Click here to load reader

Magazine ilsegnonews speciale Natale 2014

  • View
    222

  • Download
    0

Embed Size (px)

DESCRIPTION

Il magazine online interamente dedicato alla magia delle feste. Approfondimenti e storie di Vado Ligure inedite.

Text of Magazine ilsegnonews speciale Natale 2014

  • [ SPECIALE NATALE ]

    GIORNALE ONLINE

    www.ilsegnonews.it

  • [ILSEGNO MAGAZINE]

    ABC IDEE PER LA COMUNICAZIONEregistred officevia Caduti per la Libert, 48/1317047 Vado Ligure Savonap.iva 01636520098tel 019 883282mobile +39 340 2668420www.abc-comunicazione.ite-mail info (at) abc-comunicazione.it

    DIRETTORE RESPONSABILERAFFAELE DI NOIA

    COORDINAMENTO EDITORIALE ANDREA GHIAZZA

    REDAZIONEMICHELE ALLUIGI, ALESSANDRA ARPI, BEATRICE BARBAROSSA, DANIELA BOLLA, ARIANNA CODATO, ALESSANDRO FOFFI, ANDREA GHIAZZA, MARCO OLIVERI, IRENE SALINAS, ANNA URAS

    GRAFICA FRANCESCA FATUCCI

    CREDITI FOTOGRAFICIALESSANDRA ARPI, ALESSANDRO FOFFI,DAVIDE RIZZO,IRENE SALINAS

    IL SEGNO GIORNALE ONLINEDEL COMUNE DI VADO LIGURE

  • [SPECIALE NATALE]

    4VADO, LA RIPARTENZA NEL DNA

    Il sindaco Monica Giuliano:Le difficolt? Si superano uniti

    Andrea Ghiazza

    6IL NOSTRO PRIMO NATALE A CASA

    Viaggio nelle case popolari alla scoperta della vera magia delle feste

    Irene Salinas

    8VADO, DOVE NATALE

    FA RIMA CON SOLIDALEDalla CRI alla Consulta del Volontariato

    scorre un dicembre ricco di iniziative e divertimento

    Irene Salinas

    10NATALE DI CRISI? NON DI VALORI

    Don Giulio Grosso,parroco di Vado Ligure,

    incoraggia i vadesi

    Alessandra Arpi

    12GES BAMBINO NASCE A SEGNO

    Il presepe viventeaccende la magia del Natale

    Marco Oliveri

    15LATMOSFERA DEL TRENTINO

    ARRIVA A VADO LIGUREIl mercatino di Natale

    in Piazza Cavour dal 6 al 24 Dicembre

    Marco Oliveri

    CONTENUTI

  • 4[ILSEGNO MAGAZINE]

    VADO, LA RIPARTENZA NEL DNA

    IL SINDACO MONICA GIULIANO: LE DIFFICOLT? SI SUPERANO UNITI

    Andrea Ghiazza

    Natale non vuole essere caldo solo nelle nostre case ma anche in citt.

    Il sindaco di Vado Ligure Monica Giuliano:Ci sono tutti i presupposti per risollevare la citt

  • 5[SPECIALE NATALE]

    Vado Ligure capace di spingersi oltre, an-che a Natale. Una citt che non definita dai propri confini ma dai suoi fini, dagli obietti-vi che presenta davanti a s. Sar un Natale che per molti, troppi fa rima con sofferen-za, incertezza e preoccupazione. La ferita, in una citt dalla chiara vocazione industriale, non pu che essere aperta, oggi pi che mai. C per di pi, molto di pi. la comunit che vuole rimarginare questa ferita. Le idee sul futuro di Vado Ligure possono anche es-sere diverse ma c un aspetto che accomu-na tutti i vadesi: lo spirito di solidariet. Uno spirito che non si limita solo alle festivit ma che ha contraddistinto nel tempo la comu-nit e che oggi non si piega di fronte ai colpi inferti dalla crisi.

