Capri mon amour

  • View
    220

  • Download
    2

Embed Size (px)

DESCRIPTION

magazine "Cesare Attolini"

Text of Capri mon amour

  • Capri Mon Amour

  • cesareattolini.com

  • di Francesco Antinolfi / ph. Umberto DAniello

    QUELLA PREGNANTE LEGGEREZZA DEL BELLO

    ITALO CALVINO LE DEDIC LA PRIMA DELLE CINQUE, CELEBERRIME, LEZIONI AMERICANE. IL MAESTRO FEDERICO FELLINI AMAVA DEFINIRLA UNA CATEGORIA DELLO SPIRITO,

    LESATTO CONTRARIO DELLA SUPERFICIALIT. LISOLA DI CAPRI, CON LETEREA LEVIT DEISUOI LUOGHI, E LIDEA DELEGANZA DI CESARE ATTOLINI, CON LE ARMONIOSE LINEE DEI

    SUOI CAPI, NE SONO INELUTTABILMENTE PERMEATI

    cesareattolini.com

  • Cesare Attolini

  • 6Prender in prestito pensieri e parole tratti dalle righe iniziali del saggioLa Leggerezza, prima delle cinque stra citate Lezioni Americane cheItalo Calvino, se non fosse morto prima, avrebbe dovuto tenereallUniversit di Harvard durante lanno accademico 1985-86. Dopoquarant'anni che scrivo fiction, dopo aver esplorato varie strade e compiutoesperimenti diversi, venuta l'ora che io cerchi una definizione complessivaper il mio lavoro; proporrei questa: la mia operazione stata il pi dellevolte una sottrazione di peso; ho cercato di togliere peso ora alle figureumane, ora ai corpi celesti, ora alle citt; soprattutto ho cercato di toglierepeso alla struttura del racconto e al linguaggio. In questa conferenzacercher di spiegare - a me stesso e a voi - perch sono stato portato aconsiderare la leggerezza un valore anzich un difetto, cos scrivevaCalvino. Leggerezza. Sottrazione di peso. Un valore anzich un difetto. Parole che,senza dubbio, raccontano della volont di non sovraccaricare la realtcircostante e le istanze prodotte dallattivit intellettuale e creativa, in ogniloro potenziale manifestazione, di pesanti e artificiose sovrastrutture.Semplicemente, perch gi pienamente significanti. Espressioni compiutedel s. Asserzione ancor pi vera se riferita alla categoria del bello,secondo Platone uno dei tre generi supremi di valori, assieme al vero e albene. Questa pubblicazione vuol essere, pi o meno consapevolmente,poco importa, nullaltro che espressione di tale pensiero. Narrazione,iconografica e testuale, dellincontro tra due entit che fanno dellaleggerezza, intesa alla maniera appena citata di Calvino, un caratterepregnante del loro modo dessere e quindi di manifestarsi (continuando afar riferimento al pensiero di Platone, secondo cui il bello espressionedel bene se muove i suoi passi illuminata dalla categoria del vero). Lisola di Capri, da un lato, con leterea levit dei suoi orizzonti cheuniscono in un unico sguardo cielo e mare, infiniti e liberi. Con il connubioarmonico di forme morbide e colori delicati. Con lintrecciarsi delle piccolestradine che corrono lente tra le case basse e bianche. Con leleganzasemplice della sua Piazzetta, salotto icona dellisola e simbolo di

    That pregnant lightness of beauty. Italo Calvino dedicated to it the firstof the five, famous, American Lessons. The master Federico Fellini usedto define it a spirits category, the right opposite of superficiality. TheCapri Island, with the ethereal lightness of its places, and the idea ofelegance of Cesare Attolini, with the harmonious lines of his clothes, areineluctably permeated by it.

    I will borrow thoughts and words by the opening lines of the essay TheLightness, first of the famous five American Lessons that ItaloCalvino, if he hadnt died before, should have exposed at HawardUniversity during the academic year 1985-1986. After 40 years that Iwrite fiction, after having explored different ways and madeexperiments, it is time that I find a global definition of my work; Iwould propose this one: my operation has been most of the times asubtraction of weight; I have tried to take it away from human figures,to celestial bodies and cities; moreover I have tried to take it away to thestructure of tale and to the language. In this conference I will try toexplain - to myself and to you why I considered lightness a valueinstead of a defect, this is what Italo Calvino wrote. Lightness, Weightsubtraction. A value more than a defect. Words that without any doubt,tell about the will to not overload reality and the instances producedby the intellectual and creative activity, in every their potentialmanifestation, with heavy superstructures. Simply, since they alreadyare meaningful. A line that is even more true if referred to the categoryof beautiful, according to Plato one of the three supreme gender ofvalues, together with the truth and the good. This publication ismeant to be, more or less consciously, nothing more than an expressionsof that thought. Narration, iconographical and textual, of the meetingbetween two entities that make of the lightness, intended at the waythat Calvino did, a pregnant character of their way to be and to appear(continuing to refer to Platos thought, according which the beauty isexpression of the good if moves its steps brighten by the category of

