Le città invisibili di Calvino città invisibili - la struttura - Le 55 città sono tra loro raggruppate

Embed Size (px)

Text of Le città invisibili di Calvino città invisibili - la struttura - Le 55 città sono tra loro...

+

PROGETTO

COMPITA

COMPETENZE di

ITALIANO

Itinerari inesplorati tra

Le citt invisibili di Calvino

a.s.

2015-16

Liceo

Scientifico

E.Majorana

di Pozzuoli

armentano: lezione 3

+ Le citt invisibili

Un laboratorio di lettura

tra le citt di Calvino:

La prima citt:

Diomira

Lultima citt:

Berenice

Leonia: la citt che

rif se stessa

armentano: lezione 3

+ Le citt invisibili

- la struttura -

Alternanza di corsivo e tondo:

il testo in corsivo (storia-cornice) - dialoghi tra Kublai Kan

e Marco Polo - apre e chiude ogni capitolo

i 9 capitoli contengono 5 testi ciascuno (in tondo), a

eccezione del primo e dellultimo capitolo che contano

10 testi

i testi dei capitoli sono in totale 55, che equivalgono alle

citt che Marco descrive/narra

armentano: lezione 3

+ Le citt invisibili

- la struttura -

Le 55 citt sono tra loro raggruppate in:

11 nuclei tematici (le serie), ognuno dei quali raggruppa 5 citt:

Le citt e la memoria

Le citt e il desiderio

Le citt e i segni

Le citt sottili

Le citt e gli scambi

Le citt e gli occhi

Le citt e il nome

Le citt e i morti

Le citt e il cielo

Le citt continue

Le citt nascoste

I 9 capitoli contengono in modo apparentemente sparso citt appartenenti a ciascuna serie

armentano: lezione 3

+ Le citt invisibili

- la struttura -

La prima narrazione di ogni capitolo completa una serie, a eccezione di quella del primo capitolo che ne inaugura una nuova.

Le undici serie (Le citt e la memoria, Le citt e il desiderio, Le citt e i segni, Le citt

sottili, Le citt e gli scambi, Le citt e gli occhi, Le citt e il nome, Le citt e i morti, Le citt

e il cielo, Le citt continue, Le citt nascoste) nascono, quasi per filiazione, le une dalle altre a partire dalle due fondamentali, Le citt e la memoria, Le citt e il desiderio... perch ogni citt l'incrocio tra memoria e desiderio.

Ogni testo/narrazione intitolato con la dicitura della serie cui appartiene la citt narrata, il cui nome compare solo nel corpo del testo stesso.

Accanto alla dicitura della serie compare un numero arabo: esso indica se la citt che si sta per narrare la prima, la seconda, la terza, etc. di quella specifica serie.

armentano: lezione 3

+

Incipit: Diomira

Le citt e la memoria 1.

Partendosi di l e andando tre giornate verso levante, luomo

si trova a Diomira, citt con sessanta cupole dargento, statue

in bronzo di tutti gli dei, vie lastricate in stagno, un teatro di

cristallo, un gallo doro che canta ogni mattina su una torre.

Tutte queste bellezze il viaggiatore gi conosce per averle

viste anche in altre citt. Ma la propriet di questa che chi vi

arriva una sera di settembre, quando le giornate saccorciano

e le lampade multicolori saccendono tutte insieme sulle

porte delle friggitorie, e da una terrazza una voce di donna

grida: uh!, gli viene da invidiare quelli che ora pensano daver

gi vissuto una sera uguale a questa e desser stati quella

volta felici.

armentano: lezione 3

di Colleen Corradi Brannigan

+

IL VIAGGIO LARRIVO

LA DESCRIZIONE DELLA

CITT

LA PROPRIETA

LA CHIUSURA

Partendosi di l e andando tre giornate verso

levante

luomo si trova a Diomira

citt con

Ma la propriet di questa

invidiare quelli

Nuclei

narrativi

armentano: lezione 3

Invisible Cities Italo Calvino Diomira

di Claudio Cumin

+ Tempo

Indicatori temporali e

cfr tempo fabula/intreccio:

1) tre giornate

2) una serata di settembre

3) daver gi vissuto una sera uguale a

questa e desser stati quella volta felici.

La prima infrazione presenta il tempo

dellintreccio inferiore a quello della fabula:

luomo...viaggiatore parzialmente

extratestuale, o meglio, vive solo nella fabula

per il viaggio di tre giorni.