    I valori di solidariet e generosit -afferma il sindaco di Vado Ligure Monica Giuliano- devono accompagnare tutti noi non solo a ridosso delle festivit di Natale ma devono essere una costante tutto lanno. inutile negarlo, i prossimi saranno mesi duri e dif-ficili, la crisi non potr svanire da un giorno allaltro. Noi, per, siamo pronti a reagire gi da subito e questo proposito saranno deter-minanti proprio i valori di tutta una comuni-t che non si mai arresa di fronte alle dif-ficolt preferendo affrontare a viso aperto i momenti critici piuttosto che aggirare gli ostacoli.

    Diceva Goethe: necessario unirsi, non per stare uniti, ma per fare qualcosa insieme. A Vado Ligure questo concetto diventa realt ogni volta che si presenta una difficolt.Non pu che balzare alla mente la recente alluvione che ha colpito la citt. Tanta pau-ra ma soprattutto tanta determinazione. Chi avvisava dei pericoli, chi spalava fango, chi

    preparava pasti caldi ai volontari per fornire il proprio contributo. Ognuno ha fatto la sua parte, piccola o grossa non importa. Lemer-genza con una doppia faccia: da una parte il timore che qualcosa possa scombinare le nostre vite , dallaltra la convinzione che solo remando tutti insieme si possa emergere dal fango delle difficolt. Pioggia s, ma di soli-dariet.

    Lemergenza quotidiana - spiega il primo cittadino vadese mostrando alcuni buoni pasto che saranno donati alle famiglie in dif-ficolt - e in questi mesi la stiamo toccando con mano. Come amministrazione comu-nale promettiamo a tutti i vadesi il massi-mo impegno in tutto quello che si prospetta davanti. Siamo consapevoli che le vertenze occupazionali e la riconversione del territo-rio, solo per fare alcuni esempi, non saranno aspetti facili per ce la metteremo tutta per portare pi benefici possibili.

    E per fare questo serve il dialogo non solo con i cittadini ma con tutte le parti che han-no davvero a cuore il territorio.

    Vado Ligure - conclude la Giuliano - ha tut-ti i presupposti per poter ripartire. In vista ci sono progetti e nuovi insediamenti in grado di permettere alla citt un deciso cambio di rotta. Servir quindi un confronto costrut-tivo con tutti, anche con le parti politiche distanti da noi. Occorre, infine, ribaltare la prospettiva. Vado di risorse ne ha e molte: abitata da persone laboriose, prodighe di idee disponibili ad accogliere e ad aiutare. Amministrare questa citt una grande re-sponsabilit cos come grande il mio de-siderio di cambiamento tutti uniti, perch i desideri dei vadesi sono anche i miei.

  • 6[ILSEGNO MAGAZINE]

    IL NOSTRO PRIMO NATALE A CASA

    VIAGGIO NELLE CASE POPOLARI ALLA SCOPERTA

    DELLA VERA MAGIA DELLE FESTE

    [ Irene Salinas ]

    La chiave non solo di un nuovo alloggio ma di una nuova vita

  • 7[SPECIALE NATALE]

    Chiudete gli occhi. Pensate a un domani che non ha un suono, un colore. Al tempo che passa, al lavoro che non c. Pensate di dover vivere con 500 euro al mese e un affitto di oltre 400, con il fantasma dello sfratto che passa tra i muri di una casa e di un cuore a pezzi. E il Natale, che parla di stanze calde e regali, in arrivo. Restate con gli occhi chiusi, al buio, a cercare di disegnare un futuro che non c. Poi improvvisamente apriteli, imma-ginate di guardare in basso e ritrovarvi nelle mani un mazzo di chia-vi. Che apriranno una porta, e forse qualcu-na in pi. La porta di una casa nuova, vostra. Dove laffitto meno di un decimo rispet-to a quello di prima, dove lo sfratto, ora, spinto fuori. Ecco cosa successo a Lucia Cri-staudo, pensionata di settantanni, Davide Calabr, invalido di cinquanta, e Antoniet-ta Sottile, ultraottantenne. Loro, gli occhi, li hanno tenuti chiusi per anni. Poi, il 27 ot-tobre, li hanno spalancati su un giorno mi-gliore. Quello in cui, con una cerimonia nella Torre Grecale del Molo 8.44, hanno ricevuto dal sindaco di Vado Ligure, Monica Giuliano, la chiave dellalloggio di edilizia residenziale pubblica. Eccolo il vero regalo di Natale,con due mesi di anticipo.