  • 7Massimiliano Attolini

  • 8quellitalian lifestyle che, a partire dagli anni Sessanta, ha affascinato ilmondo intero. Con lincanto di via Tragara e dei giardini di Augusto, dacui si possono osservare, monolitici e impalpabili allo stesso tempo, i miticiFaraglioni. Con la disinvolta raffinatezza di via Camerelle, un concentratoin pochissimi metri di boutique dei pi prestigiosi luxury brandinternazionali, che tuttavia riesce a manifestare di s nulla di pomposo eridondante. Insomma, con quella sua unica capacit di essere unluogo/non-luogo dove possibile godere in maniera immediata, semplice,leggera appunto, del bello in ogni sua forma. Cesare Attolini, dallaltro,con quellattitudine tutta sua di saper conferire alla figura maschileunimago fluens tanto agile quanto armoniosa. Con quella sua capacitdistintiva, che nasce nel lontano 1930 dalle intuizioni mirabili checondussero Vincenzo Attolini a creare la prima giacca destrutturata per poiperfezionarsi con la sapiente maestria di suo figlio Cesare, di saper dare vitaa capi, le giacche anzitutto, caratterizzati da unaccezione di eleganzalineare, discreta, morbida eppur piena di carattere. Niente fronzoli inutili,nessuna nota stonata, piena rinuncia al ricorso a stravaganze che lascianoil tempo che trovano. Una leggerezza che si traduce concretamente nellastraordinaria esperienza di indossare un capo che pesa poco pi di unaseconda pelle, capace di far sentire chi lo indossa assolutamente a proprioagio. Caratteristiche che nascono da un senso estetico raro, privo diqualsiasi tipologia di zavorra stilistica, oltre che da una sapienza sartorialeunica capace di conferire a ciascun capo una raffinatezza consapevole emai ostentata. Ed inevitabile, allora, fare un salto indietro nel temporievocando il celebre episodio in cui, proprio passeggiando per le stradinedi Capri, il celebre, elegantissimo, Duca di Windsor, sempre e soloabbigliato sino ad allora con abiti cuciti da sarti inglesi, sinnamor di unacreazione di Vincenzo Attolini. Al punto da fermare il passante che laindossava per chiedergli di chi ne fosse la paternit. Mi piace immaginareche, proprio respirando ed ammirando la pregnante leggerezza estetica deiluoghi capresi e della giacca destrutturata indossata con piena sensazionedi libert da quel passante, non abbia potuto resistere alla tentazione disottrarre i pesi strutturali delle sue giacche di scuola britannica perconvertirsi a questa nuova, elegante e leggera allo stesso tempo, imagofluens forgiata in casa Attolini. Ieri come oggi e, certamente, domani.

    the truth). The Island of Capri, in a way, with the ethereal lightnessof its horizons that mix together in a unique glance sky and sea, endlessand free. With the harmonious union of soft shapes and delicate colors.With the interweave that slowly run between short and white houses.With the simple elegance of its Piazzetta, iconic hall and symbol ofthat Italian style that, starting from the 60s, has fascinated the wholeworld. With the enchantment of via Tragara and of Augustuss gardens,from which can be seen, the mythical Faraglioni. With the casualrefinement of via Camerelle, a concentrate in a few meters of boutiquesof the most famous international luxury brands, that anyway appearsnot too stately and luxuriant. In short with its ability to be a place/noplace where it is possible to enjoy in an immediate, simple and lightway, the beauty in all its shapes. Cesare Attolini, with his attitude togive to the male figure an imago fluens as agile as harmonious. With hisdistinctive capacity, that born in that far 1930 by the great intuitionsthat led Vincenzo Attolini to create the first unstructured jacket to thenimprove with the wise skill of his son Cesare, to give life to clothes,moreover jackets characterized by a simple, discrete, soft elegance andyet full of style. Without useless frills, no wrong note, full renounce tomeaningless extravagances. A lightness which is translated by theextraordinary experience of wearing a clothe that weights as a secondskin, capable to make feel comfortable everyone who wears it.Characteristics born by a rare esthetic sense, without any stylistic deadway, and by a unique sartorial skill capable of giving to each clothe aconscious and never flaunted refinement. And it is so inevitable, tomake a step back into time evoking the famous episode in which, justwalking trough Capris streets, the famous and super elegant, Duke ofWindsor, since then dressed only with English suites, fell so much inlove with a creation of Vincenzo Attolini to stop the men who wore itasking him the name of the tailor. I like to imagine that, just breathingand admiring the pregnant esthetic lightness of Capri places and of thatunstructured jacket wore with a feeling of freedom by that passerby, hecouldnt resist to substrate his structural weights from his Englishjackets and convert to this new, elegant and light imago fluens made byAttolini. Today as yesterday and, surely, tomorrow.

  • 9Giuseppe Attolini

  • VI