Le due infrazioni iterative (2 e 3) sono

logicamente collegate.

Di quale settembre si tratta? di uno

qualsiasi della vita della citt

E luomo...viaggiatore invidia quelli che ora

pensano di aver gi vissuto una sera uguale a

questa. In questo caso linfrazione iterativa non

supera comunque larco della vita di un uomo.

il tempo settembre tende

allinfinito

una sera uguale a questa tende

alla durata di una vita

La citt si erge ieratica e

maestosa nella sua

presumibile antichit,

sulla pur invidiabile condizione di

coloro che ricordavano di essere

stati una volta felici,

sottolineando i limiti che porta in

s la condizione umana.

armentano: lezione 3

+ Spazio

unione di coordinate

geografiche (di l) e

temporali (tre giornate)

di l verso levante :

riferimenti indeterminati e

vaghi

si trova : istantaneit

Cupole, vie, teatro, torre,

terrazza: tutti spazi noti

Il mondo non ha pi carattere;

lesistenza intera che gi vissuta,

e lo spazio non che una

rappresentazione fisica

di questa ripetizione.

Antonella Cotta, Diomira

armentano: lezione 3

+ Narratore

e mondo narrato

il narratore inizialmente

non definito

poi viene introdotto

luomo come attore

poi ulteriormente

specificato viaggiatore

che forse potrebbe

essere anche il

narratore

Marco Polo fa i suoi resoconti, senza

mai intervenire a parlare di s, ma in

modo impersonale.

Lo scambio frequente di prospettiva

che si crea tra narratore e attore,

anzich creare confusione o ambiguit,

produce unaurea duttile e vicina al

narratario, senza orpelli, descrizioni

magnificenti o interventi in prima

persona a organizzare le fila del

discorso narrativo.

Forte vicinanza tra narratore e

narratario

armentano: lezione 3

+

unattenzione alla

descrizione = misurata mai due aggettivi per un

nome o forzature avverbiali

il descritto, pur essendo

del meraviglioso, viene riportato, pur nella ricchezza fonica, con estrema semplicit, in un discorso essenzialmente paratattico, come se tutto fosse normale, usuale, gi conosciuto (in altre citt)

Laddove si usa unespressione da logica

formale (ma la propriet), il narratore

rientra subito nel tono usuale e inserisce una

scena diretta: luh della donna.

Si pu anche rinvenire una licenza poetica,

che per non colta ma piuttosto

uninfrazione popolaresca: una sera uguale a

questa (quella).

Il tempo dei verbi sempre al presente

tranne i due passati della chiusa.

se la codificazione di questo mondo di citt

gi viste, strutturato in architetture, cose e

persone esiste come testo, il narratore

permette che la citt si presenti da s, con una

forte vicinanza al narratario e al mondo

narrato

armentano: lezione 3

+ Memoria

Apertura delle descrizioni/narrazioni delle citt con uno spazio

della memoria che rievoca se stessa

Dal presente al passato passato reale o fittizio?

aver gi vissuto / essere stati quella volta felici = lontananza in

un tempo indeterminato come recupero di una felicit inesistente

nel presente

Salvador Dal, La persistenza della memoria,1931

armentano: lezione 3

+

Lultima citt:

Berenice

Pedro Cano, artista spagnolo

contemporaneo,

ha reso un omaggio appassionato a

Le citt invisibili di Italo Calvino.

Realt e immaginazione come possibilit

contigue.

Quando pittura e letteratura sono luna lo

specchio dellaltra.

Storia per immagini di un viaggio lungo

una vita

Fino ad arrivare

a Berenice,

la citt della

giustizia con la

bellezza bendata

e la bilancia

simbolo

dellequilibrio.

armentano: lezione 3

+

"Per anni nei miei viaggi ho portato con me questo piccolo libro

(Le Citt Invisibili di Calvino) e cominciai a fare schizzi negli

spazi vuoti che piano piano mi posizionavano in questa

geografia di posti inediti ma che mi ricordavano tanti altri

posti vissuti nel mio vagabondare per il mondo e che avevo

cercato di catturare nei miei taccuini di viaggio. Tre anni fa

[2002] decisi di fare di tutto quel groviglio di segni qualcosa

di pi preciso e cominci a delinearsi lidea che ho scelto per

questo lavoro: una specie di taccuino, dove limmagine non

il risultato di un dialogo con un luogo, ma viene suggerita

dalla descrizione di unaltra persona, in questo caso attraverso

la parola di Italo Calvino.

Cos visitai la c