

Embed Size (px)

Text of Indice PAROLA D’ORDINE FOCUS - RESHORING RESHORING · PDF filesull’esportazione di...

FOC

US

Continua a pag. 3

Dopo decenni trascorsi a decentrare le filiere produttive verso i Paesi emergenti, da qualche anno le aziende statunitensi ed europee stanno progressivamente riportando in patria le proprie manifatture. Il trend si spiega sia con motivazioni economiche - costi del lavoro e dei trasporti in progressivo aumento nei paesi emergenti - sia con la necessit di difendere il made in. Il discorso vale soprattutto (ma non solo) per la moda italiana, per la quale sono i clienti stessi a sollecitare prodotti realizzati artigianalmente, a regola darte. Caratteristiche per le quali sono disposti a riconoscere un premio sul prezzo finale

STUDI E ANALISI Istat-Agenzia Ice/ L'Italia cresce nell'export, verso la Cina ampi spazi per migliorare

CALENDARIO COMMESSE

30

32

Ministero degli Affari Esterie della Cooperazione Internazionale

Newsletter onlinea cura di

8/15ANNO XI - 16 Settembre 2015

PAROLA DORDINE RESHORING,

RILOCALIZZARE ORA UN MUST

1Diplomazia Economica Italiana 16 Settembre 2015

CILE Cile a caccia di investimenti esteri con la nuova legge quadro

PANAMA Panama, un pacchetto di riforme per modernizzarsi

AFRICA A Expo Milano 2015 con quattro business forum

CAMERUN Turismo, infrastrutture & co. il Camerun cerca partner

2

23

24

26

22

25

27

28

31

TURCHIA 5 miliardi ad Astaldi per avvicinare Smirne e Istanbul

FOCUS - RESHORING Parola d'ordine reshoring rilocalizzare ora un must

NORVEGIA Prysmian protagonista del new deal energetico norvegese

VIETNAM Hanoi liberizza il commercio assist agli investimenti esteri

EGITTO L'area di Suez si candida a hub logistico tra UE e Asia

IRAN Il sistema Italia si schiera a Teheran per cogliere le opportunit

INTERVISTA a Luciano Fratocchi

CINA L'alta gamma italiana cerca spazio nel mall cinese del lusso

POLONIA 410 milioni di commesse in Polonia per Astaldi e Salini Impregilo

9

12

15

20

3

6

11

13

17

Indice

IN QUESTO NUMERO...

L Italia capofila del fenomeno del reshoring, la rilocalizza-zione delle linee di produzione nel paese dorigine. Ad in-nescare e alimentare la nuova tendenza ci sono sia motivi

economici (crescenti costi del lavoro e di trasporto nei paesi dap-prodo) sia la presa di coscienza che lutente finale disposto a rico-noscere un premio sul prezzo del manufatto, purch sia prodotto in patria e fabbricato a regola darte.

Astaldi ha ottenuto un finanziamento da cinque miliardi di dolla-ri per portare a termine i lavori dellautostrada Gebze-Orhangazi-Izmir in Turchia. Si tratta di una delle principali infrastrutture al mondo in costruzione, e il general contractor capitolino partecipa in raggruppamento (ha una quota del 17,5%) con imprese locali.

Ci sar la tecnologia made in Italy di Prysmian nellelettrodotto sottomarino che collegher Norvegia e Regno Unito a partire dal 2021. La societ si infatti aggiudicata una commessa da 550 mi-lioni di euro per realizzare buona parte dellinfrastruttura che aiuter il paese nordico a sviluppare un nuovo modello economico basato sullesportazione di energia da fonti rinnovabili.

In Polonia, Salini Impregilo e Astaldi si sono aggiudicate commes-se per oltre 410 milioni di euro. Astaldi realizzer, insieme a due imprese locali, la circonvallazione di Varsavia (240 mln il valore della commessa), mentre Salini Impregilo progetter e realizzer par-te dellautostrada A1, a sud della capitale (170 mln).

Nella primavera del prossimo anno, nel porto franco di Xiyong (Chongqing), in Cina, aprir i battenti Euro Brand Center, un grande shopping mall dedicato ai prodotti europei. Allinizio dello scorso luglio, i promotori delliniziativa commerciale hanno effettua-to un roadshow in Italia illustrando le caratteristiche del progetto e riscontrando interesse da oltre 2.000 imprese del nostro Paese.

Il Vietnam ha avviato un processo di semplificazione normativa nel campo del commercio. Per gli investitori privati internazionali si aprono nuove opportunit di business poich molti dei settori in precedenza off-the-limits sono stati in parte liberalizzati. Le apertu-re pi importanti riguardano imprese, investimenti, partnership tra pubblico e privato e comparto immobiliare.

Lapertura del secondo braccio del Canale di Suez porta lEgitto a pensare in grande. Il Cairo ha infatti in mente di trasformare larea in un vero e proprio snodo logistico di collegamento tra Europa e Asia, sviluppando porti e infrastrutture e dando vita a una Zona econo-mica speciale per cercare di attrarre ulteriori investimenti dallestero.