    Lucia, Antonietta e Davide trascorreranno il primo 25 dicembre in una casa tutta loro, nello stabile colorato, con il portoncino grigio e i vasi rosa acceso, tra via Caduti per la Liber-t e via Palestro. Una gioia, la loro, indescrivi-bile. Che solo gli occhi, quelli che per tanto hanno visto il buio e ora sono lucidi, riescono a raccontare.

    Aspettavo questa casa da pi di 10 anni - racconta commossa Lucia Cristaudo, cuoca in pensione - il pi bel regalo del mondo. Trascorrer il Natale con una felicit enorme che mi scoppia nel cuore. Al caldo, tra le mie cose, al sicuro da tutto. Ma soprattutto da un futuro che, fino a quel 27 ottobre, era incer-to.La signora Lucia viveva con una pensione di 500 Euro. Il suo affitto era altissimo, troppo per lei che, dopo una vita di lavoro, era co-

    stretta a cercarne uno. Ora no. Ora pu tirare un sospiro di sollievo. E piccina, la mia casa nuova - conclude - ma io ho portato buona parte dei miei mobi-li, dei miei ricordi. Tut-to quello che ho qui, con me.

    Anche Davide Calabr ha portato nella casa popolare un pezzo del proprio cuore, un ba-stardino che lo segue passo passo e annusa quelle stanze tutte nuove. Sembra contento anche lui, finalmente in un posto tutto per loro.Quello che sta per arrivare - racconta Da-vide - il primo Natale in una casa mia. Io, che vivo con una piccola pensione di invali-dit, ricordo ancora lemozione enorme della consegna delle chiavi. E per non dimenticarla mai ho fissato quel momento in un video che ogni tanto riguardo. Ce lho fatta, pensai. Da quel giorno in poi tutta unaltra storia. E io sono pronto a scriverla.

    Al piano di sopra, invece, vive una ragazza di 84 anni, con i capelli sempre in ordine e la Sicilia nelle parole. Il suo appartamento rac-conta di un tempo lontano, dove le poltrone

  • 8[ILSEGNO MAGAZINE]

    erano alte e ricamate e le cornici di argento. Ho sempre avuto tante cose belle - raccon-ta la signora Antonietta, che discende da una famiglia nobile di Messina. Decaduta, per, come ironizza lei - ma una casa mai. Mio ma-rito, che mancato 4 anni fa, non ha mai vo-luto comprarla per non indebitarsi. Cos ab-biamo sempre pagato laffitto ma gli ultimi anni era davvero dura. Poi, finalmente, ar-rivato questo regalo enorme, a due mesi dal Natale. Una casa vuol dire tanto, tantissimo.

    il valore pi prezioso. Avrei voluto goder-mela con mio marito, che mi manca tanto, ma vive in questa marea di fotografie. E che sar con me, anche in questo Natale tutto nuovo. A proposito, tra qualche giorno devo ricordarmi di fare lalbero.

    Eccola qui tutta la magia del 25 dicembre. E forse vero che le attese pi lunghe rendo-no pi bello il regalo. Non vale mica solo per i bambini.

    VADO, DOVE NATALEFA RIMA CON SOLIDALE

    DALLA CRI ALLA CONSULTADEL VOLONTARIATOSCORRE UN DICEMBRE

    RICCO DI INIZIATIVE E DIVERTIMENTO

    [ Irene Salinas ]

    Natale: pazienza se non ci sar la neve. An-che perch dal cielo vadese cadranno fioc-chi di solidariet. S, perch sar un dicembre allinsegna del volontariato quello che vivr la citt, con tante iniziative che parlano di altru-ismo e impegno. Dalla Consulta

Search related