A inizio agosto, lItalia ha organizzato una missione istituzionale in Iran guidata dal Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Paolo Gentiloni, e dal Ministro dello Sviluppo Econo-mico, Federica Guidi a cui hanno preso parte le principali aziende nazionali. Dopo laccordo sul nucleare firmato a Vienna e la fine delle sanzioni, il nostro paese pronto a cogliere opportunit nei settori di meccanica strumentale, oil&gas e trasporti.

Una nuova legge quadro sugli investimenti esteri la chiave con cui la Presidente del Cile, Michelle Bachelet, conta di dare nuovo impul-so al Paese. Nel prossimo anno arriveranno le agevolazioni fiscali per gli Ide in alcuni settori ritenuti indispensabili alla crescita economica del Paese sudamericano.

La nuova Legge sulla decentralizzazione che entrer in vigore nel gennaio prossimo sar soltanto il primo passo di una serie di pro-fonde risorse economiche e fiscali che consentiranno a Panama di mettersi al passo con i tempi. Saranno recuperate risorse per sbloccare oltre 200 milioni di dollari di opere pubbliche.

In occasione delle giornate nazionali di Sudan, Camerun, Zim-babwe e Ghana a Expo, che si sono susseguite tra luglio e agosto, i quattro stati africani hanno organizzato altrettanti business forum, opportunit concrete per rafforzare i rapporti commerciali con lIta-lia e porre le basi per ulteriori, future collaborazioni.

Dalla diciassettesima edizione dellAnnuario congiunto Istat-Ice, che monitora il commercio estero e le attivit internazionali delle imprese di casa nostra, emerge che la quota dellexport italiano di merci sul totale mondiale cresciuta al 2,85%. Usa, Francia e Ger-mania attraggono da sole oltre il 30% dei beni che escono dal nostro Paese.

2Diplomazia Economica Italiana 16 Settembre 20152

IN QUESTO NUMERO...

RESHORING

FOC

US un settore in cui lItalia sta facendo da apripista in Europa e dove di fatto si proposta come locomoti-

va del continente lasciandosi alle spalle tutti i principali competitor occidentali, a partire da Germania e Stati Uniti. Si tratta del reshoring, vale a dire il processo di trasferimento glo-bale o parziale verso il paese di origine (back-reshoring) o in aree limitrofe (near-reshoring) delle produzioni manifatturiere che in precedenza, per ragioni di carattere prevalentemente economi-co, erano state delocalizzate in Paesi esteri molto distanti.

Il fenomeno in parte figlio della crisi finanziaria che si innesca-ta nel 2008 e che ha imposto alle imprese un severo controllo sul fronte dei costi. E proprio in questo contesto che diversi governi hanno iniziato a mettere a punto formule per incenti-vare le grandi industrie locali a riportare le produzioni in patria, nella speranza di accrescere lindotto e, di riflesso, contribuire a mitigare lannoso e diffuso problema di tassi di disoccupazione a doppia cifra.

Le varie formule in cui il reshoring prende piede sono da anni oggetto di studio da parte del consorzio interuniversita-rio Uni-Club MoRe Back-Reshoring, che raduna numerosi studiosi degli atenei di Modena-Reggio Emilia, LAquila, Udine, Catania e Bologna. In uno degli ultimi studi effettuati, il pool di esperti ha messo sotto la lente di ingrandimento 102 decisioni di imprese italiane di back-reshoring e 12 di near-reshoring avvenu-te, in un quadro che - come detto - vede il nostro paese in testa rispetto agli altri partner europei. A loro volta, le aziende del vecchio continente precedono quelle extra europee, con 274 decisioni di back-reshoring e 40 di near-reshoring.

I Paesi da cui le imprese hanno assunto la decisione di ritorna-re, dice lindagine, sono in netta prevalenza quelli asiatici (Cina in primo luogo, vedi tab. 1) seguiti da quelli dellEst Europa che rimangono tuttavia privilegiati per lapprodo in caso di near-reshoring. Per quanto riguarda i settori dattivit delle aziende che scelgono di rimpatriare le filiere di produzione, spiccano fashion, automotive e arredamento: da soli rappresentano i due terzi del totale delle operazioni. (vedi tab. 2)

Quel che certo che lEuropa sta via via riscoprendo la propria vocazione manifatturiera e va prendendo coscienza del fatto che non di rado i be-nefici economici attesi dalla delocalizzazione delle filiere

produttive si sono rivelati in-feriori rispetto al premio che i consumatori sono disposti

a riconoscere per produzioni made in (vedi tab. 3). A incidere

sulla decisione di rimpatriare i centri

di produzione ha inciso nel tempo soprattutto laumento pro-gressivo del costo del lavoro per unit prodotta in Paesi come la Cina, dove da anni sono in crescita le rivendicazioni dei lavoratori per ottenere salari pi alti e condizioni migliori. Se dal 2000 al 2005 il costo del lavoro in Cina cresciuto mediamente del 10% allanno, nel quinquennio successivo la curva si irripidita fino a registrare un +19% ogni dodici mesi. Si tratta di un caso limite, ma anche negli

Search related